la terra (1930) regia di Aleksandr P. Dovzenko URSS 1930
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la terra (1930)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA TERRA (1930)

Titolo Originale: ZEMLJA

RegiaAleksandr P. Dovzenko

InterpretiStepan Shkurat, SemŰn Svasenko

Durata: h 1.24
NazionalitàURSS 1930
Generedrammatico
Al cinema nel Luglio 1930

•  Altri film di Aleksandr P. Dovzenko

Trama del film La terra (1930)

Durante la nascita delle cooperative sovietiche, un giovane contadino, entusiasta del nuovo corso e delle macchine agricole portatrici di progresso, viene vilmente assassinato da un kulak contrario alla collettivizzazione: il suo funerale diventa una festa rivoluzionaria.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,79 / 10 (7 voti)8,79Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La terra (1930), 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  01/02/2014 16:29:39
   8½ / 10
Dovzenko contempla la poesia della natura, e per farlo taglia col montaggio frenetico dei precedenti 2, optà per uno lento e dilatato, in certe sequenze rallenta anche il ritmo, vedere come scandisce i passi della camminata di Vasily prima della tragedia. È un Dovzenko nuovo nella forma ma vecchio nei contenuti, molto simbolista, la morte del vecchio è anche la recisione dalle tradizioni, il retaggio della fattoria per mano dei giovani è un aprire il mondo alle nuove collettivazioni portate dalla rivoluzione, il cavallo meccanizzato, il trattore, accolto con grande clamore è il simbolo di un popolo che finalmente può guardare al futuro. Cavallo dal quale non è scevro neanche qui, presente in tutte le sue opere allegandolo anche al celebre antropomorfo di Tolstoj nel precedente 'Arsenal'. Come in 'Zvenigora' tratteggia 2 figure distinte, antitetiche nei modi di pensare, rispunta il contro-rivoluzionario, simbolo di un Paese che ancora non vuol progredire, l'accentò è posto sul fine naturalistico, benché la propaganda del comunismo sia sempre avvertibile, ma è un Dovzenko profondamente ottimista verso un futuro giovane e fresco, e il focus rivolto alla natura è lì a testimoniarlo. Controllate le zoomate, meno i primi piani seppur siano di pregevolissima fattura.
In questi 15 anni, forse anche meno di libertà artistica, il cinema russo ci ha regalato un movimento d'avanguardia che ha saputo trovare nuove forme di linguaggio, puntando spesso il focus sul montaggio, e volgendo il proprio sguardo sul futuro attingendo non a caso dagli espedienti del futurismo italiano, Dovzenko l'occhio lo ha posto spesso al passato della sua Ucraina, ha sempre voluto vedere un filo conduttore, una crescita del paese, prima di ogni progredimento, insegna, ci sta sempre una rivoluzione, a partire dall'invasione dei vichinghi in 'Zvenigora'. Con l'imminente realismo socialista che represse tante sfere di coltura, anche Dovzenko non fu scevro dal decalogo di un cinema conforme ai limiti imposti dal regime stalinista.

Invia una mail all'autore del commento Elly=)  @  21/08/2011 13:41:38
   8 / 10
Ecco le origini di Andrej Tarkovskij!
Ecco uno dei punti basilari del cinema muto sovietico.
Ecco un film, dove i temi trattati come la nascita, la morte, il progresso, la soliedarietà, la fame,..vengono riuniti e raccontati tramite la metafora che lo stesso titolo racchiude in se: LA TERRA. Per anni é stato censurato dai sovietici, ma come tanti altri film, alla fine ha trionfato, raggiungendo, anche se a stento nella versione originale, i nostri schermi, i nostri cuori.

