non essere cattivo regia di Claudio Caligari Italia 2015
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

non essere cattivo (2015)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film NON ESSERE CATTIVO

Titolo Originale: NON ESSERE CATTIVO

RegiaClaudio Caligari

InterpretiLuca Marinelli, Alessandro Borghi, Silvia d'Amico, Roberta Mattei

Durata: h 1.40
NazionalitàItalia 2015
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 2015

•  Altri film di Claudio Caligari

Trama del film Non essere cattivo

Quelli che una volta erano i "ragazzi di vita", negli anni '90 sembrano appartenere, anche se nella periferia pi¨ disperata, a un mondo che ruota intorno all'edonismo. Un mondo dove soldi, macchine potenti, locali notturni, droghe sintetiche e cocaina "girano facili", nel quale Vittorio e Cesare, poco pi¨ che ventenni, agiscono alla ricerca della loro affermazione. L'iniziazione all'esistenza per loro ha un costo altissimo e Vittorio, per salvarsi, prende le distanze da Cesare, che invece sprofonda inesorabilmente. Il legame che li unisce Ŕ cosý forte che Vittorio non abbandonerÓ mai veramente il suo amico, sperando sempre di poter guardare al futuro con occhi nuovi. Insieme.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,36 / 10 (42 voti)7,36Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Miglior fonico di presa diretta (Angelo Bonanni)
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior fonico di presa diretta (Angelo Bonanni)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Non essere cattivo, 42 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

GianniArshavin  @  21/05/2017 13:55:56
   8 / 10
Non essere cattivo è l'ultimo film di Claudio Caligari, uscito postumo per la morte dello stesso regista, deceduto poco dopo la fine delle riprese e del montaggio.
Non essere cattivo è il terzo capitolo di un'ipotetica trilogia (che poi sarebbe la filmografia completa dell'autore) iniziata negli anni 80 con Amore tossico(1983) e continuata negli anni 90 con L'odore della notte (1998).
La pellicola del 2015 riprende da vicino le vicende soprattutto di Amore tossico, omaggiandolo e citandolo in più di una circostanza; in Non essere cattivo siamo 10 anni avanti rispetto al periodo in cui è ambientato il film del 1982, descrivendo la vita nelle borgate romane degli anni 90, gli anni in cui l'eroina sparata per endovena è stata sostituita dalla cocaina e dalla stessa eroina spacciata in polvere. I protagonisti sono sempre ragazzi senza futuro, speranze ed opportunità, giovani ai margini che non conosco e non possono ambire ad un miglioramento se non attraverso la malavita e lo spaccio. Ovviamente questi emarginati, abbandonati da stato e autorità, affogano le proprie frustrazioni nell'uso smodato delle stesse droghe che spacciano, in un percorso che riprende da vicino i temi tipici del cinema di Caligari.
Questa spirale di distruzione è inesorabile e incontrovertibile, non solo per il personaggio di Cesare, destinato ad una vita volta all'autodistruzione a causa della sua dipendenza da droghe e crimini, ma anche per il protagonista più posato e riflessivo, ovvero Vittorio, che sembra avere la vita segnata dall'impossibilità di conquistarsi un riscatto sociale malgrado gli sforzi e la volontà.
Non è difficile scovare, nella poetica caligariana, echi del Pasolini di Accattone (la figura di Cesare ricorda molto il protagonista del primo lavoro di PPP) e di Mamma Roma, con la protagonista interpretata dalla leggendaria Anna Magnani che ha molti punti in comune con il Vittorio di Non essere cattivo.
Il finale, rispetto alle opere pasoliniane appena citate, sembra lasciare uno spiraglio di speranza, anche se relativo.

Tecnicamente l'opera è pressoché perfetta, e brilla soprattutto sotto il profilo della recitazione, con un Marinelli che film dopo film si conferma un attore di spessore. Tuttavia il cast nel complesso risponde bene senza scadere mai nel macchiettistico, cosa facile quando si ha a che fare con ruoli simili.

Non essere cattivo non è un lavoro perfetto, forse in fase di scrittura ha qualche defiance ma resta uno dei migliori titoli italiani degli ultimi anni e rappresenta un testamento incredibile della poetica di Caligari, che qui trova il suo compimento massimo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  28/03/2017 12:15:30
   10 / 10
Capolavoro assoluto del mai troppo celebrato Claudio Caligari.
Di film così, ne esce uno ogni decade. Immenso.

