margin call regia di J.C. Chandor USA 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

margin call (2011)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MARGIN CALL

Titolo Originale: MARGIN CALL

RegiaJ.C. Chandor

InterpretiKevin Spacey, Paul Bettany, Jeremy Irons, Zachary Quinto, Penn Badgley, Demi Moore, Stanley Tucci

Durata: h 1.49
NazionalitàUSA 2011
Generethriller
Al cinema nel Maggio 2012

•  Altri film di J.C. Chandor

Trama del film Margin call

Wall Street. Eric Dale, uno dei capi settore di una grossa banca di credito finanziario, viene licenziato in tronco. Ha solo pochissimo tempo per prendere i suoi effetti personali ed andarsene. Fa in tempo pero’ a consegnare una chiavetta di computer al giovane analista Peter Sullivan dicendogli di fare attenzione. Peter, dopo che i suoi compagni di lavoro sono usciti, scopre che i dati che emergono dai file di Eric dicono che la banca, appoggiandosi su azioni virtuali, ha le ore contate. Sullivan mette in allarme le alte sfere e si convoca nella notte una riunione di emergenza. Bisogna decidere in tempi rapidissimi il da farsi o il crollo dell’Istituto sara’ verticale. Le scelte da compiere dovranno fare (o non fare) i conti con l’etica.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,74 / 10 (70 voti)6,74Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Margin call, 70 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

markos  @  20/08/2017 13:08:31
   7 / 10
Cast immenso, dove nessuno è protagonista.
Quasi tutta la durata del film è svolta in un stabile con uffici e malgrado l'argomento, che forse chi è appassionato di mercato con acquisti e vendita di azioni sicuramente gli sarò tutto più chiaro, il film intrattiene.

Thorondir  @  15/07/2016 12:25:19
   7½ / 10
Il debutto di Chandor alla regia è un film rigorosissimo che ricorda qualcosa dei grandi maestri del classico cinema americano del passato, tra cui soprattutto Lumet, Eastwood e Scorsese. La sua è la retrospettiva sulla crisi finanziaria del 2008 e sul becero cinismo con cui i colletti bianchi, nella consapevolezza del disastro che stavano per compiere, hanno spazzato via miliardi di dollari vendendo a gente che di lì a poco avrebbe perso tutto. Perchè "loro i soldi non li perdono mai".

Una pellicola durissima senza aver bisogno di mostrare sangue, uno spaccato impietoso e "dark" sull'oscuro mondo finanziario che ormai ha soppiantato gli stati e messo tutto a mercato. La sceneggiatura (dello stesso Chandor) e la capacità degli attori di renderla al meglio, danno un ensemble finale di un film che va visto, assimilato e rivisto, date alcune tecnicità di non facile comprensione.

Intanto stiamo scavando sempre più a fondo...

Zarco  @  14/02/2016 13:52:57
   6 / 10
C'è tensione, gli attori sono bravi, l'impianto è ben condotto, ma la storia si regge su poca sostanza, si capisce poco il collegamento tra i garbugli finanziari e la realtà, manca la concretezza ed è troppo lasciato all'immaginazione. Manca anche una morale profonda e di condanna per un mondo simile. Sembra quasi che sia giusto. Sufficienza, ma non di più.

Kit Carson  @  05/01/2016 23:37:27
   8 / 10
Interpretazioni di alto livello, regia all'altezza, sceneggiatura precisa e ritmo incalzante. Un film asciutto e preciso come richiede l'argomento trattato. Veramente notevole. P.S.: l'ampio uso di terminologia tecnica è un lato positivo e non negativo, perchè rende credibile e veritiero ciò che si sta guardando.

davide corsico  @  03/02/2015 11:22:33
   6½ / 10
pellicola abbastanza interessante soprattutto per il taglio estremamente realistico e tecnico con cui sono dipinte le ultime 24 di lehman brothers. ci si ritrova immersi in mondo fatto di soldi e potere dove anche i più virtuosi e moralmente giusti si ritrovano letteralmente con le mani legate... un mondo fatto di ricatti celati e indiretti e dove la smania di potere costringe gli uomini a fare anche ciò che non vorrebbero.
il problema è nella regia. non mi è piaciuta per niente. molto lenta e sconnessa; riesce ad abbattere l'interesse dello spettatore nonostante il film abbia, in quanto a sceneggiatura, un alto potenziale. peccato, ma comunque, nel complesso, pellicola abbastanza gradevole.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento diderot  @  27/01/2015 08:51:00
   4 / 10
Sarà che di economia ci capisco poco, sarà che da un cast del genere ci si aspetta tanto... ma a me questo film non è piaciuto.
La storia sembra essere molto interessante e promette bene, poi si ingarbuglia in tecnicismi finanziari che rendono difficile seguirne le dinamiche, nonostante tutto si capisce che sta per accadere qualcosa di catastrofico e... SPOILER

Le ottime interpretazioni (Zachary a parte), i dialoghi interessanti (in alcuni frangenti) e una fotografia abbastanza curata non bastano a renderlo piacevole.
Un film che per fortuna si dimentica presto.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Charlie Firpo  @  23/01/2015 09:38:29
   7½ / 10
Un bel film arricchito da un cast molto valido, fra cui uno spietato Jeremy Irons.

Attenzione che però è un film pienamente apprezzabile solo da chi ha almeno una base di infarinatura in campo borsistico dato che si parla spesso di strumenti finanziari derivati e di rischio connesso alla loro volatilità.

