escobar: paradise lost regia di Andrea Di Stefano Francia 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

escobar: paradise lost (2014)

 Trailer Trailer ESCOBAR: PARADISE LOST

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film ESCOBAR: PARADISE LOST

Titolo Originale: ESCOBAR: PARADISE LOST

RegiaAndrea Di Stefano

InterpretiBenicio Del Toro, Josh Hutcherson, Brady Corbet, Claudia Traisac, Carlos Bardem

Durata: h 2.00
NazionalitàFrancia 2014
Generedrammatico
Al cinema nell'Agosto 2016

•  Altri film di Andrea Di Stefano

Trama del film Escobar: paradise lost

Nick, giovane surfista, raggiunge il fratello in Colombia, pensando di aver trovato finalmente il paradiso. L'incontro con Maria, una bellissima ragazza del posto, segna l'inizio di un amore che cambierà presto il resto dell'esistenza di Nick. Nel momento in cui tutto sembra perfetto, Maria decide di presentare a Nick suo zio: Pablo Escobar, il capo del cartello della droga colombiano di Medellin.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,59 / 10 (16 voti)6,59Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Escobar: paradise lost, 16 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

sabyd  @  27/09/2016 17:45:37
   6½ / 10
Convinto fosse centrato sulla vita di escobar, finisco la visione un po' spiazzato.
Comunque non male e sicuramente godibile!
Benicio sempre fantastico...mezzo punto in più solo per lui.

antoeboli  @  27/09/2016 17:44:38
   7½ / 10
Tecnicamente nulla di eclatante , ma ragazzi , B.Del toro offre una performance subera e inedita di uno dei piu grandi narcotrafficanti della storia.
Film dal canto suo furbamente piazzato di questi tempi , visto il successo della serie Narcos , ma per nulla stupido.
La pellicola di De stefano , offre una biografia romanzata della vita di Pablito , dove riesce a far entrare nella sua scuderia , addirittura un canadese , interpretato da un ottimo J. Hutcherson , richiestissimo in questi tempi .
Non mancano scene piuttosto forti , una in particolare , e una fotografia che forse andava più curata , verso una generosità della macchina da presa nelle locations colombiane che non avrebbe sfigurato .
Una prima ora dove il film vuole crescere , ma dopo i prtimi 60 min , assistiamo a di tutto , che esalta maggiormente l intrattenimento .
Secondo me Del Toro potrebbe finire nei candidati all oscar.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

piripippi  @  16/09/2016 14:21:46
   6 / 10
non è la storia di pablo escobar ma un momento della sua vita. il film mi ha detto molto poco se non la grandezza degli attori principali. tutto qui

andreadieffe201  @  14/09/2016 17:13:19
   4½ / 10
una delusione, sbadigli a go go.

JOKER1926  @  12/09/2016 19:24:17
   7 / 10
La storia della civiltà umana è stata sempre l'epicentro di un susseguirsi di fatti più o meno assurdi, negli anni 80 dunque, nella disorganizzata Colombia, emerse Pablo Escobar, trafficante di droga che con una sagacia bellica monopolizzò una intera nazione. In un secondo momento, Escobar, si prese direttamente l'intero mondo, con la legge della violenza e dell'intimidazione, quella più cruda e terminale, fu il Tony Montana della realtà. E' il caso ove la realtà sorpassa le linee del sogno e dell'ambizione.

La figura di Escobar, inevitabilmente, va trattata non solo in ambito storico, bensì anche in quello cinematografico.

I fili di questa succosa storia sono affidati nelle mani di un regista esordiente, parliamo di Andrea di Stefano, nella parte di uno dei più grandi criminali del mondo, troviamo Benicio del Toro.

