verso l'eden regia di Costa-Gavras Grecia, Francia, Italia 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

verso l'eden (2009)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film VERSO L'EDEN

Titolo Originale: EDEN IS WEST

RegiaCosta-Gavras

InterpretiRiccardo Scamarcio, Juliane K÷hler, Ulrich Tukur, Anny Duperey, Antoine Monot Jr., Eric Caravaca, Michel Robin, Konstandinos Markoulakis, Florian Martens, Ieroklis Michaelidis, Bruno Lochet, Kristen Ross

Durata: h 1.51
NazionalitàGrecia, Francia, Italia 2009
Generedrammatico
Al cinema nel Marzo 2009

•  Altri film di Costa-Gavras

Trama del film Verso l'eden

La storia Ŕ ambientata nel mondo degli emigranti che cercano un futuro dignitoso in Europa e sono costretti a vie illegali per concedersi una possibilitÓ.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,03 / 10 (16 voti)5,03Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Verso l'eden, 16 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

DarkRareMirko  @  27/09/2013 00:46:02
   7½ / 10
Non male, e a me l'attore Scamarcio, qui bravo, è sempre piaciuto.

Film molto triste ed amaro, e pure il favolistico finale non è che lasci poi chissà quali speranze.

Mi vengono i brividi e mi deprimo all'infinito a pensare che ciò che il film narra è in effetti vero/verosimile; ad ogni modo, in un modo allo sfascio, ancora una volta, cortesia e generosità fanno davvero la differenza (i passaggi con le auto, il cameriere che lascia mangiare, la tipa che regala il vestito, ecc.).

Magari non il miglior Costa Gavras (la sua mano non si sente esageratamente), ma sempre e comunque un film che fa molto riflettere e pensare (nonchè deprimere, ahinoi), soprattutto in tempi come questi, dove il razzismo è comunque purtroppo ancora diffuso.

Rand  @  22/03/2011 11:33:18
   6½ / 10
Sinceramente Costa Gravas lo stimo come regista, però qua non si capisce bene dove vuole andare a parare.... Da un lato la storia di un immigrato turco clandestino giovane e belloccio che finisce all'inizio

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Poi diciamo che diventa surreale, lui è senza documenti, ha fame, ma fà invaghire diversi personaggi

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Comunque Gravas è bravo, riesce a non cadere in troppi stereotipi, anche se probabilmente il susseguirsi di troppe situazioni imprevedibili rende il film una specie di odissea, parecchio calcata, penso lo abbia fatto per far notare l'ipocrisia di noi occidentali ricchi, che diamo la caccia ai clandestini, ma poi per placare i sensi di colpa diamo l'elemosina. Infatti gli altri che aiutano Elias sono immigrati, zingari, camionisti, gli ultimi. I ricchi invece sono per definazione egoisti e capricciosi, vedasi la scena della coppia greca in auto.
In definitiva un film interessante ma non così riuscito, però fà riflettere.

Ale-V-  @  25/10/2010 11:56:12
   5 / 10
Non mi è piaciuto tanto: sceneggiatura povera, classici stereotipi sull'immigrazione, attori non all'altezza... insomma, un film mediocre.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  13/09/2010 00:55:58
   6½ / 10
Meno graffiante e sarcastico, più fiabesco questo viaggio di un generico immigrato, di fronte a un mondo che offre visioni paradisiache, patina però di un mondo occidentale alienato ed infernale.
Funzionale dire la recitazione di Scamarcio dallo sguardo costantemente spaesato.

benzo24  @  24/03/2010 13:29:45
   1 / 10
è un filmaccio è inutile. cerca e ricerca per trovare qualcosa di salvabile, ma alla fine niente. un film non credibile, storia non credibile, attore non credibile.

outsider  @  23/03/2010 17:48:03
   7½ / 10
Film profondo e toccante quanto basta a far capire cosa significasse ai tempi dei numerosissimi sbarchi (e significhi ancora...) esser profugo.
Il film in sè e per sè scorre tranquillo con pochi effetti e tenuto in piedi da Scamarcio che si riconferma uno dei più grandi giovani attori del cinema italiano, non solo bella rivelazione di questi anni, ma anche lodevolissimo interprete espressivo dei ruoli da lui impersonati.
Da vedere per riflettere, capire, guardarsi dentro e, magari, interrogarsi su cosa saremmo stati in un mondo meno fortunato per noi, sui veri valori della vita, sull'effettivo valore intrinseco di ognuno.

stardust  @  13/03/2010 20:24:28
   4 / 10
Non è proprio riuscito a rendere nell'intento se non aggrappandosi a luoghi comuni e stereotipi

Alex89  @  09/02/2010 19:43:35
   5 / 10
Prevenuti perchè c'è Scamarcio..
Prevenuti perchè c'è Scamarcio..

In realtà lui è abbastanza bravino e si immerge bene nella sua parte,il film dovrebbe essere toccante ma non ci riesce più di tanto,diventa più una sorta di documentario, il finale sicuramente non aiuta e nemmeno suscita una ben qualsiasi emozione..
Sicuramente è una tematica difficile da racconare, ma non basta solo correre per strada per racconatre questo fenomeno in evoluzione o involuzione se proprio vogliamo essere sinceri..
Insomma chi non lo guarda non si perde nulla,nemmeno lo consiglio ma non è da cestinare perchè prevenuti sull'attore italiano,perchè lui non è stato malaccio..

vale1984  @  08/10/2009 11:21:32
   5 / 10
Abbastanza poco guardabile...non è toccante, la storia non è niente di che e gli attori neppure...non mi ha convinto.

