tre piani regia di Nanni Moretti Italia, Francia 2021
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

tre piani (2021)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film TRE PIANI

Titolo Originale: TRE PIANI

RegiaNanni Moretti

InterpretiMargherita Buy, Nanni Moretti, Alessandro Sperduti, Riccardo Scamarcio, Elena Lietti, Chiara Abalsamo, Giulia Coppari, Gea Dall'Orto, Alba Rohrwacher, Adriano Giannini, Alice Adamu, Letizia Arn˛, Denise Tantucci, Anna Bonaiuto, Paolo Graziosi, Stefano Dionisi, Tommaso Ragno, Francesco Brandi

Durata: h 1.59
NazionalitàItalia, Francia 2021
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 2021

•  Altri film di Nanni Moretti

Trama del film Tre piani

Una serie di eventi trasformerÓ radicalmente la vita dei residenti di un edificio romano, rivelando le loro difficoltÓ nell'essere genitori, fratelli o vicini di casa in un mondo dove il risentimento e la paura sembrano aver avuto la meglio sul vivere insieme. Mentre gli uomini sono prigionieri della loro caparbietÓ, le donne cercano - ognuna a modo loro - di risanare le fratture e di trasmettere quell'amore creduto scomparso per sempre.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,58 / 10 (6 voti)6,58Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Tre piani, 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  09/10/2021 10:24:20
   6½ / 10
Un evento iniziale che diventa la concatenazione di più eventi che come un domino modificano in profondità l'equilibrio esistente. L'apparente tranquillità fa emergere paure profonde e paranoie che coivolgono gli inquilini di questo mini condominio. In molti personaggi maschili specie quello di Lucio (Scamarcio) e Vittorio (lo stesso Moretti) è presente una certa rigidità nell'atteggiamento. Una paranoia che diventa ossessione il primo, L'inflessibilità del secondo, incapace di relazionarsi con il figlio e costringendo la moglie a tagliare completamente i ponti con il figlio. Le done sono più sfaccettate, rielaborano in maniera meno traumatica i cambiamenti proprio a cominciare dal personaggio della Buy capace di perdonarsi per aver sacrificato l'amore per il figlio alla sicurezza della vita di coppia, mentre Monica prende la via della fuga per sfuggire alla solitudine ed alla depressione, per non dire follia. Costretta a crescere i figli praticamente da sola per via del marito quasi sempre assente per lavoro. Un film dal rigore molto ben definito, immerso in un contesto romano pressochè anonimo, quasi metafisico. Forse è anche lo spazio mentale dello stesso regista, in cui i caratteri principali dei suoi personaggi riecheggiano in certe caratteristiche il suo cinema passato. E' un Moretti più serio, privo di quell'ironia che lo contraddistingue come La stanza del figlio. Un Moretti sicuramente più maturo, ma forse un po' spersonalizzato.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  07/10/2021 23:49:28
   7 / 10
No non mi trovo d'accordo sulle stroncature, non sarà il miglior Moretti ma è pur sempre un film di tutto rispetto. Se non sbaglio poi i Critici sono gli stessi che esaltavano i Dardenne salvo rickredersi dal giorno alla notte, a seconda dell'umore. Sulla carta, "Tre piani" è un bellissimo film, ne ricorda molti altri ("Sotto la sabbia" di Ozon per i dialoghi al "fantasma" della Buy, "L'eleganza del riccio" e, di nuovo, quel film con la Rampling premiata a Venezia) ed è quel tipo di script che mi attira tantissimo, come quel magnifico film di Jill Sprecher di qualche lustro fa. Eppure a modo suo delude: troppo affettato nel risultato (davvero "telefonato" il creditore vicino di casa durante un Black out, senza contare l'esagerata rappresaglia da anni 70" dell'estrema destra), troppo stilizzato nei personaggi (il fratello Dionisi, un attore che ha sempre dato ottime prove), ma non così "vecchio", convenzionale e freddo come dicono i critici. Sarò di parte, ma io dico che le emozioni si provano, e forse c'è ne sono troppe. Mi sarò sentito vulnerabile ma se dovessi giudicare il film dal lato emotivo sarebbe un 8. Artisticamente forse non aggiunge molto, il Lutto anche nella Vita (gli affetti che si separano ne so qualcosa io) citando la Buy una scena della Morante nel memorabile "La stanza del figlio". Poi saranno bozzetti manierismo ammiccamenti "solidali" con il suo pubblico (la gara di Tango per strada) eppure Moretti indica una sua Nuova Strada. Per molti si è fermato, credo sia tutto soggettivo. A modo suo brilla di sincerità

mrmassori  @  04/10/2021 11:35:16
   5 / 10
il solito pretenzioso nanni moretti, un piatto calderone dello spaccato della media borghesia miscelato a finto intelletualismo di facciatta. Da evitare.

