Recensione american history x regia di Tony Kaye USA 1998
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione american history x (1998)

Voto Visitatori:   8,71 / 10 (477 voti)8,71Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film AMERICAN HISTORY X

Immagine tratta dal film AMERICAN HISTORY X

Immagine tratta dal film AMERICAN HISTORY X

Immagine tratta dal film AMERICAN HISTORY X

Immagine tratta dal film AMERICAN HISTORY X

Immagine tratta dal film AMERICAN HISTORY X
 

"Tutto ci˛ che ho fatto ha reso migliore la mia vita?"

Quelli che "lavorano come bestie, vanno a caccia, leggono la Bibbia alla lettera e credono nella birra come soluzione: sono l'America di provincia, quella dei proletari bianchi, sottopagati, obesi, aggressivi e rassegnati.
Sono l'America xenofoba e guerrafondaia, che vota repubblicano (contro ogni suo interesse) ma non ha voce, che non Ŕ andata all'universitÓ, che parla come nei film dei fratelli Cohen («le bestemmie sono una forma di punteggiatura»)
".
Joe Bageant - "La Bibbia e il fucile"

Sono fanatici della bandiera, convinti che la loro democrazia sia esemplare e la migliore del mondo, esaltati sostenitori della dottrina della razza superiore, come simbolo di egemonia e ideale di perfezione: sono l'America di provincia, sono i naziskin d'America.
Sono anche chiamati Skin 88, dove il doppio 8 sta ad indicare due volte la lettera H (ottava lettera dell'alfabeto latino) iniziali di Heil Hitler.
Gruppi di Skin 88 esistono un po' dappertutto (specie presso le tifoserie ultrÓ), compresi gli Stati Uniti, dove il movimento ha una rigida e potente organizzazione gerarchica di tipo paramilitare, ereditata dallo storico e obsoleto movimento razzista denominato ku klux klan.

E naziskin Ŕ il giovane Derek Vinyard in quel di Venice Beach, a Los Angeles, uno dei tanti giovani borderline che costellano le profonde periferie delle cittÓ americane (e non solo americane).
Derek Ŕ un estremista fanatico, seguace, a suo dire, dell'ideologia razzista basata sul "Mein Kampf" di hitleriana memoria (che spaccia(va) la presunta superioritÓ della razza bianca su neri ed ebrei), anche se si ostina a ripetere che il suo movimento (White Power) non rispecchia il vecchio fanatismo segregazionista dell'America profonda e contadina, ma costituisce l'avanguardia del razzismo bianco metropolitano.
╚ stato educato al settarismo parafascistoide da un padre che se n'Ŕ andato troppo presto, e troppo presto sostituito, nel letto di sua madre, da un uomo che ha un solo grande difetto: quello di essere ebreo.

La perdita prematura del padre, vigile del fuoco caduto sotto i colpi di un piccolo delinquente di colore, uomo schivo e di poche parole, molto spesso sbagliate, innesca in Derek una spirale di violenza che si trasforma in odio razziale, violento e distruttivo, che il padre stesso aveva contribuito ad alimentare con i suoi indottrinamenti deliranti e la sua insofferenza nei confronti delle altre etnie.
Rimasto il maschio dominante della famiglia, si appropria del ruolo paterno e si assume il compito di proteggere i suoi familiari, mentre in realtÓ li tiranneggia, e di guidare la formazione del fratello minore, Danny.

Sullo sfondo aleggiano le figure dei componenti la sua famiglia, tipicamente working-class: la madre, una donna debole e malaticcia, incapace di contrastare la deriva razzista del figlio, che l'ha costretta a rinunciare al nuovo compagno solo perchÚ di origini giudaiche; la sorella, una ragazza dalle idee apertamente progressiste, disprezzata da Derk per la sua capacitÓ di saper valutare appieno la mostruositÓ delle sue idee.
Poi c'Ŕ Danny, il fratello minore, che si identifica in Derek e lo venera come un idolo, al punto di volerne seguire l'ideologia ed emularne azioni e gesta.

Derek per˛, che esibisce i tatuaggi di una enorme svastica sui pettorali e un giro di filo spinato sui bicipiti, non Ŕ il solito nazista tutto muscoli (anche se ne ha da vendere) e niente cervello; al contrario Ŕ una testa pensante, un ragazzo violentissimo ma capace e intelligente. Sono solo le occasioni che, di volta in volta, lo trasformano in "mostro".
E l'occasione si presenta la sera in cui due giovani delinquenti di colore tentano di rubargli l'auto posteggiata sotto casa sua. Pazzo di rabbia Derek non esita a sparare, uccidendoli a sangue freddo, sotto gli occhi ammirati di Danny, ergendosi cosý a giustiziere, non tanto nei confronti del ladro che voleva derubarlo, bensý del "negro" in quanto tale, come l'assassino di suo padre.
Condannato (con una mite sentenza) a tre anni di reclusione, gli si aprono davanti le porte della prigione, dove inizia un sofferto percorso di revisione ideologica e di maturazione personale, che lo porterÓ a ripudiare la dottrina alla quale aveva aderito e ciecamente creduto.