Tautotes  @  26/03/2017 09:17:31
   7½ / 10
Davvero un bel film. Ottime interpretazioni di Borghi e Marinelli.

Burdie  @  20/01/2017 22:58:54
   6½ / 10
...ben fatto....ma non il mio genere

maxwin  @  09/01/2017 14:30:06
   6 / 10
Ottima la recitazione di Marinelli ma il film non mi ha emozionato più di tanto, le mie aspettative rano più alte. Comunque vale la pena vederlo.

camifilm  @  06/01/2017 13:49:31
   7 / 10
Un film sicuramente da vedere.

Molte buone le interpretazioni dei protagonisti e anche dei comprimari. Storia di vita nella borgata, tra locali discutibili, corse in auto, spaccio, ragazze ubriache e pronte a tutto per lo sballo, ragazzi violenti e sempre alla ricerca di come sbarcare la giornata cercando qualche soldo facile.

Purtroppo non mancano delle pecche. L'ho trovato inconcludente su molte tematiche trattate dal film molto bene ma poi in finale abbandonate a se stesse, non chiuse. Qui non posso dire altro per non entrare nello spoiler.

Bello il finale con la speranza di una rinascita. (capirete vedendolo)

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

the saint  @  30/10/2016 10:30:57
   5 / 10
non mi ha convinto.. un punto in più per le recitazioni di Marinelli e Borghi, che tengono in piedi il film

antoeboli  @  15/10/2016 01:37:21
   8 / 10
Caligari ci regala questa sua opera postuma , che per qualche momento sembra uno spin off di Suburra , dove anche qui regnano dialoghi in romanaccio,violenza,droga e spaccio totale , attraverso i personaggi di Vittorio e Cesare .
Cesare soprattutto è interpretato a uno straordinario Luca Marinetti , ancora una volta perfetto nel suo ruolo dopo quello di Jeeg Robot.
Un film che si lascia vedere e godere che è una bellezza , attraverso il carisma dei personaggi secondari e di come l essre cattivo , sembra l unico mezzo per poterne uscire da situazioni difficili .
Un film davvero bello che ha guadagnato molto poco , ma vale la pena riscoprire.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Matteoxr6  @  13/10/2016 22:11:14
   5 / 10
Caligari finisce riprendendo da dove aveva cominciato. Dopo la scelta infausta di stampo neorealista di "Amore tossico", con qualche soldo in più riprende le stesse, identiche tematiche in maniera ben più convenzionale sia nel soggetto, sia nella trama. La narrazione registica è senza dubbio un punto a sfavore: regia piattissima; è tutto uno stacco in stile video musicale e non c'è un'intuizione fotografica nemmeno a pagarla. Recitazione all'altezza, solida, ma da corroborare in prove attoriali dove non vi siano le rotelle della gestualità sopra le righe, della calata dialettale che, credetimi, aiutano molto a mascherare difetti qualitativi sopra una certa soglia. La trama è semplice, lineare, estremamente commerciale nella

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER per intramezzare il proseguo degli eventi. Insomma, non da buttare, ma già dimenticabile dopo un paio di giorni.

1 risposta al commento
Ultima risposta 15/10/2016 12.31.19
Visualizza / Rispondi al commento
cinematografo  @  25/09/2016 19:56:30
   7½ / 10
Un vero gioiellino. Film vero e crudo sulla vita di periferia romana...Luca Martinelli grandissimo.Chapeau al regista Caligari.

TheLegend  @  22/09/2016 14:27:42
   6 / 10
Film nudo e crudo che però ho trovato a tratti poco sincero e non mi ha regalato molte emozioni.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  13/09/2016 13:05:43
   8 / 10
L'ultimo lavoro della breva carriera di Caligari è un film che lascia il segno e che varra' sicuramente ricordato.
Un ottimo e sentito affresco della periferia Romana fatta di spaccio e disoccupazione. I due protagonisti sono perfetti nelle loro interpretazioni e ci fanno sentire davvero al loro fianco mentre mandano a rotoli la loro esistenza. Anche per chi ne vuole uscire non sara' facile, un viaggio praticamente senza speranza.
A parte l'epilogo piuttosto fuori contesto ci troviamo di fronte ad un bellissimo film.

polbot  @  09/09/2016 17:20:22
   7½ / 10
Film tanto duro, quanto asciutto. Ottime interpretazioni.