Burdie  @  22/01/2015 22:03:30
   7 / 10
Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  13/01/2015 21:06:42
   6 / 10
Si svolge tutto in una notte ma nonostante questo è dai ritmi abbastanzi lenti pur non annoiando e tenendo lo spettatore quasi in ansia fino alla fine. A volte linguaggio troppo tecnico ma alla grande prova dell'ottimo cast non si può attribuire meno della sufficienza.....

gemellino86  @  12/09/2014 13:41:22
   8 / 10
Film lineare e complesso ma con dei grandi pregi a partire dagli attori. Spacey e Irons sono bravissimi a interpretare personaggi non facili. Poi ci sono anche Paul Bettany e Demi Moore. Da vedere.

Ale92  @  02/02/2014 23:58:23
   7 / 10
Un film lentissimo,che racconta perfettamente la crisi finanziaria americana,abbastanza ansioso come film visto che si svolge tutto in 24 ore.. la crisi fa sembrare la notte interminabile,per il resto un bel film con un bravi attori

harlan  @  02/02/2014 04:38:33
   7 / 10
film intenso,dal ritmo serrato, anche in relazione al fatto che il tutto si svolge nell'arco di nemmeno 24 ore.
ai non addetti ai lavori risulterà poco comprensibile la gravità della situazione in quanto i fenomeni economici che su cui poggia la vicenda sono esposti in termini tecnici. credo ciò corrisponda ad una precisa scelta che favorisce il realismo della vicenda a dispetto della semplificazione degli aspetti principali che determinano il crollo descritto nel film. scelta che ho comunque apprezzato.
chiaramente ispirato alla vicenda della lehaman brothers, sarebbe stato perfetto, in quanto più completo, se avesse descritto anche sinteticamente come si è arrivati alla situazione di crisi mondiale e quindi alla genesi dei risultati a disposizione degli analisti dai quali poi si sviluppa tutta la vicenda.
kevin spacey e stanley tucci sublimi
insipidi gli altri, compresa la moore.
fantastici i doppiatori.

benzo24  @  22/01/2014 21:04:11
   7 / 10
Bel film e ottimo cast. probabilmente il migliore che spiega l'origine della crisi economica e la speculazione finanziaria.

Tuonato  @  12/10/2013 20:07:19
   6½ / 10
C'ho visto dei riferimenti alla crisi dei mutui subprime che portarono al fallimento la Lehman brothers nel 2008.
Storia di squali capitalisti, di colletti bianchi che pensano solo a quanto guadagnano all'anno, di un'etica scomoda e inopportuna in quel mondo di affari.
Al centro una banca di credito che non si fa scrupolo di tagliare il proprio personale per non vedere diminuire gli utili.
"Looking ahead", guardando avanti, come recita una rivista destinata agli impiegati che scioccati dell'improvviso quanto inumano licenziamento non riescono a farsene una ragione.
Buon film nel complesso, ma il tema viene trattato con linguaggio tecnico così risulta ostico comprendere terminologie e situazioni per i non addetti ai lavori.

mastrogabriel  @  03/10/2013 17:55:28
   7 / 10
Buon film che dà un'idea chiara e limpida sulla crisi finanziaria del 2007-2010. Cast d'eccezione in cui spiccano un'ottimo Spacey e il premio oscar Irons. Notevole la sceneggiatura, i dialoghi li ho trovati fluidi ed esplicativi. Nulla a che vedere con il genere thriller, è più una pellicola di taglio drammatico-economico.

elnino  @  23/09/2013 10:38:30
   6½ / 10
Bel film sulla finanza, non sono un fan del genere, ma il talento degli attori impiegati è innegabile, e rendono il film degno di essere visto fino alla fine.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Egobrain  @  30/07/2013 15:02:10
   7 / 10
Pellicola di pregio che attraverso gli occhi di otto personaggi analizza la crisi del "Wall" del 2008.
Chandor è bravo a rendere il processo finanziario comprensibile a tutti, e grazie alle interpretazioni di alcuni grandi attori (Spacey e Bettany su tutti) il film è fluido e realistico nei più minimi dettagli.

alberto9  @  02/07/2013 08:34:32
   7 / 10
Un buon film con un buon Kevin Spacey. Rende abbastanza bene l'idea dell'aria che si respira a lavorare per una banca d'investimento.

Wen0m  @  05/06/2013 00:27:30
   5½ / 10
Questo film di finanziario ha ben poco. Analizza più che altro il lato psico-sociale, il trade off classico tra pagare le colpe in prima persona o scaricarle su altri. Non che esprima concetti sbagliati, ma li semplifica in modo eccessivo per poter essere compreso, e così facendo inevitabilmente li banalizza.
Chi vuole guardare un bel film sulla finanza opti per "Wall Street", quello del 1987 mi raccomando, oppure piuttosto per "Too big to fail", decisamente più istruttivo e completo. Questo è qualitativamente e a livello di contenuti inferiore

1 risposta al commento
Ultima risposta 23/01/2015 06.14.34
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  30/05/2013 13:23:35
   6 / 10
Un cast di stelle ci mostra cosa succede quando la crisi tocca anche i cosiddetti "ricchi"!
Una banca rischia di crollare con tutti i "filistei" a bordo e a quel punto non conta ne l'orario ne altro.
Tra una riunione e un'altra quello che manca al film si evince quasi subito...il ritmo.
L'ottimo lavoro dei protagonisti e una buona sceneggiatura salva solo in parte questo lavoro a tratti troppo comlicato.

