le ragioni dell'aragosta regia di Sabina Guzzanti Italia 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

le ragioni dell'aragosta (2007)

 Trailer Trailer LE RAGIONI DELL'ARAGOSTA

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LE RAGIONI DELL'ARAGOSTA

Titolo Originale: LE RAGIONI DELL'ARAGOSTA

RegiaSabina Guzzanti

InterpretiSabina Guzzanti, Cinzia Leone, Pierfrancesco Loche, Stefano Masciarelli, Francesca Reggiani, Antonello Fassari

Durata: h 1.40
NazionalitàItalia 2007
Generecommedia
Al cinema nel Settembre 2007

•  Altri film di Sabina Guzzanti

Trama del film Le ragioni dell'aragosta

Gli attori di Avanzi si ritrovano dopo 15 anni in un piccolo villaggio della Sardegna, Su Pallosu. Hanno deciso in modo piuttosto estemporaneo di mettere su uno spettacolo a sostegno della causa dei pescatori in gravi difficoltà per lo spopolamento del mare. Tra i pescatori c'è un certo Gianni Usai, ex operaio alla Fiat ed ex sindacalista, un uomo che ha vissuto da giusto, sempre povero, sempre dedito a proteggere il lavoro dei suoi compagni. La sua presenza è di grande ispirazione e genera l'entusiasmo sufficiente a partire, ma quello stesso entusiasmo scema rapidamente e lascia spazio a dubbi di ogni sorta. Gli attori hanno a disposizione un grandissimo anfiteatro a Cagliari che si riempie subito. La tensione sale alle stelle...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,28 / 10 (25 voti)5,28Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Le ragioni dell'aragosta, 25 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  17/03/2011 23:36:31
   6½ / 10
E' un film interessante che forse ha il torto di mettere in luce troppe tematiche, finendo per creare più confusione di fronte alle buone intenzioni di partenza. La capacità di mettersi in gioco, il ruolo del comico o dell'artista in generale diventato una sorta di referente politico, di fronte alla mancanza di una classe dirigente divenuta autoreferenziale. Lo sciopero alla Fiat del 1980 come fine di un'epoca.
Un film che ha momenti toccanti come il racconto della malattia di Cinzia Leone e comunque un'occasione per vedere parte della banda di Avanzi.

WildHorse  @  17/11/2010 06:09:50
   8 / 10
Il titolo di questo potrebbe essere Real Fiction, ma esiste già. Beh, è difficile commentarlo senza spoilerare. Per non ripetermi, mi associo al bel commento dell'utente addicted (pieno di spoiler) e aggiungo che il dialogo tra Cinzia Leone e Sabina Guzzanti è un momento molto commovente.
Per la prima volta una regista e attrice nel vero senso della parola, per la prima volta un film film di Sabina Guzzanti. Non condivido gli 1, ma capisco che film del genere sono facilmente criticabili negativamente. Forse perché non capiti!

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/11/2010 06.11.25
Visualizza / Rispondi al commento
Carlitos78'  @  20/07/2010 22:07:21
   9 / 10
Il mio voto sarebbe 7,metto 9 per alzare un po' la media.Come comica,non è che sia una delle migliori,ma i suoi film li seguo con piacere,specialmente l'ultimo,uscito da poco nelle sale.Carina l'idea di far credere di organizzare realmente uno spettacolo,personalmente ci avevo creduto

bulldog  @  14/04/2010 12:19:08
   1 / 10
Premessa: Avanzi era un programmino simpatico ma questo film non son riuscito a vederlo tutto.

Un giorno dovremo spiegare alle generazioni che verranno di come sia stato possibile che un nano e la sua banda di servi abbian messo in ginocchio un paese senza alcuna opposizione.
Bene, tra i primi responsabili che citerò una sarà sicuramente Sabina Guzzanti.