KitaVerde  @  02/08/2016 10:18:58
   8 / 10
Non c'è speranza per nessuno in questo piccolo "mondo", tra disgrazie e abuso di droga , le note positive sono momentanee, ma sempre con un tono di disperazione presente. Ostia è semplicemente un luogo dove tutto ritorna e niente si trasforma, la fine è imminente per tutti. Caligari sapeva bene usare i suoi luoghi, le spiaggie e le case vuote. Un raggio di sole nostrano, non essere cattivo su. L'interpretazione di Borghi e Marinelli fanno aumentare di un voto il film(pure la colonna sonora). "A guardare troppo il mare ti vengono i pensieri" Si, sono felice per questa piccola perla, è come aver ricevuto un regalo inaspettato per Natale. Basta minestre riscaldate.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  26/07/2016 19:40:09
   7½ / 10
Il regista sforna un film al livello di Amore tossico. Da vedere.

fabio57  @  22/07/2016 10:24:42
   7½ / 10
La borgata romana, descritta con toni grotteschi, ma pittoreschi da Scola nel film "brutti sporchi e cattivi" ritorna protagonista in questo film. La storia dei due tossicodipendenti, è il pretesto per raccontare di questo sottobosco sociale corroso da un estremo degrado umano e da una miseria morale ed economica. Non c'è speranza di redenzione per balordi in balia della vita, su cui non hanno alcun controllo. Perfino nel crimine restano ai margini senza riuscire nemmeno a compiere una rapina o a organizzare una piazza di spaccio. Angosciante ma realistico, gli attori sono bravi e credibili. Bella prova

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  24/05/2016 11:25:56
   7½ / 10
Ambientato ad Ostia nel 1995 "Non essere cattivo" è il terzo ed ultimo film di Claudio Caligari, scomparso durante il montaggio dello stesso.
Facile il confronto con il cinema di Pasolini, realismo e ambiente borgataro alimentano il parallelo senza troppi sforzi, nel racconto di vite costrette dal contesto a (soprav)vivere come possono, magari evitando la prematura uscita di scena.
C'è un simbolico margine a limitare Cesare e Vittorio, una gabbia socio-culturale in cui come bestie feroci sono relegati, dalla quale non si possono liberare nonostante il tentativo di aderire ad uno stereotipo di consuetudine famigliare che tuttavia non garantisce la felicità.
Canzonette techno ossessionanti, sballi nevrotici, audaci e nervosi nel passaggio generazionale dall'eroina alla coca e soprattutto la capacità di sbarcare il lunario con metodi mai legittimi: sono i paria di un paese avviato verso l'illusorio nuovo boom economico.
Si vorrebbe svoltare ma in fin dei conti tutti sanno bene dove si trova, e per sempre si troverà, il loro mondo. Si erge minaccioso proprio alle loro spalle, mentre osservano quel mare capace di far sognare. C'è la battigia lurida sferzata dal vento e uno scenario urbanistico scomposto all'interno del quale si muovono a caccia come lupi affamati, ombre della periferia, figli dell'appendice ignobile della vicina capitale.
La bravura degli interpreti e in particolare di Luca Marinelli salta subito all'occhio, Alessandro Borghi sorprende nonostante qualche eccesso nelle scene più allucinate, ma Caligari tieni bene le redini dell'operazione non andando mai a sovraccaricare. La sua è un' aderenza energica e possibile, sicuramente pessimista nell'affresco offerto, nonostante i momenti livemente comici ed altri a carattere surreale.
Districarsi dalla melma non è facile, il senso di vuoto è riempito da rabbia ferina pronta a sciogliersi in lacrime momentaneamente catartiche. C'è la commozione mai gratuita, in essa è racchiuso il lato più intimo e personale nell'urgenza del regista di definire l'umanità sepolta, tuttavia resistente e ostinata che si cela dietro la minacciosa scorza di vite private d'ogni opportunità.

Thorondir  @  10/05/2016 14:35:55
   8½ / 10
Filmone di un regista cha sapeva fare cinema vero e che purtroppo ci ha lasciati troppo presto. Finalmente siamo di fronte ad un film che racconta l'Italia, la sua pochezza e la sua povertà, le sue difficoltà, l'esistenza di una periferia dimenticata da Dio, in quel passaggio temporale che è quello politico che ha portato all'ascesa di Berlusconi. Un grande affresco di un'Italia dannata che attinge a piene mani dal neorealismo di De Sica e Rossellini (a livello tematico e registico) e anche al primo Pasolini (Accattone in particolare). Marinelli e Borghi sono straordinari nel delineare due personaggi scontrosi che ci provano ad essere diversi, ma che hanno nell'indole la violenza, la droga e la rassegnazione. Anche in questo senso il finale si tramuta in una dolorosa constatazione della realtà, decisamente lontano da quell'happy ending decantato da molti. Cinema vero, sentito, documentaristico, reale, necessario.

