the company men regia di John Wells USA 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the company men (2010)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE COMPANY MEN

Titolo Originale: THE COMPANY MEN

RegiaJohn Wells

InterpretiBen Affleck, Kevin Costner, Tommy Lee Jones, Maria Bello, Chris Cooper, Craig T. Nelson, Rosemarie DeWitt, John Doman, Patricia Kalember, Tonye Patano, Liam Ferguson, Dana Eskelson, Cady Huffman, Tom Kemp, Kent Shocknek

Durata: h 1.49
NazionalitàUSA 2010
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2012

•  Altri film di John Wells

Trama del film The company men

E' la storia di tre uomini che cercano di sopravvivere ad un ciclo di ridimensionamento dell'impresa per cui lavorano, trovandosi costretti a ridefinire la loro esistenza di uomini, mariti e padri.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,82 / 10 (22 voti)6,82Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The company men, 22 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  20/09/2016 20:25:40
   6 / 10
Un film che mette il dito nella piaga della crisi che non risparmia alcuna tipologia di classe sociale.
Gli eventi sono semplicemente la triste verità di sempre, quindi difficile rimanere impassibili davanti ai drammi dei protagonisti, contestualizzabili in qualunque realtà; ma anche se rimane fin dall'inizio l'odore di inevitabile consolatorio hollywoodiano, lo si guarda comunque con sufficiente partecipazione e toccaferro fino alla fine grazie ad un Affleck piuttosto all'altezza del ruolo affidatogli.

ferzbox  @  06/06/2016 18:37:13
   8 / 10
Se penso alla crisi presente in Italia non è certo salutare vedere "The company men", perchè nonostante il film si concentri su un fenomeno appartenente alla realtà americana, molti dei problemi che vengono affrontati hanno comunque la capacità di sensibilizzare chiunque appartenga ad una società, figuriamoci noi che siamo nel mezzo della "penisola che non c'è"....siamo tutti succubi di un sistema che non funziona, marionette di un governo manovrato da grandi imprenditori e uomini di potere........

"The company men".....appunto...
...è la storia di tre uomini manager di una gigantesca multinazionale, ritrovatosi dopo anni di carriera con una mano davanti ed una di dietro; il cosidetto supermegadirettore figl.d.Putt, decide di ridurre notevolmente il personale in modo da far rimanere in piedi la sua megasuperazienda per continuare ad esercitare il ruolo di bastardissimo ed eccentrico strariccone...
Ed ecco che i cosidetti tre uomini disoccupati si presentano con il volto di Tommy Lee Jones, Ben Affleck e Chris Cooper, improvvisamente ed istantaneamente privi di tutto il benessere che li circondava prima, in avanzo con l'età, diventati un numero come un altro, all'interno della gigantesca vasca di squali predatori e concorrenti disperati, incapaci ormai di continuare a pagare il mutuo o rinnovare l'abbonamente annuale dell' X-Box al figlio....
...le conseguenze della mentalità americana, dove non riescono ad attuare la filosofia del risparmiatore, spendendo tutto quello che guadagnano con la convinzione che niente e nessuno possa privarli del proprio lavoro, incuranti di quello che può succedere se improvvisamente dovessero trovarsi senza il proprio impiego.....
Noi italiani ormai non viviamo più in un epoca dove è possibile farlo, però fino a 20 anni fa avevamo la mentalità del "castelletto", cioè quella quantità di denaro formatosi con i piccoli o medi risparmi fatti nel corso del tempo; considerato il loro miglior status economico è da pirloni spendersi tutto per rischiare di non avere nulla....dicono di essere tanto svegli.....bhò....ci credo che poi i pesci più piccoli vengono inculàti a sangue da quelli più grossi....
....ma in fondo il film cerca anche(e sopratutto) di valorizzare un pochino questi americani e il loro sogno tante volte citato.....
Così ecco nascere i valori umani quando la merdà sale e arriva fino al mento; nel cercare di stare a galla e mantenere una vita equilibrata si riescono a ritrovare le mogli, i figli, l'amicizia e la voglia di vivere.
La depressione e la tendenza al suicidio sono una conseguenza sempre legata ai meccanismi della società, da quello schemino artefatto che determina chi è perdente da chi non lo è......ma si è perdenti solo quando lo si vuole essere; la perdita di qualcosa di vitale non è la perdita della vita stessa....finchè si vive tutto può succedere, basta semplicemete esserne convinti e conservare un pizzico di orgoglio sufficente per continuare a stare in sella....
Pellicola ipnotica nonostante la tematica possa sembrare noiosa; ottima prova dei protagonisti e discreta regia.....mi è piaciuto.....

