animali notturni regia di Tom Ford USA 2016
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

animali notturni (2016)

 Trailer Trailer ANIMALI NOTTURNI

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film ANIMALI NOTTURNI

Titolo Originale: NOCTURNAL ANIMALS

RegiaTom Ford

InterpretiAmy Adams, Jake Gyllenhaal, Aaron Taylor-Johnson, Armie Hammer, Isla Fisher

Durata: h 1.55
NazionalitàUSA 2016
Generethriller
Al cinema nel Novembre 2016

•  Altri film di Tom Ford

Trama del film Animali notturni

Susan riceve dall'ex marito un manoscritto su cui l'uomo vuole un'opinione. In quello che potrebbe essere un futuro libro pubblicato si racconta la storia di una vacanza familiare destinata a trasformarsi in qualcosa di violento e letale. Mentre si lascia prendere dallo scritto, Susan si ritrova a ricordare il suo primo matrimonio e ad affrontare alcune oscure veritÓ che la riguardano.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,38 / 10 (25 voti)7,38Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Animali notturni, 25 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

gemellino86  @  01/12/2016 16:20:20
   7½ / 10
Buon film questo "Animali notturni". Tra gli attori spiccano Amy Adams e un bravo Jake Gyllenhaal. Ma il vero punto di forza sono i dialoghi. Consigliato.

matt_995  @  01/12/2016 16:02:46
   5½ / 10
Boh non so che dire... questo Nocturnal Animals mi sembra due corto-mediometraggi messi insieme perchè singolarmente non avrebbero potuto reggere la durata del film.
ma andiamo con ordine:
Si parte da questi titoli di testa "felliniani" (?) che inizialmente mi sono piaciuti da morire nel loro squallore e peculiarità, ma che poi, col progredire del film, mi son detto "Ma a che c a z z o servivanooo?".
Come già si sarà capito il film procede su due diversi piani narrativi - la realtà (a sua volta alternata a flashback) e la realtà del racconto - con il primo in cui vediamo sostanzialmente Amy Adams, vestita e pettinata da dio, appoggiata al cuscino mentre legge preoccupata e che di tanto in tanto fa cadere il manoscritto a terra. La vediamo anche alle prese con il nuovo marito Ken di Barbie e la sua amante, ma poi ci dimentichiamo completamente di loro. Stessa sorte per altri personaggi come quello di Sheen e il fratello gay di Susan (addirittura questo solo accennato in un dialogo).
Lungo il secondo piano narrativo seguiamo la storia del libro di Gyllenhaal che in teoria dovrebbe presentare lungo la trama elementi e simboli riconducibili alla vita (reale) di coppia dei due ex coniugi. Ok, a me piace questo genere di intreccio. Ok, a me piace tantissimo "L'asino d'oro" di quel signore chiamato Apuleio che si era inventato il genere in questione già pochi secoli dopo la venuta di Cristo. Ok, in certi momenti della prima parte della "sottotrama" ci sono elementi chiaramente riconducibili alla storia reale

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Ma il tutto è decisamente troppo criptico per essere apprezzato.
E poi comunque lo svolgersi delle vicende del libro è completamente slegato dal resto della storia. Correggetemi se sbaglio ma il libro poteva svolgersi e finire in qualsiasi altro modo e non sarebbe cambiato nulla.
per quando riguarda la tecnica, fotografia, scenografie, musiche... tutto impeccabile. Ma quando ciò poggia su uno scheletro debole e traballante, allora il tutto sembra un'imbellettatura fine a se stessa.
Come di dice a Napoli, parafrasando: "Aivoglia a metterci Rum, chi nasce cacca non può morire babà".

Ah, salvabile soltanto il personaggio e l'interpretazione di Shannon

ivanello  @  01/12/2016 13:43:20
   7½ / 10
Un noir con una trama che coinvolge e con ottimi interpreti. Le storie si intrecciano alla perfezione all'interno di un racconto che indaga in profondità l'animo umano. Da vedere. Promosso.

JOKER1926  @  01/12/2016 00:11:51
   6½ / 10
Il cinema ultimo non presenta grosse novitÓ e grandi storie. Cambiato il pubblico nel corso del tempo, il Cinema Ŕ ormai alienato, fermo dove inizia l'immobilitÓ stessa dello spettatore.