tavullia86  @  16/04/2016 09:52:25
   8 / 10
gran bel film. ottimi borghi e marinelli, grazie a mastandrea per aver creduto in quest'opera.

hghgg  @  10/04/2016 12:18:07
   8 / 10
Ragà, è un gran film c'è poco da fare. Caligari ci lascia con quello che forse è il suo film più bello e lo dico apprezzando anche i suoi due precedenti film e adesso maledico gli dei perché non potrà mai essercene un quarto.

L'ultimo film di Caligari va in ogni caso a rimpinguare la lista di ottimi film italiani usciti almeno dal 2014 ad oggi e ormai cominciano ad essere parecchi. "Il cinema italiano è morto" certo fino a quando uno vede solo quelle 3-4 commedie di mèrda e poi quando esce "Il racconto dei racconti" si annoia per me ad essere morto rimane (parte) del pubblico italiano, casomai.

"Non essere cattivo" è un gran film ed è un film molto crudo, oscuro, drammatico. Vita ai margini nelle borgate popolari di Ostia, vita senza speranza, tra povertà, eccessi e morte.

Se escludiamo il finale aperto Caligari non risparmia nulla allo spettatore, come sempre adottando uno stile realista e diretto, capace di coinvolgere davvero molto lo spettatore nelle vicende dei due protagonisti. Film crudo nel suo mostrare tanto la redenzione tanto l'inesorabile discesa verso l'abisso ed estremamente efficace nelle scene più drammatiche, si veda in pratica tutta la vicenda

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER dove un Caligari prossimo alla morte colpisce lo spettatore con un'attesa crudele per quello che sembra fin da subito un destino inevitabile.

Caligari scrive e dirige con in mente Pasolini certo eppure un film del genere a me riporta sempre e comunque alla mente anche il basilare "Mean Streets" di Scorsese, in salsa romana; Scorsese altro probabile punto di riferimento per la carriera di Caligari, in questo film mi vengono in mente le scene di quelle due-tre risse che ogni tanto vengono fuori e lo stesso pre-finale con

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Ottima prova per Luca Marinelli, ormai credo senza alcun dubbio uno dei più convincenti attori italiani sulla piazza ma bravo anche Alessandro Borghi che sinceramente mi ha convinto più qui che in "Suburra".

Caligari comunque fa "girare" a dovere tutto il cast (brava anche Silvia D'Amico).

Lo stile di Caligari è ovviamente "roba mia" mi piace molto, l'ambientazione romana (seppure nei dintorni, a Ostia) ha aggiunto, per quanto mi riguarda, ulteriore ovvio appeal al film.

L'ultimo lascito di Caligari è l'ennesimo gioiello in un periodo fertile per il nostro cinema. Ottimo.

4 risposte al commento
Ultima risposta 10/04/2016 15.58.39
Visualizza / Rispondi al commento
TheLory  @  04/04/2016 22:11:54
   8½ / 10
Quanti attori con la a maiuscola in questo film, Marinelli e Borghi da oscar, eppure ai botteghini sbancano sempre gli argenteri e i bovi. Cosa triste. Piaciuto il film, a volte cerca la lacrima facile, ma lo capisco, se togli quei momenti sarebbe stato solo un delirio di droga, allucinazioni e risse.
Avanti così, ne vogliamo altri

gandyovo  @  26/03/2016 22:40:25
   7½ / 10
mi è piaciuto molto. è un film sporco sulla vita ai margini di ragazzi di borgata. non credo possa essere molto lontano da alcune realtà italiane. Il film non prende mai le parti di alcun personaggio. Dipinge una realtà cruda e lascia allo spettatore domande ed eventuali risposte.

Giovans91  @  26/03/2016 13:54:04
   8 / 10
Genuino e verace in tutti i suoi aspetti. Non essere cattivo è una boccata d'aria fresca nel cinema italiano, un film che parla senza timidezza ma con tanto pudore della periferia e delle difficoltà della povera gente. Un film scritto bene, girato ancor meglio e che si pregia di ottimi interpreti, soprattutto quella di Luca Marinelli, e ha una ricostruzione scenica di qualità.
Film che ha rappresentato l'Italia per andare agli Oscar 2016; forse una pellicola non proprio adatta per l'Accademy, ma per noi italiani questo è un signor film!