In un paese in grave pericolo che aveva bisogno di opposizioni dure e forti, della piazza e della coscienza civica delle persone...che cosa succedeva?
Alcuni , pur essendo consapevoli di ciò che stava accadendo, si trincerarono dietro un inutile satira fine a se stessa.
Scimmiottamenti di Berlusconi&Co, battuttace volgari a sfondo sessuale venivano sparati a bizzeffe tra gli apprezzamenti della gente, che applaudiva e rideva un po' amareggiata, andava a casa e tutto rientrava nella routine.
Cosa era cambiato?Nulla, la satira aveva solo contribuito ad accrescere il senso di impotenza nelle persone aumentatone la disillusione sociale.
Complimenti.

Mi si potrebbe ribattere che la Guzzanti è un’artista satirica e fa semplicemente il suo mestiere onestamente.
1:Artista?Grasse risate.
2:OGGI non abbiam bisogno di satira ma di aizioni concrete.

3 risposte al commento
Ultima risposta 14/04/2010 13.50.52
Visualizza / Rispondi al commento
bebabi34  @  11/04/2010 15:40:44
   8 / 10
Meraviglioso e commovente. Grazie Sabina.

aladino  @  22/08/2008 10:35:57
   1 / 10
Ancora una brutta 'cosa' realizzata dalla Guzzanti, tanto divertente quando fa la comica (anche con bordate politiche), quanto irritante nei panni del Solone che vuole illuminare il popolino cieco e intorpidito con la rivelazione della verità di cui è la sola ed esclusiva portatrice. Sabina, scendi dal tavolino e torna tra noi!

Invia una mail all'autore del commento Malvagio  @  19/04/2008 12:04:12
   2 / 10
Noioso e inconcludente. non si capisce dove si vuole arrivare...sembra di vedere quelle riprese tra amici che ti annoiano terribilmente, figuriamoci se gli amici non sono i tuoi.

addicted  @  11/04/2008 23:26:04
   9 / 10
Il mio voto è molto alto. Vedo che il film non è piaciuto. Come si dice in gergo, il film "non è arrivato". In altre parole la Guzzanti voleva fare una cosa, ma, a leggere molti commenti, ho l'impressione che il pubblico non ha capito cosa esattamente volesse fare. Certamente non è colpa del pubblico. Se un artista realizza qualcosa e non si capisce cosa sia, forse ha sbagliato lui. Oppure questo "qualcosa" è semplicemente un esperimento mai visto prima, a cui il pubblico non è preparato. Per il quale non esiste una chiave di lettura. Forse "non è arrivato" perchè è qualcosa di nuovo.
Siccome il film mi è piaciuto molto, voglio fare uno sforzo per chiarire (anche a me stesso) perchè questa "cosa" mi è piaciuta.
Trattandosi di una cosa nuova, mi piacerebbe enumerare subito tutte le cose vecchie che questo film non è.
Non è un documentario, infatti non rappresenta una situazione reale (anche se il problema-pesca esiste realmente) e alla fine svela chiaramente che è tutta una finzione.
Non è un film satirico anti-berlusconiano, infatti le battute fioccano, ma restano ai margini. Il film non attrae per le battute sul centrodestra. E neanche sul centrosinistra. Le battute sono solo il lavoro dei protagonisti. Se avessero fatto i calzolai avremmo visto le scarpe. Fanno i comici, quindi vediamo le battute.
Non è un film autobiografico, infatti non racconta fatti reali e non si presenta sotto forma di confessione.
Non è un film impegnato, infatti non ha nessuna tesi e nessuna posizone da difendere.
Cosa ci mostra effettivamente? C'è un gruppo di comici che ha avuto successo molti anni fa con una trasmissione satirica di sinistra, i quali si incontrano per realizzare uno spettacolo a sostegno dei pescatori sardi in crisi. Ognuno di loro è diventato completamente diverso dall'ultima volta che hanno lavorato insieme. Uno ha smesso di recitare. Un altro ha avuto successo con le fiction e il cinema. Uno si è impantanato nella tv-spazzatura, un'altra ha avuto un grave incidente e non si riconosce più nella sua vita precedente... e così via.
L'entusiasmo iniziale lascia lentamente il posto alla disillusione, alla paura, al senso di inadeguatezza, alla sfiducia. La sera dello spettacolo diventa una specie di incubo per la protagonista, che annaspa, rimpiangendo di essersi cacciata in una iniziativa in cui non crede e in cui forse non ha mai creduto.
Alla fine, essendo in ballo, devono ballare ed entrano tutti in scena... e il film si chiude con una malinconica nota di speranza.
Il tutto girato come se fosse un documentario.
Detto questo, mi chiedo: perchè mi è piaciuto tanto.
Prima di tutto perchè gli attori forniscono tutti una prova recitativa strepitosa. Il livello dell'interpretazione è supersonico. Il fatto che rappresentino se stessi non deve trarre in inganno. Sembra un docmentario, ma non lo è. Quindi attenzione. Sembrano spontanei, naturali, veri... ma stanno recitando. E' tutto finto!!! La verità è che sono tutti straordinariamente bravi.
In secondo luogo mi ha colpito la sceneggiatura. Ha una profondità e una qualità che sinceramente non mi aspettavo. E' un lavoro di spessore, che non ha cadute di stile o passaggi a vuoto. Funziona tutto, dalla prima all'ultima parola.
E qui sono arrivato al punto: credo che "Le ragioni dell'aragosta" mi sia piaciuto soprattutto perchè è grande cinema che si maschera da reality. Usa lo stile della TV, ma in realtà è Cinema con la C maiuscola. Cinema che si nasconde dietro il velo della presa diretta sulla realtà.
Non è un documentario, non è un film satirico, non è autobiografia. E' solo il miglior film italiano del 2007.