Per˛ alle volte, improvvisamente, sale in cattedra qualche storia degna di nota, in questa giostra un ruolo madornale appartiene alla critica che devia a proprio piacimento la cosa.

"Animali notturni", titolo abbastanza fascinoso, Ŕ stato incanalato bene dagli addetti ai lavori che non hanno colpe ma nemmeno la coscienza pulita.
Possiamo affermalo ,"Animali notturni", Ŕ un grande film solo se paragonato alla discarica di vomito e colera prodotto in ambito cinematografico degli ultimi periodi.

La trama almanaccata da Tom Ford Ŕ "potenziale", ossia sembra essere una trama normale per˛ lo sviluppo, in effetti, pu˛ esplodere da un momento all'altro. Dopotutto, questo exploit avviene, anche abbastanza presto; "Animali notturni" diventa un film nel racconto, grazie ad un montaggio superbo la storia Ŕ servita su un piatto ambiguo e allettante.
Sembrerebbe funzionare tutto molto bene, includendo le performance di Amy Adams e Jake Gyllenhaal.
Diciamo che alla fine, in un modo o nell'altro, tutti i nodi devono (dovrebbero) venire al pettine; "Animali notturni" Ŕ qui che perde le cartucce andando ad appesantire la sceneggiatura con situazioni un po' forzate e buttandosi in un finale accettabile ma discutibile.

Cosa Ŕ "Animali notturni"?

Un film che cerca, attraverso un difficilissimo gioco allegorico/simbolico di raschiare la psiche dei suoi personaggi, alle volte ci riesce, altre resta per il solo intento.

Si ha l'impressione che questo di Ford voglia essere un film pi¨ pulp che psicologico, i rami mentali si sgretolano a favore di una storia fredda e cupa, ma concepibile.

marcogiannelli  @  30/11/2016 18:04:07
   9 / 10
ATTENZIONE IL COMMENTO POTREBBE CONTENERE ANTICIPAZIONI NON VOLUTE
Un grandissimo Tom Ford torna al cinema dopo quasi 10 anni e lo fa scrivendo e dirigendo un thriller abbastanza complesso. Nocturnal Animals è un film che si stende su piani diversi, sia temporali che "spaziali" (ovvero il romanzo), ma potremmo anche dire che tutti vengono raccolti dalle emozioni della protagonista, emozioni che sono protagoniste quanto lei, e lo si vede quando dopo una scena particolare il regista si concentri sulle sue reazioni emotive.
Parliamo degli attori: Gyllenhall, che interpreta due personaggi (che è fondamentalmente lo stesso) che sono due uomini DEBOLI (parola fondamentale) e che, a causa delle proprie debolezze, saranno devastati e segnati nel profondo della propria vita. E ho amato Edward che è umano, si nasconde, non sa sparare, è credibile in tutto e per tutto, non è il classico eroe o l'uomo che fa la cosa giusta. Amy Adams è una donna carismatica capace di distaccarsi da una famiglia troppo snob ed elitaria per certi versi, ma per certi versi ancora legata a quello che è. Poi c'è Michael Shannon , un personaggio che sembra il tipico texano rude, ma che è un uomo profondamente giusto. E infine, Aaron Taylor-Johnson. Spesso si parla di villain pazzi che restano nella memoria degli spettatori, beh credo che Ray, in tutta la sua inumanità e nel suo essere un uomo da dei principi folli, me lo ricorderò.
L'incipit del film sembra venire dal cinema di Sorrentino, quindi un po' di Fellini, con un'atmosfera però inquietante e disagiante, tipica di alcuni film onirici e sospesi di Lynch.
Il film vero e proprio comincia quando Susan riceve e inizia a leggere dell'ex marito, libro che diventa il film nel film. E proprio la storia del libro ad essere rappresentata in modo pazzesco. La storia potrebbe essere riassunta in due righe ma è la RAPPRESENTAZIONE a fare la differenza. Noi infatti, come Susan ci dimentichiamo che è solo "il libro" e soffriamo insieme ai protagonisti. L'incredibile sequenza dell'inseguimento in macchina, così come il confronto con i banditi, e la scoperta del giorno dopo sono tutte sequenze estremamente struggenti. E ogni cosa che accade là dentro è metafora di quello accaduto nella vita reale di Susan e Edward. Non solo di quello già accaduto ma anche di quello che sta accadendo adesso a Susan, ed è proprio questo il bello. Animali Notturni non è altro che il racconto della vendetta di un uomo ritenuto per anni troppo DEBOLE (perfetta l'immagine di lei che si ferma sotto il quadro con la scritta Revenge). Lei da giovane legge sul divano insoddisfatta uno scritto di Edward e gli dice che quella lettura non la prende, che Edward dovrebbe mettere meno sè stesso in ciò che scrive, ma è ancora lei che, 20 anni dopo, è sconvolta dal romanzo che parla proprio di lei ed Edward.
Gli unici difetti di Animali Notturni, sono relativi alla parte di storia che si riferisce ad oggi, con una poco credibile gestione dell'età dei personaggi 20 anni prima-dopo, ma anche per delle parti meno interessanti e raccontate un po' male, per esempio le sequenze di lavoro di lei (ci sarà però un jumpscare inatteso che vi farà ****** sotto e che funziona benissimo) o quelle tra lei e il nuovo marito Ken di Barbie.
Ci sono poi delle musiche e un sonoro che sono bellissime, e glamour e insomma, Tom sa scegliere sicuramente che aspetto dare alla sua creatura. Così come la scelta dei colori, un passaggio dai grigi e i neri e questi toni cupi ai rossi, rossi anche dei capelli, una scelta cromatica convincente e in linea con l'andamento della pellicola.
E' proprio tutto il film, a mio avviso, a voler omaggiare l'arte in tutte le sue forme, dalle pose dei cadaveri, sino alla galleria di Susan ecc. ecc.
Crediamo per buona parte del film che Susan nel libro sia Lora, ma in realtà viene rappresentata perfettamente da Ray che, come Susan, ha ucciso una parte di Edward e un futuro con una figlia e una moglie felici, tutto questo senza motivo. E poi scopriamo anche che Susan non ha abortito: in una scena vediamo Susan parlare del suo aborto, ma la vediamo anche chiamare sua figlia dopo che, nel libro, le due donne (metaforicamente lei e la figlia) vengono trovate morte. C'è da pensare che quell'aborto non c'è mai stato, annunciarlo era solo un modo per tagliare con l'ex e non avere problemi col nuovo marito. Ma Edward, l'ha saputo, e nel suo libro lo ha potuto rivendicare, ha potuto ucciderle entrambe.
E credo che il finale sia perfetto. Il posto al ristorante rimane vuoto. Tony ha ottenuto la sua vendetta, è riuscito a far breccia nel cuore di Susan facendole capire che ha sbagliato tutto, ma non si presenta, è già morto dentro.

