la prima cosa bella regia di Paolo Virzì Italia 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la prima cosa bella (2009)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA PRIMA COSA BELLA

Titolo Originale: LA PRIMA COSA BELLA

RegiaPaolo Virzì

InterpretiValerio Mastandrea, Micaela Ramazzotti, Stefania Sandrelli, Claudia Pandolfi, Dario Ballantini

Durata: h 1.56
NazionalitàItalia 2009
Generecommedia
Al cinema nel Gennaio 2010

•  Altri film di Paolo Virzì

Trama del film La prima cosa bella

Cosa vuol dire avere una mamma bellissima, vitale, frivola, imbarazzante? E’ il cruccio che ha accompagnato tutta la vita di Bruno, primogenito di Anna, fin da quando aveva otto anni. Tutto comincia nell’estate del 1971, quando assistendo alla tradizionale elezione delle Miss dello stabilimento balneare più popolare di Livorno, Anna viene inaspettatamente chiamata sul palco ed incoronata "la mamma più bella". Da allora, nella famiglia Michelucci, arriva lo scompiglio e per Anna, per Bruno e per la sorella Valeria, inizia un’avventura che si concluderà solo ai giorni nostri, con un inattesa struggente riconciliazione.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,40 / 10 (184 voti)7,40Grafico
Miglior attore protagonista (Valerio Mastandrea)Migliore attrice protagonista (Micaela Ramazzotti)Miglior sceneggiatura
VINCITORE DI 3 PREMI DAVID DI DONATELLO:
Miglior attore protagonista (Valerio Mastandrea), Migliore attrice protagonista (Micaela Ramazzotti), Miglior sceneggiatura
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La prima cosa bella, 184 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  29/06/2020 00:42:50
   4 / 10
Il mio primo approccio con questo regista. Avrò bisogno di un paio di altre visioni di suoi film, ma a sensazione direi che non fa proprio per me. Ho trovato in "La prima cosa bella" diverse cose che non amo vedere nei film. La regia, nei punti oltre a quelli dove non mi ha particolarmente entusiasmato, sa di già visto in una maniera che mi ha ricordato certi elementi ne "La grande bellezza" (che però per lo meno a differenza di questo a livello registico mi entusiasmava eccome, non fosse altro che per l'abilità con la fotografia di Sorrentino e Bigazzi). I personaggi e la sceneggiatura mi sono parsi o sconclusionati o quasi illogici, quasi si volesse tentare di fare quello che faceva Fellini senza però riuscirci e senza arrivare da nessuna parte. Vengono accennate molte tematiche semplicemente buttate lì e mai sviluppate in maniera soddisfacente. Gli attori si alternano fra chi tutto sommato se la cava bene (Mastandrea), chi fa il suo anche se a me non fa impazzire la maniera in cui recita (Ramazzotti) e chi rende decisamente meno di quello che potrebbe (Sandrelli). In conclusione, per usare un'immagine, "La prima cosa bella" mi ha dato la sensazione di nient'altro che il classico buco nell'acqua.

Chemako  @  07/06/2020 00:02:18
   7 / 10
Burdie  @  10/07/2019 23:43:23
   6 / 10
...stile italiano ormai superato

yeah1980  @  04/07/2017 09:18:15
   7½ / 10
A tratti un po' lentuccio, ma mi è piaciuto molto nel complesso.

Goldust  @  06/06/2017 10:50:53
   7½ / 10
Una commedia "della memoria" delicata e coinvolgente, in equilibrio continuo tra emozione e commozione ( chi non si è riconosciuto nel figlio messo in imbarazzo dall'invadenza della propria madre? ). Cede un pochino nella seconda parte quando l'esuberanza fuori luogo della Sandrelli prende spesso il sopravvento sul racconto ( ma almeno si capisce come mai Bruno abbia tagliato i ponti con lei ) tuttavia il vero valore aggiunto della pellicola è proprio il lavoro corale di un cast strepitoso, con Mastandrea e Ramazzotti in testa.

everyray  @  04/06/2017 15:56:27
   7 / 10
Film decisamente piacevole,bellissima trama e ottimo cast.
A memoria uno dei migliori film che ho visto di Virzì.
La trama si sviluppa scorrevole tra flash back e aneddoti di vita vissuta di questo ragazzo,Bruno (Mastrandrea) che per tutta la sua vita ha subito in maniera negativa e morbosa il fascino e il carisma di una madre bella e al centro delle attenzioni degli uomini della Livorno dagli anni 70 ad oggi.
Lo consiglio vivamente!

daaani  @  04/06/2017 11:23:42
   8 / 10
Dopo aver visto il superlativo film "la pazza gioia" trasportata dall entusiasmo ho deciso di vedere un altro film di Virzì. Che dire... Anche questo è riuscito a toccare le corde più profonde della mia anima! Credo proprio che guarderò tutta la filmografia di Virzì!!!

markos  @  12/07/2016 19:47:59
   5 / 10
Non mi ha entusiasmato più di tanto, anzi a tratti mi sono annoiato. Bravo Mastandrea. Non mi sento di consigliare la visione.