Ma nella vita tutto ha un prezzo.
E la redenzione gli presenta un conto salatissimo da pagare, quando un gruppo di, ormai ex, compagni di ideologia lo costringe a sottostare ad una brutale aggressione sessuale nelle docce della prigione.
Quando finisce di scontare la pena, Derek non Ŕ pi¨ la stessa persona, ora Ŕ un uomo guarito e redento.
Tornato a casa lo aspetta il difficile compito di sottrarre Danny al carisma di quell'astuto manipolatore che Ŕ Cameron, il capo della setta, un individuo abietto che instilla odio nelle menti dei giovani e li manda allo sbaraglio mantenendosi in disparte, e quindi al sicuro, per far si che Danny non compia i suoi stessi errori e rimanga irreversibilmente invischiato nei barbari rituali dei fanatici seguaci del White Power. Ci riesce solo quando gli racconta la sua personale esperienza carceraria e gli spiega le motivazioni che lo hanno portato al ripudio delle sue convinzioni ideologiche.
Ora Danny Ŕ consapevole delle false e ingannevoli certezze alle quali si era affidato; a casa completa il saggio intitolato "American history X", assegnatogli dall'idealista professore nero, Sveeney, come punizione per aver svolto un tema sui diritti civili, incentrandolo sul "Mein Kampf", e la famiglia Vinyard sembra avviata verso un futuro di pacificazione.
Ma il passato si pu˛ riscattare, non cancellare, e il finale tragico lo conferma.

La prima sequenza del film, il brutale omicidio del ragazzo nero che voleva rubargli l'auto, costretto a mettere la bocca sul marciapiedi, Ŕ forse la pi¨ agghiacciante di tutte, ma anche la scena dello stupro nelle docce non Ŕ da meno.
Questi due momenti rappresentano gli eventi cardine nella vita di Derek Vinyard. E se nella prima lo vediamo forte, muscoloso, schizzato e aggressivo, quasi invincibile, nella seconda appare rimpicciolito, debole, vulnerabile, quasi a sottolineare il suo percorso evolutivo tra un passato scuro e violento e il presente pacificato e redento.
Troppo brutale prima, ragazzo modello dopo.

"American history X", diretto dall'esordiente Tony Kaye, proveniente dagli spot pubblicitari, Ŕ un perfetto manuale sui meccanismi che presiedono la nascita, e guidano le azioni, delle organizzazioni neonaziste e razziste americane e la (un po' troppo repentina) redenzione finale intende, forse, compensare la realistica descrizione delle violenze delle loro imprese e le loro deliranti predicazioni come membri di Aryan Brotherhood.
Kaye concepisce il fenomeno come figlio dell'ignoranza, del degrado, del fallimento, delle frustrazioni, della povertÓ (analogamente ad altri fatti e fenomeni sociali come la tossicodipendenza, la criminalitÓ, il fanatismo politico e religioso), il tutto improntato ed acuito da un sentimento di rivalsa e di odio verso le altre razze e il desiderio di dominare su di esse.

Il valore aggiunto del film - che praticamente si svolge, pi¨ o meno, nell'arco di qualche giornata, ma che riesce a rievocare, nel corso della narrazione, l'accezione e il ricordo di tre lunghi anni - risiede nell'alternanza dell'uso del bianco e nero e del colore, adoperati per rappresentare i due piani temporali della storia: la cupezza sgranata del passato di Derek, raccontato in lunghi e incisivi flashback, e la lenta luminositÓ del presente, che evidenzia la sua drastica evoluzione ideologica e comportamentale.

"American history X", Ŕ un arrovellato, crudo e contagioso film di attori, di sensazioni, di ustioni al cuore. La macchina da presa ci inabissa in un mondo di impotenza e di violenza inaudita (memorabile la scena del "Metti la bocca sul marciapiedi"), diretto con una forte carica di liricitÓ, da un regista alle prime armi (crediamo sia rimasta l'unica sua esperienza nel lungometraggio), che riesce a catalizzare l'attenzione dello spettatore nel pathos delle esperienze compulsive e dolenti di un ragazzo che si muove nel deserto assoluto dei valori e degli ideali, in un mondo fanatico e organizzato, dove domina il credo del super uomo e delle armi, quasi a volerci significare che i tre pi¨ grossi problema della democrazia leader dell'Occidente rimangono ancora la questione razziale, la facilitÓ con cui si vendono le armi da fuoco, e soprattutto di non essere in grado di offrire certezze ai giovani, ma soltanto modelli comportamentali.

L'uso insistito del rallenty serve al regista per accentuare la tensione delle scene pi¨ drammatiche e per alimentare l'eccitazione nervosa dei protagonisti, mentre le lunghe riprese col grandangolo sottolineano la pregnanza delle inquadrature, crude e psicologicamente stridenti e l'intensitÓ dei momenti cruciali, enfatizzati anche da insistenti primi piani e movimenti a mano della macchina da presa.