Chemako  @  25/05/2013 18:09:24
   6½ / 10
Ben fatto e cast ottimo....

maitton  @  22/05/2013 16:10:33
   6½ / 10
film davvero pregevole, freddo e coinvolgente allo stesso tempo.
un cast di livello assoluto e perfettamente integrato, non era facile con tante star di hollywood.

Trixter  @  26/03/2013 22:42:47
   6½ / 10
Margin Call è un film di ottima fattura, attuale, forte. Ottimo il cast (magistrale Spacey), interessanti i dialoghi e bravo il regista a rendere il sottile filo di tensione che, durante la notte, avvince tutti i protagonisti per la sofferta decisione che si troveranno costretti a prendere. Unica pecca, ahimè.... non nego di aver sbadigliato un paio di volte. Il ritmo piuttosto lento e l'argomento trattato, infatti, richiedono un'attenzione non indifferente. Ad ogni modo, buona pellicola. Senz'altro da vedere.

keisersoze  @  20/01/2013 17:55:32
   6 / 10
Discreto film su un argomento di grande attualità. Il film scorre abbastanza liscio però manca un po' di mordente.Sarebbe stato interessante volgere lo squardo oltre l'interno di un grattacielo di wall street e poter vedere la storia anche da una prospettiva meno "panoramica". La sensazione è che si poteva fare molto di più!

Estonia  @  10/01/2013 08:57:23
   8 / 10
Una lunga giornata e una nottata di angosciosa attesa nell'arco delle quali si decide il futuro di una banca finanziaria statunitense e soprattutto il destino degli sfortunati investitori che subiranno le conseguenze devastanti di scelte economiche improntate al più bieco cinismo speculativo.
Il mercato e la finanza protagonisti assoluti nel panorama ingannevole e incerto della crisi economica del 2008 che culminò con il fallimento della Lehman Brothers, e le cui ripercussioni perdurano ancora oggi a livello globale. Licenziamenti, sotterfugi, conti truccati, grandi manager senza scrupoli, un microcosmo di personaggi che interagiscono tra loro su un palcoscenico di uffici e vetrate di cristallo che si affacciano sul vertiginoso panorama di Manhattan. Vite e carriere bruciate in pochi sbrigativi minuti con responsabili delle risorse umane più simili a gangster che a burocrati accreditati.
Un film di denuncia strutturato con la suspance di un thriller e avvolto in una cappa di oppressione e di impotenza di fronte al crollo dell'etica nel mondo del business globalizzato.

davmus  @  07/01/2013 11:44:31
   7½ / 10
Crea la giusta tensione, e lascia intuire quantomeno alcuni principi, del crack di wall street.

drobny85  @  29/12/2012 14:52:51
   8 / 10
Una pellicola che, senza troppi tecnicismi cerca di far capire (con chiari riferimenti al passato recente) cosa è successo poche ore prima della fine di un colosso bancario.
Il cast come detto da tutti è stellare, servivano giustamente attori di spessore e con una buona mimica facciale per far capire allo spettatore il dramma che si stava consumando, senza eccessi però, proprio come nella vita reale di tutti i giorni.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Numeri e freddi calcoli, contrapposti alla vita quotidiana e piena di sentimenti, questo film è una piccola perla, anche l'ultima scena sa essere intensa, se ci si ferma a riflettere sul suo perchè.

Febrisio  @  26/12/2012 15:35:03
   6 / 10
Margin call arriva qualche anno più tardi dai fatti registrati nel 2007-2008. È difficile definire quando esattamente abbia inizio una crisi finanziaria. Il film ne descrive in una notte i delicati momenti di consapevolezza che precedono il crollo totale. La punta del grafico tra ascesa e discesa. Pur non concentrandosi su nomi altisonanti di Lehman & Brothers, o accuse dirette, quasi anonimo, sottolinea in modo poco elegante alcuni clichè dei banchieri, la loro meschinità e avidità nei confronti delle controparti. Ad ogni modo storia e personaggi reggono molto bene, pur contando una parte di distensione e riflessione alle tre quarti, che invece di esaltarne il significato, si spegne d'intensità emotiva. Sinceramente capisco Oliver Stone che, pur di arrivare primo a crearne un film, abbia creato qualcosa di incompleto, ma dopo qualche anno e così tante informazioni a riguardo, si poteva certamente fare di meglio che gonfiare dei clichè. Sicuramente non da bocciare, l'atmosfera è palpabile e interessante, ma poteva essere nettamente più esplicativo e interessante, forse meno... margin...ale.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  23/12/2012 14:44:23
   8 / 10
Un film del tutto convincente, basato su una sceneggiatura solida e di grande impatto, che senza un'adeguata concentrazione è arduo seguire. Il cast stellare gioca un ruolo chiave nel rendere più realistico l'insieme. Ottima la fotografia.
Consigliatissimo, soprattutto a coloro i quali hanno un certo interesse verso l'attualità.