Fidelio89  @  30/09/2021 14:56:01
   8 / 10
Il nuovo film di Nanni Moretti non è piaciuto a nessuno, tranne che a me. Il che mi fa capire, ancora una volta, di quanto io sia fuori dal mondo (da questo mondo, perlomeno). Distrutto sostanzialmente da tutti, salvo rare eccezioni, persino dai critici francesi che da sempre lodano la sua opera. Questo film è destabilizzante, estremo, un oggetto stranissimo, non-cinema allo stato puro, molto distante da ciò che è stato il suo cinema lungo quarantacinque anni di attività, seppure con delle assonanze nemmeno troppo sottolineate agli antichi suoi vezzi. Con questo film è come se Nanni Moretti celebrasse il funerale al suo cinema, quindi anche a sé stesso. Un gesto estremo, che in più hanno interpretato come autolesionismo deteriore. Può esistere un autolesionismo non deteriore? Per me sì e si chiama "Tre piani".

Non so se tutte le critiche negative che gli stanno arrivando addosso siano "scempiaggini", d'altra parte non faccio troppa fatica a comprendere le ragioni che hanno spinto la pressoché totalità dei morettiani (gente pure un po' infantile nella sua seriosità, diciamocelo) a disconoscere il loro beniamino che li ha traditi. Sì, confermo, questo film è un tradimento, ai suoi fan, alla critica, agli spettatori, ma soprattutto è interessante perché è un tradimento al Cinema. Restano da capire i motivi che hanno spinto la maggioranza delle persone a detestarlo, che poi sono gli stessi che invece me lo fanno amare. Forse un po' li ho capiti. Intanto mai avrei pensato di poter vedere una scena di sesso in un film del pudico Moretti, per di più girata in questo modo (non dico come). Mai avrei pensato di poter vedere in un suo film una scena con

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER. Mai avrei pensato di sentire Gigi D'Agostino nella colonna sonora di un suo film.

L'operazione di sottrazione, devitalizzazione di ogni scena è totale e devastante. Questo film non ha nulla a che vedere con ciò che è il cinema e soprattutto con il cinema degli ultimi vent'anni. Più che ad Haneke e Almodovar, diversamente da come s'è scritto a sproposito, "Tre piani" guarda ai melodrammi strappalacrime dei dimenticati Mario Bonnard e Raffaele Matarazzo, con la differenza sostanziale che il film è stato girato dalla mano di Nanni Moretti! Se fosse stato realizzato negli anni '40, al posto di Scamarcio ci sarebbe stato Amedeo Nazzari. "Tre piani" è un atto inattuale, l'antitesi della modernità e della postmodernità: non esistono televisori, gli smartphone vengono usati solo per telefonare, le adolescenti piacenti hanno il pelo pubico e

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER, i bambini giocano ancora con le matite colorate e le segreterie telefoniche sono ancora attive. Ad un certo punto appaiono persino due vetuste valigie classiche (proprio così, non sto parlando dei trolley!)

I detrattori contestano a Moretti l'incapacità di leggere la realtà. Ma costoro non capiscono (non vogliono capire) che a Moretti la "nostra" realtà non interessa, non la vuole vedere, e nel film precedente a questo ("Mia madre") affida queste parole a Margherita Buy (non è un caso che "Mia madre" e "Tre piani" si concludano con un primo piano della Buy quasi simile, con la sola differenza interno/esterno). In diverse recensioni ci si chiede se la recitazione compassata, anedonica e indolente di tutti gli attori sia una scelta voluta o frutto di imperizia tecnica. Rispondo io, perentoriamente: la prima.

Un altro elemento da segnalare, è l'uso quasi sperimentale del montaggio, nonché l'adozione di diverse dissolvenze in nero che rendono l'insieme ancora più straniante, ancora di più se pensiamo che il mood "film televisivo di Rai 1" è costantemente presente. Roy Menarini, a tal proposito, pur non avendo apprezzato pienamente il film, è l'unico tra i commentatori che abbia saputo identificare questa doppia anima: da una parte il cinema italiano normalizzato e addomesticato di stampo televisivo degli ultimi vent'anni, dall'altra un uso tra lo strano e lo straniante di un linguaggio quasi criptico, quasi sospeso in una bolla, che in più punti a me ha ricordato lo stile di un altro regista, non a caso molto criticato ma che a me piace moltissimo: Paolo Franchi.

Questo film non piace per una ragione molto semplice: intestardendosi su una strada (la sua è solo "la sua strada") antinaturalistica, finisce per scontentare sia i fan di Moretti, completamente privati per la prima volta della sua riconoscibilissima ironia, sia lo spettatore comune, abituato a ritmi veloci, architrame standardizzate con "approfondimenti psicologici" magari ben fatti (specie nelle serie televisive), con tutti i pesi e i contrappesi piazzati al posto giusto, ma che in fondo hanno una sola funzione: intrattenere gli anziani (o i giovani, nel caso delle serie TV).