3 risposte al commento
Ultima risposta 30/11/2016 21.07.27
Visualizza / Rispondi al commento
ragefast  @  29/11/2016 21:34:27
   7 / 10
Entrato in sala sapendo a malapena il cast, devo dire che "Animali notturni" sotto alcuni aspetti mi ha colpito positivamente. Sicuramente un film curatissimo dal punto di vista estetico e nei particolari, con scene che rimangono impresse nello spettatore come per es...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Non male la narrazione parallela delle 3 vicende, dove probabilmente quella meglio riuscita è il libro di Edward. L'unico vero limite, a mio avviso, è la storia nel suo complesso abbastanza scarna, che non decolla mai e non mi sembra un caso che...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Complessivamente promosso, ma tanta forma e non moltissima sostanza.

ZanoDenis  @  28/11/2016 14:59:54
   7 / 10
Bel thriller, come dice la descrizione, vale la pena vederlo, in fondo anche spenderci i soldi del biglietto del cinema, molto coinvolgente, che si svolge su più linee temporali e con sequenze abbastanza evocative.
Riuscita molto bene è la narrazione degli eventi del libro, molto pittorica a livello visivo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Sia a livello narrativo, con una grandissima concentrazione di suspense e pathos.
Regia di Tom Ford ottima, interpreti in stato di grazia, Amy è splendida come al solito, e riesce a caratterizzare benissimo il suo personaggio malinconico e amaro, insoddisfatto della sua vita agiata e diventato cio che non voleva diventare.
Bravissimo anche Michael Shannon, in una parte che sembra uscita da un film di Tarantino, ironico ma di umorismo nero, sopra le righe, scorretto, grande interpretazione da parte sua.
E poi c'è Jake che a mio parere si conferma uno degli attori migliori della sua generazione, altra grande interpretazione, certe sue sfuriate sono favolose.
Si perdona qualche ingenuità specie a livello narrativo, che magari non mi permette di dare più di 7, comunque bel film.