Kit Carson  @  03/01/2016 22:23:31
   5 / 10
Insipido filmetto sulla crisi economica degli ultimi anni. Il cast è sulla carta notevole ma nei fatti non incide più di tanto sui limiti evidenti di sceneggiatura. Personaggi piatti piatti, storia che si mantiene a livelli di superficie e scorre via in direzione anonimato assoluto. Nessuno spunto particolare. Mediocre.

TheLory  @  14/07/2015 19:44:24
   6½ / 10
Provare compassione per Ben Affleck che perde un lavoro da 100.000 dollari l'anno mentre nel mondo milioni di persone tirano la cinghia, è duretta.
Per questo non ho provato particolari emozioni, ma resta comunque un buon film, specie se appartenete alla grande famiglia di borghesi che pubblicano su fb video di teneri gattini, foto del vostro flaccido sederone in spiaggia mentre degustate il vostro fotogenico aperitivo.

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  27/03/2014 13:42:04
   6½ / 10
Molto simile all'esordio di J.C. Chandor che uscirà l'anno successivo, anche quello come questo debutto di Wells fu presentato al Sundance, focus sulla crisi economica, in entrambi il precariato investe le sfere più alte dell'azienda, ma se Chandor non si perde ad illustrare l'impatto della crisi sul quadretto famigliare, con annessa qualche stucchevole sviolinata sentimentale padre-figlio quale invece Wells opportunamente fa, 'Margin Call' resta ancorato al clima ansiogeno che prelude ad una non ben specificata ed imminente crisi mondiale, c'è un fuggi fuggi generale. Più didattico, freddo e con dialoghi persuasivi 'Margin Call', Wells ci ricama troppo sopra, ambisce ad allestire 3 storie paratattiche sulla reazione e all'adattamento professionale, sulla privazione di una vita di lussi e sul devastamento morale di 3 manager, e non tutti sapranno reagire. Affleck mi convince poco, non è che dietro ci sia una grande scrittura sui personaggi, e l'eccesso di alternanza tra star non beneficia a farli ingranare singolarmente.

Urasawa  @  29/05/2013 01:35:47
   5½ / 10
Non c'è nessuna scintilla in questo film. Le sofferenze sono vere, ma non suscitano interesse né ispirazione.

Manticora  @  09/05/2013 18:22:09
   8 / 10
Bel film, Wells racconta tre storie che si intrecciano, tre esistenze vengono messe a dura prova, e non tutte riescono a risalire a galla. Il direttore vendite di una società (Affleck) che viene licenziato, il vice di una società che costruisce navi che viene prepensionato, e l'amico che non avendo risparmi da parte a 60anni si trova a dover cercare lavori con colluquii. Non ci sono forzature, ma solo la vita, prima guadaganvi 120000 dollari all'anno, avevi la porsche, potevi permetterti settimaa bianca, mutuo e la x-box live per tuo figlio, dopo, devi accontentarti...
Bella la situazione che si crea, con Affleck che ingoiato l'orgoglio va a fare il muratore per tirare a campare, ma non affonda, perchè c'è sempre la possibilità del riscatto. Tommy Lee Jones, anziano ma non ancora al tappeto, può fare il pensionato, invece decide di iniziare daccapo, con i suoi amici, perchè c'è sempre posto, se vuoi lottare.
Solo Chris Cooper rimarrà indietro, purtroppo il suo personaggio si trova schiacciato tra la finzione e la vergogna

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Il finale dà speranza.