7219415  @  11/03/2016 16:24:45
   7 / 10
Bel film, lo ho preferito ad amore tossico. Diverte la prima parte, fa riflettere la seconda.

Oskarsson88  @  11/03/2016 01:37:56
   7 / 10
Non male, terzo film sulla trilogia della droga, concluso poco prima della morte del regista. La storia di due ragazzi dalle condizioni difficili, che seguiranno via via strade diverse, volendosi comunque sempre bene. Musiche simili a L'odore della notte. Ben fatto, anche se gli manca qualcosa per innalzarsi!

marcogiannelli  @  07/03/2016 19:04:11
   7½ / 10
il cinema italiano che ci vuole, di ottimo livello, con Borghi e Marinelli sugli scudi
un dramma sporco e sentito, una storia di due amici, quasi fratelli intenti a uscire dal mondo della clandestinità dove sono fin troppo radicati
peccato per la caduta di tono con il passare dei minuti

guidox  @  21/02/2016 14:44:16
   7½ / 10
per chi ha apprezzato veramente Amore tossico, già il rimando iniziale è un tuffo al cuore.
poi c'è quel senso di disperazione che trasuda per tutta la durata del film, che crea quel senso di empatia coi due personaggi principali, nonostante personalmente quegli anni 90 li abbia vissuti in maniera del tutto differente alla stessa età dei protagonisti.
è un film che tocca argomenti che fanno riflettere perchè c'è una realtà non filtrata, anche se in alcuni punti si scorge un "costruito" che ci fa un po' fa a pugni.

markos  @  18/02/2016 21:41:23
   7 / 10
Ultimo film della trilogia di Caligari.
Anche in questo film, come in amore tossico, al centro della storia c'è la droga.
Bravi i due attori principali, per me sconosciuti.
Per chi ha apprezzato i primi due film non può non vedere questo.

gantz88  @  07/02/2016 17:11:12
   7 / 10
buon film,vale la pena dederlo

Trixter  @  19/01/2016 10:10:37
   5½ / 10
Storia e storie di coatti strafatti, disperati, violenti e miserabili, gente e gentaglia ai margini, perdenti nati e sconfitti dalla vita. Nonostante una regia pulita e di grande polso, il film non mi è piaciuto molto. L'approccio narrativo, molto pasoliniano, sa di già visto; i personaggi rappresentano vite ed esistenze così negative e disturbanti da non meritare, forse, tanto spazio ed evidenza cinematografica.
Sono romano e quanto narrato da Caligari rappresenta il peggio della mia città, per atteggiamenti e profili sociali, ciò che a volte fa vergognare di appartenere ad una città così bella e mai sufficientemente rispettata e amata, troppo spesso violentata da arroganza, incultura e sopraffazione. E forse questo mi ha mal posto verso la pellicola.
Ad ogni modo, molto bravi tutti gli interpreti, azzeccata e mai invasiva la colonna sonora e, come detto, Caligari mostra di conoscere il suo mestiere, confezionando un film tecnicamente notevole.

enigmista  @  18/01/2016 14:13:42
   8½ / 10
Mi è piaciuto molto, ed ho trovato davvero molto bravi i 2 protagonisti. Caligari, dopo i bellissimi "Amore Tossico" e "L'odore della notte" ci lascia un altro grande film.

davmus  @  04/01/2016 21:29:50
   5½ / 10
Commedia sulla vita di borgata....ma senza troppo capo ne coda!

1 risposta al commento
Ultima risposta 18/01/2016 22.11.17
Visualizza / Rispondi al commento
InvictuSteele  @  21/12/2015 16:18:23
   7½ / 10
Non sono mai stato un estimatore di Caligari e del suo cinema popolare, scolastico e realistico. Sicuramente ha avuto il pregio di mettere in luce i disagi dei reietti della società, nella maniera più fedele possibile, ma non mi sono mai entusiasmato davanti ai suoi lavori. "Non essere cattivo" è probabilmente il suo miglior film, quello più curato e studiato (anche se poi i suoi prodotti si equivalgono sempre) e anche questo non mi ha trasmesso molto. E' indubbiamente un signor film, girato bene e con bravi attori romanacci, la storia prende e intrattiene, eppure molte cose sono forzate, come se si cercasse la drammaticità a tutti i costi, infierendo su personaggi miserabili e sfortunati ai quali il fato ha tolto ogni stimolo per vivere. Sarà che, essendo romano, odio i coatti, il loro modo di esprimersi, di atteggiarsi, di parlare, di esistere, i luoghi che frequentano e i gusti che hanno, e ciò mi impedisce di immedesimarmi e di cogliere la "magia" di questo lavoro. Tuttavia si tratta di un'altra piccola testimonianza che il cinema Italiano sta riprendendo la retta via. Speriamo nel futuro.