Larry Filmaiolo  @  18/12/2012 16:35:46
   8 / 10
Cast eccezionale per un thriller c*zzutissimo, profondamente pessimista, quasi un pugno nello stomaco.
Da vedere.
Nello spoiler, citazione necessaria.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR bellin1  @  16/12/2012 18:41:27
   5½ / 10
La crisi finanziaria è dietro l'angolo. Il film si svolge tutto in una notte alla ricerca della scintilla iniziale: il linguaggio a tratti è complesso, può anche non piacere. Tuttavia uno sguardo lo si puo dare, purtroppo visto le conseguenze reali.
Piu che mediocre. 5 1/2

TopoXL  @  11/12/2012 11:28:47
   7½ / 10
non per tutti.
ma magistrale.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  21/10/2012 13:19:30
   6 / 10
Film che non è assolutamente da catalogare come un "thriller", visto che vuole affrontare la drammatica tematica della crisi finanziaria. I ritmi sono blandi, però si riesce a seguire ed è una vicenda che fa senza dubbio riflettere.

andreuzzolo  @  05/10/2012 02:50:39
   5 / 10
VUOTO ASETTICO. Tutto questo popo' di cast e si vede dalle ottime recitazioni, per ... UN NULLA.
Il "problema" si individua all'inizo del film poi non evolve NULLA.
INCOMPIUTO lascia un segno di INCOMPIUTO.

Bellissima la regia e le scenografia anche le musiche sono stupende, ma il film è IL NULLA PIU TOTALE. nonostante il livello degli attori ha una sceneggiatura LENTA E RIPETITIVA.

DellaDuck  @  16/09/2012 10:13:45
   3 / 10
Non mi è assolutamente piaciuto. Noioso, noioso, noioso.
Da vedere se si vuole prendere sonno.

the saint  @  15/09/2012 23:50:22
   5½ / 10
cast ottimo, però il film in alcuni punti è un pò soporifero...

BrundleFly  @  14/09/2012 23:32:06
   7 / 10
Ottimo film e con un cast stellare. L'unica cosa che mi ha disorientato un po' è stato questo sentir parlare in termini tecnici di borsa, investimenti ecc... di cui non ci capisco proprio niente, anche se comunque il concetto di base è più che chiaro

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER e fa capire quali razza di "persone" gestiscano i soldi che determinano l'economia, se non di un intero paese, di tutto il mondo (trattandosi degli Stati Uniti).
Molti hanno definito questo film "lento" e in cui "non succede praticamente nulla"; secondo me invece questo film è più pieno di significati e succedono molte più cose che in molti altri film d'azione o dove si sparano dall'inizio alla fine.
Per me, promosso a pieni voti.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  09/09/2012 14:38:49
   8 / 10
Ottima pellicola sul crolllo finanziario reso interessante da un'ottima cura dei personaggi senza tralasciare il ritmo che rimane sempre su ottimi livelli riuscendo accontentare anche chi storce il naso di fronte alle pellicole troppo lente. "Margin Call" è un film apocalittico, catastrofico ma realistico e quindi anche terribilmente inquietante. L'atmosfera è costantemente tesa (quasi fosse un vero e proprio thriller più che un film finanziario) e pessimistica per merito di sguardi e dialoghi che riescono sempre e comunque a ricreare una tensione palpabile. I termini tecnici sono inevitabilmente presenti ma sono anche limitati e spesso spiegati in maniera semplicistica in modo da rendere il film più leggero e comprensibile nonostante sia ambientato in un mondo difficile da comprendere come lo è quello dell'alta finanza. Il cast è imponente e all'altezza della sua fama, com'era prevedibile su tutti spicca Kevin Spacey in grado di dar grande spessore al suo personaggio che inizialmente sembra il più cinico (preoccupato solo della salute del suo cane) e invece si rivela quello un po' più umano (l'unico che si fa scrupoli morali su quanto costretto a fare), non mi sono dispiaciuti per niente neanche Paul Bettany e Jeremy Irons (un vero diavolo).
Un film sul capitalismo, spiegato forse in modo un po' semplicistico così da renderlo abbordabile da tutti, profani della finanza compresi, ma anche molto realistico. Un plauso all'esordiente regista Chandor.

Azrharn  @  05/07/2012 13:15:23
   6 / 10
Ottimo cast ed ottime interpretazioni per un film dal ritmo blando.

Jimmy.Carollo  @  20/06/2012 11:15:44
   6 / 10
Un film che presenta un cast del genere, un tema che può colpire, che può essere maneggiato a piacimento, che lascia spazio a mille interpretazioni, è facile da commentare. Personalmente non mi sono soffermato sulle singole interpretazioni, sulla fotografia, sulle sceneggiatura MA il mio giudizio è in questo caso un giudizio istintivo, dato nella mia testa alla fine dei titoli di coda: Appena, dico appena sufficiente. Mi aspettavo molto ma molto di più. Si poteva spaziare, si poteva osare alla grande, si è restati in superficie. Lavorare in una grande realtà economica come una grandissima banca cambia le persone, le modella, le rende quasi schiavizzate. Leggete l'articolo "dell'Internazionale" sulla Goldman Sachs, un articolo che merita una lettura e vi farà capire come questa pellicola sia rimasta veramente in superficie.

xanter  @  19/06/2012 17:53:34
   6 / 10
Tutta questa lentezza per raccontare una crisi finanziaria, tema già di per se non allegro e non alla portata di tutti, Spacey sempre più mono espressivo, Tucci ormai fa sempre lo stesso ruolo, la Moore piuttosto anonima, non è certo un film memorabile.

barone_rosso  @  14/06/2012 21:25:23
   8 / 10
L'ho trovato decisamente coinvolgente, ben caratterizzati tutti i personaggi, dal giovane analista al superpresidente. Attori di un certo livello e una trama seppur banale, mai noiosa

Gruppo COLLABORATORI Mr Black  @  04/06/2012 19:33:31
   7 / 10
Mi è davvero piaciuto!! Non succede quasi nulla, però è ben interpretato con dei dialoghi davvero irresistibili. Super cast!