david briar  @  03/04/2016 22:48:34
   6½ / 10
Sarà che con le commedie italiane di oggi ho tanti problemi, ma è l'ennesima volta che trovo un film italiano di questo tipo, anche acclamato, una delusione.
Il primo quarto l'ho trovato debolissimo, con il personaggio veramente troppo scontato, immerso nelle solite situazioni e caratteristiche. Non funziona l'inizio, scorretto per quanto riguarda la figura del padre, e tutto il film lo è per ciò che riguarda questo personaggio. I momenti fra passato e presente talvolta sembrano amalgamati male, e la regia di Virzì non si inventa nulla, è di una rigidità unica.
Per fortuna dopo si risolleva decisamente, con una riuscita rielaborazione della protagonista di "Io la conoscevo bene"(interpretata dalla stessa Sandrelli giovane nel film di Pietrangeli), e citazioni intelligenti a quella stagione fondamentale del nostro cinema, la commedia all'italiana da cui Virzì sembra aver raccolto l' importante eredità, a modo suo e senza valere quanto quei fantastici autori originali che erano Monicelli, Comencini, Pietrangeli, Risi e Scola, ma per fortuna il regista livornese non sembra aver mai la presunzione di raggiungere quei fasti, li vampirizza senza stuprarli.
Le performance della Sandrelli e della Ramazzotti funzionano decisamente bene, il vero punto di forza del film. Anche Mastandrea e Pandolfi se la cavano bene, e fra i comprimari spicca Fabrizia Sacchi, apprezzabile anche nella meno apprezzabile fiction "Fuoriclasse". Il personaggio di Ruffini invece è fastidiosissimo e buttato lì in maniera forzata, giusto per dare un po' di colore. Un'apparizione breve poteva essere simpatico, ma messo lì così quel personaggio non ha alcun senso, oltre che essere interpretato da un attore totalmente incapace di recitare al di fuori del suo solito carattere. Difetto pesante, questo.
Seppur non mi abbia emozionato particolarmente(e un brano che sembra uscito da "C'era una volta in America" in una sequenza madre è decisamente esagerato e troppo enfatico, rovina l'atmosfera), mi sento di salvare il film, che almeno non è la solita roba italiana ma possiede una sensibilità abbastanza personale e alcune idee carine nella seconda parte(soprattutto un raccordo sonoro su una forte tosse fra passato e presente). Allo stesso tempo se qualcuno mi chiedesse il cinema su cui l'Italia deve puntare, oltre ai soliti Sorrentino e Garrone, non direi sicuramente Virzì, che mi sembra, per ora, meno convincente sul piano internazionale. Visto che sono ancora carico dalla visione, non ho esitazioni a puntare su Gabriele Mainetti e il suo "Lo chiamavano Jeeg Robot"..

fabio57  @  26/01/2016 10:51:06
   8½ / 10
Bella prova di Virzi, con un cast affiatatissimo di attori ,ci regala uno splendido ritratto di una famiglia comune, alle prese con i problemi, le incomprensioni gli sbagli e le recriminazioni, che un po' tutti noi, abbiamo conosciuto prima o poi nel nostro percorso esistenziale. Bravissimo Mastrandrea nel difficile ruolo dell'insegnante frustrato ,depresso e perfino tossico-dipendente, ma affettuoso e sensibile all'occorrenza, Sandrelli sempre all'altezza e la Ramazzotti perfetta nella parte della svampita tenera e ingenua che attraversa l'impetuoso fiume della vita con svagata leggerezza. Film sentimentale a tratti poetico.
Da vedere assolutamente

eruyomè  @  21/08/2015 23:16:35
   6 / 10
Insomma, mi aspettavo di più.

Però tutto sommato, ed è questo che salva il tutto, non sono riuscita a rimanere indifferente al personaggio della madre, piena di vita e di positività genuina e popolana. Interpretato anche bene direi, come pure il personaggio del figlio.

Per il resto, niente di che. Sarà pure una commedia gradevole e ben confezionata, Verzì non è certo un incapace, però non stiamo certo al livello di capolavori o grandi film del passato. Ma neanche col binocolo ci avviciniamo.
Tra l'altro non osa mai, è piuttosto conformista e ruffiano in questa sceneggiatura, spesso troppo buonista, artificiosa, pretestuosa e inconcludente. Eppure il soggetto poteva essere ben più interessante.

Le canzoni sono anche belle, anche se non sempre appropriatissime..ma questa moda di usarle per i titoli ogni santa volta ha pure stufato.

Giovans91  @  02/02/2015 20:50:00
   8 / 10
Uno splendido, difficile, doloroso rapporto tra una madre e i suoi due figli, fratello e sorella. Il film racconta la vita di Anna Michelucci (interpretata dalla mia attrice italiana preferita, la bella e brava Micaela Ramazzotti), una donna ingenua e a tratti frivola al limite dell'imbarazzante: dall'elezione a 'mamma più bella' nell'estate del '71 ai giorni nostri, attraverso avventure e peripezie di ogni tipo.
Grazie all'interpretazione corale di un gruppo di protagonisti straordinari, il film è capace di divertire e commuovere. Il regista Paolo Virzì racconta questa storia semplicemente il cuore, e questo noi spettatori lo percepiamo. Film da non perdere.

farfy  @  15/01/2014 15:58:03
   7 / 10
Una bella commedia un po' amara, come talvolta è la vita, recitata da bravi attori e con scenografie interessanti che riproducono le varie tappe dell'epoca.
Ciò che non mi è piaciuto, è il linguaggio toscano (io lo sono!) esageratamente forzato e invasivo, soprattutto per alcuni personaggi, come il vigile urbano, veramente fastidioso sentirlo!.
E' un film che fa emozionare, ma non lo reputo un capolavoro

endriuu  @  07/01/2014 23:26:00
   8½ / 10
Decisamente felliniano forse anche un po troppo ma tutto sommato godibile soprattutto nella seconda parte. Almeno in Italia c'è qualcuno che prova a fare qualcosa di diverso e virzì è sicuramente uno di questi.