wicker  @  20/12/2015 17:54:45
   8½ / 10
Film che prende due aspetti già visti nei due precendenti di Caligari.
C'e' il mondo della droga di Amore tossico misto alle atmosfere noir di L'odore della notte.
Comunque è un gran film duro,sporco,disperato,cattivo,una storia di redenzione e condanna ,di odio e di amore di ricerca di una via d'uscita con la fragatura che è sempre dietro l'angolo.
Grandi Martinelli e Borghi,sceneggiatura pungente,regia di polso che non si perde in tempi inutili di fraseggio tra le scene.

Project Pat  @  24/10/2015 13:49:11
   7½ / 10
È a suo modo un evento, senza dubbio: l'ultimo film di Claudio Caligari, il regista di Arona conosciuto pressoché da chiunque nel giro underground e non solo, che con soli due film fino ad allora dati al mondo, girati e usciti complessivamente in un arco pluridecennale era riuscito comunque a crearsi la fama di parlatissimo cineasta, esce oggi, nel 2015, ben diciassette anni dopo l'ultima fatica (targata 1998) e per di più, dopo la "prematura" scomparsa del suo autore, avvenuta pochi mesi prima.

Chi scrive c'è da dire che ha apprezzato particolarmente quella controversa, prima pellicola che fu "Amore Tossico", riconoscendone le (forse involontarie) potenzialità, mentre ha storto completamente il naso di fronte al secondo "L'odore della Notte", reputandolo nel complesso un prodotto scadente, dotato di comicità involontaria, di fin troppo grezze interpretazioni e di un citazionismo invero pretenzioso (con ragioni tutt'altro che umili, si arrivò perfino a citare Scorsese).

Riguardo invece questa terza e ultima sfacchinata, si può asserire pacificamente che con essa si è raggiunta quell'omogeneità, quella maturità artistica che tutti lecitamente si aspettavano, pur se non in assenza di potenziali (agli occhi dello spettatore) "difetti" di regia e di sceneggiatura, entrambe sempre troppo calcate in alcuni punti, che però più che difetti, sarebbero da inquadrare come tratti fisiologici dello stile di Caligari (questo di matrice pasoliniana, d'altra parte) ai quali è impossibile, a mio parere sul serio in questa pellicola più che nelle altre due (che globalmente rispetto alla nuova restano sempre un po' a sé stanti, "Amore Tossico" soprattutto, nonostante le possibili somiglianze che con quest'ultima ne possano derivare), non affezionarsi: i protagonisti di "Non Essere Cattivo" infatti non sono né drogati reali come nel primo film, né recitano da cani come nel secondo, ma sono attori non tutti notissimi che nonostante ciò cacciano fuori interpretazioni comprese e fedelmente rappresentative, lecite e pure godibili nel loro, come già detto, sconfinar sopra le righe. Le ultimissime immagini prima dei titoli di coda possono tranquillamente parlar da sole, con il volto di un neonato sorridente avvolto in fasce, questo per far capire il valore dell'opera.

In conclusione, non un capolavoro ma un film in cui il salto di qualità è stato finalmente fatto, rappresentante tra l'altro una delle migliori alternative attualmente disponibili in sala (assieme a "Suburra" di Sollima) e per questo, ulteriormente da premiare.