3 risposte al commento
Ultima risposta 28/11/2016 16.12.58
Visualizza / Rispondi al commento
mrmassori  @  27/11/2016 13:56:16
   8½ / 10

---- SPOILER NEL COMMENTO ----
Uno dei migliori, (se non il miglior), film del 2016. Regia, interpretazioni e sceneggiatura veramente ottime. Con gran maestria e senso dell'estetica Tom Ford mette in scena un dramma noir, dalle atmosfere vagamente tipiche a metÓ dei fratelli Coen e Kubrickiane, che con un espediente geniale attuato mediante il libro vendetta inviato a Susan e i vari flashback dei suoi ricordi giovanili, narra, e fa rivivere alla protagonista terribili sensasioni, facendola cosý riflettere sulle proprie scelte, sulla sua finta vita costruita ad hoc vissuta senza seguire le sue vere emozioni e sulla sua condizione attuale di infelicitÓ. Inoltre attraverso scene e dialoghi ben inseriti riesce a far risaltare vari temi di questa societÓ malata, come Il finto perbenismo, una societÓ crudele ipocrita e materialista, le vite di plastica, le scelte dettate dalllo status sociale ecc ecc riflesse dai personaggi, di controrno a susan e al suo stile di vita e ambiente sociale. Ford Definisce inoltre, (in maniera cruda e reale), alcuni temi psiclogici e sociali delll'animale umano ben delineati nelle vicende del romanzo riuscendo a toccare anche temi di pi¨ ampia natura (corruzione, ingiustizia, violenza ecc ecc.) in modo davvero ben riuscito. Chicce ottime sono sia i finali (sia del film: non poteva essere migliore, ma anche del romanzo vendetta di Edward interpretato da un gran Gyllenhaal, poichŔ in realtÓ Susan con il suo modo di fare ha ucciso Edward non credendo in lui e anche tradendo il suo amore), ma anche l'inizio disgustoso invettiva contro le deformitÓ umane in senso ampio e metaforico.
Consigliatissimo.

2 risposte al commento
Ultima risposta 28/11/2016 15.19.02
Visualizza / Rispondi al commento
conan  @  25/11/2016 21:26:13
   7 / 10
In parte d'accordo con Scuderia2.
Ottima la fotografia e la regia, niente da dire. Regia un po' alla Tarantino e un po' alla Kubrik (vedi alcuni luoghi rarefatti e che sanno di futuribile), o almeno tenta di farlo. Comunque va bene così.
Ottima, una volta tanto, la trasposizione dei dialoghi italiani e il doppiaggio di qualità. Finalmente!

Cominciamo col dire che, a mio parere, non è un thriller, se non per 20-30 minuti iniziali. È un drammatico, lievemente psicologico.
La regia cerca Tarantino sopratutto sul mix di generi, un po' road movie con cattivi al seguito all'inizio, un po' western con lo sceriffo old-style e giustizialismo alla texana, e un po' di critica sulle relazioni della società moderna.
Diciamo che la prima ora scivola via molto bene, con lo spettatore piacevolemente assoribito dalla trama.
Poi, qualcosa comincia a rompersi, la sceneggiatura arranca, e spunta un poco di noia. Si fa un po' fatica ad arrivare al finale. Finale che mi ha lasciato con l'amaro in bocca (vedi spoiler).

La colonna sonora è... una non colonna sonora (forse amplificato dal fatto che l'ho visto al cinema, dove il suono ti avvolge certamente più che in Tv). Pochissima musica, praticamente assente, tranne nella scena finale nel ristorante. Certamente voluto, ma per me i film senza colonna sonora sono una sciocchezza. Pensate a Sergio Leone senza Morricone, per esempio.

Attrice femminile non all'altezza del compito (peraltro difficile, d'accordo, ma troppo uguale ed inespressiva nelle varie fasi del film). Poco oltre la sufficienza Gyllenhaal, diciamo standard americano. Mentre molto bravo Aaron Taylor-Johnson (il cattivo) e Michael Shannon (lo sceriffo), quest'ultimo veramente sopra tutti.
Alcuni altri attori c'entrano come i cavoli a merenda: la segretaria algida e iper-moderna, la ragazza di colore in formato psicologa, la figlia della vita reale (bel lato B, però), il facchino nell'ascensore, un tonto che più non si può, che fa coppia col belloccio fredigrafo altrettanto frescone.

