sotto una buona stella regia di Carlo Verdone Italia 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

sotto una buona stella (2014)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film SOTTO UNA BUONA STELLA

Titolo Originale: SOTTO UNA BUONA STELLA

RegiaCarlo Verdone

InterpretiCarlo Verdone, Paola Cortellesi, Tea Falco, Lorenzo Richelmy, Eleonora Sergio

Durata: h 1.46
NazionalitàItalia 2014
Generecommedia
Al cinema nel Febbraio 2014

•  Altri film di Carlo Verdone

Trama del film Sotto una buona stella

Verdone interpreta un ricchissimo broker che in soli due giorni perde moglie e lavoro, finendo per convivere con due figli e una nipotina di colore. L'uomo si troverà così di fronte alla difficoltà di adattarsi e reiventarsi in un mondo che cambia velocemente e che non assomiglia più a quello in cui è nato e cresciuto.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,65 / 10 (63 voti)5,65Grafico
Voto Recensore:   4,00 / 10  4,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Sotto una buona stella, 63 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Clint Eastwood  @  12/07/2020 13:46:42
   2 / 10
Né carne né pesce. Per 3/4 girato negli interni poltronesofà come una delle peggiori sit-com, trama prevedibile dai primi minuti. Perfetto sottofondo tv.

risikoo  @  04/03/2020 16:30:56
   3 / 10
Verdone ai minimi livelli, dispiace ma bisogna prenderne atto. Commediola senza alcun senso, zeppa di banalità e stereotipi.

Jokerizzo  @  16/02/2020 14:10:43
   6½ / 10
Un Verdone minore, ma comunque godibile!

Newmoon  @  25/08/2019 16:26:08
   7½ / 10
A me Verdone non delude mai o quasi. In questo film seppure non al meglio riesce a farmi ridere come solo lui sa fare. La scena della misurazione della febbre con il ciuccio mi ha fatto collassare 😂

DarkRareMirko  @  25/02/2017 22:36:23
   4 / 10
Tra questo film e i primi, mitici, di Verdone, c'è davvero un abisso.

Tutto fiacco e superficiale, prolisso e sotto tono; neanche la Cortellesi, qui non in formissima, riesce a risollevare qualcosa.

Piatto e televisivo, pare girato per motivi alimentari.

Evitabile; qualche buona idea c'era, ma la realizzazione ha rovinato tutto.

Si salva solo qualche caratterizzazione femminile, manco a dirla negativa.

cinematografo  @  12/11/2016 16:16:54
   5½ / 10
Film deludente. Brava la Cortellesi, ma Verdone assolutamente sottotono. Si guarda e si dimentica.

Project Pat  @  15/09/2015 22:21:33
   5 / 10
Vorrei tanto dare la sufficienza, anche stavolta, a un Verdone tiratissimo ma sempre tenero, però proprio non ce la faccio. Intendiamoci, il film è perfetto per staccare il cervello e rilassarsi un'ora e mezza, il che però non può esser puntualmente un alibi alla proposizione delle medesime tematiche e degli stessi, identici personaggi, di cui ogni volta cambia solo il nome. Sarà pure la vecchiaia, ma da oggi in poi a Carlone non si fa più credito, perlomeno per quanto mi riguarda.
Bravi tutti, la Cortellesi, i figli, le macchiette (che come da copione vi sono sempre), ma il film è l'ennesima minestra riscaldata, senza rancore.

freddy71  @  21/08/2015 01:53:26
   6½ / 10
film piuttosto scontato....mi spiace per verdone che mi è molto simpatico ma...secondo me di questo film si salva solo la cortellesi.

Max_74  @  17/05/2015 09:38:55
   5½ / 10
Arrivato alla ventiquattresima regia Verdone ci propone, puntualmente, in chiave talvolta ironica talvolta amara, lo specchio di un'Italia allo sbando tra crisi lavorativa, compromesso, superficialità, perdita di valori, precarietà giovanile. Tanti temi trattati ma ancora una volta mai messi veramente a fuoco, almeno secondo lo stile del grande regista romano degli ultimi 15-20 anni, salvo qualche parentesi.
Il film funziona a momenti, come la divertente (e dal sapore dei primi film) scena della riunione dei 'poeti' o gli equivoci tra i ragazzi e Verdone nella prima parte. Ma tolto questo e poco altro, il film naviga in una superficialità e prevedibilità diffusa (banalità non dei temi trattati, ma il modo in cui vengono affrontati) piena di stereotipi, dove anche la toccante scena dell'audizione del figlio si perde complice anche la canzoncina di Michele Bravi (Xfactor) che dà il titolo al film la quale, nella sua banalità, sembra quasi venire incontro proprio a quella superficialità che nel film si vuole denunciare. Chiude il cerchio un ritmo e fotografie da fiction televisiva della peggior specie, dove anche il personaggio della Cortellesi (completamente inesistente e sottoutilizzato in intere parti del film) non riesce ad emergere e ad essere credibile. L'imitazione della rumena poi potevano anche risparmiarcela, decisamente di cattivo gusto.
Molto meglio il penultimo 'Posti in piedi in paradiso'.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  07/05/2015 10:11:22
   4 / 10
Il pessimo trailer (Degno di un cinepanettone o di un corto di Maccio capatonda fate voi) era solo l'antipasto per quello che è uno dei punti piu' bassi della carriera di Carlo Verdone.
Lui è il solito Padre/marito fallito che cerca di riallacciare i rapporti con la famiglia che incontra una vicina di casa di cui, colpo di scena, si innamora...
Cortellesi piuttosto scadente e gag con il contagocce fanno il resto.
Ma la cosa che sorprende di piu' è che il film sia fatto male anche tecnicamente, dal montaggio alle riprese in digitale. Verdone, almeno in questo, ci aveva abituato alla "dignita'" cinematografica... evidentemente anche lui si è dovuto adeguare a quello che vogliono i suoi produttori...cinema spazzatura solo per fare soldi...