ZanoDenis  @  16/10/2015 14:40:18
   8 / 10
Grande opera postuma di Caligari, regista sempre impegnato in tematiche molto forti, riguardanti spesso il disagio giovanile. Sono venuto a sapere che questa pellicola rappresenterà l'Italia agli oscar di quest'anno, sinceramente non mi aspettavo una scelta del genere, anche perché è parecchio atipico come film.
La storia si svolge tutta a Roma, città che nella storia del cinema italiano è sempre stata lodata e rappresentata in tutta la sua bellezza (meritatamente). Ma a Caligari non interessa questo, non interessa la bellezza del colosseo, ne il fascino della fontana di Trevi, a Caligari interessa la periferia romana, i posti più malfamati, i posti frequentati da tossici, criminali e prostitute, il lato oscuro di una bellissima città (ma il discorso ovviamente si può allargare un po a tutta l'Italia). Già dalle ambientazioni il film convince, modeste, polverose, anche incompiute e soprattutto molto crude, rappresentano in parte i personaggi di questo film, si adattano perfettamente a loro, lo stile e i temi di questo film mi hanno ricordato moltissimo il primissimo Refn (Bleeder e la saga di Pusher) e in parte anche il primissimo Pasolini (specie Accattone).
Sceneggiatura di ottimo livello, anche se ho trovato qualche parte un po troppo romanzata, Caligari ha voluto mostrare le due facce di un ragazzo disagiato, dallo scorretto comportamento in strada, al cuore tenero che riserva per la madre e per la nipotina, il contrasto è netto, si vede, si sente, anche se le due cose non sono poi così distanti tra loro, saranno stati gli stessi drammi familiari subiti in passato dal protagonista, a renderlo così. Anche lo spettatore ha un rapporto ambiguo con i personaggi, non può di certo patteggiare per loro, ma può compatirli, può sperare per il meglio nel loro destino, può in parte capire le loro sofferenze. Il resto è un buonissimo affresco del disagio giovanile, tutto esplicitato, tutto reso il maniera cruda e drammatica, con una rappresentazione del quotidiano per loro e dello straordinario per un comune spettatore. Quotidianità spesso rotta da decisioni improvvise e avventate, eventi drammatici, tentativi di svolte. Alla fine non sembra che Caligari ci lasci con pessimismo, vuole quasi farci intendere che alla fine siamo noi a controllare il nostro destino, che volendo si può svoltare, ma anche che comunque le difficoltà ci saranno sempre, indipendentemente dalla strada intrapresa.
Una menzione speciale per cio che secondo me è uno dei punti fortissimi del film: la recitazione. I due protagonisti straordinari, veramente mi hanno colpito per la loro intensità, la loro emotività, riescono ad incarnare benissimo i due personaggi. Anche le comparse sono tutte messe al posto giusto, tutte gestite benissimo, tutte recitano alla perfezione, un cast sconosciuto, ma straordinario. Bella ed efficace opera postuma di Caligari, magari vincesse agli oscar, ma la vedo difficile.

Larry Filmaiolo  @  15/10/2015 21:26:43
   8½ / 10
voto passionale, opera-testamento di un grand'uomo, e rinascita per il cinema di genere italian...PARTE 1 (forse perchè è anche più di questo).

The Legend  @  10/10/2015 01:08:40
   4 / 10
Questo film non mi ha preso, nemmeno quando (ab)usa gli espedienti narrativi più lacrimevoli

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Probabilmente, la circostanza che il regista si morto durante le riprese, ha finito col dilatarne gli effettivi meriti ai posteri, come sempre accade anche nel mondo dello sport.

Non essere cattivo tenta di replicare Gomorra spostandola nella periferia romana, ma il racconto mi è sembrato sempre poco sincero, un collage di scene di violenza e di disagio già rese sullo schermo dalle serie televisive più popolari (e forse da queste prese).

david briar  @  06/10/2015 01:55:54
   7½ / 10
Son molto sorpreso che l'Italia abbia scelto questo film per concorrere agli Oscar,non perché non meriti,ma perché è una scelta difficile e non scontata contro altre decisamente più ovvie da fare.Dubito che un film del genere possa fare strada all'Academy,ma almeno sarà visto anche negli USA,fattore positivo visto che forse non è quello che si aspetterebbero dagli italiani.Insomma,non banale,sicuramente.
"Non essere cattivo" è un film invece molto cattivo nell'aggredire lo spettatore,nel provocarlo,ma è in egual misura raffinato nel dosare i momenti di climax,senza mai andare sopra le righe,ma fermandosi proprio al punto limite.Non giustifica mai i personaggi,ottenendo un grande effetto di verità e di vicinanza,e allo stesso tempo di distacco morale:ci dispiace,empatizziamo e ci emozioniamo,ma sono sempre loro che se le vanno a cercare,ne prendiamo atto.
Di emozioni ne comunica svariate,risate ironiche e naturali alternate ad una cruda ma in qualche modo dolce inadeguatezza, perfino tenerezza in una scena che ricorderò per sempre.Magari una drammatizzazione poteva essere trattata meglio,è l'unica svolta che risulta un po' "gratuita";così come la relazione fra Vittorio e la compagna,e c'è qualche clichè,in un film imperfetto ma coinvolgente,soprattutto impegnativo.
Un ottimo film con due attori semplicemente fantastici,roba che li candiderei subito agli Oscar se facessi io le nomination.Assolutamente da vedere,un cinema personale,viscerale e maledettamente efficace..

