tacchi a spillo regia di Pedro Almodovar Spagna, Francia 1992
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

tacchi a spillo (1992)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film TACCHI A SPILLO

Titolo Originale: TACONES LEJANOS

RegiaPedro Almodovar

InterpretiVictoria Abril, Marisa Paredes, Miguel Bosé, Anna Lizaran, Féodor Atkine, Bibí Andersen

Durata: h 1.52
NazionalitàSpagna, Francia 1992
Generedrammatico
Al cinema nell'Agosto 1992

•  Altri film di Pedro Almodovar

Trama del film Tacchi a spillo

Becky è una cantante di successo che da giovane ha trascurato sua figlia Rebeca per la carriera. Rebeca, da adulta è diventata una famosa annunciatrice televisiva e non ha ancora perdonato sua madre. Quando Manuel, ex marito di Rebeca e amante di Becky viene assassinato, Rebeca confessa in diretta televisiva di essere l'assassina. Ci penserà uno strano giudice amante dei travestimenti a risolvere il caso...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,97 / 10 (16 voti)5,97Grafico
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO CÉSAR:
Miglior film straniero
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Tacchi a spillo, 16 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

sweetyy  @  21/05/2016 22:58:08
   5½ / 10
Tra i peggiori film di Almodovar

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  15/09/2013 19:28:33
   6 / 10
Il contraccolpo di "Atame!". Intendiamoci, sono film godibili e carini anche quelli degli anni '90. Ma ora sa tutto di un po' scongelato e riscaldato. La Abril continua a stupirci, riproponendosi in varie salse, capace di apportare eleganza alla stranezza caciarona delle storie di Almodovar. Come di consueto, troviamo un bel rapporto di figliolanza, questa volta al femminile, abbiamo il delitto, i sentimenti fragili e dolci, il valore catartico e personale della musica. Bellissime e calde le prime sequenze, il flashback esotico (ennesimo e consumato tributo a Welles), ma poi la storia sa di già vista e non capiamo più il senso di un cinema che ha raggiunto l'apice solo pochi anni prima. Rimane davvero solo una splendida attrice, che è seconda (ma forse pari) solo a Carmen Maura, per la capacità di incarnare i sentimenti, i temi e l'estetica di un cinema che, come quello di Fellini Welles e Hitchcock, aveva un ossessivo bisogno di volti che fossero al contempo i volti dei nostri amici più cari (quelli che immaginiamo e idealizziamo) e maschere spersonalizzanti di una storia che è sostanziata solo di cinema, di finzione a n fotogrammi al secondo, di finzione che ci aiuta a capire una parte minore e quasi inutile della realtà e della complessità della vita.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  09/09/2012 18:37:48
   3½ / 10
Il peggior film di Almodovar, caratterizzato da una storia piatta e scarso interesse. Veramente brutto!

Oskarsson88  @  16/12/2010 19:37:30
   6 / 10
Almodovar ne ha fatti si meglio

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  22/03/2010 10:22:54
   5½ / 10
Un passo falso per Almodovar che per la seconda volta dopo Matador cambia del tutto registro e inscena un vero e proprio thriller dei sentimenti.
Abbastanza pesante se confrontato con i suoi precedenti lavori,Tacchi a spillo racconta del rapporto conflittuale tra madre e figlia interpretati da due bravissime Victoria Abril e Marisa Paredes.
Grottesco solo nei legami eccessivi d'amore (la figlia sposa l'ex patrigno),molte sono le scene dolorose che analizzano bene il rapporto tra madre e figlia,ma il prezzo è stato quello di perdere il ritmo e le situazioni da commedia tipiche del regista.
Bravi tutti gli attori,anche Bosè.

2 risposte al commento
Ultima risposta 15/03/2013 21.45.57
Visualizza / Rispondi al commento
Nasoman  @  26/10/2009 16:02:37
   6 / 10
Un film guardabile, nulla di più.
Non è girato male ma a mio parere non trasmette nulla e a parte un colpo di scena è facilmente prevedibile!!

dewolf  @  15/06/2009 03:51:20
   5 / 10
Terribilmente lento e a tratti noioso.. Finale che non convince ed ad un certo punto anche prevedibile.. Un film che lascia davvero ben poco a chi lo guarda!
Unico contenuto da salvare è il rapporto madre-figlia ben interpretato dalla Abril e la Paredes ma è davvero troppo poco... Insufficiente!

lord vampire  @  10/04/2009 18:17:50
   7½ / 10
Victoria Abril e Marisa Paredes,ottima intrerpretazione d'altronde non si parla delle ultime arrivate come si suol dire; Bosè non mi ha fatto impazzire. In ogni caso è unbel film

paride_86  @  07/01/2009 18:21:40
   7 / 10
"Tacchi a spillo" è un film che mi ha commosso molto e di cui ho apprezzato le splendide interpretazioni di Victoria Abril e Marisa Paredes, la costruzione del rapporto madre-figlia,la fotografia, l'attenzione ai dettagli anche negli arredi, i colori e i titoli di testa. Non mi hanno convinto molto, invece, il personaggio di Bosè, le musiche e l'inverosimile storia, resa ancora più improbabile dalla poca ironia con cui viene affrontata dalla metà del film in poi.