fruttopuro  @  20/02/2008 22:49:46
   4 / 10
viva zapatero è riuscito ad essere un film bello ed interessante nonostante l'ego della Guzzanti che qua e là tentava di primeggiare; questo non ci è riuscito visto che nè il titolo bizzarro (che dovrebbe incuriosire e farci credere che dietro l'apparente banalità della formula si nascodano le verità dell'ultim'ora), nè la solita questione operaia, nè la consueta satira (ma si può ancora chiamare tale il trito accanimento contro berlusconi, come di chi non sa cos'altro dire), nè la formula dei vecchi amici, stile salvatores o 'il grande freddo', riescono ad interessare, neanche mininimamente dico, lo spettatore. nè tutto ciò riesce ormai a contenere il super ego della guzzanti che più volte durante il film si definisce 'punto di riferimento dei giovani della sinistra', 'grande attrice satirica' (temuta tra un pò anche dai Bush), nonchè incarnazione del grande intellettuale di sinistra ( e, come quasi tutta la categoria, grande figlia di papà), in crisi ovviamente, inerte e afasica di fronte a questo mondo ingiusto.
insomma autoreferenziale, della serie vi comunico io la verità, la mia, e didascalica, come i peggiori cinegiornali di propaganda.
piace ad adolescenti piccoloborghesi che ancora aspirano ad essere alternativi e a pogare a S.Giovanni in laterano, a quelli che il primo maggio è la festa di piazza a Roma.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento mkmonti  @  14/01/2008 00:47:06
   6 / 10
Simpatica e paicevole rimpatriata della banda di Avanzi; l'idea non è malvagia, il suo sviluppo un pò meno e la magia di Viva Zapatero non si ripete........godibile,appena sufficiente,chi vota con 1 è in malafede.......

giumig  @  23/11/2007 18:02:05
   8 / 10
Bello bello bello. Un documentario, o presunto tale, che ti tiene incollato allo schermo graze ad una magnifica Guzzanti e ad un gruppo di amici che si ritrova e che ci riesce ad inviare tanti piccoli messaggi. Bello il finale!

cappellaio  @  12/10/2007 08:56:49
   9 / 10
film da 6,5 ma gli do 9 per aumentare il voto e rispondere a chi da 1.... è un simpatico film documentario dal forte significato...

JANE  @  11/10/2007 20:38:46
   1 / 10
Evitalo a tutti i costi.
Quando finisce ti chiedi "com'è possibile che io abbia pagato per vedere una cosa di questo tipo?". Non trovo grandiosa la Guzzanti ma estremamente mediocre.
Gli avanzi al cane, non al cinema!!! Goash!


