un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza regia di Roy Andersson Svezia 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza (2014)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film UN PICCIONE SEDUTO SU UN RAMO RIFLETTE SULL'ESISTENZA

Titolo Originale: EN DUVA SATT P┼ EN GREN OCH FUNDERADE P┼ TILLVARON

RegiaRoy Andersson

InterpretiHolger Andersson, Nisse Vestblom

Durata: h 1.41
NazionalitàSvezia 2014
Generecommedia drammatica
Al cinema nel Febbraio 2015

•  Altri film di Roy Andersson

Trama del film Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza

Come moderni Don Chisciotte e Sancio Panza, Sam e Jonathan, due commessi viaggiatori, si confrontano sulle meraviglie caleidoscopiche dei destini umani. Un viaggio il loro che mostra la bellezza dei singoli momenti, la meschinitÓ di altri, l'umorismo e la tragedia che Ŕ insita nell'uomo, la grandezza della vita cosý come la fragilitÓ dell'essere umano.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,81 / 10 (16 voti)5,81Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza, 16 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

marcogiannelli  @  04/09/2018 17:25:56
   6½ / 10
Trattasi di grottesco e, in quanto tale, è davvero difficile provare a visionare la pellicola senza la pazienza di andarci in fondo.
Il grottesco, l'apatia, la mestizia e il grigio della vita restituite in memorabili quadretti di nature poco più che morte, Andersson ci presenta tutto ciò in un incredibile carovana di immagini.
Gente che afferma di stare bene (anche se così non è), personaggi che vendono divertimento (essendo degli zombie), una scena in particolare che svolta la trama.
E una riflessione che ne viene fuori
"E' giusto servirsi delle persone soltanto per il proprio piacere personale?"
Ma è tornato mercoledì senza che ce ne accorgessimo.

Buba Smith  @  29/01/2018 00:45:51
   1 / 10
Ebbene... Ci sono riusciti.

Io sono andato fino in fondo. Ho capito il vero e profondo intento di questo film e... Si. Ci sono riusciti.

Il pi¨ profondo scopo di questa pellicola era convincersi di poter creare qualcosa che fosse peggiore di stare una notte in un cimitero abbandonato.

ce l'hanno fatta. Io se dovessi scegliere di rivedere st˛ composto di rifiuti, sceglierei veramente l'altra opzione.

Se doveste inconsapevolmente incappare in questo film. Cambiate canale. Fatelo fin da subito al contrario mio.