wega  @  04/05/2008 15:06:22
   6½ / 10
Impossibile non riconoscere Almodovar nello stile, sia nella fotografia, sia nelle tematiche e anche in quella dose irriverente che contraddistingue tutte le sue opere.
Da quel che sembrava un'interessante parabola sulla relatività dell'identità sessuale vista all'inizio, si passa ad un contorto thriller che ha come sfondo un complicato rapporto tra madre e figlia (e te pareva..), e a quanto pare, il giallo, a Pedro, non gli riesce troppo bene, anche se lo fotografa spesso.
Divertente a tratti, agghiacciante nel far divertire ad un ipotetico scambio di figlia per 1500-2000 noci di cocco, o la mimica della traduttrice simultanea per non udenti nel dire che è stata l'annunciatrice, Rebecca, ad uccidere il marito.

Invia una mail all'autore del commento Gondrano  @  11/04/2008 10:02:36
   4½ / 10
Veramente una delusione. Non ho trovato niente in questo film: la storia è piatta, non un'emozione, non una risata, niente fiato sospeso. Bosè è espressivo quanto Goldrake. Artisticamente uno dei punti più bassi di un regista che in altri film ha saputo farmi star bene.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  20/01/2008 15:53:09
   7 / 10
Con gli stessi ingredienti si riesce spesso a fare pietanze sempre diverse. Qualche volta vengono degli ottimi piatti, altre volte la resa non è eccelsa. Questo per dire che se questo film non è ben fatto, non è certo perché Almodovar usa sempre le stesse tematiche, ma perché queste non sono amalgamate, sviluppate o spiegate in maniera convincente. In questo caso il film è un po’ tirato, qualche personaggio non è sufficientemente approfondito, rischia un po’ di annoiare. Non viene però mai meno la grande cura e perizia tecnica nella realizzazione. Tutte le scene sono studiate e curate nei particolari, soprattutto scenografici.
Ecco quelli che sono i tratti salienti dei film di Almodovar:
- il rapporto conflittuale e intensissimo che lega madre e figlia/o; in generale il grande valore che assume il grado di parentela, una delle basi della solidarietà umana. Si tratta però di un valore assoluto, è la guida morale di una persona. Il genitore ricopre il ruolo che in genere si dà alla “divinità”, cioè guidare, proteggere, consolidare, fare da punto di riferimento.
- in second’ordine la grande forza dell’amicizia, la quale è il principale appoggio nella vita quotidiana. E’ l’altro punto fermo nell’universo almodoroviano. Se il genitore è “Dio”, gli amici sono “gli angeli”, sempre pronti a darsi da fare e ad aiutare chi chiede aiuto. E’ la ricchezza spicciola della vita.
- l’amore è invece la forza irrazionale, quasi malefica, che attira, sconvolge e a volte distrugge. Sono tanti gli amori che finiscono in tragedia nei film di Almodovar e figurativamente l’uccisione dell’amato/non amato è quasi giustificata, anzi appare quasi necessaria per liberarsi di questa forza diabolica che imprigiona le persone e impedisce la loro libertà.
- il valore di una persona lo si misura dalla sua capacità di esprimere liberamente se stessa fino in fondo. Più è genuina e anticonformista, più è vera e apprezzabile. Così pure i valori sociali. Chi esprime varietà e diversità è quello più affidabile. Per questo è da lodare chi non si vergogna a mostrare del tutto il proprio animo, esprimendo anche le parti maschili/femminili, buone/cattive, dolci/violente che tutti noi ci portiamo dentro. I valori fondanti della società, come ad esempio la famiglia, devono essere il più aperti e elastici possibili. Solo così una società può risolvere i suoi problemi.
- dal punto di vista tecnico, tutti i film di Almodovar cercano di seguire la linea della varietà e dell’anticonformismo come fondamento della vita umana. Si cerca sistematicamente di mescolare gli stili: c’è il melodramma, la tragedia, il poliziesco, la satira, il musical. Esagerando e deformando le situazioni, si crea distacco verso di esse e lo spettatore le può giudicare con più oggettività che se fossero state “serie”, in più “divertendosi”. C’è sempre un senso di quotidianità e di vita spicciola vissuta che è poi il fascino segreto dei film di Almodovar. Sono sempre molto umani. Questa è la principale differenza con i film di Tarantino a cui stilisticamente assomigliano.
“Tacchi a spillo” si fa notare soprattutto per la grande cura nella resa coloristica e figurativa. Il protagonista è il rosso accesso. Appaiono poi altri colori molto intensi come l’azzurro, il verde.
A parte la gioia dell’occhio, il film si concentra troppo sul rapporto speciale di due madre e figlia speciali, stancando a volte un po’, lasciando accennate altre tematiche e, secondo me, senza sviluppare per bene il senso di vissuto e quotidiano che è il fascino principale di Almodovar.