Invia una mail all'autore del commento kampai  @  30/09/2015 13:57:35
   8 / 10
purtroppo film così non se ne vedono molti. grande affresco su la variegata popolazione "al limite" della periferia romana ( ma potrebbe essere qualunque), del vivere a arabbattarsi per sopravvivere al di fuori della normalità e della legalità. grandi i due interpreti principali, ottimi i comprimari. purtroppo Caligari è morto e all'orizzonte degni eredi non se ne vedono.assolutamente da vedere

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  24/09/2015 20:55:16
   8 / 10
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  14/09/2015 00:20:22
   8 / 10
Il Postumo come Atto di vita e di morte. Caligari lascia in eredita' un film sporco e in fondo poetico, dove certi (socialmente) temuti individui ti sembra davvero di averli conosciuti (o averli voluto conoscere ebbene si) nella tua vita. E' sfumato, mai compiaciuto o retorico, ma sottilissimo il confine tra i fuorilegge e quelli che, a modo loro, vivono nell'Ordine (ovviamente scorretto, corrotto, anarchico) delle cose (lo sfruttamento del lavoro "in nero" per esempio). Tanta acqua e' passata sotto i ponti, ma e' una "Notte brava" che da Pasolini ci costringe oggi a riflettere sulla sofferenza di destini chiusi a qualsiasi atto di redrnzione. Questo e' FINALMENTE il cinema Italiano che Ci piace, in tutti i sensi, che fa di Caligari il Di Leo, il Damiani, e perche' no il Pasolini del nostro Presente. Ma purtroppo per Noi e Lui dobbiamo parlare ancora una volta al Passato

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

17 anni (e come uscirne vivi)
 NEW
2night
 NEW
47 metri7 minuti dopo mezzanotte
 T
a casa nostra (2017)acqua di marzoadorabile nemica
 NEW
alamar
 T
alcolistaaldabra: c'era una volta un'isola
 HOT
alien: covenant
 T
altin in citta'
 NEW
annabelle 2assalto al cielobaby bossbolshoi babylonboston - caccia all'uomoclasse zcodice unlocked
 NEW
cuori purie se mi comprassi una sedia?east endellefamiglia all'improvviso - istruzioni non incluse
 T
fast and furious 8
 NEW
fortunataghost in the shell (2017)gold - la grande truffa
 T
guardiani della galassia vol. 2i called him morgani peggiorii puffi: viaggio nella foresta segretail giardino degli artisti: l'impressionismo americanoil mondo di mezzoil permesso - 48 ore fuoriil segreto (2016)il viaggio (2017)
 NEW
indizi di felicita'insospettabili sospetti
 T
king arthur - il potere della spadala cura dal benessere
 T
la guerra dei cafonila meccanica delle ombrela mia famiglia a soqquadrola notte che mia madre ammazzo' mio padrela notte non fa piu' paurala parrucchierala ragazza dei miei sognila tartaruga rossala tenerezzala vendetta di un uomo tranquillola verita', vi spiego, sull'amorel'accabadoral'altro volto della speranzal'amore criminalelasciami per semprelasciati andarele cose che verrannole donne e il desideriole verita'l'eccezione alla regolaliberelibere, disobbedienti, innamoratelife - non oltrepassare il limitel'uomo che non cambio' la storiamal di pietremaradonapolimexico! un cinema alla riscossa
 NEW
milano in the cage - the moviemiss sloanemma love never diesmoglie e maritomonster trucksmothers (2017)my italymystic game
 NEW
noi eravamonon e' un paese per giovaniorecchieovunque tu saraiper un figliopersonal shopperpiani parallelipiccoli crimini coniugali
 NEW
pirati dei caraibi: la vendetta di salazarplanetariumpower rangersqualcosa di tropporichard - missione africaritratto di famiglia con tempestasasha e il polo nordscappa - get outsicilian ghost storysole cuore amoresong to songsulla via latteatanna
 T
the circlethe dinnerthe most beautiful day - il giorno piu' bellothe rolling stones ole', ole', ole'! - viaggio in america latinathe space between (2017)the startupthis beautiful fantastictutti a casa - inside movimento 5 stelletutto quello che vuoiun altro meuna gita a romauna settimana e un giornounderworld - blood warsvictoriavirgin mountainwhitney (2017)wilson (2017)

955723 commenti su 37268 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net