lukef  @  30/10/2017 12:12:47
   6 / 10
Senza nulla togliere alla ricerca e cura maniacale impiegata per la sua realizzazione, l'elemento che più caratterizza questo film è certamente la noia.
Ancora una volta mi son chiesto se non fosse meglio starmene lontano dai Leoni d'Oro, come da quasi tutti i premi italiani. Salvo poche eccezioni, essi si dividono essenzialmente in due tipi: quelli politici (integrazione, gender, ecc.) e quelli incomprensibili (questo è il caso). Se non ricadete tra i paladini d'attualità nè tra i feticisti dell'intelletto, consiglio anche a voi di lasciar perdere.
Ma quel che muove la mia polemica è anche l'incomprensione dei tanti concorsi che potrebbero riflettere, se non la cultura, almeno il gusto e la sensibilità del paese ospitante. Con il pretesto di essere "internazionali", finiscono per premiare delle opere estremamente regionali e di nicchia. Non so bene da cosa dipenda ma Cannes vince sempre 10 a 0 sui diversi tentativi nostrani.
Entrando nel merito, la pellicola in questione dura oltre 100 minuti e si compone esclusivamente di inquadrature fisse da almeno un paio di minuti ciascuna. Tutti i personaggi sono abbastanza brutti, affetti da forme varie di disabilità e caratterizzati da movimenti lenti e cadenzati. Come molti hanno fatto notare, i dialoghi sono quelli del teatro dell'assurdo, ovvero privi di senso logico ed estremamente ripetitivi. Per capirci, poche battute del film non vengono ripetute almeno tre o quattro volte. Nel complesso il tutto si traduce in un esercizio stilistico molto raffinato e adatto soprattutto ad una sensibilità artistica, oltre che emotiva, che credo essere più presente nei paesi nordeuropei.
Ciò premesso, non è certo un brutto film. Molte sono le sequenze belle e originali. In alcune prevale poesia e sentimento (vedi la taverna dei baci), in altre la componente surreale ed evocativa (come la parte dei cavalli o della scimmia), altre ancora possiedono una forte carica simbolica (come lo spiedo gigante).
Tralascerei volentieri eventuali ciance sui significati, già egregiamente trasmessi attraverso le immagini.
Ho letto che l'intero film si ispira a un dipinto di Brueghel (io ci vedrei anche Hopper) e per quanto possa sembrare strano, tali ambientazioni vengono effettivamente richiamate con i toni della fotografia e la staticità quasi pittorica delle immagini, anche nei momenti (per così dire) d'azione.
I "fatti" si svolgono spesso nelle aree periferiche dello schermo e di rado cercano di catalizzare l'attenzione dello spettatore, che si dedicherà piuttosto a godersi con pazienza la scena nel suo insieme, sfondo in primis, giacchè la luce ne irradia con nitidezza ogni suo punto*.
Manco a dirlo, anche la parte del sonoro è sempre nei ranghi, con musichette delicate e marcette ripetute in diverse parti del film.
Non c'è un controluce, un'ombra che sia netta, un oggetto fuori fuoco, nulla che disturbi l'armonia visiva per un po' di intrattenimento. Se non si è disposti a sacrificare quest'ultimo elemento (come accade per il 99% delle persone che conosco), meglio non cimentarsi nemmeno; se invece avete la pazienza di passare un'ora e quaranta senza essenzialmente sentire il bisogno di una trama o almeno di una via battuta, o se amate il cinema e siete disposti ad apprezzarne ogni sua forma, allora vale certamente la pena di darci un'occhiata.


*C'è una scena in cui viene spenta la luce in un corridoio senza finestre e nemmeno in quel caso si perde un dettaglio.

Invia una mail all'autore del commento Andrea Lade  @  29/07/2017 01:38:17
   2 / 10
Se un film non è piaciuto, non si deve temere di abbatterlo con un voto negativo solo perché ha vinto il Leone d'Oro a Venezia. Si potrebbe discutere sul fatto che non tutti i premi coincidono con la qualità, ma sicuramente non interpretano sempre la soddisfazione o il gradimento del pubblico. Questo ne è un esempio molto chiaro e parlante. Già dal titolo si avverte un fastidio che spinge a voler comprendere il perché di quelle parole messe lì per caso, senza un significato ben preciso. Ma il titolo è forse l'aspetto più gradevole di questo noiosissimo e narcisistico lungometraggio , privo di sostanza e adatto ad un pubblico forzatamente intellettuale che indossa la maschera dell'intenditore per fuggire dai luoghi comuni e dal banale. Se da un lato abbiamo i commercialissimi thriller americani , sull'altro estremo si pongono film come questo dove il pretesto di una tecnica cinematografica cade solo nell'eccentricità . Film pessimo

-Uskebasi-  @  28/02/2016 03:30:28
   7 / 10
Il messaggio di Andersson arriva forte, chiaro e diretto. La ripetività, la monotonia, la solitudine, l'inutilità dell'esistenza, la distanza dalla felicità...
Il problema è che la forma, con questi splendidi quadri statici e sbiaditi, ci spara addosso soltanto questo e non permette nessun altro sviluppo, eccezion fatta per la scena più bella del film, ovvero l'agghiacciante sogno di Jonathan.
Troppo ripetitivo insomma, forse l'avrei saputo apprezzare come un vero capolavoro se fosse stato un mediometraggio, magari che si concludeva con quella meravigliosa canzone alla taverna di Lotta la zoppa a Göteborg.
Brindiamo alla vita! E paghiamo da bere con dei baci.