Personaggi assurdi. Un film che ha la stessa funzioni dell'Isola dei famosi per le meteore tv

p.s.- Francesca Rettondini e Cinzia Leone sono delle grandi e mi auguro che continuino nella loro professione ma non al seguito di Sabina Guzzanti. Per carità di Dio!!!

2 risposte al commento
Ultima risposta 03/02/2008 16.25.39
Visualizza / Rispondi al commento
super zik  @  08/10/2007 19:57:33
   1 / 10
Ho un problema, non capisco mai cosa voglia dallo spettatore la sabina guzzanti: vuole che facciamo qualcosa? Perchè non ce lo chiede chiaramente, ci risparmieremmo di vedere questi filmetti perditempo

goophex  @  30/09/2007 14:41:21
   2 / 10
Se a viva zapatero avevo dato 1 a questo do 2 solo perchè tratta un tema purtroppo reale.... MA la Guzzanti è la solita ipocrita opprtunista.

7 risposte al commento
Ultima risposta 05/10/2007 01.19.36
Visualizza / Rispondi al commento
NanoMalefico  @  22/09/2007 11:10:25
   1½ / 10
1. questo non è un film
2. non sopporto le creature dello spettacolo che si cibano delle storie degli altri, le usano per farci quello che vogliono. In sardegna esiste davvero un problema pesca.
3. Guardate il documentario "piccola pesca" drammatico e vero, certo non degno di venezia perchè non c'è il nome guzzant isopra.
4. Bello il finale, ci abbracciamo tutti e i problemi non esistono.

Un insulto.

Invia una mail all'autore del commento squirt  @  21/09/2007 00:00:18
   10 / 10
non è viva zapatero ma nella sua semplicità è un piccolo capolavoro
Immensa la guzzanti. Da vedere assolutissimamente (a prescindere dalla fede politica..)

Gruppo STAFF, Moderatore priss  @  19/09/2007 10:22:34
   6½ / 10
il messaggio è semplice e spiazzante nella sua semplicità. Avrei dato anche un dieci per gli intenti e per gli spunti comici, ma cinematograficamente è poco più di un documentario senza esserlo.
Interessante e dopotutto godibile per cui se vi piace la guzzanti e seguivate avanzi vale assolutamente il prezzo del biglietto (io rientro in questa categoria per cui per me vale la pena vederlo). Tutti gli altri rimarranno perplessi.

viagem  @  18/09/2007 22:36:28
   7½ / 10
Sono andato al cinema pensando di godermi semplicemente un bel revival della gang di Avanzi e invece ho trovato molto di più. Una storia molto intima, raccontata secondo una forma di cinema piuttosto originale, dove la realtà e la finzione si mescolano non permettendo di rintracciarne i confini. I personaggi di Avanzi che tanto ho amato vengono alla luce con le loro debolezze, le loro vicende personali. Lo sfogo di Cinzia Leone sulla sua malattia mi ha dato i brividi. Ma emerge anche una Sabina Guzzanti che non immaginavo, molto cara, attenta a ciascuno dei suoi compagni, che sa toccare i tasti giusti per rincuorare, ma che alla fine è pure lei in preda ad una crisi profonda, sentendo di dover recitare un ruolo nella società che non ha scelto e non le piace.
Tutta questa introspezione è intercalata da gag passate di Avanzi davvero esilaranti e da numerose situazioni comiche che sorgono spontanee tra i membri del gruppo (un Masciarelli dirompente) e che esprimono chiaramente la splendida alchimia di questi attori totalmente disorganizzati ma assolutamente geniali.
Il riferimento su Berlusconi verso fine film è secondo me di troppo, ma il finale è davvero da attendere per il messaggio sul mondo dei desideri, incredibilmente poetico. Già che ci siete attendete pure i titoli di coda sino in fondo: c'è la "benedizione" che vi aspetta!