greeg979  @  27/04/2015 14:41:23
   5 / 10
Soliti clichè degli equivoci visti e rivisti. Francamente non se ne puo' piu'. Verdone sempre simpatico nelle sue interpretazioni ma onestamente per pagare un biglietto del cinema occorre offrire qualcosa di piu', non lascia niente, non fa ridere, non fa riflettere. Niente.

Goldust  @  27/04/2015 10:29:04
   4½ / 10
L'occhio di Verdone si vorrebbe posare sul quotidiano, con l'Italia della crisi in primo piano e l'imbarbarimento dei rapporti interpersonali in sottofondo; purtroppo però la sua critica alla società civile è troppo scoperta ed enfatica per fare davvero centro ( la sequenza della sceneggiata all'audizione è piuttosto triste in tal senso ) e per una volta i comprimari che lo affiancano non sono all'altezza della situazione. Vogliamo anche dire che non si ride mai? Ecco diciamolo, così il quadro è completo.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  18/04/2015 19:41:00
   6 / 10
Commedia con Carlo Verdone molto leggera che strappa qua e là qualche sorriso.

fabri70  @  13/04/2015 12:35:31
   6 / 10
Filmetto leggero leggero...lo salviamo un pochino per la cortellesi ed il classico verdone.....da tv non da pagare biglietto al cinema

peppe87  @  16/01/2015 23:14:06
   5 / 10
verdone misà che non ci crede neanche piu lui, stanco e senza idee

Misialory  @  08/01/2015 20:45:11
   6½ / 10
Verdone non tradisce. La sua comicità è sempre vincente e batte molti suoi colleghi anche con film meno riusciti come questo.
Passano gli anni e si adegua alla sua età, facendo il padre dal carattere debole con un grande cuore e strappa più di una risata.
La mimica facciale, i suoi gesti tipici sono immutati. Anche con sceneggiature non troppo all'altezza, ne esce bene.
Ottima la scelta di Tea Falco (molto apprezzata in "Io e te" di Bertolucci) sufficientemente scontrosa e indolente, indovinata per la parte.
Divertenti i personaggi romani che ogni tanto compaiono (i due selezionatori all'audizione, gli amici per il gruppo di poesia).
Verdone ama inserire in tutti i suoi film questi soggetti dissacranti e spontanei (tipici delle borgate romane o forse solo clichè di una Roma burina e cafona).
Cortellesi simpatica e spigliata (però sempre troppo ben truccata e ben pettinata nello stesso identico modo in quasi tutte le commedie che interpreta).

Slich  @  01/01/2015 03:40:01
   5 / 10
senza capo ne' coda... aggiungi i brodo!!
personaggi senza inizio senza fine, senz'arte nè parte
parte benino e poi si scioglie inesorabilmente nel nulla del film...
verdone e la cortellesi pallidi, creano un paio di sorrisi in due ma davvero poca roba.
sicuramente non è un film da spararsi ma mi chiedo perchè questi film privi di trama, con personaggi scadenti???
uno dei classici film attuali che guardi in maniera fredda e distaccata, che quando finiscono non ti cambia niente. (questo vuol dire senz'arte nè parte, senza storia, gag, e senza neanche un soffio o un venticello di emozioni o di rapimento)

wicker  @  17/09/2014 19:25:38
   3½ / 10
pessimo Verdone..come fa male vederlo così ..
Alla ricerca del consenso del pubblico tira fuori un film simile a una commedia dei Vanzina con la sceneggiatura di Moccia e la comicità di Zalone.
Attori pessimi tranne un pò lo stesso Verdone e la Cortellesi .. brutto montaggio da cui deriva un ritmo lento e impastato ..
Situazioni paradossali da fotoromanzo che vogliono fare la morale a un'Italia in crisi ma che si può rialzare.. Assurdo