topsecret  @  26/12/2015 19:57:49
   5 / 10
Le cose sono due: o sono limitato e non posseggo i mezzi necessari per capire e carpire l'essenza di film come questo (e secondo me è l'opzione più probabile) oppure, semplicemente, non mi ha entusiasmato l'idea di racconti minimalisti di vite grigie, di nonsense, di squallore esistenziale che il regista ha voluto evidenziare in questo suo film.
Verso la fine mi stavo per addormentare, e non è una cosa che mi capita sovente quando si tratta di cinema, perciò mi riesce difficile trovare punto vincenti in questo leone d'oro 2014, se non forse l'originalità dell'idea e di come è stata realizzata, ma sinceramente non mi pare abbastanza per meritare la sufficienza.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  23/11/2015 11:31:13
   7½ / 10
Già solo il titolo farebbe scappare a gambe levate lo spettatore medio italiota, abituato ai rutti e alle scoregge dei vari cinepanettoni (o poco più).
Antitesi del cinema commerciale, questo lungometraggio svedese si rivela paradossale, grottesco, cinico. Non è facile apprezzarlo, né discuto il merito del leone d'oro assegnatogli a Venezia. Di fatto lo considero interessante e originale come pochi altri.

david briar  @  22/09/2015 00:38:06
   7½ / 10
Visto per motivi universitari,è un teatro dell'assurdo filmato da un regista raffinatissimo ed elegante.Certe scene sono una vera e propria gioia per gli occhi e per il cervello,su tutte un sogno di morte alla fine che difficilmente dimenticherò.A tratti è insopportabile,e certi "quadri" sono poco interessanti,in altri momenti provoca un curioso senso di spaesamento e di malinconia divertente, assimilabile,per quanto possa sembrare un paragone fuori luogo,alla sensazioni del cinema dei Coen.

Come già detto talvolta è una gioia per gli occhi e per il cervello,ma praticamente mai per il cuore.Però nel complesso mi è piaciuto.E' uno di quei film che fa sentire intelligente la critica e gli intellettualoidi,e oggi avevo voglia di sentirmi intelligente anch'io..

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  15/09/2015 15:55:22
   4 / 10
Il regista sceglie di raccontare alcune esistenze prive di "vita" facendo trasparire questa nullita' attraverso lo schermo. Certamente la scelta di girare tutto un film di 100 minuti con questo grigiore appesantisce la visione che diventa snervante gia' dopo la prima mezz'ora.
Quindi perche' apprezzare questo film? Per lo stile con cui è girato? Puo' passare ma sicuramente per poco tempo.
Non trovo altri motivi di merito sinceramente.
La giuria di Venezia gli ha assegnato il leono d'oro nel 2014. O perche' ha voluto dimostrare di capire di cinema per aver premiato un film sperimentale o perche' le alternative erano peggiori di questo...
Insopportabile

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  12/07/2015 22:59:20
   6 / 10
Il grigiore è l'elemento comune di queste del film di Roy Andersson. Grigiore nella tavolozza dei colori, estremamente smorti, il griogiore dei personaggi alle prese con le loro miserie umane, il grigiore della messa in scena ai limiti del metafisico, scarna e povera. Il film oggettivamente è fuori dagli schemi e particolarissimo, molto di nicchia e dalla fruibilità abbastanza difficoltosa. Una commedia dell'assurdo dell'esistenza umana che nn tutti probabilmente apprezzeranno, ma certamente privo di banalità.

Ciaby  @  14/05/2015 12:55:52
   8½ / 10
Il seguente aneddoto va letto sia come testimonianza di un evento accaduto che come recensione simbolica di "Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza".