lennydee  @  18/09/2007 02:17:05
   5 / 10
credo che la Guzzanti dia il meglio di se a teatro o in tv. Questo film ha i ritmi infattti del teatro e a tratti e noioso e lento. Non mi è piaciuto

lkbu  @  15/09/2007 22:39:34
   1½ / 10
Definirlo "film" è veramente eccessivo! E' la prma volta che vedo un "opera"
della Guzzanti ( e sarà anche l'ultima ). Se quelle precedenti sono simili a
questa mi è veramente difficile capire come non sia stata " fermata" prima!!!
1h e 40' di noia e sono riuscito a guardarlo fino in fondo solo con la speranza
che qualcosa migliorasse...invano!!!

don carlos  @  14/09/2007 18:44:56
   8½ / 10
Concordo con pompiere. E' senz'altro un film diverso dal solito ed è difficile dare un giudizio preciso, così come è difficile farsene un'idea precisa prima di andarlo a vedere. In effetti, spiegarlo a parole non è facile: il suo vero senso si rivela soltanto alla fine. Mentre lo si guarda ci si continua a chiedere "ma insomma che senso ha questo film?", però nel frattempo intrattiene con la sua imprevedibilità, incuriosisce, non annoia, e ti tiene alla poltrona fino alla fine. Per spiegare il senso a chi ancora non l'ha visto bisognerebbe rovinargli il finale, che rivela un messaggio non particolarmente ambizioso, ma sicuramente importante. Ci sono le aragoste, ma non è un film sulle aragoste. Ci sono gli attori del vecchio programma "Avanzi" che si ritrovano dopo quindici anni, ma non è un film sulla rimpatriata degli attori di "Avanzi". Di certo qui appare una dimensione molto più umana di Sabina Guzzanti, relativamente lontana da quell'aggressività con cui è solita affrontare la politica. Più umani sono anche gli altri, che devono fare i conti con le proprie debolezze e perplessità...
Fortemente consigliato a chi vuole qualcosa di non convenzionale, per una serata del tutto diversa.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

forzalube  @  13/09/2007 23:18:15
   8½ / 10
Visto ieri sera a Padova con intervento della regista a fine proiezione. Una pellicola originale, divertente e decisamente riuscita quasi al punto da far credere

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER . Un invito all'azione e a non arrendersi nei momenti di crisi. In un certo senso appartiene allo stesso genere di "Death of a president", ma questo è molto meglio.
Premio Brian alla mostra del cinema di Venezia.

benzo24  @  07/09/2007 22:56:23
   1 / 10
il classico prodotto che al cinema non ci sta a fare niente, che toglie spazio inoltre ad altri film che meriterebbero più risalto, invece di questa misera propaganda politica. La guzzanti aveva già dimostrato di non funzionare e di non avere talento per il cinema, ma stranamente continua ad essere distrubuita, un prodotto di scarso livello(in tutte le sue parti) come questo è addirittura imbarazzante...ecco un vero documentario si dovrebbe fare sui misteri della distribuzione cinematografica in italia.

12 risposte al commento
Ultima risposta 13/10/2007 21.56.52
Visualizza / Rispondi al commento
Marenco  @  07/09/2007 19:49:03
   6½ / 10
Onestamente devo dire che mi aspettavo di peggio dato il clima da "film girato con gli amici per un pubblico di amici..." Anche perchè ogni volta che si ripropone Sabina Guzzanti (che deve aver abbandonato le velleità d'autore dopo il flop di "Bimba"), immagina di essere posseduta dallo spirito da moviemaker del suo cugino Michael Moore.
Il film è divertente, coraggioso, curioso; fa sembrare vero un autentico documentario di finzione dove tutto è invece studiato a tavolino da una collaudata sceneggiatura.
E comunque siamo alle solite: già immagino l'approvazione e le standing ovation ottenute dai compagnucci compiacenti alla prima veneziana.
Ma il cinema non è solo appartenza, spesso è anche apertura mentale. La Guzzanti purtroppo ricava un'appendice falsetta di "Viva zapatero!"
E il logo stilizzato dell'aragosta che alza il pugno chiuso appare inequivocabile. Oggi per poter fare cinema o cultura bisogna avere una sola fede ideologica. Immaginatevi quale.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006106 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net