"Escobar, paradise lost" però non si incanala su quelle tematiche prettamente guerresche (ci sarebbe tantissimo da far vedere) ma cerca di percorrere strade un po' diverse; il film di Andrea di Stefano diventa, a suo modo, poliedrico, offrendo una veduta diversa ed inserendo nello spaccato storie di uomini comuni, è qui la particolarità dell'operazione cinematografica.
"Escobar" perciò si snocciola attorno a due personaggi distanti dalla movida criminosa, sugli scudi una coppia di ragazzi, Nick e Maria; quest'ultima nipote del boss.
Di Stefano illustra, nella prima parte, un mondo quanto mai parallelo ad Escobar, solo nella seconda parte il tutto collima nel sangue e nell'apocalisse di uccisioni e resa dei conti. Il film, praticamente, vive in due distinti tronconi.
Per tutti questi motivi il film risulta essere dignitoso, sorprende proprio per questo. "Escobar" non si ferma nelle stazioni della convenzionalità ma cerca, con tutte le forze, di andare oltre. A nostro avviso l'operazione è riuscita.
Qualche piccolo difetto lo spettatore attento potrebbe trovarlo; insomma su alcuni personaggi (specie fra Nick e il fratello) manca un po' di corposa scannerizzazione psicologica, forse il film per riuscire in questo intento, in questa nostra richiesta, doveva durare una mezz'ora in più, almeno. Però poi il ritmo poteva pagarla cara.

A conti fatti, "Escobar", resta una sorpresa positiva, specialmente per il debuttante di Stefano che non ricorderemo qui, per una temeraria fantasia e rischio di rappresentazione cinematografica, ma per un ottimo compito svolto, fra equilibrio ed intelligenza.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  09/09/2016 10:43:46
   6½ / 10
Come esordio alla regia questo film a meta' tra il thriller ed il melodramma merita mezzo punto in piu'.
Film non memorabile, anche se l'interpretazione di Del Toro ne vale da sola la visione.
Non ho apprezzato molto la caratterizzazione dei personaggi, ne' la colonna sonora e nemmeno alcune lungaggini che provocano sbadigli. Molto ben studiata e ben resa nei dettagli invece la figura del noto narcotrafficante.

Estonia  @  06/09/2016 15:54:18
   7½ / 10
Discreto impianto narrativo a cavallo tra melodramma e azione. Un tesissimo crescendo di ferocia reso in modo efficace soprattutto nella seconda parte. Ottima performance interpretativa di Benicio Del Toro.

lukef  @  03/09/2016 12:05:49
   5 / 10
C'è qualcosa di sbagliato in tutto questo.
Per come la vedo io, l'opera prima di un regista di successo dovrebbe essere qualcosa di terribilmente crudo e sperimentale. Come non ricordare Eraserhead di David Lynch o anche le Iene di Tarantino...
Invece questo Di Stefano, non si capisce come, esordisce con un budget milionario e con una stella come Benicio Del Toro.. per far cosa poi? Per scimmiottare il classico blockbuster hollywoodiano senza aggiungere nulla di originale.
C'è un problema però: stiamo parlando di Escobar e non dei Casamonica; per una produzione di questo tipo, di milioni ne servivano 10 volte tanti.

L'altro problema è la qualità complessiva che è scarsa: sceneggiatura povera, attori mediocri (eccetto Benicio ovviamente), caratterizzazione dei personaggi terrificante (soprattutto quelli secondari), colonna sonora inadatta (non pareva neanche di essere in Sud America), violenza gratuita ma soprattutto stupida..

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Ecco poi credo che la cosa più grave sia la deriva drammatica della seconda metà. Avrei preferito entrare nella storia e nelle atmosfere della Colombia, piuttosto che sorbirmi primi piani di attori piagnucolanti che vorrebbero dar spessore ad un film che di spessore ne ha ben poco.

Giusto per dire qualcosa di positivo, segnalo che il film non annoia e che i tempi e la tensione sono gestiti bene. Se vi va di andare al cinema senza troppe pretese, questo film può anche far per voi.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  30/08/2016 20:59:02
   6½ / 10
Discreto film, ma chiamarlo Escobar pur non ssendo l'omonimo trafficante il protagonista è ingannevole per il pubblico. Si può vedere comunque.

