Recensione detour - autostrada per l'inferno regia di Edgar G. Ulmer USA 1945
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione detour - autostrada per l'inferno (1945)

Voto Visitatori:   8,29 / 10 (34 voti)8,29Grafico
Voto Recensore:   10,00 / 10  10,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DETOUR - AUTOSTRADA PER L'INFERNO

Immagine tratta dal film DETOUR - AUTOSTRADA PER L'INFERNO

Immagine tratta dal film DETOUR - AUTOSTRADA PER L'INFERNO

Immagine tratta dal film DETOUR - AUTOSTRADA PER L'INFERNO

Immagine tratta dal film DETOUR - AUTOSTRADA PER L'INFERNO

Immagine tratta dal film DETOUR - AUTOSTRADA PER L'INFERNO
 

"Detour" Ŕ un capolavoro assoluto, uno di quei film che ha completamente rivoluzionato l'intera storia del cinema e la cui visione dovrebbe essere obbligatoria, a prescindere dai gusti di ciascun appassionato cinefilo.
Il film di Ulmer Ŕ impostato sui canoni del cinema noir, genere molto in voga negli anni '40, presentando ogni peculiaritÓ che questo filone richiede e introducendo degli aspetti che verranno poi riutilizzati da moltissimi maestri americani e non solo (come non pensare a "Mulholland Drive" di Lynch?).
Le caratteristiche del noir sono palesi: a partire dalla narrazione con la voce "fuori campo". A dirla tutta, per˛, chi narra non lo fa in terza persona: Ŕ infatti il protagonista stesso che interviene nella vicenda che ha vissuto in prima persona distribuendo considerazioni e consigli al pubblico e facendo intuire la sua metamorfosi che in realtÓ Ŕ pi¨ che altro un'involuzione. Come in ogni noir, sono anche presenti altre figure come quelle femminili della dark lady o della femme fatale. Da ricordare anche che tutta la vicenda narrata, altro non Ŕ che un flash-back.

I personaggi sono quattro: Al (incomprensibilmente tradotto Albert nel DVD), Vera, il signor Haskell e Sue (anch'ella ridenominata in Susy). Ogni figura completa l'altra e viene curata in maniera assolutamente geniale dal regista.
A partire da Al, modello perfetto dall'anti-eroe e/o reincarnazione vivente del fallito per antonomasia. Il processo di caratterizzazione attuato da Ulmer per raffigurarci il suo protagonista Ŕ assolutamente avveniristico: come giÓ scritto, noi ci troviamo di fronte a un inetto, difficilmente paragonabile agli eroi americani o perfino al terribile (ma simpatico) Caponte di "Scarface". Questa figura presenta una sorta di critica nei confronti del sistema statunitense, indicandoci proprio il tipico americano fallito. La maggioranza del pubblico (ma anche parte della critica) d'oltreoceano, per˛, non ha mai visto di buon occhio i film che presentano dei falliti come protagonisti e, di conseguenza questo film non ha goduto di grande successo negli States.
Ancora "peggiore" Ŕ il personaggio affidato a Edmund MacDonald (che interpreta mr. Haskell), impersonificazione naturale dell'uomo d'affari sporco e scorretto e rappresentato in toni quantomai detestabili. Se in un primo momento il signor Haskell si presenta come un personaggio simpatico e "alla mano", si verrÓ poi a scoprire che in realtÓ, dietro a un guscio di falso perbenismo, si nasconde un essere mediocre e senza scrupoli pronto a ingannare perfino il padre per ovviare ai suoi problemi finanziari.
Senza scrupoli Ŕ anche la dark lady di "Detour", Vera (interpretata da una seducente Ann Savage) la cui natura non viene mai nascosta da Ulmer: ella Ŕ una figura aspra e dura, che sarebbe pronta a tutto pur di arricchirsi.
Infine, in questo turbinio di personaggi quasi "indecenti" ci viene presentata Sue, una bella ragazza tanto dolce quanto ingenua. Convinta di poter trarre giovamento da un suo trasferimento a Los Angeles distruggerÓ, seppur in modo indiretto, la sua vita e quella di Al.
Ogni personaggio conduce al fallimento il suo compare e il film si trascina in un "terribile" finale che dopotutto Ŕ il giusto coronamento dei comportamenti dei protagonisti.