Insomma, sembra quasi che ci siano due sceneggiature diverse: la prima (quella del romanzo) ben fatta e che ti acchiappa e la seconda (quella della vita reale), inverosimile e con qualche buco quà e là. La regia, però, ripeto, non si discute. Di questi tempi, difficile vedere una regia molto migliore. Anche se, quelle splendide figure dei titoli di testa poteva proprio risparmiarcele.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 25/11/2016 22.36.08
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  25/11/2016 19:23:34
   7½ / 10
Non male questo Tom Ford (più riuscito del suo esordio) che realizza un film superpatinatissimo e (quindi) molto ambiguo verso il suo stesso mondo della moda. Bravi e molto bravi gli attori, una storia che prende (soprattutto il romanzo) e tensione molto alta. Finale aperto a varie interpretazioni.

InvictuSteele  @  25/11/2016 15:22:52
   7½ / 10
Buona dramma che si dipana su ben tre livelli narrativi che poi vanno ad incrociarsi. Il ritmo disteso ti prende per mano e ti accompagna per tutta la durata, senza mai annoiare ma tenendo alta la tensione e l'attenzione. Ottimi gli attori e l'aspetto tecnico, anche se manca quel qualcosa in più affinché Animali Notturni risulti un capolavoro. Comunque un gran bel film, profondo e che dà da pensare, ho gradito assai il finale, quasi inaspettato.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  25/11/2016 10:57:09
   7½ / 10
Il secondo lungometraggio di Ford e' intrigante e coinvolgente. Mantiene sempre alta l'attenzione dello spettatore.
La fotografia e le scenografie sono mozzafiato.
Molti i riferimenti letterari che si colgono sia nei personaggi sia nel racconto.
Ottimo cast, i personaggi maschili funzionano maggiormente rispetto a quelli femminili.

Hankzilla  @  23/11/2016 15:31:58
   5 / 10
Commento perchè mi trovo in disaccordo con le opinioni che leggo qui sotto. I gusti non si posson giudicare e magari sarò io ad esser troppo critico, ma quello che ho visto è un film piuttosto scarso.
Il ritmo è lento (e non è necessariamente un male) ma l'intreccio della vicenda, dalle premesse non banali, si schianta contro un eccesso di presunzione autoriale. Ottime interpretazioni del cast (d'eccellenza) che non delude, ma che purtroppo non può svincolarsi da quei difetti che corrono per tutta la pellicola nel suo voler essere ciò che non riesce ad essere: profondo. Ho apprezzato la trama e lo sviluppo ma il tutto viene indebolito da una regia a tratti pacchiana (scene nel presente e nei ricordi) a tratti convincenti (scene del romanzo), sorretta da una colonna sonora funzionale alla tensione, ma che, a mio vedere, non fa abbastanza per sorreggere le sorti del film che non riesce a cadere a piedi pari, nonostante un finale coerente ed aperto. A volte banale (dialogo tra madre e figlia), a volte coinvolgente (il dramma del romanzo), a volte interlocutorio (finale), a volte ridicolo e fuori luogo (titoli di testa).
Tanto fumo e poco arrosto (tra l'altro cucinato male).

FABRIT  @  23/11/2016 15:07:45
   7 / 10
Film che tiene incollato lo spettatore allo schermo...peccato per il finale un pò così.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  22/11/2016 21:18:29
   7½ / 10
Indubbiamente il film prende. Sinceramente non si capisce. Finale, come dire, apertissimo! Bello comunque.

Wilding  @  22/11/2016 21:16:49
   8 / 10
Atmosfere da film di Tarantino e da romanzo di King; una splendida pellicola, interpretata e diretta molto bene.

Scuderia2  @  21/11/2016 20:51:44
   5 / 10
Susan è una gallerista d'arte che cerca di eguagliare i businness fallimentari del marito allestendo una mostra di cadaveri di ciccione di 200 kg nude.
La mattina dopo il vernissage-con qualche dubbio sulla perfetta riuscita dell'happening-Susan riceve per posta la bozza di un libro scritto dall'ex marito.
Susan ignora che è una trappola organizzata dal rancoroso ex:la vendetta va servita con un libro brutto.
E' l'incipit della storia che si dipana ora su 3 livelli narrativi,ognuno con un diverso impatto sullo spettatore.