Ape1  @  09/05/2013 09:12:49
   8 / 10
A me ha dato emozioni, forse perchè capisco le situazioni rappresentate e non le ritengo per nulla assurde. Basta conoscere gli USA per averci vissuto o lavorato, e anche una parte della nostra società, per vedere che non c'è nulla di poco credibile in questo film. In ogni caso il film non è fatto per nulla male e gli attori sono bravi. Forse non sarà un capolavoro assoluto ma non capisco gli attacchi livorosi di chi si lamenta che il film non sia incentrato sul mondo operaio... in ogni caso negli USA il rischio imprenditoriale esiste davvero e non è spalmato sulla società attraverso le banche come da noi, quindi il lavoro e le aziende possono andare in rovina anche velocemente. Quanto a chi dice che il film non parla anche di lavoro manuale, forse il film non lo ha proprio visto; anzi, il lavoro manuale viene esaltato, presentato in modo molto positivo. Un film che merita di essere visto

StIwY  @  16/04/2013 14:43:51
   5½ / 10
Un filmetto incentrato sulla crisi economica, piuttosto noioso e senza mordente. Non si capisce come mai in questi film non ci sia nessuno che faccia lavori manuali......hanno sempre uffici e il **** poggiato su poltrone a scrivere scartoffie, mai qualcuno che si spacca la schiena.....la famigliola perfetta e sorridente alla "mulino bianco", che poi si sfalda.....sempre il solito cliché, che diavolo, un po' di fantasia ogni tanto non guasterebbe.

gemellino86  @  19/01/2013 11:15:14
   6 / 10
Mi aspettavo di più da questo film che tratta temi (e soprattutto problemi) importanti nella realtà di oggi. Stenta a decollare e gli attori a parte Costner non mi hanno molto convinto. Comunque merita la sufficienza.

il ciakkatore  @  25/11/2012 09:33:33
   4½ / 10
Film che vuole trattare l'attuale problema della difficoltà nel ritrovare un lavoro,buon presupposto che però non immedesima di certo la maggior parte di chi andrà a vederlo,visto che quì tutti hanno super auto di lusso,case da 850000 dollari e poi perdono il lavoro e vanno in miseria???? Mah!! Non ho capito cosa voglia significare questo film,forse era meglio intitolarlo "Anche i ricchi piangono"

colorants  @  10/07/2012 14:36:48
   5½ / 10
Dall'avere 850 mila dollari di casa a trasfersi coi propri genitori? Bhe qualche passaggio in più è necessario. Diciamo che più che realistico mi è sembrato a volte un' esasperazione della realtà. Ad ogni modo il film mi è parso lento e mai emozionante. Non rimarrà mella mia memoria come un gran film.

Tuonato  @  01/02/2012 10:42:07
   7 / 10
Attuale. Realista.
Inquietante.

Fa tenerezza notare come K Costner sia ormai ai margini dalle produzioni che contano, relegato ad una particina priva di acuti.

enter  @  11/09/2011 09:57:11
   5 / 10
vado un po controcorrente,il tema sicuramente e interessante e purtroppo e la cruda realta' di oggi,ma forse con questo gruzzolo di grandi attori forse mi aspettavo di piu e far decollare un po di piu il film,un po piu vivo ecco!!!

JB488  @  08/09/2011 05:14:40
   7½ / 10
un ottimo film,l'unica cosa che non mi è piaciuta è stata il modo in cui ha approfondito le vicende familiari del protagonista,anzi come NON ha affrontato,capisco la sterilità nel resto del film che rende al meglio l'idea di ciò che accade,ma il rapporto padre marito figli moglie mi è sembrato troppo irreale,detto questo rimane un buonissimo film che tratta un argomento molto interessante tristemente reale.