Cinema sgombro, proiezione dell'ultimo di Roy Andersson. Un paio di vecchie. Si nota però una ragazza di al massimo quattordici anni, scheletrica, vestita alla moda, con iphone alla mano. Una di quelle che ti immagini il sabato sera in discoteca a reggere il cocktail in mano senza sorridere. è qui, completamente sola. Mi sembra buffa. Stona con tutto il resto.
Probabilmente, penso, si inventerà una storia con le amiche per salvare la faccia: "Ho passato il pomeriggio con quel figo palestrato che mi ha presentato tua cugina sabato sera. Siamo usciti, ci siamo fumati degli spinelli e ci siamo baciati fino al tramonto."
E invece è qui, con lo sguardo atterrito verso lo schermo. Una zombie, come i personaggi del film.

"Lei aveva un sasso nella scarpa."
"Ho visto."
"è stato bello."
"Cosa c'è di bello nell'avere un sasso nella scarpa?"
"è stato bello vedere che è riuscita a toglierselo."

Invia una mail all'autore del commento cupido78  @  27/02/2015 14:21:52
   4½ / 10
so già che se non avesse avuto il leone d'oro, tanti non si sarebbero mai sognati di gridare al capolavoro. Premesso questo affermo che me ne sbatto altamente dei premi, delle giurie e della critica.
Questo Piccione è una gran tortura a cui mi sono placidamente concesso per poi dormirci su e riflettere sulle conseguenze: poco o niente.

Rimane una grande provocazione stilistica: nell'era della tecnica registica e narrativa esasperata e funambolica il Nostro ha piazzato la macchina da presa sul cavalletto e ha mosso gli attori. Un grido esasperato che intima: "Fermiamoci per dio!"

Ok!

Viviamo un periodo storico alienante. I Rockefeller (vecchi ricchi assetati di champagne e morbosità) continuano a guidare il mondo e noi siamo topolini da laboratorio nel giro di giostra settimanale, svuotati di vere emozioni, programmati per fare sempre le stesse cose, gli stessi errori, cercando di vendere agli altri( e a noi stessi) l'inutilità(maschere e denti vampireschi, finte risate). I peccati veniali dell'umanità, il genocidio e le inutili guerre di conquiste si fondono accavallandosi alla misoginia, alle turbe sessuali, al vizio del gioco.

La morte come salvezza, come speranza di un paradiso che non può esistere in terra. La sconfitta dell'uomo come essere senziente e intelligente. La scimmia dimenticata in un amperaggio che la scuote nell'indifferenza di un'umanità svuotata.

Noi disumani e disumanizzati. Grazie, ma il film è una gran palllaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