SCENARIO 1
Proiezione in immagini texane di ciò che Susan legge.
Interesse dello spettatore:curiosità a tratti ma il detective sa di sceriffi tarantiniani. Ottimo il balordo Aaron Taylor-Johnson.

SCENARIO 2
Reazioni depresse di Susan a ciò che legge.
Interesse dello spettatore: indifferenza. Bella la casa.

SCENARIO 3
Flash back sul rapporto in divenire tra Susan e l'aspirante scrittore/marito.
Interesse dello spettatore:controllo i risultati della Serie A sul telefonino.

Quel che funziona è sicuramente il montaggio,che mixa perfettamente le 3 realtà,e anche la regia è di qualità.
Ma la colonna sonora non lascia tracce riascoltabili.
Tom Ford è un grande designer,un bravo regista,un pessimo sceneggiatore.
Un film non è una sfilata,non basta l'apparenza.
In definitiva cosa resta di questa opera seconda del genio texano?
Di sicuro la scena del crimine più stylosa (quanto inverosimile) della storia del cinema: due donne nude fulve giacciono inermi su un divano rosso.
Vai coi flash!!!
Ma il resto è un lungo spot per pubblicizzare la nuova linea di occhiali da vista da donna.

Tom Ford Eyewear.
Per gente che non vuole farsi ingabbiare.

4 risposte al commento
Ultima risposta 25/11/2016 19.36.22
Visualizza / Rispondi al commento
Kitiara31  @  21/11/2016 15:35:38
   7½ / 10
Bel film, patinato e violento allo stesso tempo.
Bravissimi entrambi i protagonisti e Taylor- Johnson nel ruolo del cattivo.
A me è piaciuto molto il finale, l'ho trovato struggente, crudele e liberatorio.

Consigliatissimo.

logicman  @  21/11/2016 11:32:45
   6 / 10
Ho riflettuto un giorno prima di commentare. Francamente non comprendo i votoni assegnati dagli amici del forum.
Apprezzo il doppio volto - patinato/ crudele- impresso al film da T.Ford. Bravi gli attori, interessante ( anche se non originale ) la trama. Ma non mi ha per nulla coinvolto.
Ridicola la scena dei titoli di testa ( vabbè tutti l'avranno cancellata dalla memoria ), pessimo il finale ( ne parlo nello spoiler ). Nel complesso sufficiente, non un filo di più.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

21 risposte al commento
Ultima risposta 02/12/2016 17.46.00
Visualizza / Rispondi al commento
andreadieffe201  @  21/11/2016 10:40:02
   7½ / 10
animali notturni affronta due temi in una pellicola, intrecciandoli e centrando il bersaglio. la debolezza e l'inadeguatezza dell'uomo di fronte e il rimorso della donna. il tutto condito da una splendida regia. ogni tanto un film da vedere.

suzuki71  @  20/11/2016 18:10:03
   8½ / 10
I tormenti prendono strade a sè, non riesci a reprimerli o stordirli con una vita apparentemente perfetta, bisogna far attenzione alle scelte: è la drammatica bellezza della vita.
Molto meno algido del precedente "A single man", questa pellicola mescola il sangue con l'arte, Los Angeles iper raffinata con i cascami reietti del Texas, in un puzzle molto ben riuscito, a conferma del talento non comune di Tom Ford, in un'opera che mi è sembrata quasi perfetta per recitazione, script, montaggio e - non ultimo - commento sonoro. E uno stile elegantissimo - a cominciare dallo straordinario e disturbante incipit - ma quello lo davamo per scontato, via.

Rollo Tommasi  @  19/11/2016 16:25:10
   9 / 10
Spoileroso...