Odoacre71  @  15/11/2013 14:06:01
   9 / 10
Un tripudio di malinconia, ma bellissimo

Oh Dae-su  @  15/11/2013 13:49:46
   7½ / 10
Credo sia davvero un bel film, emozionante e toccante.
Prove recitative genuine e convincenti, mi ha stupito la Ramazzotti.
Trama che ripercorre la vita dei protagonisti in maniera semplice ma estremamente coinvolgente, commovente il finale.
Bello. Bello.

Matteoxr6  @  02/06/2013 20:17:29
   7½ / 10
Ben raccontato, drammatico, ma mai patetico. Buone le interpretazioni.
Bravo Virzì.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Egobrain  @  12/04/2013 23:08:48
   7 / 10
Malinconico ed emotivamente stremante.La prima cosa bella è un buon prodotto con un Valerio Mastrandrea super.

Paolo70  @  15/03/2013 18:09:12
   6½ / 10
Film variegato, scene toccanti della vita familiare. Bravi i protagonisti principali (Mastrandrea e Sandrelli).

The BluBus  @  27/02/2013 23:06:27
   7½ / 10
Ben fatto, decisamente buon film nostrano.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR pier91  @  30/09/2012 05:16:10
   7½ / 10
C'è una pesante verità nell' adagio "La mamma è sempre la mamma". Aveva ragione Bergman nel sostenere che il cordone ombelicale è come se non venisse mai reciso. Virzì tenta di raccontare il dolore filiale, intravedendo nei più intensi spasmi d'angoscia un' eredità d'infanzia, quasi che alcune rughe nascessero sotto la pelle già da bambini. La conduzione della storia è al solito lieve ma inquieta. Due soli i personaggi compiutamente delineati: Bruno e Anna. Sono le figure vibranti del film, le infelicità meglio ritratte.
Dopo tanti sorrisi spezzati l' abluzione finale concede uno slancio di fiducia. Bruno è il tipo che se va in una città di mare non si porta il costume, così quel bagno in mutande è segno di un' autentica liberazione. Dal rancore, ma anche dall' assuefazione alla mediocrità.

giannip62  @  14/05/2012 18:04:56
   9 / 10
senza ombra di dubbio Virzi' e' il nostro piu' grande regista, ogni suo film e' un'emozione: questo ne suscita parecchie,anche se molti non le hanno colte. sorry

baskettaro00  @  07/04/2012 22:54:29
   7½ / 10
film molto melanconico che mostra il complesso rapporto tra una madre e i suoi figli,visto alternativamente nell'arco di quaranta anni,funzionale il duetto pandolfi-mastrandrea e convincente la brava ramazzotti e la sandrelli.

gantz88  @  20/01/2012 00:17:33
   7½ / 10
bella storia e bravi gli gli attori,finalmente una commedia italiana degna di essere vista

j0kerb0n4  @  19/01/2012 23:49:29
   7½ / 10
isaber  @  16/08/2011 13:50:24
   7 / 10
Di solito i film che hanno come tema o parlano di famiglia rischiano sempre di scivolare nel patetico (e molti ci cadono). Virzì racconta essenzialmente la storia di una donna, una madre, un po' ingenua e ignorante (non stupida, ma diciamo un po' terra terra. e qui la recitazione della Ramazzotti, che è stata criticata, è perfetta) che fa di tutto per andare avanti, crescere i suoi figli e preservarli dalle brutture che inconta. Buona l'idea di raccontare la storia dal punto di vista del figlio Bruno, una volta adulto. Forse nel finale si pesta troppo sull'acceleratore buonista, ma nel complesso l'ho trovato un buon lavoro.
Consiglio assolutamente di guardare Io la conoscevo bene (1965, diretto da Pietrangeli), dove guarda caso proprio la Sandrelli (che nel film ha il ruolo della Ramazzotti da anziana) interpreta una ragazza di provincia ingenua e un po' stupida, che cerca di farsi strada nel mondo dello spettacolo. Sembra quasi che il film di Virzì sia un seguito, se la ragazza del film di Pietrangeli avesse avuto dei figli...

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  18/07/2011 16:08:24
   5 / 10
Pur migliorando nella seconda parte, resta un film anonimo. La recitazione di Micaela Ramazzotti...meglio non esprimersi...

Gruppo COLLABORATORI Marco Iafrate  @  07/06/2011 18:23:32
   7½ / 10
Tutto quello che non abbiamo dalla nascita e di cui abbiamo bisogno da grandi, ci è dato dall'educazione.
Questa educazione ci viene data o dalla natura o dalle cose o (principalmente) dagli uomini. Chi diventa genitore sa di avere una responsabilità che non è esattamente quella di ricordarsi di giocare la schedina la domenica o la puntata al videopoker, è qualcosa di molto più impegnativo: è quella di educare i propri figli.
Bruno è un uomo plasmato dagli avvenimenti, i suoi occhi e le sue orecchie hanno visto e sentito cose che un bambino, spugna assorbente, difficilmente dimentica. Il comportamento frivolo della madre, la gelosia del padre, le liti, la violenza, segnano il suo cammino attraverso l'infanzia e l'adolescenza fino ad una maturità vacillante fatta di silenzi, incomprensioni e sporadiche fughe dalla realtà.
Può sembrare imbarazzante ed inspiegabile il rifiuto iniziale di Bruno, dietro la supplica di sua sorella, di correre al capezzale della madre morente, chi non lo farebbe, i continui flashback oltretutto ci descrivono una madre un po' ingenua sì, ma follemente innamorata dei propri figli, capace di passare dal pianto al sorriso per il tempo necessario a nascondere la propria disperazione agli occhi dei bambini. Perché questo turbinio di sentimenti? Perché la famiglia non è un codice. Ci si può innamorare, volersi bene, educare i propri figli, ma non li si può programmare come si fa con un elettrodomestico e non si può, con il passare degli anni, vivere di rendita su entusiasmi che ormai ci hanno lasciato, le cose cambiano e bisogna adattarsi a questi cambiamenti, se non lo si fa ecco che nascono tarli come la gelosia, l'invidia, le frustrazioni. Virzì mette in scena un ritratto di famiglia complesso ma non così fuori dal comune, edulcorato quando mostra mamma e figlio al cinema o al ballo oppure durante l'improbabile festicciola nel finale, crudo e spietato nel renderci partecipi delle paure di Bruno bambino cacciato di casa dal padre con il resto della famiglia o all'impatto psicologico che può avere il sentir parlare delle performance amorose della propria madre da parte dei compagni di liceo.
Tutto gestito con garbo dal regista, senza inutili strafalcioni o patetiche cadute di stile così frequenti in molte commedie italiane di oggi, della bravura di Mastrandrea se ne è già parlato a sufficienza, da sottolineare l'adattamento al dialetto toscano, per niente facile soprattutto per chi, come lui, nei film, della sua inflessione romanesca ne fa un valore aggiunto, brava la Sandrelli e bravi i piccoli e giovani attori che hanno interpretato i figli di Anna/Ramazzotti. Un film gradevole, ce ne fossero.