Inn10  @  03/06/2012 19:48:40
   5 / 10
sopravvalutatissimo. Concordo con chi ha detto che è mediocre e si poteva fare meglio. Peccato perchè il cast sarebbe al top...

TheLegend  @  01/06/2012 20:59:04
   6 / 10
Film asciutto,essenziale.
Ottimo il cast ma forse si poteva fare di più per renderlo più coinvolgente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  01/06/2012 16:23:07
   7½ / 10
Prospettiva spietata e apatica dell'impenetrabile mondo della finanza.
Ho visto parecchi film sull'argomento, Margin Call se li lega tutti all'uccello grazie a un'autenticità davvero fuori dal comune. Sobrio, teso e mai troppo ostico nonostante il tema trattato, riesce a catturare soprattutto grazie a un cast eccezionale con i veterani Spacey e Irons padroni assoluti della scena. Molto interessante.

Invia una mail all'autore del commento franx  @  01/06/2012 13:27:11
   4½ / 10
Una vera boiata, non regge il confronto con altri ottimi film sul'argomento finanziario, come Too Big to Fail (vedetevelo gratise su youtube) con un cast di attori niente male.
Storia raccontata male, quasi senza capo ne coda. Quando si dice che per quanto bravi e blasonati possano essere gli attori, se il film è un cesso è un cesso.
Scritto malissimo proprio.

CavaliereOscuro  @  31/05/2012 11:58:02
   4½ / 10
Cast stellare per cosa? Un film sull'alta finanza costruito sulle discussioni di manager? Proprio non sono riuscito a capirlo. Ma sul vero senso della parola! Il linguaggio è troppo tecnico e occorrerebbe capirne qualcosa a prescindere da quel poco che viene spiegato durante lo svolgimento della storia. Inizia nel nulla e finisce nel nulla. Sembra di vedere una puntata di qualche serial con la differenza che qua siamo nell'ordine di quasi 2 ore di proiezione. Forse chi è più ferrato in materia può apprezzarlo meglio. Rimango dell'opinione che se un film mira ad un target troppo ristretto di spettatori ed il resto non lo capisce, allora ha miseramente fallito. Soporifero ed inutile.

Clint Eastwood  @  30/05/2012 22:45:01
   7 / 10
Gli americani ti possono tirar fuori un dramma persino da una formica che solleva un peso 20 volte superiore il suo, e vincere l'oscar. MARGIN CALL umanizza i vermi che hanno provocato l'effetto domino quando nel 2008 crollarono un bel po' di banche e portarono alla crisi di oggi che la vive tutto il mondo. Le 24 ore prima della "scossa" finanziaria si rivela un buon soggetto oltre che ben scritto/delineato nei suoi personaggi mostrando i lati umani più oscuri, più labili, meno stabili, quasi incontrollabili di un impero che si costruisce sul niente, un'economia fittizia che non conosce limiti. Il cast poi è il jolly del film, ottimi tutti gli interpreti.

logicman  @  28/05/2012 16:06:02
   4 / 10
Veramente inaccettabile.
Grandi attori sprecati ( e a mio parere molto svogliati) .
Vicenda raccontata male e soporifera. .
Demi Moore sembra una scolaretta incapace di difendersi, cosi come il collega dirigente (?) con il quale è in contrasto.
Spacey ha più l'aria del direttore di giornale che di un esperto finanziario ( 2 discorsi quasi identici ai collaboratori ).
Tucci che parrebbe la mente pensante dà i numeri ! ( Grandi dialoghi! )
Non ho una grande stima del mondo fiannziario americano, e lo spaccato evidenziato dal film lo dimostra.
Manca però un benchè minimo coinvolgimento.

Manticora  @  28/05/2012 12:08:26
   8 / 10
I film di genere finanziario sono spesso un rischio, perchè si può girare un prodotto noioso, che non intriga lo spettatore. Ma questo Margin Call è di tutt'altro avviso, sia nell'esposizione che nella narrazione. Avviene tutto in 24 ore praticamente, lo scandalo di Lehaman Brothers, una delle più grandi banche USA. Notevole il casus che dà fuoco alle banconote, una semplice ricerca sugli indici di conversione finanziaria, che il personaggio di Stanley Tucci(perfetto) stà realizzando. Un cinico Paul Bettany(da quanto tempo!) è il mentore degli ultimi arrivati, ma d'altronde lui è il capo dei broker, ha guadagnato 2,5 milioni di dollari l'anno scorso! Ma tutti sono sotto qualcuno e lui fà riferimento a Kevin Spacey, che a sua volta al suo capo. Fino ad arrivare al Boss: Jeremy Irons, icona capitalista, incosciente e venale, peggio del Gordon Jekko di Oliver Stone. Ma se il piccolo broker Peter ha sollevato il problema grazie al suo capo di settore, ovvero Stanley Tucci allora il problema è molto grande.
Tutti pensano solo ai soldi, chi verrà sacrificato avrà semplicemente di più, per poi abbandonare la nave che affonda.
"guarda queste persone, non immaginano assolutamente quello che sta per succedere." Peter alla fine capirà che il meccanismo è difettoso, ma d'altronde lui è un ingegnere, finito a fare il broker semplicemente perchè a nessuno interessa usare il suo talento per far volare razzi o aerei. I grattacieli torreggiano sulla città inconsapevole, e alla fine un uomo solo si renderà conto che tutto quello che gli dava affetto era solo un cane morente, che non è riuscito a salvare con tutti i soldi che aveva. Un film da vedere di questi tempi, per riflettere su dove stiamo andando, perchè la tempesta sta arrivando, e non siamo pronti ad affrontarla, mai stati pronti, il capitalismo è la malattia del 21 secolo, la più incurabile.

