la casa dalle finestre che ridono regia di Pupi Avati Italia 1976
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la casa dalle finestre che ridono (1976)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO

Titolo Originale: LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO

RegiaPupi Avati

InterpretiLino Capolicchio, Francesca Marciano, Gianni Cavina, Giulio Pizzirani, Vanna Busoni, Andrea Matteuzzi

Durata: h 1.50
NazionalitàItalia 1976
Generehorror
Al cinema nel Settembre 1976

•  Altri film di Pupi Avati

Trama del film La casa dalle finestre che ridono

Stefano Ŕ un pittore che viene chiamato da Antonio, un suo amico in un paesino della Pianura Padana per restaurare un affresco di Buono Legnani che si trova in una chiesa. Mentre il suo lavoro procede iniziano a succedere cose strane: Antonio si suicida proprio dopo avergli detto che aveva scoperto delle cose molto importanti e la gente in paese comincia ad evitarlo...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,51 / 10 (197 voti)7,51Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La casa dalle finestre che ridono, 197 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

venetoplus  @  28/08/2019 11:40:43
   9 / 10
Ho appena 'segato' il Signor Diavolo.. Mi sento in colpa e pertanto rimedio all'istante dando il giusto tributo ad un autentico cult/capolavoro/pietramiliare della.cinematografia Thriller/horror (nn solo italica). La scena finale, la prima.volta ke la.vidi (avevo 10/11 anni) nn mi fece dormire per quasi tutta l'estate..

Hagen di Tronje  @  13/07/2018 12:20:31
   8 / 10
Un thriller in bilico sull'horror che, grazie all'ottima ambientazione e alla trama avvincente, anche se non particolarmente complessa, genera una tensione palpabile che costituisce il punto di forza del film. Si tratta quindi di un film basato più sull'atmosfera inquietante in cui la vicenda si svolge che su scene di grande impatto visivo, scene che comunque non mancano. La pecca del film è, forse, una certa inverosimiglianza, soprattuto in alcune situazioni spinte all'eccesso.

Tangolino  @  18/01/2018 21:03:24
   8 / 10
Ne è sbucato un altro. Questo film è la dimostrazione di quello che il cinema può creare: atmosfera. Avati, sfruttando anche un desolato e misterioso paesaggio emiliano, mantiene alta la tensione per tutto il film giocando con lo spettatore sul contrasto tra curiosità di andare a fondo della vicenda e repulsione per i comportamenti e situazioni che man mano vengono svelati.

jason13  @  18/01/2018 19:57:55
   10 / 10
Leggere il commento prima del mio...ma perche' ste' persone non vengono censurate?? preferisco una persona che scrive bestemmie a questi incopetenti che si divertono a sparare voti e sentenze a caso senza vedere il film e probabilmente senza sapere nulla della cinematografia. Comunque...uno dei piu' rappresentativi film italiani veramente bellissimo e un finale che resta impresso. Pupi Avati d'altronde e' un Regista con la R maiuscola.

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/01/2018 21.08.28
Visualizza / Rispondi al commento
Mattia100690  @  28/08/2017 13:05:33
   9 / 10
Eccezionale ed agghiacciante lavoro, capace di far terrorizzare lo spettatore dall'inizio alla fine e - soprattutto - senza effetti speciali. Imprescindibile capolavoro del cinema horror nostrano.

Colibry88  @  14/05/2017 03:17:07
   7½ / 10
Un cult firmato Pupi Avati. Sebbene la storia di fondo non si presti a grandi sviluppi, tutto viene reso appetibile e coinvolgente fin dalle prime battute. Ottime le ambientazioni e le interpretazioni del cast, in particolare quella del "prete". Nonostante qualche breve momento di stallo, la vicenda scorre ad un buon ritmo fino a raggiungere l'inquietante e sorprendente finale, il quale vale la fama della pellicola.