Mensanina  @  26/04/2011 14:32:32
   6½ / 10
Mi ha deluso. L'idea centrale del film poteva essere sviluppata in modo senz'altro migliore, soprattutto nella prima parte a tratti davvero noiosa. La seconda metà del film scorre meglio, ma senza spunti notevoli, elementi o personaggi che saltano agli occhi per bravura. Da vedere, ma senza pretese, sopravvalutato nelle recensioni sentite in tv o lette.

grifosafi  @  01/03/2011 14:34:50
   5½ / 10
Tutto sommato deludente. La qualità della regia non si discute ma la storia melodrammaticamente scontata, e le caricature forzate di alcuni personaggi potevano essere certamente aspetti migliorabili. Odioso l'uso ostentato del livornese. Pessima la Ramazzotti (moglie di Virzì....eh eh), discreto Mastandrea. Ottimo invece il cast di supporto, Messeri su tutti, e la scenografia. Non mi è piaciuta nemmeno la colonna sonora che alla fine non trasmette niente.

Rockem  @  09/02/2011 14:49:24
   8 / 10
Un'ottima sceneggiatura, un affresco convincente del cinema nostrano intrecciato tra presente e passato. Convincenti i protagonisti ed una regia sempre all'altezza.

Macs  @  08/02/2011 23:32:11
   7 / 10
Bello da metà in avanti, la prima parte non mi ha convinto. La Ramazzotti è brava ma ha solo due espressioni: con la sigaretta e senza. La prima parte poteva essere riscritta, non prende e non emoziona. Buon lavoro di Pandolfi e Mastandrea, la Sandrelli a me pare sempre un po' fuori ruolo. Bravi i personaggi di contorno, su tutti il marito vigile (becco) di Valeria. Scena del matrimonio molto ben girata. Da vedere una volta.

Lory_noir  @  17/01/2011 18:02:41
   8 / 10
Alla fine mi ha emozionato, e questo devo dire che mi fa passare sopra a qualche difetto di troppo che ho riscontrato guardandolo come il linguaggio che certe volte è troppo serrato e rende faticoso il seguire i dialoghi. Non è comunque un film che mi immagino in lizza per gli oscar. La Ramazzotti a mio parere è una delle attrici italiane emergenti più promettenti.

Gruppo COLLABORATORI martina74  @  17/01/2011 15:50:29
   8½ / 10
A orologeria: "La prima cosa bella" non sbaglia un attacco, nè drammatico nè comico,

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER e mi ha fatto ridere nella commozione per tutta la sua durata.
Credo che Virzì riesca a far esprimere ai suoi attori la verità dell'azione, dei sentimenti, delle emozioni che si provano in una famiglia come quella che viene raccontata e allo stesso tempo credo che sia uno dei migliori registi italiani a narrare la quotidianità di una provincia e di una normalità che diventa eccezionale nel racconto.
Il regista raccoglie e arricchisce la lezione di Monicelli, Scola, Germi e dei grandi maestri dei migliori anni del cinema italiano senza far loro il verso e contribuendo con un suo personale e riconoscibilissimo tocco.
Applausi e incrociamo le dita per gli Oscar!

2 risposte al commento
Ultima risposta 17/01/2011 16.32.18
Visualizza / Rispondi al commento
LadyVampyre  @  16/01/2011 19:41:22
   5½ / 10
La prima cosa bella.
Partendo dal titolo non ho ben capito la relazione fra questo e la storia messa in scena (dovrei ascoltare la canzone per comprendere motivi profondi di relazione? forse). Ma d'altra parte il cinema italiano si è da sempre diverito a creare queste storie piene di (falsi) buoni sentimenti e figliol prodighi che tornano all'ovile con la coda fra le gambe, quindi immagino che adoperare il titolo di una canzone sia stata una scelta a esclusione.

Mastandrea è sempre molto allucinato nelle sue interpretazioni, probabilmente è così anche di persona, per questo non mi piace particolarmente. Non ho capito perchè questa parte da professore sfigato pseuodo drogato, cosa c'entra nel film?
Ho apprezzato invece la Ramazzotti.