barbuti75  @  16/12/2010 19:21:57
   9½ / 10
Perchè sento ancora così tanto l'esigenza di un cinema puro e senza fronzoli? Perchè non riesco ad accettare che il 3d sta uccidendo il cinema? Perchè gli attori oggi hanno una sola espressione per la gioia, il dolore o la rabbia?
Non ho una risposta a questi insondabili quesiti, ma il mio pantagruelico viaggio attraverso il vero cinema, fatto di uomini e di lineamenti di un viso che non esiste più, continua...e continua grazie ad un maestro del cinema sovietico, Aleksandr Dovzenko.
La terra racconta e tramanda attraverso le vicissitudini dei kolchoz e dei kulak, l'eterna storia della vita e della morte, e si serve di un realismo che raggiunge tratti poetici nella sua essenzialità.
Con Dovzenko vediamo attraverso il cineocchio la bellezza di un amore che sboccia in una distesa di campi di grano, sognamo il futuro della nostra famiglia grazie ai prodigi dell'avanzamento tecnologico (rappresentato in questo caso da un banalissimo trattore che diventa quasi un feticcio da idolatrare), soffriamo la perdita di una persona cara che viene a mancare perchè il ciclo della vita deve finire prima o poi...
La poderosa lentezza e il susseguirsi delle emozioni fanno de "La terra" uno dei grandi capolavori del cinema sovietico, secondo solo forse all'inarrivabile "Corazzata Potemkin".

ezequiel  @  06/01/2010 13:13:06
   10 / 10
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  31/08/2009 18:57:09
   8 / 10
Commentare certe vecchie pellicole è sempre un affare un po’ scomodo; e mi pare quasi, certe volte, di stare per compiere una specie di autopsia - rinvenirne i lineamenti, risalire ad eventuali malattie, individuarne le cause del decesso.
Quando ci si trova a trattare poi con vere e proprie mummie (“La terra” di Dovzenko uscì nel 1930), sorge allora come un senso di tenerezza davanti a quel corpicino quasi centenario, pieno di silenziosa memoria, disseccato, spoglio, disteso: lo tocchi con cautela, temi che nello spostarlo gli si potrebbe sgretolare un braccio o una gamba, lo commenti a voce bassa, finisci per osservarlo da lontano.
Ma se sondi bene tra l’ossature del viso, scopri a volte un’espressione dignitosa, fiera di ciò che un tempo fu: e dietro a questa gracile e inerme corporatura ecco seguire un’immagine di massa viva, una raffigurazione vicina al celebre “Il quarto stato” di Pellizza da Volpedo; di grande impatto artistico e fotografico; d’immensa epica contadina; un affresco di rara bellezza rurale che solo “L’albero degli zoccoli” di Olmi riuscirà (probabilmente addirittura a superare) dopo diversi anni ad eguagliare.
Poi tutto torna rispettosamente silenzioso. Rinunci ad analizzare oltre. Richiudi con accortezza la teca contenete quella piccola mummia. Sei solo, in quella sala buia, pochi vengono ancora di rado a visitarla… Ma è questo, di certe dimenticate reliquie, purtroppo il triste destino.

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/01/2010 09.25.22
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento wega  @  25/12/2008 21:43:58
   7½ / 10
Sarò sincero, "La Terra" di Dovhzenko non mi ha affondato. Agli antipodi formalmente rispetto "Arsenale", privilegiando un lirismo epico dai tempi quasi dilatati, se confrontati con gli standard dell' avanguardia sovietica, è comunque un bellissimo racconto dell' uomo in relazione alla Natura. Una storia di rivoluzione da una presa di coscienza collettiva. Di impagabile, invece, c' è il taglio delle inquadrature, una composizione fotografica che esula da qualsiasi piano convenzionale, per non parlare del classicissimo piano americano (uomini che camminano sul bordo inferiore, o inquadrati rasenti il bordo laterale), roba vista solo con Jean Vigo.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  20/01/2007 13:19:36
   10 / 10
Dovzenko è uno dei principali rappresentanti del cinema russo del periodo del muto e questo è il suo film manifesto.
I suoi sono film pieni di lirismo epico: la campagna, la notte, le fattorie sono i personaggi principali delle sue opere.
Un vero cinefilo non può esimersi dal vedere questo capolavoro.