ghigo buccilli  @  15/08/2014 22:45:06
   3 / 10
Mi dispiace essere severo con Verdone, ma l'Italia non ha bisogno di film fatti puntando all'incasso con il nome del regista: è inguardabile. A differenza dei suoi migliori film (che non invecchiano mai), non fa venire la minima voglia di rivederlo, personaggi evanescenti che si dimenticano appena terminato il film, con il quale non si ride e non si riflette nemmeno una volta.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  18/07/2014 13:53:39
   6½ / 10
L'amabile maschera di Carlo Verdone la conosciamo a menadito un po' tutti, eppure continua a piacere non causando effetti esasperanti. L'autore romano funziona tutt'ora nonostante non abbia mai più di tanto rischiato, magari tentando di discostarsi da personaggi ormai entrati nell'immaginario collettivo, elementi cardine di una commedia mai volgare e al tempo stesso venata d'amarezza.
"Sotto una buona stella" non vanta esattamente una sceneggiatura brillantissima, ci sono momenti molto riusciti ma anche pause preoccupanti addizionate ad una definizione dei personaggi (i figli in primis) sin troppo banale. Verdone però anche nei suoi lavori meno azzeccati riesce a coinvolgere lo spettatore, in questo caso trasformando un'odissea famigliare in un piccolo microcosmo danneggiato dalla crisi che sta investendo il paese.
Ovviamente non vi è alcuna aspirazione di far cinema impegnato, semplicemente si utilizza un tema attuale come quello dell'impasse culturale, morale, economica in cui si trova l'Italia per costruirci sopra un percorso di ricostruzione almeno affettiva.
Ottima la sintonia tra l'attore/regista e la sua partner di scena, una scoppiettante Paola Cortellesi sempre a suo agio in ruoli in cui la sua poliedricità comica può esplodere. Verdone poi centra alcune sequenze che rimandano alla comicità tra il coatto e il surreale degli esordi; fantastica la scena del provino, altrettanto degne di lode quelle degli amplessi simulati o dei consigli andrologici.
Non è certo un Verdone in grande spolvero ma nemmeno alla frutta come qualcuno suppone. E poi sa cogliere come al solito alcuni aspetti sociali senza scadere in cupe estremizzazioni, riuscendo a strappare sorrisi e risate ammorbidendo magari eccessivamente gli spigoli, eccedendo in deprecabile melassa nel finale, ma lasciando trapelare un moto di speranza necessario. Da Verdone ci si attende riflessione ma anche leggerezza, il buon Carlo la offre perchè il suo cinema guarda al peggio ma cerca sempre un piccolo barlume di luce. Che poi il tono sia favolistico si può perdonare, del resto un po' di ottimismo ogni tanto fa mica male.

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/07/2014 09.18.46
Visualizza / Rispondi al commento
the saint  @  15/07/2014 15:14:15
   6 / 10
Verdone cerca con una pseudo commedia di ritrarre un affresco dell'Italia, concentrandosi sui rapporti familiari ai giorni nostri!
secondo me ci riesce solo a metà..

e comunque non è possibile che la risata e quindi la commedia italiana sia morta...
per ridere di gusto al cinema c'è solo Zalone...!

Alex2782  @  22/06/2014 14:15:05
   6 / 10
film leggero senza nessuna pretesa, qualche risata per verdone ma nulla più.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  16/06/2014 00:25:45
   6 / 10
Due protagonisti a lor modo complementari: un precario e una creatrice di precari (leggasi tagliatrice di teste aziendali) ed intorno a loro la precarietà del vivere, senza più basi solide dove quando cadi ti fai male perchè non riesci ad attutire il colpo, tanto è rapido ed improvviso.
Se gli spunti ci sono e Verdone si è sempre distinto per la sua capacità di leggere bene la realtà che ci circonda, meno convincente è il modo, cioè fin troppo ammiccante alle situation comedy di ultima generazione, attento all'intreccio tra i personaggi ma perdendo quello sguardo verso il contesto più generale. Non mi è sembrato affatto un film consolatorio, anzi molto più amaro e cupo di tante sue pellicole. Non uno dei suoi peggiori ma a livello formale mi ha lasciato perplesso, aldilà dei contenuti.

Curiosity  @  14/06/2014 16:38:24
   4 / 10
Come dice la didascalia di fianco il voto, non bello anche se non paghi.

Ho dovuto skippare spesso, veramente terribile, non si ride, non si riflette, non ci si commuove, la trovata del pitone veramente terribile. Male male male.

BrundleFly  @  14/06/2014 14:30:33
   6 / 10
Diamo un 6 politico perché Verdone è sempre Verdone e i suoi film si guardan comunque volentieri.
Il regista romano prova a fare un quadro della situazione odierna, dove i giovani sono lasciati allo sbando e i posti di lavoro saltano come i tappi a capodanno.
La più grande pecca, per mio gusto personale, è la presenza di Paola Cortellesi che proprio non riesco a sopportare.

TheLory  @  06/06/2014 21:20:38
   4½ / 10
Addio Verdone. Sigh :(

m@ssì  @  06/06/2014 19:53:40
   5½ / 10
Forse uno dei peggiori verdone..si ride poco e ci si annoia..non proprio come uno ci si aspetta...