TonyMontana  @  27/05/2012 21:27:46
   8 / 10
Margin Call è un ottima ricostruzione, romanzata, ma ben recitata, di come parecchi super manager e banchieri americani vari reagirono quando scoprirono, circa 5 anni fa, che i loro conti e bilanci non coincidevano più con la realtà. Tutto ciò accadde ovviamente per colpa della loro negligenza e avidità (soprattutto quest'ultima). Tutti dovrebbero sapere poi come è finita: quei simpatici banchieri decisero di dirottare i loro problemi altrove, e quando dico altrove dico in Europa, ossia ci vendettero l loro crediti insolventi (si trattava di mutui) senza però dirci una frase tipo "ei ragazzi guardate che si tratta di crediti che non riscuoterete mai". Ammicando invece e utilizzando frasi tipo : "vendo a te solo perchè sei un amico", "oggi voglio proprio farti un regalo" o "Sono pazzo, vendo tutto!!".
Questo è ciò che è successo ed è per questo che adesso Monti ci vuole tassando anche i peti.

Betelgeuse  @  26/05/2012 00:23:02
   7½ / 10
Tensione palpabile nella lunga, interminabile, notte per risolvere una situazione disperata.
Cast stellare per la ricostruzione, venata di thriller, di una delle più grandi bancarotte della storia del capitalismo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Merita la visione

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  24/05/2012 14:21:01
   7½ / 10
Intenso esordio per Chandor che racconta le ore che precedono la crisi finanziaria del 2008.
Un film ambientato all'interno di algidi uffici che non spengono mai nè luci nè monitor.
La tensione è alta, e nonostante il ritmo lento, si manifesta negli incredibili dialoghi del cast stellare.
Un film duro con una sceneggiatura solida.

Danielsky  @  24/05/2012 09:40:16
   4 / 10
Mi dispiace andare conto corrente ma questo film è decisamente brutto e realizzato male!

Il cast è più che buono con tanti attori di talento ma sprecati in parti da cui, con qualche piccola eccezione, non traspare mai un vero pathos o delle interpretazioni degni di tali attori navigati. Il tono del film è molto dimesso e non riesce a trasmettere empaticamente pressocché alcunché. E pensare che il tema tratato si presterebbe bene ad un'analisi puntuale ed avvincente di ciò che ha portato alla crisi del 2008. Tutto si trascina per due ore senza nessun momento pregno, dialogo memorabile o scontro fra personaggi diversi.

Peccato perché il film ha potenzialità ma decide di non affrontare mai di petto il tema che dovrebbe trattare, non tenta mai di spiegare e di farci provare empatia per le varie posizioni espresse, sia quelle più ciniche che quelle più umane. Il film poi è di una lentezza disarmanete e i personaggi più giovani sono decisamente inutili ed insignificanti nella narrazione generale, assolutamente monoespressivi e di contorno, quando , in realtà, anche loro dovrebbero rappresentare una delle tanti voci del film.

Che dire, si doveva e si poteva fare meglio. Il tema c'era, la qualità del cast pure, ma la sceneggiatura e la regia sono davvero pessime e quindi dilapidano le potenzialità che il film pur avrebbe.

Consiglio a tutti quelli che vogliono uno spaccato della crisi di Wall Street con pathos e qualità, sia per le viciende personali dei personaggi sia per la crisi in senso lato, di puntare su Wall Street 2! Quello si che è un film sulla crisi che rimarra davvero nel cuore dello spettaore!!!

gandyovo  @  23/05/2012 23:01:00
   6½ / 10
sorretto soprattutto da un cast di eccezione ed in buona forma, il film mi è sembrato poco avvincente e con poco pathos. regia normale e comunque decisamente fatto per piacere.

anthony  @  23/05/2012 10:04:35
   8 / 10
Asciutto, ficcante, diretto e mai "patinato".
Un cast di giganti si riunisce per affrontare a faccia e senza maschere le immoralità fin troppo sopite del grande capitale finanziario e bancario: il Potere Assoluto del nostro tempo.

Regia equlibrata, atmosfere, fotografia e scenografia fredde e ben congegnate.
Peccato che un film del genere passi in sordina.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  22/05/2012 23:51:50
   7 / 10
Molto più vicino a "Americani" di Foley che non al patinato "Wall street" di Stone, il film dell'esordiente Chandor è assai angoscioso: il soggetto, neanche troppo lontanamente ispirato al crak della Lehman Brothers, si consuma nel giro di una nottata quasi interamente tra le pareti degli uffici bancari, schiacciando le tensioni tra i personaggi in un atmosfera decisamente opprimente.
Sarà che il tema affrontato è di scottante attualità, sarà che tutti sanguiniamo dalle tasche, ma è un film dolorosissimo se visto ora.
Qua e là faticoso da seguire per i profani del verbo economico ma sostenuto egregiamente da un cast di fuoriclasse, scritto con pregevole asciuttezza e diretto con eleganza.