In una pellicola cosý atipica e ben pi¨ attuale di tanti altri film molto pi¨ recenti, risuona chiarissimo il pensiero di Ulmer, che Ŕ assolutamente pessimistico e che ha ben poco di "hollywoodiano". In effetti, proprio nell'epilogo da poco citato, Ŕ il regista stesso che sembra voler far intuire allo spettatore che non si Ŕ al cinema e che la vita reale non Ŕ quella splendida illusione che il grande schermo ci vuol far sognare.
Oltretutto, la sua non Ŕ una critica abulica o qualunquista: egli Ŕ invece piuttosto improntato a far emergere l'America delle persone "sciocche", quella piena di incongruenze e assurditÓ. Ulmer si cimenta anche in sprezzanti attacchi al potere dei soldi, facendo quindi intuire che i nostri (anti) eroi sono dei mediocri anche (e soprattutto) perchÚ sono quantomai dipendenti del potere del dollaro. Pi¨ che un "Autostrada per l'Inferno" (sottotitolo del film), "Detour" Ŕ piuttosto un "viaggio nell'inferno": l'America Ŕ infatti "l'apocalittico" scenario di quattro stolte anime condotte da un destino crudele (ma giusto).
E' fondamentale sottolineare che tutto il film si basa su delle assurditÓ che, se prese singolarmente, possono quasi sembrare banali, ma che poi risultano essere la colonna portante di "Detour". E' proprio grazie a queste incongruenze che Ulmer lancia le sue frecciate contro il sistema.
Va dunque sottolineato il fatto che questa produzione altro non Ŕ che un b-movie: l'inverosimiglianza, in questo genere di pellicole, Ŕ il pane quotidiano. Avendo a disposizione un budget irrisorio (di circa 30.000 dollari), Ulmer si nutre di tutti i punti deboli presenti in questo tipo di cinema, trasformandoli poi in veri e propri punti di forza. Gli attori stessi, che mai si sono affermati nel palcoscenico mondiale, forniscono interpretazioni davvero convincenti richiamando quasi all'espressionismo tedesco degli anni '20. In particolar modo, Tom Neal (nei panni del protagonista Al) Ŕ davvero "in parte" e l'intera recitazione dell'attore si basa in realtÓ sulla sua espressivitÓ. Le battute che deve recitare sono davvero poche e ci˛ che pi¨ importa Ŕ proprio l'intensitÓ del suo sguardo e dei suoi gesti. Anche le altre interpretazione risultano pi¨ che efficaci anche se quella di Neal risulta, a parere dell'estensore, la migliore.
Anche sul piano di vista tecnico, l'abilitÓ di Edgar Ŕ indiscutibile: ottime certe sequenze, prima tra tutte, il piano sequenza susseguente al secondo omicidio (che oltretutto Ŕ anche piuttosto lungo, durando circa tre minuti).

Il rimpianto maggiore di chi scrive Ŕ il fatto che un capolavoro come "Detour" sia una pellicola ai pi¨ sconosciuta, nonostante si tratti di una pietra miliare del cinema americano. Chi scrive si augura che tramite questo modestissimo lavoro, chi legge si invogli a guardare detta pellicola, recando giovamento alla propria cultura cinematografica.

Commenta la recensione di DETOUR - AUTOSTRADA PER L'INFERNO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Harpo - aggiornata al 19/01/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

adorazionealcarras - l'ultimo raccoltoalla vitaamanti (2020)american nightblack parthenopecasablanca beatscip e ciop: agenti specialicome prima (2021)dashcamdoctor strange nel multiverso della folliadue donne al di la' della leggeelizabeth (2022)elvis (2022)emergencyesterno nottefassbinderfemminile singolarefirestarterfreedom (2021)gagarine - proteggi cio' che amigenerazione low costgli stati uniti contro billie holiday
 NEW
gold (2022)hill of visionhope (2019)hustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil naso o la cospirazione degli anticonformistiil paradiso del pavoneil talento di mr. cil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e lulu'italia. il fuoco, la cenerejane by charlottejurassic world - il dominiokarate mankoza nostrakurdbun - essere curdola bicicletta e il badile - in viaggio come hermann buhlla doppia vita di madeleine collinsla fortuna di nikukola grande guerra del salento
 NEW
la mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei muril'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizione
 NEW
le voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzliz e l'uccellino azzurromad godmarcel!memoriamemory (2022)mindemic
 NEW
mistero a saint-tropeznavalnynel mio nomenoi duenostalgiaonly the animals - storie di spiriti amantiour father
 NEW
paolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.pleasurequel che conta e' il pensiero
 NEW
revolution of our timesrise - la vera storia di antetokounmposecret team 355settembre (2022)spiderheadstudio 666tapirulan
 NEW
tenebrathe batmanthe black phonethe deer king - il re dei cervithe man from torontothe other side (2020)
 NEW
the princessthe rescue - il salvataggio dei ragazzitop gun: mavericktutankhamon. l'ultima mostraunwelcomevecchie canaglieviaggio a sorpresawild nights with emily dickinson

1030613 commenti su 47845 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

L'OMBRA DELL'ALTROTHE HOUSE I LIVE IN

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net