2 risposte al commento
Ultima risposta 22/01/2008 23.04.45
Visualizza / Rispondi al commento
rensu  @  16/08/2007 15:05:09
   7½ / 10
questo mix di chanel e omicidio mi piace, questo film non è al livello di tutto su mia masre ma secondo almodovar lo ha realizzato veramente bene. l'attrice protagonista assomiglia un po alla nostra laura morante no? comunque Bello mi è piaciuto

siren  @  13/03/2007 14:51:50
   6½ / 10
Anche se antecedente alla Mala Educacion, ho rivisto Zahara in Miguel Bosé...magnetico nel ruolo di Fatàl, ordinario e prosaico in quello del giudice-ispettore.
Taglio pulito e sobrio per questo noir, come gli abiti Armani della Paredes e gli Chanel di Victoria Abril. Riuscito il binomio musica&mimica, ma“un anno d’amore” di Mina avrebbe reso di più in italiano!Perde molto sull’epilogo della liason tra Rebecca e il Giudice, e il gioco del colpevole finisce in modo assai prevedibile:ci si assume le altrui colpe per espiare i propri peccati e rimediare alle proprie mancanze. Marisa Paredes monopolizza la scena, anche se la preferisco in Tutto su mia madre.Il balletto delle detenute mi ha ricordato quelli che Lynch ripropone in Inland Empire,no?

1 risposta al commento
Ultima risposta 04/05/2008 15.09.00
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  29/09/2006 22:34:04
   7 / 10
Un Almodovar che sembra compiacersi nel suo glamour, ma permane la sua impronta irriverente e bizzarra.
L'errore del film è di affrontare temi tipici del regista senza per questo cercare di esprimerli compiutamente.
Resta comunque un adorabile divertissment, a cominciare dalla strana colonna sonora Sakamoto-Mina (?) - un duetto involontario - e da un Bosè en tranvesti che pero' - al di là dell'esecuzione di "un anno de amor" - recita malissimo

Crimson  @  05/03/2006 11:14:34
   4½ / 10
Grande delusione. Sicuramente và riconosciuto l'intento di mescolare diversi ingredienti, dal thriller al rapporto madre-figlia. Ma stavolta non funziona, e personalmente lo considero come il più brutto e mal riuscito film di Almodovar. Tra l'altro è recitato male, con un Miguel Bosè improponibile. L'unica che si salva è la solita Marisa Paredes.

2 risposte al commento
Ultima risposta 28/08/2006 23.55.10
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

10 giorni senza mamma7 uomini a molloa private war
 NEW
alita - angelo della battagliaalmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)anatomia del miracoloanimali fantastici: i crimini di grindelwaldanimasaquamanattenti al gorilla
 NEW
beautiful boy (2018)ben is backbenvenuti a marwenberninibird boxblack tide
 HOT
bohemian rhapsodybts world tour: love yourself in seoulbumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolution
 NEW
cartachesil beach - il segreto di una nottechi scriverà la nostra storia?city of liescold war (2018)coldplay: a head full of dreamscolette (2018)compromessi sposiconta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericonversazioni atomichecoppermancosa fai a capodanno?creed ii
 NEW
crucifixion - il male e' stato invocatodinosaurs (2018)don't fuck in the woods 2dove bisogna staredragon trainer: il mondo nascostoescape room (2019)friedkin uncut - un diavolo di registaghostland - la casa delle bamboleglassgreen bookhepta. sette stadi d'amoreholmes and watsonhunter killer - caccia negli abissii bambini di rue saint-maur 209i nomi del signor sulcici spit on your grave: deja vui villaniil castello di vetroil corriere - the muleil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il mio capolavoroil primo reil professore cambia scuolail ragazzo piu' felice del mondoil ritorno di mary poppinsil sindaco - italian politics 4 dummiesil testimone invisibileil vizio della speranzain guerraisabellela befana vien di nottela donna elettricala douleurla favorita
 R
la notte dei 12 anni
 NEW
la paranza dei bambinila prima pietrala scuola serale
 NEW
la vita in un attimol'agenzia dei bugiardilake placid: legacyle ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucel'esorcismo di hannah graceliberolo sguardo di orson welleslontano da quilook awayl'uomo che rubo' banksyl'uomo dal cuore di ferrom.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimalerbamaria regina di scoziamathera - l'ascolto dei sassimenocchiomia e il leone biancomorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimoschettieri del re: la penultima missionenelle tue mani (2018)
 NEW
nightmare cinemanon ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menotti magiche
 NEW
ognuno ha diritto ad amare - touch me nototzi e il mistero del tempoovunque proteggimipeppermintpiercingralph spacca internetred zone - 22 miglia di fuocoremi
 NEW
rex - un cucciolo a palazzoricomincio da me (2019)ride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiase la strada potesse parlarese son roseseguimisenza lasciare traccia (2018)spider-man: un nuovo universostyxsulle sue spallesummer (leto)
 HOT
suspiria (2018)the barge peoplethe final wishthe old man & the gunthe other side of the windthe young cannibalstramonto (2018)tre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun piccolo favore
 NEW
un valzer fra gli scaffali
 NEW
un'avventuraupgradevan gogh - sulla soglia dell'eternita'velvet buzzsawvice - l'uomo nell'ombravoglio mangiare il tuo pancreaswidows: eredita' criminalezen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

984578 commenti su 40856 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net