antoeboli  @  24/09/2016 15:17:54
   8 / 10
Film che ho trovato all interno di una classifica riguardo ai migliori horror mai usciti . Tra i vari titoli che spuntavano , molti li avevo gia visti , ma questo di sicuro mi ha incuriosito.
Non sono mai stato un fan di Avati , e credo di non aver mai guardato un suo film , quindi quale modo migliore se non la pellicola che lo ha fatto conoscere al pubblico
E che pellicola!
Un thriller horror di altri tempi , con una regia bella ma non perfetta , dove un ritmo lento fa accrescere una curiosità su cosa accade intorno al piccolo paesello dell Emilia Romagna , con bei paesaggi all italiana .
Vero difetto , la presenza massiccia di attori dalla cadenza di quei luoghi , che stona con i thriller/horror migliori di quel periodo (vedi profondo rosso), quasi a rendere divertenti alcune scene.
Altra nota negativa , e che tecnicamente ci sta una scena con un cadavere che però in più di un inquadratura si vede muove gli occhi . Strano che la regia non se ne sia accorta!
Sceneggiatura davvero bella , non intricata , ma per il periodo era shockante , specie il finale.
Ancora più sorpresi si rimane a vedere che tra gli scrittori troviamo un M.Costanzo , oggi ormai dimenticato dalla tv , ma che fino a qualche anno fa produceva porcherie come Troppo Belli.
A tratti veramente geniale nelle sue situazioni ,vi farà trascorrere una bella serata , specialmente per chi adora questo genere e piace il cinema italiano di un tempo.

Allen90  @  06/09/2016 17:57:28
   7 / 10
Un inizio interessante, uno svolgimento un po' sottotono, un finale entusiasmante.
In media un film discreto, con picchi di fascino verso la fine che lo rendono uno dei cult horror italiani dei suoi anni.

musdur  @  15/08/2016 11:51:56
   7 / 10
Partiamo dalle cose positive. Fanno un certo effetto la scena sui titoli iniziali e la voce registrata del pittore con la sua cadenza a mitraglia. Il finale inatteso è il vero gioiello del film.
Passiamo agli aspetti negativi. La recitazione e alcune parti della sceneggiatura sono le pecche più vistose. Sarei curioso di vedere un remake con attori migliori e correzione delle parti della sceneggiatura inutili e ridicole.

Nic90  @  02/08/2016 16:47:08
   7½ / 10
Buon Thriller Horror diretto da Avati,buona suspance e non annoia mai,forse una delle pecche e' la prova mediocre di alcuni attori.
Un mezzo capolavoro la scena finale.
Da vedere.

enigmista  @  26/07/2016 20:07:51
   9 / 10
Capolavoro dell'horror italiano. Insieme ad alcuni classici di Fulci, Bava e Argento, questo film si colloca tra i migliori horror italiani. Funziona tutto bene....

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento Totius  @  21/07/2016 22:43:49
   7 / 10
Cerco di attestarmi nella media poichè non sono certamente un cultore del genere e conosco Pupi Avati per altri generi, non certo per i gialli/horror. Direi che la storia è interessante e ben recitata ma cerco di inserire anche gli SFX (effetti speciali) nel loro tempo: oggi risulterebbero posticci e patetici. Se faccio questo sforzo lo considero un bel film. Nota negativa invece sulla colonna sonora. Molto adatto ad un film nostalgicamente nostrano alla (appunto) Avati, oggi, ma affatto non indicato per un (quasi) Horror.

DitaAppiccicose  @  05/06/2016 11:24:31
   7½ / 10
Ho visto per la prima volta "La casa dalle finestre che ridono" ed in generale un film di Pupi Avati… E' un giallo con sfumature horror sui generis sia per l'ambientazione ( il delta del Po al posto delle solite isole, le solite città o castelli in montagna ) che per la trama e soprattutto per il finale. La recitazione, a parte Gianni Cavina, non mi è sembrata granchè; meglio la regia, ma il punto di forza del film è la vicenda del pittore pazzo e delle fantomatiche sorelle. Il film ha un andazzo lento ma con una suspance sempre crescente: per buona parte della sua durata sembra che non succeda niente e che anche quanto man mano emerge non sia così shockante. Poi, nell'ultima mezz'ora, è un susseguirsi di eventi, di colpi di scena, fino a quello finale, la vera trovata geniale del film. Fino a quel momento le scene che maggiormente mettevano paura erano create tramite le musiche o i soliti espedienti tipo cigolii, porte che sbattono, finestre socchiuse, vento ecc... Alcuni aspetti non sono chiari, senza contare quelli inverosimili: perchè, ad esempio, la gente del paese conserva questa omertà nei confronti delle due vecchie, che magari in passato hanno seviziato della gente del posto ?