Gabo Viola  @  29/03/2014 08:13:08
   4 / 10
Verdone scudettato per un film mediocre (La grande bellezza) ormai in crisi nel suo cinema. O meglio, sempre lo stesso personaggio in loop, ancora e ancora e ancora. Mi spiace nel senso che Verdone è un uomo intelligente, consumato interprete e conoscitore di cinema, perchè non si prende una càzzo di pausa per vedere le cose più dall'esterno senza esserci così tanto dentro? Per quanto vuole andare avanti raschiando il barile con le solite due idee? Ha tutto il potenziale per creare qualcosa di eccellente a mio avviso, ha tutto: intelligenza, senso critico, capacità come attore. Credo che abbia qualche grosso problema personale, una forte malinconia di fondo che non lo riesca a far epsrimere per qualcosa di veramente alto che credo sia in lui e non abbia mai dimostrato

topsecret  @  26/03/2014 14:01:25
   7 / 10
Come semplice spettatore devo molto a Carlo Verdone, perchè lui è uno dei pochi (con Sordi, Troisi e Fernandel) che riesce a mettermi di buonumore in qualsiasi circostanza.
Anche questa volta il regista ed attore romano riesce a rallegrarmi con un'altra storia garbata e divertente, intrattenendomi senza sforzo alcuno, aggiungendoci quel pizzico di malinconia che da sempre lo contraddistingue.
Verdone sembra aver messo da parte quella comicità leggera e coatta di un tempo, in favore di una più misurata e riflessiva che punta anche a mettere l'accento su varie tematiche sempre attuali e di interesse sociale. La famiglia, il rapporto non sempre facile tra genitori e figli, gli affetti ma anche le mancane e le nevrosi di gente comune nella vita di tutti i giorni.
Con la Cortellesi, ancora una volta brava ed affidabile, forma una coppia di interpreti capaci e credibili, riuscendo a calibrare il carisma e la verve comica alle capacità umane ed espressive, senza ricorrere per forza di cose alla battutaccia o alla volgarità spicciola di tante altre commedie nostrane.
Questo SOTTO UNA BUONA STELLA mi è sembrata l'ennesima prova del nove che Verdone supera a pieni voti, permettendo al pubblico di passare un po' di tempo in totale relax, lontano dallo stress quotidiano, regalando qualche sorriso e dei momenti piacevoli senza mai calare di tono o lasciandosi andare alla ruffianeria più evidente.
Lunga vita a Verdone e al suo cinema.

Gruppo COLLABORATORI peter-ray  @  24/03/2014 13:43:07
   7 / 10
Pensavo fosse un film scrauso, e invece, oltre alla denuncia sulla politica italiana per i giovani, mi ha anche divertito.

debaser  @  21/03/2014 17:40:31
   5½ / 10
Solito film di verdono che dopo i padri singles cerca furbescamente di attrarre spettatori con un nuovo problema sociale. La perdita del lavoro. Stavolta pero' non riesce nell' impresa di fare un film divertente e brillante. Francamente credo che come registagli rimane ancora poco da dire . RIpetitivo.

Prof  @  19/03/2014 10:50:24
   7½ / 10
Buon Verdone, ottima Cortellesi!
Film divertente e riuscito, al di là dei motivi verdoniani ormai convenzionali (e qui neanche troppo).
Vale assolutamente la pena.

Marv91  @  12/03/2014 01:48:13
   6½ / 10
Il nuovo film di Verdone è un filmetto tutto sommato divertente e che strappa un po' di risate. Dopo i primi 20 minuti deludenti e drammatici, il film prende una piega migliore con l'arrivo della Cortellesi; non mancano momenti comici, anzi la coppia Verdone-Cortellesi è molto affiatata nonostante sia il primo film che fanno in coppia. Nella norma Lorenzo Richelmy, mentre è irritante Tea Falco con quella voce obbrobriosa.
Il film si lascia vedere ed ha pure un buon ritmo e qualche momento addirittura di slapstick comedy, peccato per una regia troppo televisiva ed una fotografia scandalosa. Finale simpaticissimo e di chiaro stampo teatrale.
Consigliato per passare 1 ora e quaranta in allegria.

Invia una mail all'autore del commento bart1982  @  10/03/2014 22:22:43
   6 / 10
Un 6 non lo si nega a questo film che non si sa bene dove voglia andare a parare, ma che riesce a fare sorridere in 3/4 occasioni.
Cortellesi non eccelsa, per me può fare di più...personaggi dei figli semi inutili.

albio1985  @  10/03/2014 20:47:02
   7 / 10
Il fatto che Verdone abbia perso smalto e idee è ormai cosa assodata. Nonostante ciò credo che il film sia godibile e leggero. Valida prova della Cortellesi a fare da spalla.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento mkmonti  @  09/03/2014 20:18:33
   6½ / 10
Per il sottoscritto ogni film di Verdone è una nuova prova a cui sottopongo il regista ed attore romano; ogni volta penso di depennarlo definitivamente, ma sistematicamente riesce a salvarsi sempre in calcio d'angolo....anche stavolta non fa eccezione e grazie soprattutto alla presenza della Cortellesi (meno ad una sceneggiatura povera e banale anche se godibile) riesce a superare di poco la sufficienza; il risultato non è dei più malvagi, anche se alcuni momenti paiono quelli di una tipica fiction televisiva e la scelta dei coprotagonisti (ad eccezione - come detto- della Cortellesi non è delle più indivinate - su tutti il figlio maschio offre una prova davvero risibile). Alla prossima, Carlo!