La colonna sonora l'ho trovata pessima, con tutte quelle belle canzoni che potevano trovare negli anni '70 sono state fatte scelte che mi hanno delusa molto. Ho trovato alcune canzoni anche particolarmente inappropriate al momento che andavano a sottolinerare. Solitamente la colonna sonora dovrebbe sottolineare il momento clou, invece ho trovato alcune musiche discordanti e fastidiose.

Insomma, candidarlo all'oscar mi sembra proprio un'esagerazione...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 13/09/2011 18.34.47
Visualizza / Rispondi al commento
romrom  @  12/01/2011 23:19:54
   5 / 10
Dsecisamete palloso, solo Mastrandrea merita per la sua interpretazione.

Invia una mail all'autore del commento Duvicchio  @  10/01/2011 21:41:13
   7½ / 10
Il genere non mi interessa molto, ma questo mi è piaciuto!

cesa342  @  05/01/2011 08:07:22
   6½ / 10
Me l' avevano descritto come un film da 10 ecc ecc... Però boh, la parlata livornese forzata da una certa noia dopo un pò. Ma prendere attori livornesi come in Ovo Sodo no? Oppure farlo in un' altra parte della città. Tutto sommato è un bel film ma non un capolavoro...

wight  @  20/12/2010 13:27:41
   4 / 10
Film intriso di una comicità forzata con caricature malriuscite, sulle quali Virzì ha un po' troppo calcato la mano. Una comicità direi alla Panariello. Pessimi i primi minuti del film che poi decolla ma al contempo è intriso di questi personaggi privi di naturalezza e di espressioni dialettali che superano il confine tra un uso che potrebbe essere simpatico e l'ostentazione fine a se stessa.
Si salva solo qualche scena dell'infanzia del protagonista e della sorella e gli accenni a qualche canzoncina anni 60.

2 risposte al commento
Ultima risposta 13/09/2011 18.33.12
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  16/12/2010 18:11:37
   7½ / 10
Dopo alcuni buoni film ero sicuro che Virzi' avesse sfornato prima o poi qualcosa di importante!
Non so se è ancora questo il caso ma senza dubbio "la prima cosa bella" è il suo lavoro migliore!
Prima di tutto l'ottimo lavoro del cast rende la storia credibile ed emozionante,chiunque di noi si puo' immedesimare con uno dei frustrati protagonisti perche tutti,prima o poi,si troveranno nelle loro stesse situazioni...assistere un parente in fin di vita!
In particolare premierei Mastandrea e la Sandrelli che da tempo non aveva un ruolo cosi' importante.
Forse mi aspettavo di piu' dal finale...non penso che si possa risolvere tutto con...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Rispolverata la buona commedia all'Italiana di una volta...ma per gli oscar la vedo dura.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/12/2010 00.10.57
Visualizza / Rispondi al commento
bulldog  @  14/12/2010 22:58:58
   3 / 10
Visto stasera in tv per caso.
Ecco questo è il cinema che detesto.
Non distante da una fiction di Canale 5 o da un lungo spot pubblicitario mediaset.
Favola familiare trattata col metodo della musichetta lacrimevole al posto e al momento giusto, e con la regia che ha la peculiarità del mostrare ciò che pare a lei e non ciò che è in realtà è.
Sorrisini e lacrime facili, manierismo e tanta, ma tanta banalità e artificiosità nel trattare qualsiasi aspetto.
Pessimi tutti gli attori, si salva solo Mastandrea.
Ho letto in giro che è una commedia spoglia di sentimentalismi, ma scherziamo?
Meglio i cinepanettoni , almeno c'è qualche cafonata di De Sica che mi strappa un sorriso.
Non è che mettendo storie di diasagio su più piani temporali e con una regia lineare si può credere di esser artisti.
Sisi diamogli atto che esteticamente è bellino ed è girato bene...su se stesso.
Questi son i film che premiano oggi.
Virzì sei il nulla.

6 risposte al commento
Ultima risposta 02/01/2011 18.51.00
Visualizza / Rispondi al commento
7219415  @  07/12/2010 20:25:28
   7½ / 10
letilatt  @  28/11/2010 23:36:24
   7½ / 10
Bello, scritto e recitato benissimo.

ValeGo  @  21/11/2010 16:36:45
   8 / 10
Mi ha davvero colpito..uno spiraglio di positività nell'aridità degli ultimi anni per quanto riguarda il cinema italiano.

JOKER1926  @  20/11/2010 15:54:33
   7 / 10
"La prima cosa bella" è uno degli ultimi film italiani che ha riscosso parecchio nei vari "sensi" cinematografici, e in fondo, bisogna ammetterlo, una ragione c'è.
Il film di Paolo Virzì strizza, in un primo momento, l'occhio a "Tre fratelli" per via delle dinamiche iniziali che vedono il ritorno a casa di Bruno al capezzale della mamma che si incammina lentamente verso la fine dei suoi giorni; in un secondo momento "La prima cosa bella" inizia a mescolare con ritmo incessante ricordi di infanzia con episodi del presente.
L'idea certamente non è male, la storia della famiglia convince e offre spunti riflessivi e specialmente picchi di ironia, commozione e drammaticità.

La bravura e la furbizia di Virzì
E' una sorta di connubio quello che vincola il regista toscano in questa pellicola, "bravura" per i temi trattati, argomenti introdotti in modo sapiente in essi prendono vita emozioni che possono toccare anche i "duri", praticamente durante la visione per lo spettatore possono emergere persino sentimenti soggettivi, personali.
"La prima cosa bella" nonostante ciò resta un po' un film "furbo" per via di quella drammaticità, intervallata da incursioni ironiche e di pura commedia, che mette in risalto l'amore di una mamma e i limiti della stessa. Trattando questi temi è logico provare qualcosa e mandare la mente addietro, nei personali ricordi. Scaltra architettura di Virzì.