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Goldust  @  17/10/2015 10:32:38
   7 / 10
C'è una bella descrizione della provincia padana in questo thriller di Avati, in cui risaltano misteri e contraddizioni di una comunità un pò retrograda ed omertosa. Il racconto ha i suoi momenti di stanca e le sue implausibilità,

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
abusa nell'utilizzo di cigolii e di finestre sinistramente socchiuse eppure sa costruire un'atmosfera malata in diversi tratti davvero inquietante e tratteggia alcuni personaggi secondari ( Coppola e Lidio su tutti ) molto interessanti.
Il colpo di teatro finale vale da solo un voto in più e lo innalza da onesto prodotto di genere a film di riferimento per il filone thriller- horror nostrano.

vinicio  @  21/08/2015 00:33:15
   9 / 10
film notevole, per il mio gusto personale, rientra nella mia top Ten di film horror... ambientazioni e personaggi sporchi tipo la scena nella casa della nuova maestra, dove la ragazza apre il frigo pieno di lumache (scena fantastica)..
se si cerca lo splatter questo prodotto non ha grandi quantità di sangue se non all inizio e alla fine del film e questo per me è una cosa molto positiva, anche senza sbudellamenti vari il film ti tiene incollato alla sedia/divano fino al gran finale che ti lascia spiazzato e disorientato nelle ultime scene...
p.s. scusate per la calligrafia e la stesura ma ho scritto un po di fretta)

alex94  @  06/06/2015 18:06:43
   8½ / 10
Capolavoro del thriller/horror italiano,oltre che il miglior film diretto da Pupi Avati.
Avati realizza una storia gotica piuttosto angosciante ed inquietante,caratterizzata da un ritmo parecchio lento ma mai noiosa,sempre coinvolgente fino ad un finale abbastanza inaspettato e pienamente convincente.
Atipica ma buona l'ambientazione.
Nonostante il film sia stato girato con un budget abbastanza limitato (appena 150 milioni di lire) devo dire che è piuttosto curato dal punto di vista tecnico,la regia è ottima ricca di soluzioni efficaci e in grado di mantenere alta l'attenzione fino alla fine,bellissima anche la fotografia ed azzeccate le musiche.
L'aspetto meno riuscito del film è sicuramente la recitazione,purtroppo non sempre convincente.
Consigliato ad ogni amante del genere,assolutamente imperdibile.

2 risposte al commento
Ultima risposta 11/06/2015 14.45.42
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento thohÓ  @  18/02/2015 02:31:22
   7½ / 10
Stefano ama il suo lavoro di restauratore di dipinti.
Deve portare alla luce un affresco disastrato in una chiesetta del ferrarese.
Iniziano una sequela di minacce, ostruzionismo e una specie di morbosa tranquillità nella piccolo paese difficili da superare.
L'unico personaggio col quale Stefano può parlare, o comunicare sinceramente è Coppola che non sa nemmeno da che parte è girato.

Ok, basta così.
Per me questo vecchio film è convincente. Non si mostrano contraddizioni né stupidi dilungamenti sui particolari. E' essenziale e ben coordinato.
Ottima l'ambientazione, buona la recitazione e tensione quanto basta.
Inquietante.
Buono Legnani: il pittore delle agonie.




Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

3 risposte al commento
Ultima risposta 01/03/2015 17.58.12
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  14/07/2014 13:49:45
   8 / 10
Il primo thriller/horror di Pupi Avati è un lavoro splendidamente imperniato su atmosfere inquietanti e malsane.
L'ambientazione è quella dalla bassa padana, un luogo in cui il legame con la terra e con le proprie tradizioni è presentato come solido e poco ricettivo nei confronti del mondo esterno. Gli abitanti vivono in un microcosmo agreste scandito dallo scorrere delle stagioni in cui è preferibile non dar troppo fiato alla bocca.
Qui capita un restauratore incaricato di recuperare alcune opere di un pittore del posto morto suicida anni prima, considerato un po' da tutti come personaggio poco raccomandabile soprattutto per il tema dei soggetti da lui ritratti, ovvero persone in fin di vita o agonizzanti.
Avati per il personaggio dell'artista maledetto probabilmente si ispira ad Antonio Ligabue -pittore di inizio '900 considerato folle- per poi costruire una storia di sangue, misteri sussurrati e legami famigliari debosciati. Nella provincia omertosa il regista fornisce una versione di comunità piuttosto retrograda e chiusa, in cui l'elemento forestiero non è ben accetto, soprattutto se il suo arrivo coincide con la riesumazioni di ricordi che è bene restino sepolti.
Gli enigmi vengono dipanati seguendo ritmi blandi, l'andatura è controllata e ciò favorisce uno sviluppo accorto dei fatti oltre una definizione di buon spessore dei personaggi. La scene sanguinose sono centellinate ma significative, il finale è tra i migliori mai escogitati nel filone del cinema di paura italiano. Gli scenari naturali sono davvero inquietanti, li si potrebbe accostareagli sfondi dei romanzi di Eraldo Baldini o a pellicole come l'interessante mockumentary "Road to L".
Avati utilizza bene lo stereotipo dello straniero vittima della piccola comunità isolata, facendone un nemico involontario di quel fragile e crudele mondo.