Luni  @  09/03/2014 17:18:27
   4½ / 10
Film già visto, battute già sentite, trama troppo scontata, uno dei peggiori di Verdone.
A coronare il tutto, la pessima attrice che interpreta la figlia, con una voce a dir poco fastidiosa.
Non do un voto più basso solo per la buona volontà (che volontà rimane, senza attuarsi) della Cortellesi.
Visto e rivisto.

flackie76  @  08/03/2014 11:13:23
   5 / 10
Non mi ha convinto...si regge solo per la bravura dei 2 protagonisti, ma la storia
è debole e scarsa di brillantezza. .

O.D.  @  07/03/2014 17:42:24
   6 / 10
I primi 15/20 minuti sono imbarazzanti per me..., per non parlare dei due attori che impersonano i figli di Verdone, soprattutto lei, inguardabile dall'inizio alla fine del film.
Poi il film ingrana e si rende divertente e mai noioso, ma nemmeno esaltante e pieno di gag, anzi, molto controllate e messe in punti ben precisi.
Alla fine ne risulta una commedia gradevole ma con nessun guizzo, è questa forse la sua pecca più grande, scorre fino alla fine senza davvero esaltare.
Cortellesi e Verdone molto simpatici cmq.

Aztek  @  06/03/2014 20:33:47
   6½ / 10
Non male come commedia, sceneggiatura che regge bene e non mancano momenti divertenti.
Buona la prova dei due attori principali con un Verdone sempre molto simpatico, anche se l'età inizia a farsi sentire anche per lui.
Si può vedere.

favam  @  03/03/2014 15:30:00
   6½ / 10
il film e appena sufficiente ma un mezzo voto in più lo vale la simpatia e la bravura di Paola Cortellesi. Sono abbastanza sicuro che con la presenza di un'altra attrice specializzata in commedie al posto della generosa romana il film non sarebbe decollato in nessun momento. Verdone ormai è piuttosto stanco e continua a replicare i suoi personaggi pieni di tic e fobie mentre la sceneggiatura non è che poi sia quel gran capolavoro , anzi.
Il trattamento di tematiche importanti ben filtrate dall'uso dell'ironia e una comicità quasi scevra da volgarità fanno arrivare alla sufficienza il film di Verdone , ma è con l'ingresso e con la presenza della Cortellesi che il film si innalza di una spanna sopra i suoi compagni di avventura.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  03/03/2014 12:27:21
   5½ / 10
Quest'ultima commedia di Verdone è piuttosto debole e ha deluso chi come me ha sempre apprezzato l'attore/regista romano.
La sceneggiatura è fiacca e propone gag già usate.
Alcune scene divertenti, brava la Cortellesi.

pak7  @  01/03/2014 12:30:50
   6½ / 10
Verdone è ormai un appuntamento fisso al cinema. Ormai, purtroppo, quasi ogni anno. E dico purtroppo perchè alcuni soggetti e sceneggiature degli ultimi anni avrebbero avuto bisogno di un'ulteriore "ripassata". Molte pellicole che ho visto in sala si sono poi rivelate poi, a seguito di una o più visioni casalinghe, simili alle precedenti con un Verdone che fa sempre le stesse espressioni, gli stessi sorrisi, le stesse smorfie da tanti anni, perchè ormai si ride non per le situazioni che il film ci propone, ma per il suo faccione. E questo è limitante per il film stesso. I vecchi lavori di Verdone e, parlo fino agli inizi degli anni 90, erano nostalgici, malinconici, erano la sua cosiddetta "commedia maliconica" capace di distinguersi da tutto il resto del cinema italiano di genere. Da qualche anno, se non sporadicamente, questo non accade più, e quello che rendeva unico i film di Verdone, cioè essere OLTRE la commedia, accade ma in modo molto più superficiale. Questa è una critica che devo fare al mio amato Verdone perchè so che lui potrebbe fare meglio di quanto ha fatto in questi ultimi anni, non aspettandomi capolavori ma sicuramente qualcosa di alto livello. "Sotto una buona stella" è una pellicola divertente quanto basta che tocca temi importanti come il rapporto con i figli, il loro desiderio di evadere dal proprio paese, ma racchiude anche alcuni dei difetti che ho citato qualche riga sopra. Alcuni siparietti con la Cortellesi (che mi ha sorpreso in positivo) sono davvero esilaranti, ma io dal mio Verdone pretendo e so che potrei avere di più.

uito  @  26/02/2014 15:02:38
   6½ / 10
Commedia carina. Si è vero le solite risate ma a ben vedere, in alcune circostanze, anche commovente. Spesso il sarcasmo ed il divertimento nascondono qualche dramma interiore... piccolo o grande che sia...ed in questo sta l'alchimia dei film del nostro Verdone.