"La prima cosa bella" funge pura da panorama cronologico coi tempi che corrono e che invecchiano, la regia inoltre nel mosaico intramezza la storia scialba e mediocremente accesa di Bruno, il bagno nel mare, cinematograficamente talaltro poco ridondante è un'ottima chiusura.
Il film avrà qualche difetto, sicuramente, forse dura troppo, forse in alcune scene esplode in una estremizzazione (vedere il matrimonio) ma a conti fatti resta a galla una storia compatta e con un'anima infarcita di canzoni "storiche" ("La prima cosa bella", "Eternità") di primissimo livello.

tnx_hitman  @  18/11/2010 17:22:01
   7½ / 10
Dopo Tutta La Vita Davanti..Virzi' sforna il film che lo fa viaggiare agli Stati Uniti verso gli Oscar 2011.
Molto ben confezionato,ti coinvolge negli anni 70 in maniera convincente e gli interpreti sono fantastici(la mamma Sandrelli da vecchia e la Ramazzotti da giovane su tutti).
La colonna sonora e' la ciliegina sulla torta e il finale inevitabilmente dolce e allo stesso tempo amaro porta il mio voto a quello che e'.

Cio' che piu' colpisce e' l'andamento del film:pian piano ti porta a riflettere sul valore della maternita' e fa venire voglia di ringraziare le nostre madri per il sacrificio e il lavoro compiuto per crescerci nel migliore dei modi.

Merita di andare agli Oscar,siccome e' il miglior film italiano di quest'anno IMHO.

fabius  @  18/11/2010 16:57:37
   6½ / 10
un buon film gradevole e con bravissimi attori. da vedere

folco44  @  17/11/2010 10:33:28
   7½ / 10
Si, vabbene che la trama è sempre quella e sembra che il cinema italiano non sappia altro che descrivere fatti e intrecci familiari, però questo è fatto bene e a me personalmente è piaciuto. Bella commedia.
La nota negativa è la parlata. Io non sono livornese ma sono toscano simpatizzante livornese, e francamente mi aspettavo un livornese più reale, in effetti da attori, bravi, ma romani non ci si poteva aspettare di meglio. E poi su certi dialoghi, ho dovuto mettere i sottotitoli, perchè erano veramente troppo veloci e sussurrati. Caro Virzì il prossimo film ambientato nella tua Livorno, mettici qualche attore toscano e qualche "Boia deh!" in più.

ciuchina  @  16/11/2010 11:58:32
   6½ / 10
sinceramente mi aspettavo di meglio... e poi non capisco che senso abbia scegliere tutti attori romani se poi devono fare i toscani, l'accento finto toscano è insopportabile..."mi garberebbe parecchio" verrà detto 500 volte... non capisco perchè sia in corsa per diventare candidato tra i film stranieri, non c'è niente di nuovo e il personaggio della ramazzotti/sandrelli è insopportabile... chi la vorrebbe una mamma così? credo nessuno.

3 risposte al commento
Ultima risposta 17/11/2010 11.52.54
Visualizza / Rispondi al commento
faluggi  @  16/11/2010 01:26:35
   1 / 10
Allora cosa abbiamo in questo film? Trama inutile, attori che sfiatano, per sentire ciò che dicono devi alzare di 1.000 tacche l'audio del televisore, dialoghi ancora più inutili. Tamarrume supremo, in poche parole, un ******ne. Soliti David di Donatello dati al cinepanettone fuori stagione di turno.

Questo è il cinema italiano!

5 risposte al commento
Ultima risposta 24/12/2010 02.48.22
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  09/11/2010 12:26:34
   7 / 10
Bel ritratto di famiglia, dolce, commovente e pieno di freschezza, ben interpretato e ben girato.

dils  @  08/11/2010 14:51:06
   6½ / 10
Scritto e diretto da P.Virzi la prima cosa bella è stato scelto per concorrere agli Oscar 2010 nella categoria Miglior Film straniero..decisione assolutamente opinabile a mio modesto parere. La storia del film non racconta nulla di nuovo, la trama è costruita in modo piuttosto confusionario, con una regia molto semplice e senza particolari sfumature. Virzi muove e manipola con ruffianeria i personaggi, alla ricerca della lacrima di commozione con elementi piuttosto topici e di facile e naturale coinvolgimento, dove il passato si fa sempre presente attraverso il ricordo. Unica nota favorevole lo straordinario cast, meravigliosa la Sandrelli, eccezionale Mastroandrea e inaspettata ma bravissima la Ramazzotti.

brunonight79  @  05/11/2010 22:57:11
   5 / 10
A me il film non è piaciuto molto, mi aspettavo molto di più considerando le buone critiche, gli attori sono stati molto bravi, particolarmente Mastandrea, ma la sceneggiatura è quella che non mi ha convinto.

alexus  @  22/10/2010 11:39:29
   8 / 10
l'ho appena visto. mi ha colpito. da vedere ;)

despise  @  19/10/2010 12:37:30
   6½ / 10
Vado un pò controcorrente... un bel film, però uguale a tante altre storie
raccontate da numerosi registi italiani, quindi pecca di originalità: aspettative molto alte, ma alla fine di originale c'è davvero poco.
Tematiche sempre uguali e ritmo che latita.
Meno male che ci sono gli attori : molto bravi, Mastandrea su tutti.
Però lascia un pò di amaro in bocca, mi aspettavo qualcosa di diverso.

Invia una mail all'autore del commento gherardo81  @  18/10/2010 02:05:17
   8 / 10
Ogni tanto facciamo qualke bel film. Si, sarà sempre il solito film all'italiana mix di buon attori sentimenti profondi e storie introspettive ma...mi è piaciuto molto!