Se qua e lÓ il film presenta alcune tipiche e quasi naturali incertezze delle opere prime (come la troppo rapida e decisa conversione di Derek), il tutto viene valorizzato dalla strepitosa interpretazione di Edward Norton, che con questo film conferma tutte la sue capacitÓ espressive e la sua forza nel saper catalizzare l'attenzione dello spettatore, passando con estrema disinvoltura dal Derek torvo e affascinante giustiziere al Derek discreto ed equilibrato che ha chiuso con il passato e ha diradato quell'alone di violenza che permaneva attorno a sŔ.
Il suo sguardo allucinato nella sequenza dell'omicidio Ŕ difficile da dimenticare, ma anche l'espressione di lancinante sofferenza per la morte del fratello Ŕ qualcosa che rimane dentro lungamente e commuove nel profondo dell'animo.

Al suo fianco non sfigura affatto l'altro Edward, il giovane Furlong, che veste i panni di Danny, un ragazzino che naviga tra la sensibilitÓ giovanilistica e l'inquietudine tipica della giovane etÓ, portata spesso ad essere manipolata e a seguire modelli a volte sbagliati.

Se mai un giorno ci venisse chiesto di scrivere la nostra "history X", ci venisse data la possibilitÓ di domandarci se "tutto ci˛ che ho fatto ha reso migliore la mia vita?", sarebbe bello poter affermare, "io ci ho provato".

Commenta la recensione di AMERICAN HISTORY X sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Mimmot - aggiornata al 11/02/2011 15.21.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
#iosonoqui47 metri - great whitea cena con il lupoa chiaraa classic horror storya dayagente speciale 117 al servizio della repubblica - missione rioagente speciale 117 al servizio della repubblica: missione cairoagnesall my lifeancora piu' bello
 NEW
ariafermaarmy of thievesatlasattack of the hollywood cliches!bac nordbeckettbentornato papa'benvenuti in casa espositobing e le storie degli animaliblack widow (2021)blood brothers: malcolm x & muhammad aliblood red skyblue bayouboys (2021)britney contro spearscandymancapitan sciabola e il diamante magicocenerentola (2021)codacome un gatto in tangenziale - ritorno a coccia di mortocoming home in the darkcon tutto il cuorecry machodau, natasha
 NEW
days
 NEW
demigoddemonic (2021)drive my car
 T
dune (2021)earwig e la stregaennio: the maestroescape room 2: gioco mortaleezio bosso. le cose che restanofalling - storia di un padrefast & furious 9 - the fast sagafear street parte 1: 1994fear street parte 2: 1978fear street parte 3: 1666figli del soleframmenti dal passato - reminiscencefree guy - eroe per giocofreedom (2021)i croods 2 - una nuova erai nostri fantasmiil bucoil cieco che non voleva vedere titanicil collezionista di carteil gioco del destino e della fantasia
 T
il giro del mondo in 80 giorni (2021)il materiale emotivoil matrimonio di rosail mostro della criptail ragazzo piu' bello del mondoil silenzio grandeil viaggio del principe
 NEW
i'm your manin the heights - sognando a new yorkio restoio sono nessunoisolation (2021)jodorowsky's dunejosee, la tigre e i pescijungle cruisekatela casa in fondo al lagola guerra di domani (2021)la notte del giudizio per sempre
 NEW
la padrina - parigi ha una nuova reginala ragazza con il braccialettola ragazza di stillwaterla terra dei figlilambl'amore non si saleave no traceslet us in
 NEW
l'incorreggible (2021)lucus a lucendo - a proposito di carlo levil'uomo nel buio - man in the darkmadresmadres paralelasmalignant (2021)
 NEW
marilyn ha gli occhi nerimarx puo' aspettareme contro te: il film - il mistero della scuola incantatamedusa: queen of the serpentmi chiedo quando ti manchero'mondocane (2021)nessuno ne uscira' vivono sudden moveno time to dienowhere specialoasis: knebworth 1996occhi bluoldparsifalpaw patrol - il filmpenguin bloomper luciopeter rabbit 2 - un birbante in fugapigqui rido ioquo vadis, aida?reflectionrespectritorno in apnearoom 9
 NEW
salvatore - il calzolaio dei sognischumachershang-chi e la leggenda dei dieci anelli
 NEW
shepherdsibyl - labirinti di donnasnake eyes: g.i. joe - le originispace jam - new legendsspin time, che fatica la democrazia!state a casasulla giostrasupernova (2021)the archthe book of visionthe boy behind the door
 NEW
the ghosts of borley rectorythe green knight
 NEW
the last duelthe manor (2021)the nest (2021)the night house - la casa oscurathe protege'the sparks brothersthe suicide squad - missione suicidathe voyeursthey talktigerstitanetoothfairy 3tre pianiultima notte a sohouna relazioneuno di noiunplanned - la storia vera di abby johnson
 NEW
venom - la furia di carnagevolami viawelcome venice

1021828 commenti su 46428 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net