marcogiannelli  @  25/02/2014 15:57:26
   5 / 10
noioso...poche risate

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  24/02/2014 00:30:14
   6½ / 10
I primi 20 minuti in cui si sviscera il nocciolo della storia sono abbastanza noiosi, Verdone è bravissimo ma forse ormai troppo trincerato dietro il solito stereotipo dell'ipocondriaco cui crollano addosso tutti i guai del mondo e troppo legato alle solite e fin troppo viste mimiche facciali. Quando entra in scena la Cortellesi, a mio giudizio la vera colonna portante dell'intero lavoro, il film cambia letteralmente tono e direzione, ci si diverte, diventa frizzante e godibile e strappa qualche sana e genuina risata. Alla fine anche il giudizio finale diventa più che sufficiente.

albert74  @  23/02/2014 03:12:24
   4½ / 10
non voglio entrare nei particolari della trama perché siamo sempre nella stessa brodaglia: commedia all'italiana, soliti problemi di lavoro, soliti problemi familiari. stesso copione ripreso da Verdone, pur in altre situazioni, in altri film ugualmente scialbi. questo in più è fastidioso, irritante, a tratti inguardabile.
Non capisco come mai un attore come Verdone, un attore prettamente comico abbia sterzato decisamente sulle commedie all'italiana stile "Pieraccioni". è un mistero! aveva preso una buona china fin dai primi film. i primi indimenticabili film e ora si è bruciato, almeno negli ultimi 10 anni, con dei film che non meritano assolutamente la visione.
per quanto mi riguarda non meritano nulla.
il voto non è totalmente negativo solo in omaggio e in ricordo di quei bei film di un tempo.
peccato: un grande attore in declino, imbolzito e che sta invecchiando decisamente male.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Caio  @  22/02/2014 20:16:57
   6 / 10
Solito film di Verdone degli ultimi anni: storia incerta, che basandosi su idee deboli spesso non sa da che parte andare, battute un po' scontate. A salvare il film in corner Paola Cortellesi, che anche se qui non dà il suo meglio a me riesce sempre a far divertire. Si crea una bella intesa tra Carlo e Paola, per cui alla fine si riesce in qualche modo a godersi questa commediola poco originale.

farfy  @  20/02/2014 01:08:37
   7½ / 10
E' vero l'anima dei film di Verdone è quasi sempre così: buonismo divertente, familiari vicini ma che non si comprendono affatto, fratellanze atipiche, gag comiche dove rientrano le ossessioni reali del regista (ansia smisurata, medicine, pulizia ecc). Però tutto funziona perché Carlo è un compagno di risate, ed è bello che ti inviti a guardare dalla sua finestra. C'è molto di lui in ogni film che fa, ed è per questo che ogni visione è (almeno per me), super piacevole.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento GinTonic  @  19/02/2014 15:45:54
   5 / 10
Il film si riduce a due/tre situazioni divertenti, il resto l'ho trovato alquanto inguardabile, a tratti addirittura fastidioso. Verdone e la Cortellesi tengono a galla il film ma il resto è veramente povero, gli altri due personaggi femminili rasentano il ridicolo: interpretazioni pessime, a mio avviso, forzate ed eccessive.
Ho avuto seri problemi nell'arrivare a conclusione di questa pellicola, ero partito con aspettative basse ma ne sono rimasto ancora più amareggiato e esterrefatto durante la visione.
Non sono un amante delle commedie, a maggior ragione quelle italiane, ma per me è stato un vero strazio, ripeto, a parte i protagonisti, il resto è imbarazzante.

Botticciolo  @  19/02/2014 00:26:09
   6½ / 10
Una commedia davvero carina. Dopo qualche film deludente, torno finalmente ad apprezzare Verdone.

Elmatty  @  17/02/2014 19:49:04
   7 / 10
Un film anomalo per Verdone che, con l'ambientazione chiusa dei due appartamenti dei protagonisti, sembra che si rifaccia più al teatro che al cinema.
Il film scorre con una leggerezza tipica degli ultimi film dell'attore/regista romano, la trama non è chissà quale cosa ma il punto forte del film sta nella prova degli attori: lasciando da parte lo stesso Verdone che qui sembra rilegarsi ad un ruolo più marginale con una prova onesta ma molto meno mattatore del solito, la migliore rimane la Cortellesi, seguita a ruota dalla viglia di Verdone, già vista nel film di Bertolucci Io e Te; il reparto ben diretto degli attori secondari e ben diretto e forniscono un ottimo apporto alla pellicola.
C'è molta più malinconia rispetto ad altri film di Verdone, forse invecchiando sta perdendo piano piano quella comicità che si vedeva nei classici suoi degli anni 80 dove si vedeva il vero Verdone, nonostante ci siano dei momenti in cui si ride di gusto.
In ogni caso rimane un buon prodotto per una serata spensierata se si vuole un film leggero, anche se non lo consiglierei ai veri appassionati dell'attore romano perché rimarrebbero delusi secondo me.
Qui si è puntato su una nuova strada rispetto alle pellicole precedenti.

werther  @  17/02/2014 18:35:16
   6 / 10
Un Verdone al passo coi tempi senza eccessive sorprese, regala momenti di riflessione e li alterna al divertimento. Brava la Cortellesi che non sfigura nella parte. Senza infamia e senza lode.