Gruppo REDAZIONE Pasionaria  @  12/10/2010 20:40:01
   8 / 10
Un Virzì maturo che ha saputo esprimere il suo amore per il cinema in questo ritratto tutto italiano leggiadro e pungente al contempo, sempre in bilico fra commedia e dramma, ma narrato con un equilibrio solido, acquisito in anni di prima linea sui set.
Un' altalena ininterrotta tra presente e passato, che commuove e fa sorridere grazie anche alla padronanza del proprio ruolo mostrata dal cast, con una menzione speciale per Mastandrea, mai così convincente.

1 risposta al commento
Ultima risposta 26/10/2010 12.38.32
Visualizza / Rispondi al commento
ste 10  @  10/10/2010 22:32:05
   8 / 10
Veramente un buonissimo film: commedia ben sviluppata in cui viene ottimamente raccontata una storia realistica e ricca di sentimenti sinceri

peppe87  @  28/09/2010 13:03:07
   7½ / 10
ATTORI da 10, forse un po lento, ma e' davvero un bel film.
grande virzi'.
oscar a mastandrea !

uzzyubis  @  14/09/2010 12:42:24
   8 / 10
Leggendo qui e là qualche commento ho sentito parlare del solito film all'italiana ecc ecc.. barili di qualunquismo.
Allora chiariamo: il cinema italiano, apparte delle eccezioni di altissimo livello, dà il meglio di se quando racconta di famiglia e problematiche connesse o comunque di rapporti difficili (amori, familiari ecc). Dire che la prima cosa bella è sempre la solita minestra italiana è come dire che Kusturica fa sempre lo stesso film, o dire che la nouvelle vogue parla delle stesse cose.
Nelle tematiche che caratterizzano il filone italiano e che si riscontrano in vari film, La prima cosa bella spicca per ricostruzione storica, bravura degl'attori, sceneggiatura, regia.
Questo è il cinema italiano in uno dei suoi migliori sviluppi.

Parsifal  @  12/09/2010 21:15:53
   7½ / 10
Bravo Mastrandrea, bella la sceneggiatura insomma un gran commedia.

Niko.g  @  11/09/2010 19:36:21
   4½ / 10
Un film che vuole commuovere a tutti i costi ma commuove solo grazie all'uso furbesco della famosa canzone di Nicola di Bari. Per il resto di commovente c'è ben poco. Personaggi esasperati (tipo "L'ultimo bacio" di Muccino), madri che amano la vita (ma i figli?) intrappolate nel loro egoismo godereccio, figli esasperati e nevrotici persi senza punti di rifermento, amanti inquietanti. Una tragedia...

guidox  @  10/09/2010 21:04:16
   8½ / 10
gran bel film, con Mastandrea che si conferma un attore veramente di spessore.
in generale buonissima l'interpretazione anche degli altri attori, che sono credibili anche nella loro parlata, fidatevi. ;-)
struggente la relazione fra la madre e i figli intorno alla quale, su due piani temporali diversi, si snodano altre vicende ora drammatiche ora divertenti.
mezzo voto in più perchè è girato nella mia città e perchè la casa dove si svolge buona parte del film è a due passi da dove ho vissuto per 26 anni della mia vita. :-)

pilone  @  24/08/2010 00:15:26
   4 / 10
La prima cosa bella... non è di certo questo film.
Carico di aspettative, visti i numerosissimi voti alti, ho deciso di vederlo. Mamma mia. La solita recitazione all' italiana, i soliti temi triti e ritriti (praticamente l' unico tema su cui il cinema italiano sfoggia film, i sentimenti, che essi siano tra parenti o tra fidanzati), la solita noia dilagante. Praticamente per tutto il primo tempo non succede quasi nulla e quel poco che succede è interessante come lo scopetto del water.
Decisamente sopravvalutato

pinnazza  @  21/08/2010 16:20:46
   8 / 10
"magnifico" è un po' troppo...ma il film è decisamente bello.

A mio parere Mastrandrea è il miglior attore italiano e questa pellicola ne è la prova.

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  19/08/2010 12:23:32
   8 / 10
I ricordi di infanzia sono quelli più tristi ma anche quelli più belli. Il film riesce ad esprimerli al meglio mescolando commedia a dramma in maniera così naturale da spiazzarti.

Un film che oltre ad avere dei bravi comprimari (Pandolfi stranamente brava, Sandrelli nel Suo ruolo) ha un protagonista che cavalca la scena con ogni sua espressione o movimento o battuta. Mastandrea è un grande attore.

La prima (e unica) commedia bella del 2010 italiano.

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  20/07/2010 20:08:59
   8 / 10
Davvero un film interessante pieno Di emozioni. Le vite raccontate a distanza Di anni riescono a coinvolgerti fino alla fine. Bello!