dagon  @  21/05/2012 22:52:51
   7½ / 10
Un film che, in qualche modo, mi ha ricordato un po' "Americani". Cast di attori da paura, quasi completamente ambientato in una stanza, sceneggiatura smagliante e graffiante, quasi teatrale. Agghiacciante, a rifletterci.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  21/05/2012 19:05:05
   8 / 10
Una sceneggiatura eccellente, per un film di fattura stilistica solidissima, girato come un vero e proprio thriller che incolla alla poltrona.
Il ritmo è lento, le scene sono spesso contemplative; ma i dialoghi (e i movimenti di macchina controllati ed "esplorativi" non sono da meno) sono talmente ferrei e incalzanti e ricchi di sostanza e allusioni, che il film ne risulta pienissimo, incalzante, stratificato.
Che magnifica e impassibile rappresentazione del famigerato detto "pesce grande mangia pesce piccolo". La scala hobbesiana dell'homo homini lupus raffigurata ai tempi del capitalismo post-industriale globalizzato post-guerra fredda.

Le crisi finanziarie si ripetono, periodicamente, come dice Irons nel suo monologo conclusivo? O c'è qualcosa di nuovo nella situazione in cui tutti, oggi, siamo invischiati, esposti come formiche su un'autostrada?
Il cinismo dei grandi magnati è forse sempre lo stesso nella storia, ma forse nel sistema attuale c'è un'anarchia tale che un solo episodio in passato è paragonabile: la crisi del '29.
Allora ci volle una guerra mondiale per risanare (paradossalmente) la grande malata, l'economia statunitense.
Cosa ci riserva il futuro?
Forse tra qualche decennio il mondo sarà maturo per il superamento dell'attuale ancien règime in cui la classe dominante è invisibile ed evanescente, e ci governa subdolamente. Per il momento il sistema, i valori umani (e questo film lo dice chiaramente, quanto conta il denaro nella società) sono strutturati intorno alle perversioni dell'ancien règime che ci ritroviamo.

gianni1969  @  21/05/2012 17:18:18
   8 / 10
10 anni fa,sarebbe stato un film di fantascienza,oggi e' tremendamente reale,piu' inquietante di una profezia maya. gran bel prodotto con un supercast.

jiko  @  20/05/2012 12:55:25
   7½ / 10
Inquietante. Un gruppo di persone riunite in una sala riunioni in piena notte può decidere il futuro di milioni di persone. Rovinarli e fregarsene. Un film che riesce a ricostruire in modo verosimile le dinamiche che hanno dato origine alla crisi economica, con un ritmo scorrevole e con parole comprensibili anche ai non "addetti ai lavori". Un cast di attori perfetto, finalmente anche Kevin Spacey torna ai fasti di un tempo, davvero bravo. Anche Demi Moore convincente e credibile nella parte. L'unico fuori parte mi è sembrato Simon Baker, secondo me si è "bruciato" con il personaggio di "The Mentalist", ormai è poco credibile in altri ruoli e mi è sembrato completamente fuori parte.

private_joker  @  19/05/2012 00:17:35
   8½ / 10
Bello, bello, bello. Mi ha spaventato e angosciato più questo che molti film dell'orrore, visto che tratta un argomento terribilmente reale. Bravissimi sceneggiatori e regista che riescono a far capire, anche a gente inesperta come me, un argomento difficile come quello dell'economia e della finanza, attraverso un linguaggio semplice e chiaro. Cast stellare che se se la cava egregiamente, soprattutto l'immenso Spacey: colui che più di tutti riesce a rendere al meglio i laceranti conflitti di cui è preda una persona quando deve prendere una decisione simile.

Izivs  @  18/05/2012 23:50:26
   7 / 10
Un buon prodotto che racconta senza alcun fronzolo come si è proceduto a frodare centinaia e centinaia di risparmiatori.
Impressionante quell'invito a chiamare anche la propria madre e chiederle se fosse interessata a comprare.....
Un grande cast contorna il film che tuttavia, a mio modesto avviso, manca di un momento didattico dove, in parole povere si spieghi il meccanismo della crisi.
Per chi volesse approfondire consiglio "inside the job"

Invia una mail all'autore del commento tnx_hitman  @  18/05/2012 21:30:11
   8 / 10
Margin Call,ovvero quando visiono lo spettacolo di mezzanotte e passa quasi cotto ma arriva la sorpresa che non ti aspetti e che ti tiene con gli occhi sbarrati e orecchie ben distese per tutto il tempo.
Magnetico e' l'aggettivo che piu' si sposa con questo prodotto ben ritmato.
Il ritmo gente..una storia che e' costruita in un arco di 24 ore e si nota la capacita' di tenere a bada svolgimenti,capovolgimenti di opinioni,psicologie dei protagonisti sul filo del rasoio ambigue,linea narrativa a prova di bomba a mano..il tutto con una scrittura solida,intelligente,una profonda e tutt'altro che scontata ricerca del dietro le quinte del crollo finanziario e dei funzionari all'interno di essa in bilico fra la sicurezza di avere tutto sotto controllo o l'essere sicuri di essere spacciati.

I minuti sono contati e lo spettatore suda freddo con i protagonisti tutti ma tutti molto bravi e ben capace di mostrarsi leoni e allo stesso tempo vittime in un"campo di battaglia" in cui vincitori e vinti devono scontare la stessa pena.

Si perche' adesso siamo qui e ognuno di noi deve pagare anche se gli errori sono stati compiuti da altre persone.