2 risposte al commento
Ultima risposta 05/12/2008 19.02.26
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1899 - stagione 1a spasso col panda - missione bebe'acqua e aniceamanda (2022)amsterdamanna frank e il diario segretoargentina, 1985astolfobelle & sebastien - next generationbentublack adamblack panther: wakanda forever
 R
blondeboiling point - il disastro e' servito
 NEW
bones and allboris - stagione 4bradobroscoldplay: music of the spheres - live broadcast from buenos airesconfess fletchcut! zombi contro zombidampyrdantedeinfluencerdiabolik - ginko all'attacco!do revengedon't worry darlingdragon ball super: super heroen los margenesevangelion: 3.0+1.01 thrice upon a timeeverything everywhere all at oncefallfalla girare
 NEW
fortuna grandafranco zeffirelli, conformista ribelleglass onion - knives out
 NEW
gli occhi del diavologli orsi non esistonogoodnight mommy (2022)halloween endshatching - la forma del malehellholehocus pocus 2house of darknessi racconti della domenicail colibri'il mio vicino adolfil mondo in camerail piacere e' tutto mioil principe di romail prodigioil signore delle formicheil talento di mr. crocodilein viaggioincroci sentimentaliio sono l'abisso
 NEW
la californiala notte del 12la pantera delle nevila ragazza della paludela ragazza piu' fortunata del mondola signora harris va a parigila stranezzala timidezza delle chiomela vita e' una danzalas leonasle buone stellele favoloseleaveliam gallagher: knebworth 22licantropusl'immensita'lo schiaccianoci e il flauto magicol'ombra di caravaggioluminamahmoodmaigretmarcia su romamarginimaria e l'amoremasking thresoldmemory (2022)miracle - storia di destini incrociatimona lisa and the blood moonmoonage daydreammr bachmann e la sua classemr. harrigan's phonemunch - amori, fantasmi e donne vampiromy soul summernel nostro cielo un rombo di tuononido di vipereniente di nuovo sul fronte occidentale (2022)notte fantasmaomicidio nel west end
 R
pearl (2022)per niente al mondopiove
 NEW
poker faceprincess (2022)quasi orfanoqueensquesta notte parlami dell'africaragazzacciorapiniamo il duceritratto di reginasanta luciascare package ii: rad chad's revengesergio leone - l'italiano che invento' l'americasiccita'significant othersmile
 NEW
spaccaossaspirit halloweenstrange world - un mondo misteriosotango con putinthe christmas showthe fearwaythe good nursethe great busterthe hanging sun - sole di mezzanottethe land of dreamsthe menuthe munstersthe retaliatorsticket to paradisetiziano. l'impero del colore
 NEW
tori e lokitatriangle of sadnesstutti a bordoun anno, una notteun mondo sotto socialuna birra al fronte
 NEW
una mamma contro g. w. bush
 NEW
una voce fuori dal coroutama - le terre dimenticatewar - la guerra desideratawild men - fuga dalla civilta'

1034593 commenti su 48559 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BRING IT ON: CHEER OR DIECHAIN OF EVENTSCHRISTMAS BLOODY CHRISTMASCROC!DEBRIS DOCUMENTARDEMONIC CHRISTMAS TREEFEED MEGIRL AT THE WINDOWHIGH SCHOOL SPIRITSHOLLYBLOODHOUSE OF CLOWNSI DIAVOLI N░ 2IL NATALE DI CHRISIL SEGRETO DEI SOLDATI DI ARGILLALA BATTAGLIA DELLE MIDWAYLOTTA PER LA SOPRAVVIVENZALUCIFERINAMIAMI COPSMOONCHILDMOONCHILD, IL FIGLIO DELLA LUNANIGHTMARE COUNTRYNIXPICCOLO VAMPIROSATANIC HISPANICSSINPHONYTARTU, LO STREGONE MALEDETTOTHE ACCURSED (2022)THE LAIRTHE LOST KINGTHE MORNING MANWOLF DEVIL WOMENZONA PERICOLO

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net