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  17/07/2010 15:36:23
   8 / 10
Veramente una sorpresa questo film di Virzì.
Simpatico e intelligente, profondo e mai banale. Ottime prove degli attori.
Premiato da critica e pubblico, è quello che serviva al cinema italiano. Ancora bravo Virzì.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  16/07/2010 11:27:32
   8½ / 10
Bellissimo film di Virzì che si riconferma un genialoide italiano alla stregua di Monicelli e Risi. Grandi commedie, tanta ironia, tanta amarezza. è l'italianità.
E gli attori.. la cosa geniale del film: Mastandrea Diointerra, la Sandrelli è ormai il Cinema italiano e le voglio tanto bene, la Ramazzotti è di una bellezza mozzafiato e sa dare il giusto tono a un personaggio non così scontato, Pandolfi bellissima e assolutamente in parte, e poi tutti gli altri, anche se alcuni non sanno proprio recitare rientrano in un dramatis personae davvero eccellente, senza sbavature, da grande commediografo.
Un film che stringe il cuore, e dovrebbe farlo a tutti, al di là del degustibus, perchè i personaggi lì sono come di una commedia dovrebbero essere: immortali, unici, umani. L'umanità si rispecchia da sempre nella Commedia (maiuscolo volutissimo) perchè essa non presenta eroi, ma gente comune, tuttavia la sublima in modo da potercene innamorare, in modo che non si possa biasimare i loro errori, le loro mediocrità. E succede così per questo film, un film perfetto, dall'inizio alla (meravigliosa) fine.

5 risposte al commento
Ultima risposta 16/07/2010 15.15.00
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento click  @  12/07/2010 21:48:49
   8 / 10
bello, commovente. ma non pesante, con attori ottimi. Mi ha sorpreso la ramazzotti da cui non mi aspettavo grandi performances e invece merita eccome. Virzì è l'unico regista italiano che riesce a raccontare storie di vita quotidiana senza eccessi, ma con garbo e stile personale.

xanter  @  09/07/2010 14:42:57
   8 / 10
Con questo film Virzì si conferma uno dei migliori registi italiani in circolazione, un altro pezzo d'Italia, del presente e del passato, raccontato in modo semplice ma efficace attraverso la storia di una famiglia come tante, con le sue gioie e i suoi dolori.
Bravi, come in tutti i film di Virzì, gli attori, dalla veterana Sandrelli alla meno navigata Ramazzotti, meritato anche il premio a Mastrandrea (io avrei premiato anche la Pandolfi).
Complimenti a Virzì, ora si aspetta il prossimo...

TopoXL  @  08/07/2010 12:31:41
   7 / 10
buon film decisamente.
fa riflettere e commuovere.
a volte un po' lento
ma lascia il tempo di pensare.

Kymmy  @  06/07/2010 11:42:32
   8½ / 10
Delicato, struggente, ben interpretato. a me la pandolfi è sempre piaciuta, oltre alla sua bellezza anche la sua bravura è degna di nota. Sandrelli e Mastandrea bravissimi (che novità!XD), la ramazzotti è meravigliosa, vitale, sprizzante allegria, sensuale, di un'intensità eccezionale e radiosa. Bravi i bambini, i ragazzi adolescenti, Gli adulti. Brava anche fabrizia Sacchi e il mitico Marco Messeri. Ahe io condivido poco la scelta senza capo ne piedi dell'entrèe del third man, inter-retato comunque bene da Ruffini ma tranquillamnte evitabile. Amo Virzì, ma il migliore dei suoi film resta Ovosodo.

Consigliato.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  30/06/2010 00:23:13
   8½ / 10
Stupendo! Quando un regista riesce a farti amare così intensamente determinati personaggi allora è segno che si è di fronte a un gran film. Virzì entra di diritto nel solco della migliore commedia all'italiana, quella dei vari Risi, Monicelli, Scola, impreziosendo la stagione cinematografica con una perla famigliare tra lacrime e sorrisi di inattesa sensibilità. Uno dei più bei ritratti di madre, folle e appassionata, che si siano mai visti sul grande schermo. Applausi per un cast a dir poco superlativo, dal divino Mastandrea alla struggente Ramazzotti, fino ad una Sandrelli di straordinaria naturalezza.
Non c'è dubbio che sia tra le cose migliori dell'anno. Notevole anche la delicata cover di Malika Ayane della canzone che dà il titolo al film. Da non perdere.

pumbadog  @  26/06/2010 17:22:55
   8 / 10
Finalmente un'ottimo film "fatto in Italia" ...un dramma dal finale scontato,ma che fa sorridere e diverte in più di una scena,grazie alla bravura di Mastandrea.

adrmb  @  26/06/2010 16:35:14
   6½ / 10
Appena finito di vedere.
Molto molto carino, anche se mi aspettavo di più.
Non un capolavoro come "La vita è bella" ma più bello, profondo.
Comunque tutto sommato è molto carino!
Inizia il film: la prima parte è un po' lenta e noiosa poi man mano si riprende. Di certo il cinema italiano ci regala qualche bel fiore in mezzo a tutta quella spazzatura di Moccia.
Molto godibile, e la canzone è stupenda.

suspirio  @  26/06/2010 02:39:46
   7½ / 10
Buona commedia italiana. Unico difetto secondo me, sono le interpretazioni a tratti naif degli attori, tranne Valerio che in questo film is perfect.

TheLegend  @  23/06/2010 04:19:49
   7 / 10
Ogni tanto nel desertico cinema italiano spunta qualche fiore...

4giulio  @  21/06/2010 17:42:03
   8 / 10
Bellissima commedia italiana

camifilm  @  20/06/2010 01:53:22
   7½ / 10
Ottime interpretazioni di tutti, ma proprio tutti, gli attori. Un racconto ben strutturato con i flashback sulla giovinezza del passato dei personaggi divenuti adulti e che affrontano ora il resoconto, nel bene e nel male, delle loro azioni e dei reali sentimenti senza più mentire a se stessi in vite prive di passione. Diverte ogni tanto, ma è un racconto ben sviluppato su un rapporto madre figli. Una madre che ha sempre un sorriso o una canzone per i propri amati figli e non lasciarli in eventi negativi. Bravi i bambini attori, bella storia, ottime riprese.

  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa saràcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwin
 NEW
non mi ucciderenotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswhy did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016728 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net