Tom Ford ha una vocazione sommersa che gli pulsa nelle vene: la regia.
Animali Notturni è un'opera di classe, design ed eleganza, dove trionfa l'estetica non come vezzo stilistico, ma come strumento narrativo. L'algido carnevale di lusso e amoralità esibito nel film, infatti, riempe di significato l'allestimento: il risveglio dei sensi e dell'emozione nella fredda Susan - artista di successo ma senza vocazione - passa attraverso la violenta escursione nell'universo polveroso e disperato di Edward, il disgelo, l'espiazione dolorosa dal peccato, ed infine la "contritio cordis" che ristabilisce l'ordine dei valori umani. La possiamo chiamare "vendetta consumata" (Revenge è anche il quadretto appeso alle pareti del museo di Susan), ma anche inevitabile rendiconto con il proprio passato: nella scena conclusiva prima della dissolvenza, la lacrima che anima la statuaria protagonista scavava già da tempo nella sua arida superficie.
Animali Notturni sarà ricordato anche per il lavoro superlativo del cast - Amy Adams è una spledida ed infelice femme fatale, Jake Gyllenhaal è potente e credibile; una sorpresa nella sorpresa, l'interpretazione perversa di Aaron Taylor Johnson - e la colonna sonora avvolgente e spiraliforme che omaggia gli Hitchcock più cupi.
Ti lascia un graffio nel cuore. Indelebile.

mmagliahia1954  @  18/11/2016 12:17:24
   9 / 10
Visto al cinema ieri, primo giorno di uscita nella mia cittadina.
Che dire, il film Ŕ eccezionale, recitato benissimo, disturbante per questo, musica e tutto il resto azzeccato.
Non riesco a dire altro, bisogna vederlo.

Invia una mail all'autore del commento Andrea Lade  @  30/09/2016 01:47:51
   9 / 10
Nocturnal Animals è uno di quei bei film che rimangono impressi nella memoria, e che centrano l'obiettivo . Applauditissimo a Venezia, è un meritato Leone d'Argento e sebbene a qualcuno non piaceranno le urla strazianti delle donne o i fisici troppo patinati dei protagonisti, non si potrà negarne la piena validità. La storia nasce dal tormentato rapporto di Susan, una ricco- borghese apparentemente ribelle agli insegnamenti materni, e Edward, un uomo di differente estrazione sociale e con velleità artistiche. Un gioco di flashback e di ritorni narrativi ci presenta il rapporto già finito ad inizio film e la ricostruzione della dinamica inter-personale si definisce con lo svolgersi della trama. Edward infatti è stato lasciato crudelmente e a distanza di anni medita una vendetta tutta particolare nei confronti dell'ex moglie; Susan infatti riceve un libro in regalo proprio dall'ex marito e da lì agli occhi di Susan si aprirà un mondo di emozioni vere, che gli erano state negate dalla sua stessa patina di donna ricca ed abulica. Ma Nocturnal Animals è molto di più di un noir, perché la storia narrata nel libro diventa la vera protagonista del film. Un mondo quello, dove la violenza, la pornografia, la crudeltà, la malattia prendono il sopravvento e dove il regista, tramite un geniale gioco di specchi riproduce in chiave drammatica, la debolezza e l'inferno interiore del perdente, ma ostinato Edward.
Eccellente la regia , impreziosita da una purezza grafica dove colore, forme ed immagini rendono il film anche assai bello da vedere. Tom Ford infatti si conferma un regista del lusso e del narcisismo estetico , senza però mai incrinare una sceneggiatura che rasenta la perfezione. A mio modesto avviso questo è un noir, tra i migliori e più intensi che abbia mai visto. Resta un dubbio sulla scelta concettuale di denigrare la figura femminile, di rendere perdente una metà del mondo poco simpatica al regista, ma l'interpretazione di Amy Adams supera ogni preconcetto e riesce ad imporsi come il personaggio più significativo del film. Finale chiuso, ma inevitabile, che piomba al petto come la forte ed intensa colonna sonora.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  17/09/2016 00:28:28
   7½ / 10
Tom Ford, qualche anno dopo il dignitoso "A single man" da Isherwood, nello spazio cultural-letterario Newyorchese, confeziona un film visivamente bellissimo che ricorda certe cose di Truman Capote, il cinema dei Coen, il retaggio autoreferenziale dei classici action-Movie. Curato in tutti i particolari fino a sembrare freddo o poco sincero, e' un film che non ti aspetti. Personalmente ho trovato Amy Adams una bellissima statua di cera (molto meglio in "Arrival" di Villenueve) mentre Gyllenhaam cattura e coinvolge nella sua Odissea perduta in un ' America di ingiustizie e cavilli burocratici. Lo sceriffo, in particolare, sembra uscito da un romanzo di Landsdale, splendidamente sopra le righe. Ford "profuma" ogni inquadratura e avrebbe dovuto essere piu' laido e meno raffinato, tuttavia l'operazione funziona a meraviglia. Sembra di attraversare una giostra di specchi dove ognuno ci si puo' confrontare. Per chiedere empatia, forse la regia avrebbe dovuto essere piu' unilaterale, e cinematografica. Ma e' un film coraggioso anche nelle sue scelte stilistiche, e insomma Ford non e' il nuovo Adrian Lyne. Premio Speciale della Giuria al Venezia