Film che merita di essere visto,i miei complimenti vivissimi allo sceneggiatore di questa piccola perla.

2 risposte al commento
Ultima risposta 19/05/2012 20.15.43
Visualizza / Rispondi al commento
PATRICK KENZIE  @  18/05/2012 18:34:06
   7 / 10
Un grande cast e una regia asciutta,condita da una scenaggiatura forte e semplice anche per le menti piu inesperte come me rendono questo Margin Call un film piu che interessante e degno di menzione.
La cronistoria in 24 ore dello sviluppo della crisi monetaria globale visto dall'ottica di molti personaggi all'interno del problema. Personaggi tutti molto ben delineati e caratterizzati,su tutti Jeremy Irons e Kevin Spacey. Un applauso anche al "mentalista" Baker davvero uomo di grande fascino.
Nonostante il tema trattato il film non è mai noioso o lento grazie sopratutto al regista/sceneggiatore ma che prende lo spettatore davvero tanto.

Noodles_  @  10/04/2012 13:07:09
   7½ / 10
Fredda e lucida analisi delle cause e delle decisioni che hanno innescato la crisi finanziaria da cui poi a cascata è successo tutto quello che sappiamo.
Tutto si svolge in una notte, negli uffici di un importante istituto bancario (...), dopo che una improvvisa proiezione porta alla luce la reale incostistenza dei titoli costituenti il patrimonio della banca stessa.
Mi è piaciuta la rinuncia a tecnicismi esagerati, per concentrare invece l'interesse sui dialoghi e sull'aspetto psicologico della vicenda, con accurate caratterizzazioni dei personaggi e una vasta gamma di reazioni differenti a seconda della propria etica personale. Il baratro è imminente, e c'è solo un modo per salvarsi... Carriere interrotte, indennizzi vergognosi, crisi di coscienza, dosi massicce di cinismo indispensabili per stare ai vertici di certe logiche.
Ritmo pacato ma l'interesse e la tensione non mancano.
Imponente ed ispirato il cast.
Un'ennesima dimostrazione della coglionaggine dell'essere umano.

kako  @  24/02/2012 21:07:12
   7 / 10
un cast eccezionale per una bella storia ambientata in 24 ore allo scoppio della crisi economica. La sceneggiatura è solida e la vicenda è ben raccontata e i personaggi ben caratterizzati. Il film è forse un po' freddo e tecnico ma comunque si fa seguire volentieri. Di tutte le ottime prove attoriali non saprei quale scegliere come migliore, forse Spacey.

Lory_noir  @  27/01/2012 22:00:52
   7 / 10
Interessante anche se a me lontano, farcito di grandi attori, un'altra grande interpretazione di Specey. Bravi anche i nuovi volti, più famosi in tv che al cinema.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  30/12/2011 19:11:47
   8 / 10
Basterebbe solo il cast stellare per attirare l'attenzione su questo film che riproduce grossomodo la falsariga delle vicissitudini della Lehman Brothers. La scelta di condensare la storia in 24 ore garantisce un ritmo incalzante, ma senza andare a discapito dei personaggi, ognuno dei quali gode una caratterizzazione affatto monotematica, anzi molto ben sfaccettata. Inside Job offre già una chiave di lettura sufficente per questa pellicola, che attraverso il dispiegarsi concitato degli avvenimenti mostra come il sistema capitalistico sia diventato ingovernabile e di cui tutti, dai vertici della finanza fino al più comune risparmiatore sia complice nell'alimentare, magari in misura differente, di un meccanismo perverso sneza alcun controllo. Il cast presente come detto garantisce l'eccellente riuscita di questa pellicola, più vicina ad Americani di Foley che al Wall Street di Stone. Se devo scegliere il più bravo direi Paul Bettany.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
2 biglietti della lotteria7 giornia ciambraall eyez on meamityville: il risveglioangels wear whiteangoscia (2017)annabelle 2appuntamento al parcoatomica biondababy driver - il genio della fugabarry seal - una storia americanacars 3casa casino'cattivissimo me 3charley thompsonchips - (dis)ordine pubblicocrazy night: festa col mortocustodydavid gilmour - live at pompeiideath note (2017)diario di una schiappa: portatemi a casa!dove cadono le ombredownsizing
 HOT
dunkirkeasy - un viaggio facile facileex libris - the new york public libraryfirst reformedfottute!foxtrotfuori c'e' un mondogatta cenerentolagifted - il dono del talento
 NEW
glory - non c'e' tempo per gli onestihannahhouse on elm lakehuman flowil colore nascosto delle cosein dubious battle - il coraggio degli ultimi
 NEW
in questo angolo di mondojackals
 NEW
kingsman: il cerchio d'orol’ordine delle cosela fratellanza (2017)
 NEW
la musica del silenziola principessa e l'aquilala storia dell'amorela torre nerala villala vita in comuneleatherface
 NEW
l'equilibrio
 NEW
l'inganno (2017)l'insultelycanmektoub, my love: canto unomiss sloane - giochi di poteremonolithmotori ruggentinemesi
 NEW
noi siamo tuttoopen water 3 - cage diveoperation chromiteoverdrivepolaroidsafarisavvasuburbiconsweet countrytaranta on the roadthe black roomthe bye bye manthe devil's candythe gracefield incidentthe shape of waterthe teacherthe third murder
 NEW
tiro liberoun profilo per dueuss indianapolis
 NEW
valerian e la citta' dei mille pianetivelenowalk with mewish upon

961682 commenti su 37916 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net