dobel  @  06/08/2011 13:03:46
   8 / 10
Uno dei primi film che si occupano della recessione e dell'effetto di questa sulle famiglie. Frank Capra sarebbe fiero del regista in questione: bel film con buoni sentimenti di onestà che si contrappongono alla inesauribile sete di guadagno a 'tutti i costi' dei grandi dirigenti.
Interpreti bravissimi; il personaggio secondario interpretato da Kevin Costner resta nel cuore!!!
Mi è piaciuto, e anche se vuol fare leva sui buoni sentimenti e cercare di dare una speranza molto semplice e molto americana allo spettatore, credo che un otto lo meriti. Se non altro per l'intenzione che ha di compiere una buona azione, e per il bel messaggio: la ricchezza ed il benessere non vanno dati per scontati; all'occorrenza bisogna farsi su le maniche, tirare la cinghia, e portare avanti la carretta. La dignità della gente (e anche la sua felicità), non risiede nell'automobile, nella villa al mare, nell'iscrizione al club...ma nei valori della solidarietà, della famiglia, dell'onestà.
Discorsi vecchi come il mondo, ma... 'repetita iuvant'...!

ste 10  @  05/08/2011 00:54:54
   7½ / 10
Buonissimo film che rappresenta magistralmente la crisi e i suoi risvolti nella medio-alta borghesia americana

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  04/08/2011 23:28:50
   7½ / 10
Ristrutturazione aziendale, esuberi, riposizionamento sono vocaboli purtroppo diventati di uso fin troppo comune in questi anni. Si è perso completamente il contatto con il concetto di lavoro, di progettare e costruire qualcosa di reale e tangible, ma adesso il valore delle azioni, il mercato, gli indici sono gli elementi virtuali che decidono ilo destino di chiunque, persino dei colletti bianche di alto livello che si ritrovano in mezzo alla strada, non importa quanto attaccati al lavoro, non importa la dedizione allo stesso, non importa la fedeltà aziendale. Il film di Wells è pregevole per la sua sobrietà, non eccede in sentimentalismi ed anzi mostra quel dolore trattenuto di chi credeva di essere intoccabile ed invece non lo era.

TopoXL  @  03/06/2011 17:40:05
   9 / 10
la crisi statunitense.
tutta in un film.
da vedere.
assolutamente.
mi e' piaciuto tantissimo.
poco retorico e realistico come un pugno nello stomaco.

Invia una mail all'autore del commento kossarr  @  01/06/2011 00:28:07
   8 / 10
Un film che rispecchia il periodo passato dal 2008 al 2010.
Tristemente realistico e drammatico.
Ottime la fotografia e la sceneggiatura, buone la regia e la recitazione.
Citazione speciale per Ben Affleck e Maria Bello, davvero perfetti nel loro ruolo.
Consigliato.

Leonhearth87  @  28/05/2011 02:37:50
   8½ / 10
Gran bel film. Oserei dire, purtroppo, tristemente reale. Una riproduzione di ciò che è oggi il mondo del lavoro, durante una crisi di livello mondiale che colpisce anche chi il lavoro ce lo ha già. Trovare l'impiego è purtroppo diventato un impresa fin troppo ardua, e questa pellicola riassume in pieno questa triste realtà: se vogliamo, possiamo definirla quasi un documentario basato su tale argomento. La sconcertante ed amara storia è veramente ben fatta, difatti il film non subisce mai nessun calo, ed anzi attira molto lo spettatore, mantenendo sempre alta l'attenzione per tutta la sua durata. Buonissima prova di Ben Affleck, che riesce a trasmettere la difficoltà di un marito e padre in cerca di lavoro e costretto a molti sacrifici pur di arrivare a fine mese.
In conclusione, ripeto il commento con cui ho iniziato: tristemente reale. Non conoscevo questo film, purtroppo non molto conosciuto, ed è un peccato che ce ne siano pochi che trattino questo delicato argomento, oggi sfortunatamente fin troppo comune, ma mi ha sorpreso molto positivamente, e quindi consiglio veramente a tutti di guardarlo, perchè è veramente bello.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  23/05/2011 09:06:29
   7 / 10
Film drammatico purtroppo molto realistico e attuale.
Un cast stellare che esplora i diasagi emotivi, economici e sociali della crisi economica e della perdita del lavoro.
Una crisi che non risparmia nessuana fascia di età.
Per una volta davvero in parte Ben Affleck, bravo Chris Cooper e sempre convincente Lee Jones.
Belle le ambientazioni, le atmosfere e sceneggiatura solida.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettoeasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunno
 NEW
la vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethe new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001619 commenti su 43203 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net