Invia una mail all'autore del commento monica83  @  14/08/2009 22:55:22
   5½ / 10
Troppo troppo poco credibile,per questo il film non riesce ad essere toccante come dovrebbe..però su Scamarcio siete troppo prevenuti

LoSpaccone  @  08/08/2009 18:40:10
   4½ / 10
Difficile capire quali fossero le reali intenzioni di Costa-Gavras, alle prese con uno script che almeno sulla carta sembrava in linea con il suo cinema di denuncia, a cui però il regista greco cerca di dare un’improbabile impronta surreale tale da rendere il percorso del povero Elias, un clandestino dalle origini non molto chiare, una vera e propria “Odissea”, costellata degli incontri di personaggi che dovrebbero essere strambi ma che in realtà sono inutili e stereotipati. L’avventura del protagonista è da una parte troppo (involontariamente?) pittoresca per attribuirle qualsiasi velleità di riflessione sull’attualità, dall’altra troppo prevedibile e debole nei simbolismi per essere paragonata ad una favola. In questo senso il finale è emblematico per quel che il film vorrebbe essere senza però riuscirci.

tabularasa  @  14/05/2009 20:56:36
   6 / 10
di film sul genere c'è ne sono di migliori.le tematiche incentrate su cose risapute rimanendo però molto ripetitivo nell'azione.il ruolo di scamarcio avrei potuto farlo io.

THEANSWER  @  17/04/2009 10:23:01
   1 / 10
Media Voto tra il film (2) e Scamarcio (0).
E poi ci lamentiamo che l'italia va male..
Fin che dei registi pagano Scamarcio per abbaiare cosa vuoi pretendere...
Uno scandalo chiamarlo attore

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  08/04/2009 19:58:38
   6 / 10
Dovrebbe essere il film che non ti aspetti ma che in fin dei conti è ampiamente "previsto": l'idea di un road-movie, un pò sulla scia di "Cose di questo mondo" di Winterbotton, finisce per sacrificare la denuncia di Gavras portando la "terra promessa" (dell'Europa utopica e malata di oggi) nella Parigi contemporanea caotica, disorientata e alienante.
La stessa denominazione geografica di Elias è oscura: ma i magnifici minuti iniziali lo vedono superstite nel mar Egeo, eppure poi si aliena (non solo linguisticamente) più da se stesso che da un mondo (davvero troppo sopra le righe) che lo circonda e non gli appartiene.
Un film che dovrebbe essere brutale e in molti (troppi?) casi guardi con un sorriso sulle labbra.
Il ricorso ai paradossi sociali dell'europa (dalla sessualità onnivora e occasionale à la Houllenbecq al rapporto del vagabondo/clandestino con le "anime pie" del benessere/malessere sociale) finisce per stritolare l'odissea di Elias, compressa in una selva pittoresca ma affettata di derive umane di ogni tipo (turiste ninfomani, coppie in crisi, rozzi camionisti gay, vedove indigenti, zingari gentili).
A tratti, ci si interroga e si prova a immaginare cosa significa viaggiare l'europa senza identità, ma è più interessante l'esposizione concreta delle difficoltà ("Torno più povero di prima" - "Non vedrai un soldo").
E nel volonteroso fatalismo di Gavras, che merita comunque un segno di stima e di rispetto, un finale fiabesco sembra voler disconoscere queste amare realtà

2 risposte al commento
Ultima risposta 22/04/2009 20.12.11
Visualizza / Rispondi al commento
alesfaer  @  14/03/2009 14:08:33
   2 / 10
attori , voto 2. protagonista veramente indegno.
tematica trattata ,no comment.
regia scarsa.
in generale il film è quanto di peggio si possa avere pagando 7 euro al cinema. attualmente uno dei peggiori film, secondo solo ad '' i love shopping''

1 risposta al commento
Ultima risposta 22/04/2009 20.13.47
Visualizza / Rispondi al commento
Delfina  @  13/03/2009 10:21:07
   7½ / 10
Piuttosto riuscito il film di Costa-Gavras. Anche se poco sottolineato dalla critica, la storia è anzitutto un road-movie, la storia di un viaggio avventuroso molto particolare, compiuto via mare e poi via terra.

Primo compito difficile per il protagonista, interpretato da Scamarcio – che sta rivelando di possedere una stoffa capace di uscire dallo stile mediocre dei film italici da tv per assurgere alla statura di vero attore – è quello si sfuggire dal villaggio-vacanza in Grecia, dove è approdato tuffandosi dal battello carico di clandestini per sfuggire alla cattura della motovedetta.

Questa parte è la migliore, ritraendo benissimo le derive nevrotiche ed autoritarie della società del benessere blindato, per pochi. Un'ottima satira di costume che prosegue poi nelle ulteriori peripezie che aspettano il clandestino in fuga verso la mitica meta, Parigi.
Insomma, una commedia un po' nera un po' satirica, con tocchi avventurosi da road-movie, che vale la pena di vedere.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verrÓl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassinomorbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di sawstar lightstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusun lungo viaggio nella notteuna intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1007305 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net