fiesta  @  24/02/2015 10:21:14
   10 / 10
Colori sbiaditi, assenza di ombre, profondità di campo, pianosequenza e recitazione scarna. Espressionismo tedesco e Bazin. Il mix oramai d'autore va di nuovo in scena per l'ultimo capitolo di una saga apocalittica.
Oramai Andersson non lascia più spazio a qualsiasi tipo di sensazione. Dei trentanove quadretti presenti nel film solo in quattro traspaiono emozioni: delle bambine che giocano con le bolle di sapone, una donna in un parco che gioca col suo neonato, una coppia che fuma una sigaretta post coito, una coppia con il loro alano che distesi su una spiaggia di un dorato spento si accingono ad avere un rapporto sessuale. In ognuna di queste scene c'è il segno tangibile della modernità che incombe sui protagonisti (è subito alle spalle o è in profondità di campo).
Andersson è innamorato di Steinbeck perché entrambi odiano la modernità!
L'apocalisse si è ultimata, non si riesce a creare empatia in nessun modo con i Nostri (poche le scene dove sono presenti gli unici protagonisti dell'opera per poter instaurare un rapporto di identificazione) perché allo stesso modo non creano empatia tra loro (emblematica la scena dove siamo costretti ad assistere ad un vuoto messaggio lasciato in segreteria mentre sullo sfondo si svolge il dramma di ciò che pensiamo possa essere una ex coppia) . Ogni conversazione oramai è vuota, non c'è più spazio per l'introversione e le uniche malinconiche emozioni provengono da ricordi del passato (anch'essi alquanto ambigui).
L'ultimo film di questa meravigliosa saga sancisce la morte dell'emozione.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  23/02/2015 00:47:13
   6½ / 10
Piu' che rilessioni, si tratta di riflessi. Andersson metabolizza un'idea di cinema che in certi
Contesti fa gridare al Capolavoro, puzzle senza un tempo preciso dove ci si commuove per il vecchio cliente di un bar, si rabbrividisce per gli orrori dell'umanita' vs. Shioah, o inorridisce davanti agli esperimenti genetici sugli animali. E' uno scenario che via via ricorda Jodorowsky e Von Trier, Bergman e Dreyer, la letteratura di Ibsen e i quadri della pittura nordica dell'Ottocento, "dipinti" da una fotografia nitida e dalle leggi della Metafisica. E' un film ora attraente ora insopportabile (vs. Un certo sconfinato manierismo
Che serpeggia nei dialoghi e in certi episodi), ma e' palese, evidente, eloquente che il tutto sia una sconfinata ammirazione per Samuel Beckett e il suo "teatro dell'assurdo" trapiantato nei lidi nordici del cinema europeo. Aspettando Godot o chissa' chi altro, un referente che mette in luce, con il suo controverso Leone d'oro a Venezia, tutta una genesi storica e sconfinata del fatalismo umano

4 risposte al commento
Ultima risposta 29/10/2017 12.20.45
Visualizza / Rispondi al commento
dagon  @  21/02/2015 01:16:52
   2 / 10
Leone d'oro al festival di Venezia.... Vabbe'... Una specie di versione scandinava di "cinico tv": inquadrature statiche con gente brutta e squallida, immobile, silenzi o frasi proferite in modo piatto ed atono, oltre che lentissimo. Uno dei film piu' fastidiosi ed irritanti che abbia visto negli ultimi anni. Mi ha urtato esattamente come quando sono andato al museo d'arte moderna ed un sistema di compiacenti critici & co. ha cercato di convincermi che quattro coni di plastica a strisce arancioni appoggiati per terra, di quelli usati per segnalare i restringimenti di carreggiata sulle strade, fossero un'opera d'arte ("perche' l'artista ha voluto esprimere..." Ma andate affa...). Frammenti e siparietti surreali, in un tripudio di calcolatissima e narcisistica pseudoautorialita' da strapazzo (oltre che secondo un modello di cinema d'autore vetusto), che vorrebbero farci vedere quanto e' misera la nostra vita... Grazie, dopo questa ora e quarantacinque di tedio profondo la mia e' ancora piu' misera.
Per alcuni questo e' IL cinema, registro e rispetto l'opinione, per carita', ma per me e' l'ANTI cinema, ne' piu' e ne' meno della piu' becera delle americanate, seppur sull'estremo opposto...
Si dice che il mondo sia bello perchè è vario... mah...

11 risposte al commento
Ultima risposta 24/02/2015 10.23.48
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Living Dead  @  22/12/2014 17:06:45
   9 / 10
Andersson dipinge le sue tele con inarrivabile tecnica e precisione, spaziando nelle tre dimensioni senza l'utilizzo del 3D digitale. Giustamente vincitore di Venezia 2014, fa ridere a denti stretti di fronte alla disperazione della condizione umana. Capolavoro.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcriminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovato
 NEW
famosafantasy island
 NEW
gamberetti per tutti
 NEW
ghostbusters: legacy
 NEW
gli anni piu' belligretel e hansel
 NEW
greyhound: il nemico invisibileil ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnello
 NEW
l'anno che verrÓl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
nel nome della terranon si scherza col fuocooutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di saw
 NEW
stay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutants
 NEW
the old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusvivariumvolevo nascondermi
 NEW
vulnerabiliwaves

1006373 commenti su 43733 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net