pernice89  @  17/02/2014 09:12:06
   7 / 10
A me questo film non è dispiaciuto. Certo non è il solito Verdone, qui ci sono tinte più drammatiche, anche se non manca di far ridere.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Trixter  @  16/02/2014 19:34:50
   6½ / 10
Forse perchè avevo aspettative davvero basse, forse perchè il buon Verdone sono circa vent'anni che sforna prodotti deludenti, ma devo ammettere che questo film, pur con tutti i suoi limiti, mi ha sufficientemente divertito da consentirmi di uscire dalla sala abbastanza soddisfatto.
I limiti sono tutti nelle situazioni piuttosto paradossali, in scenette stucchevoli e nella recitazione assai mediocre dei due figli del Carlo nazionale, ma devo dire che i due protagonisti (anche se la Cortellesi non mi ha mai fatto impazzire) se la cavano egregiamente, amalgamandosi in modo armonico e regalando qualche gag simpatica e frizzante.
Nulla di eclatante, insomma, nulla che possa permetterci di dire che Verdone sia risorto: solo una pellicola agrodolce, un pò banale, un pò superficiale, ma, in fondo, simpatica, leggera e divertente.

PHOENIX85  @  16/02/2014 17:31:48
   8 / 10
film un po più malinconico dei soliti film di Verdone e con una colonna sonora che non e' proprio il massimo,ma risulta comunque molto godibile,con diversi momenti veramente esilaranti; sicuramente consigliato

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  16/02/2014 01:11:21
   5 / 10
Il buon Carlo vorrebbe fare tanto Pirandello e invece si avvicina pericolosamente a Pieraccioni, soprattutto nel pessimo epilogo finale (roba che al confronto i pur compianti Vianello e la Mondaini sembrano Aroldo Tieri con la Lojodice). Non è vero che parlare di cose serie significa deprimere il pubblico, lo spettatore conosce bene la commedia all'Italiana, quella di una volta, che affondava il dito nella piaga (ehm) suscitando comunque spassose risate. Lo spunto iniziale (la precarietà) poteva essere interessante, anche se ci hanno già pensato in molti, da Soldini all'ultimo Virzì e nondimeno Amelio col suo Santino del povero diavolo che sbarca il lunario. Solo che Verdone a un certo punto insabbia l'impegno in una stucchevole farsa sentimentale, rendendo qui irritante anche una Lea Falco che avevamo tanto apprezzato nel delizioso "Io e te" di Bertolucci.
Straboccante di baci e languide promesse, "Sotto una buona stella" è uno degli script più deboli della carriera di Verdone, un film falso che, soprattutto nella dimensione domestica (il domicilio coatto condominiale) fa pensare al palcoscenico se non alla tv. A me ha ricordato vagamente uno show televisivo che vedevo da bambino con Massimo Ranieri e Loretta Goggi, ed è tutto dire.
Speriamo che faccia proseliti e che convinca Verdone che tanto vale la prossima volta affidarsi a un teatro di prosa, dove i paraventi di cartapesta delle due dimore possono dimostrare senza problemi la loro artificiosità. Ma in questa Legolandia così poco ispirata lo spettatore pensa a farsi quattro risate, e non mancano momenti convincenti, come i party dei poeti (volutamente fuori-tempo massimo) e altre volte si scende davvero molto molto in basso, come l'equivoco delle carrozzelle con i bambini. Le pretese iniziali riescono a risollevare parzialmente i toni di una commedia a tratti simpatica altrove pietosa, e che purtroppo non lascia alcuna traccia, salvo la simpatia scombinata del protagonista

anthony  @  15/02/2014 16:15:12
   7 / 10
Io mi chiedo solo come sia saltato in testa al buon Carlo Verdone di far distribuire quello che, forse, è il peggior trailer della storia del cinema italiano: perchè, in effetti, se ti capita di vedere quella 'presentazione'-scempio ti verrebbe la voglia di maledire Verdone, la 'fine' e la 'morte' della commedia all'italiana..così fu così più non è...
E invece, alla fine, la commedia del nostro Carlo non è affatto male...anzi, se paragonata ai suoi film tra la fine degli anni'90 e i primi '2000, sembra quasi giganteggiare; la coppia Cortellesi-Verdone buca completamente lo schermo...le situazioni risultano divertenti e paradossali..e, anche se in qualche frangente il film prende qualche leggera cantonata e rischia di risultare un minimo banale, buonista e 'bonario'......la baracca, a conclusione, regge che è una meraviglia; e ciò mi fa chiedere (alla stregua dell'utente che mi ha preceduto..) se molti dei 'commentatori' il film l'abbiano visto sul serio o si siano semplicemente basati sulla visione del trailer o su qualche 'recensucola' apparsa qua e là sul web.