3 risposte al commento
Ultima risposta 14/09/2016 16.41.39
Visualizza / Rispondi al commento
FABRIT  @  26/08/2016 18:28:30
   7 / 10
buon film senza cali di tensione dall'inizio alla fine.Bravissimo Del Toro

TheLegend  @  13/02/2016 17:07:03
   6½ / 10
Film buono sotto tutti i punti di vista ma troppo sbrigativo nello sviluppare la trama,soffermandosi su aspetti meno importanti.

7219415  @  26/07/2015 00:30:59
   7 / 10
Ottimo film...bravo Del Toro!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  16/03/2015 22:17:05
   7 / 10
Un inferno mascherato da paradiso, devastato da un cancro che insinuandosi sotto mentite spoglie distrugge l'ingenuo (forse fin troppo) idealismo di una giovane coppia, appartenenti a due mondi diversi, manipola persone e menti sotto mentite spoglie. Il racconto di questa parabola discendente prende spunto dalla realtà durissima della Colombia di quegli anni. Il re assoluto del narcotraffico inizialmente appare come una figura carismatica quasi rassicurante. Elogia i valori della famiglia e dell'amicizia, ma non si fa scrupolo a calpestarli sistematicamente per i suoi scopi. Del Toro è bravo non solo per il lavoro sul fisico del personaggio di Escobar, ma specialmente per la misura che offre al personaggio senza andare mai fuori le righe. Un demone lucido e senza scrupoli tuttaltro che schematico. Di Stefano offre una buona prova, non è un film capolavoro ma dimostra che con un soggetto validodi ampio respiro si può tirare fuori una buona opera prima, più descrittiva nella prima parte, decisamente più thriller nella seconda dove si evolve la caccia all'uomo da una parte e la volontà di sopravvivere dall'altra. Un film secondo me sopra la media.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  19/02/2015 18:17:05
   6½ / 10
Sorprende vedere un nome italiano alla regia (e sceneggiatura) di una produzione così vasta, un film d'azione sentimentale che coinvolge la performance eccezionale di Benicio Del Toro e una storia finzionale sul pericolo dell'amore invischiato con questioni di crimine. La struttura mi ha ricordato "L'ultimo re di Scozia". Questi sanguinari signori della guerra e della droga infarciscono la loro semantica con connotazioni e considerazioni sull'amore, i legami di sangue e la dimensione spirituale dell'esistenza per coprire le tracce insaguinate della loro coscienza.
Eccezionale il momento in cui Escobar raduna i suoi parlando del loro tesoro più profondo e nascosto: coloro che amiamo. In realtà, ciò che davvero riesce in questo film è il contrasto tra le espressione ingenua del canadese protagonista, incarnazione del topos dell'amore cieco, e quella sorniona e folle, ma lucidissima di Escobar.
Film così ce ne sono a bizzeffe, ma fanno il loro sporco dovere.

foradeicopi  @  07/02/2015 11:37:36
   7 / 10
Buon film con del toro in forma nel mentre gli altri 2 protagonisti non all'altezza .... Certo che la giustizia e'sempre dalla parte dei soldi che gira e rigira fanno girare il mondo....che triste che e' la realtà ...

Giovans91  @  04/02/2015 17:45:20
   7½ / 10
Escobar: Paradise Lost è l'opera prima come regista e sceneggiatore di Andrea Di Stefano. Ho visto questa pellicola e incontrato il cast alla nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma dove si è portata a casa il premio Taodue Camera d'Oro per la migliore opera prima.
Escobar: Paradise Lost non sembra un'opera prima, sembra una pellicola scritta e realizzata da un veterano del mestiere, Di Stefano è del tutto a suo agio dietro la macchina da presa e soprattutto nella direzione degli attori. Una performance incredibile di Benicio Del Toro ma anche quella del giovane Josh Hutcherson è stata fantastica. Bellissima invece Claudia Traisac.
La figura di Pablo Escobar è solamente un pretesto per realizzare un'opera sulla discesa all'inferi di una ragazzo che credeva di aver trovato il suo paradiso personale.
Un thriller emozionante, pieno di tensione, azione e ritmo. Un film che fa ben sperare sul futuro registico di Andrea Di Stefano. Da vedere.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


942391 commenti su 35626 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net