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

3 generations - una famiglia quasi perfetta
 T
7 minuti
 T
a spasso con bob
 T
abel - il figlio del vento
 T
agnus dei (2016)
 T
al posto tuo
 T
alla ricerca di dory
 T
american pastoral
 T
animali fantastici e dove trovarli
 T
animali notturni
 T
attesa e cambiamenti
 T
bad moms - mamme molto cattive
 T
ben hur (2016)bianca & grey e la pozione magica
 T
bianconeri, juventus story
 T
blair witch
 T
bozzetto non troppo
 T
bridget jones's baby
 T
cafe' society
 T
caffe'
 T
che vuoi che sia
 T
cicogne in missionecome diventare grandi nonostante i genitoricondotta
 T
deepwater - inferno sull'oceano
 T
demolition - amare e vivere
 T
doctor strange (2016)
 T
domani (2016)elstree 1976
 T
elvis & nixon
 T
enclave
 T
fai bei sogni
 T
frantz
 NEW
free state of jones
 T
fuck you, prof 2
 T
gabo - il mondo di garcia marquez
 T
genius
 T
giovanni segantini: magia della luce
 T
go with me
 T
i babysitter (2016)
 T
i cantastorie
 NEW
i cormorani
 T
i magnifici sette (2016)i volti della via francigenaibrahimovic: diventare leggenda
 R
il cittadino illustre
 T
il missionario - la preghiera come unica armail piu' grande sogno
 T
il sogno di francesco
 T
il trenino thomas - la grande corsa
 T
in bici senza sella
 T
in guerra per amore
 NEW
incarnate
 HOT T
independence day: rigenerazione
 T
indivisibili
 T
inferno (2016)
 T
io prima di te
 T
io, daniel blake
 T
jack reacher 2: punto di non ritorno
 T
jason bourneknight of cups
 T
kubo e la spada magicala cena di natale
 T
la famiglia fang
 T
la leggenda di bob wind
 NEW
la mia vita da zucchina
 T
la pelle dell'orso
 T
la ragazza del mondo
 T
la ragazza del treno
 T
la ragazza senza nomela sindrome di antonio
 NEW
la stoffa dei sogni
 T
la teoria svedese dell'amorela verita' negata
 T
la verita' sta in cielo
 T
la vita possibile
 NEW
l'amore rubato
 T
le ultime cosele verita' sospese
 T
l'estate addosso
 T
lettere da berlino
 T
liberami
 T
lo and behold - internet: il futuro e' oggi
 T
man in the dark
 T
mapplethorpe
 T
masterminds - i geni della truffamechanic: resurrection
 T
mike & dave: un matrimonio da sballo
 T
mine
 T
morgan
 T
mr. gaga
 T
neruda
 T
non si ruba a casa dei ladri
 T
oasis: supersonicone piece gold - il film
 T
ouija 2: l'origine del malepalle di neve - snowtime
 T
parola di dio
 T
pay the ghost - il male cammina tra noi
 NEW
peppa pig in giro per il mondoper mio figlio
 T
pets - vita da anmali
 T
piuma
 T
prima di lunedi'
 T
qualcosa di nuovo
 T
quando hai 17 anniquel bravo ragazzo
 R T
questi giorni
 T
racconto calabrese
 T
rara
 T
rocco
 NEW
rock dog
 T
saint amour
 T
sausage party: vita segreta di una salsiccia
 T
se permetti non parlarmi di bambini!
 NEW
shelley
 T
sing streetsnowden
 T
spira mirabilis
 NEW
sully
 T
the accountant
 T
the assassin
 T
the beatles: eight days a weekti amo presidente
 T
tommaso
 T
trafficanti
 T
trolls
 R T
un mostro dalle mille teste
 NEW
un natale al sud
 T
vado a scuola: il grande giornoyo yo ma e i musicisti della via della seta

946121 commenti su 36107 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net