4 risposte al commento
Ultima risposta 24/03/2014 13.47.25
Visualizza / Rispondi al commento
Lavezzi78  @  15/02/2014 14:35:47
   7½ / 10
Ennesimo, valido prodotto del buon Carlo Verdone. Film riuscito, con la coppia Verdone- Cortellesi che si dimostra essere molto affiatata. Francamente non capisco i voti negativi che qualcuno ha messo qui sotto. Ho qualche dubbio che il film sia stato veramente visto da qualcuno.......Poi magari queste persone hanno dato 7 o 8 al pietoso film di Zalone(scommettiamo che è così?.....Zalone che per sua stessa ammissione aveva detto di essere a corto di idee; e infatti si è visto!!!).....Si, concordo sul fatto che questo film non è probabilmente tra i migliori del buon Carlo, ma allo stesso tempo non è nemmeno tra i peggiori..... Il film per me merita. Ieri, la sala era piena e la gente è uscita soddisfatta.......cosa cercare di più ?..Film da vedere!

2 risposte al commento
Ultima risposta 16/02/2014 01.13.10
Visualizza / Rispondi al commento
Odoacre71  @  15/02/2014 11:36:41
   3 / 10
Che tristezza. Verdone ormai sembra lo zio simpaticone che a Natale per ravvivare l'atmosfera a tavola ci fa le imitazioni del fruttivendolo e del matto del quartiere. Le sue faccette poi sono qualcosa di tristissimo e imbarazzante. Regia e fotografia da sit com di canale 5 del dopo pranzo, da abbiocco.
Risparmiate i soldi...

6 risposte al commento
Ultima risposta 17/02/2016 16.52.49
Visualizza / Rispondi al commento
dagon  @  15/02/2014 10:37:20
   4½ / 10
Ormai ci siamo persi anche Verdone. Già quando avevo visto il trailer al cinema mi era venuto un attacco di trishtezza immane. Vedere Carletto, comico a cui sono affezionatissimo e mito di una certa fase della mia vita post adolescenziale (di cui sapevamo le battute a memoria), ormai "vecchietto" fare senza convinzione le solite mossette, i soliti occhietti sbattuti, il finto imbarazzo, mi aveva abbastanza preparato al fatto che questo non sarebbe stato il film della rinascita del regista. In realtà il film è peggiore di quello a cui mi ero preparato: le cose che colpiscono quasi subito sono la pochezza della regia ed un montaggio assurdo. Le gag sono trite e telefonatissime. Poi, come ha già detto qualcuno, vedi la gente che ride... ma ormai mi sono convinto che molti entrano del cinema avendo già deciso di ridere a prescindere. Verdone probabilmente l'ha capito e non ritiene più necessario andare sopra al minimo necessario. Il che è un peccato.

simonssj  @  15/02/2014 01:27:17
   4 / 10
Il tragicomico Verdone non ci prova neanche più, ha perso ogni verve e nei suoi personaggi, un tempo mitici e teneri nella loro squallida normalità (che tanto squallida non era), ora serpeggia solo un senso di artificiale, di "costruito" che da un regista come lui non ti aspetteresti mai; anzi te lo aspetti, se si vanno ad analizzare gli ultimi 10-15 anni di carriera.
Verdone non ci prova neanche più: il tragico dell'uomo comune qui non c'è, c'è solo un uomo abbandonato da tutti e tradito dal mondo che tenta di raccapezzarci qualcosa in un disastro familiare male accennato e, nuovamente, "costruito" ad arte; idea banale e banalmente realizzata. Dall'aspetto comico, con una vena di malinconia, che lo ha caratterizzato nei tempi migliori è rimasto un protagonista che fa ridere sbattendo i piedi, le ginocchia e la testa dappertutto manco fossimo in un film comico muto anni '20 (con suoni metallici da impatto annessi), tentando di bere una tazza di caffè che la pur bravina Cortellesi non gli fa bere e realizzando una scenetta finale tutto sommato carina che è che solo ombra sbiadita dei bei tempi che furono e con cui sono cresciuto.
Il montaggio poi, capitolo doloroso a parte, è orripilante: le scene sono incollate tra loro senza alcun senso di continuità, e capita che in una sequenza il buon Carlo assesti un meritato schiaffone al figlio al culmine dell'ennesima sfuriata familiare e nella sequenza successiva i due parlino con tutta tranquillità del vicino di casa maniaco degli animali esotici.
Se oltre alle idee viene a mancare anche la regia, siamo alla frutta. La sala rideva, e rideva di gusto, quindi a conti fatti Carlo fai bene a continuare a battere questa strada, ma a me non basta più.

FABRIT  @  14/02/2014 17:19:27
   7 / 10
Film sincero,tenero e divertente.
Verdone è una sicurezza e in questo nuovo personaggio è proprio uno come noi;brava come al solito anche la Cortellesi.Da non perdere.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecosa saràcreators: the pastdivorzio a las vegaselegia americana
 NEW
fino all'ultimo indizio
 NEW
girl power - la rivoluzione comincia a scuolagreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil talento del calabroneimprevisti digitalila nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldlasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)maledetto modiglianimankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondopalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2range runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostetrash - la leggenda della piramide magicatua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliwe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswonder woman 1984wrong turn

1015006 commenti su 45013 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net