Sono serio, ho trovato tutto questo scioccante. Secondo me solo tra molti anni capiremo se "Tre piani" sia stato l'unico passo falso della carriera di Moretti o se il suo peso rivestirà una funzione fondamentale nell'economia della sua opera. Per il momento mi fermo qui. Questo film, non essendo Cinema, merita tutto il mio rispetto.

suzuki71  @  29/09/2021 21:26:13
   5 / 10
Un innocuo, zuccheroso pluri-interno iper-borghese che scivola addosso e va via che più algido non si potrebbe. Smuove di più il fragore del tram.

minut  @  26/09/2021 23:08:36
   8 / 10
...è proprio così, semmai vi fossero dubbi, sono sempre le donne che con la loro forza e determinazione riescono a sostenere quelle che sono le debolezze e gli stati di crisi degli uomini che spesso caratterizzano e marchiano indelebilmente la famiglia, all'interno della quale chi ne fa le spese sono quasi sempre i figli.
Tutto questo nel film è senza dubbio assai presente attraverso i conflitti e i drammi che coinvolgono tre famiglie, in ognuna delle quali è sempre l'uomo che che recitano nelle parti dei figli.esprime ed esalta in maniera negativa verso i figli, ora le proprie eccessive aspettative, ora le paure schizzofreniche ed esasperate.
Nanni Moretti come regista confeziona un lavoro pregevole, mentre come interprete pur comparendo poco lascia il segno che è un pugno nello stomaco.
Brava la Rohrwacher, ancora di più Scamarcio che cresce artisticamente.
Una citazione anche per i giovani esordienti che recitano nelle parti dei figli.

3 risposte al commento
Ultima risposta 03/10/2021 20.18.01
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#iosonoqui
 NEW
2 fantasmi di troppo47 metri - great white
 NEW
8 rue de l'humanite'a cena con il lupoa chiaraa classic horror storya dayagente speciale 117 al servizio della repubblica - missione rioagente speciale 117 al servizio della repubblica: missione cairoagnesall my life
 NEW
allons enfantsancora piu' belloariafermaarmy of thievesatlasattack of the hollywood cliches!bac nordbeckettbentornato papa'benvenuti in casa espositobing e le storie degli animalibingo hellblack widow (2021)blood brothers: malcolm x & muhammad aliblood red skyblue bayouboys (2021)britney contro spears
 NEW
broadcast signal intrusioncandymancapitan sciabola e il diamante magicocenerentola (2021)
 NEW
city hall (2020)codacome un gatto in tangenziale - ritorno a coccia di mortocoming home in the darkcon tutto il cuorecry machodau, natashadaysdemigoddemonic (2021)drive my car
 T
dune (2021)earwig e la stregaennio: the maestroescape room 2: gioco mortaleezio bosso. le cose che restanofalling - storia di un padrefast & furious 9 - the fast sagafear street parte 1: 1994fear street parte 2: 1978fear street parte 3: 1666frammenti dal passato - reminiscence
 NEW
francefree guy - eroe per giocofreedom (2021)
 NEW
halloween killsi croods 2 - una nuova era
 NEW
i gigantii nostri fantasmiil bucoil cieco che non voleva vedere titanicil collezionista di carteil gioco del destino e della fantasia
 T
il giro del mondo in 80 giorni (2021)il materiale emotivoil matrimonio di rosa
 NEW
il migliore. marco pantaniil mostro della criptail ragazzo piu' bello del mondoil silenzio grandeil viaggio del principe
 NEW
illusions perduesi'm your manin the heights - sognando a new yorkio restoio sono nessunoisolation (2021)jodorowsky's dunejosee, la tigre e i pescijungle cruisekatela casa in fondo al lagola guerra di domani (2021)la notte del giudizio per semprela padrina - parigi ha una nuova reginala ragazza con il braccialettola ragazza di stillwaterla terra dei figlilambl'amore non si sa
 NEW
l'arminutaleave no traceslet us inl'incorreggible (2021)lucus a lucendo - a proposito di carlo levil'uomo nel buio - man in the darkmadresmadres paralelasmalignant (2021)marilyn ha gli occhi nerimarx puo' aspettareme contro te: il film - il mistero della scuola incantatamedusa: queen of the serpentmi chiedo quando ti manchero'mondocane (2021)nessuno ne uscira' vivo
 NEW
night teethno time to die
 NEW
notti in bianco, baci a colazionenowhere specialoasis: knebworth 1996occhi bluoldparsifalpaw patrol - il filmpenguin bloomper luciopeter rabbit 2 - un birbante in fuga
 NEW
petite mamanpigqui rido ioquo vadis, aida?reflectionrespectritorno in apnea
 NEW
ron - un amico fuori programmaroom 9salvatore - il calzolaio dei sognischumachershang-chi e la leggenda dei dieci anellishepherdsibyl - labirinti di donnasnake eyes: g.i. joe - le originispace jam - new legendsspin time, che fatica la democrazia!state a casasulla giostrasupernova (2021)the archthe book of visionthe boy behind the doorthe ghosts of borley rectorythe green knightthe last duelthe manor (2021)the nest (2021)the night house - la casa oscurathe protege'the sparks brothersthe suicide squad - missione suicidathe voyeurs
 NEW
thegrandmotherthey talktigerstitanetoothfairy 3tre pianiultima notte a sohouna relazioneuno di noiunplanned - la storia vera di abby johnson
 NEW
upside down (2021)venom - la furia di carnagevolami viawarningwelcome venice
 NEW
yara

1022095 commenti su 46504 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net