markos  @  04/07/2014 11:20:32
   7½ / 10
Bello, inquietante. Personalmente mi ha fatto rabbrividire in alcune scene.
Recitazione sufficiente.

zeppelin  @  29/06/2014 00:18:19
   7½ / 10
Un film che ti tiene incollato, come capita raramente. Bella l'idea e la costruzione, ottima l'ambientazione e la suspance; forse il punto debole sono gli attori, che comunque se la cavano. Già sono state segnalate le ingenuità e le incongruenze, ma sono veramente trascurabili (Profondo Rosso, estremamente sopravvalutato, ne ha di più ed enormemente maggiori).

Pupi Avati non sarà forse il miglior regista italiano, ma senz'altro il più capace a muoversi bene tra generi completamente diversi.

GianniArshavin  @  23/03/2014 14:05:08
   8 / 10
Primo mistery\giallo per Avati,che nel 76 diede alla luce "La casa dalle finestre che ridono",uno dei più agguerriti antagonisti di "Profondo rosso" per il titolo di miglior film di genere in Italia.
Il titolo all'uscita venne apprezzato ma solo negli anni è diventato un cult assoluto,grazie ad un mix di elementi innovativi per il periodo ed anche abbastanza atipici per il cinema italiano. In primis abbiamo la quasi totale assenza di sangue e nudi (elementi abusati dai colleghi di Avati)in favore di un'atmosfera inquietante e malsana che ancora oggi incute timore. Il film gioca molto sul non visto e sul mistero,intrigando lo spettatore con una serie di trovate semplici ma efficaci,che ottengono come risultato la totale attenzione di chi guarda.
Un'altra scelta vincente è l'ambientazione dell'opera: infatti il paesino dove si svolge la vicenda apparirà subito omertoso e freddo,luogo ideale per nascondere ed occultare segreti inconfessabili.
I personaggi sono tutti funzionali alla vicenda,e nonostante gli attori siano poco credibili,nel complesso il meccanismo funziona.
La storia ci viene narrata con calma,con un ritmo non elevatissimo,in un crescendo di orrore che culminerà in un finale malato e fra i più sorprendenti che abbia mai visto.
La sceneggiatura forse in alcuni passaggi è poco curata,ci sono alcune situazioni non approfondite,ma nel complesso la trama è ben congegnata e i colpi di scena sono ben dosati e credibili. Male invece alcune situazioni poco realistiche che riguardano la storia fra Francesca e Stefano che tuttavia, fortunatamente, non influiscono troppo sul tema principale.
Quindi La casa dalle finestre.. è da considerare di diritto un capostipite del genere nel nostro paese,uno dei pochi film che possono rivaleggiare per importanza e valore con "Profondo rosso" di Argento. L'unico rammarico è che Avati solamente di rado tornerà ad esplorare il giallo\mistery,preferendo dedicarsi maggiormente ad altro nel corso della carriera.

DarioArgento  @  22/03/2014 14:18:24
   9 / 10
uno dei migliori horror made in italy........
l unico vero horror di Pupi Avati.....gli altri che ha fatto... non hanno lo stesso fascino e atmosfere di questo

Horrorfan1  @  12/01/2014 18:26:42
   9 / 10
Insieme a Zeder, capolavoro horror di Avati.

Spotify  @  02/01/2014 02:35:45
   7 / 10
Intanto dico buon anno a tutti gli utenti del sito. Passiamo al film: finito di vedere poco fa e l'ho trovato un film davvero strano. Un film a metà tra l'horror e il thriller che poi giustamente è diventato un cult del nostro cinema. Analisi tecnica: c'è da dire che trama e storia in generale sono molto intriganti e misteriose come piacciono a me e ne viene fuori una buona miscela. La tensione c'è abbastanza e si fa sentire nelle parti dove c'è più suspance. Poi è anche una pellicola molto molto inquietante, non molto violenta (eccetto il finale). Gli ambienti e le atmosfere sono quelle tipiche dei gialli/horror anni 70 e ancora oggi fanno la loro bella figura. Il finale poi è davvero strano e particolare. Ci sono anche dei difetti, alcuni non da poco, come ad esempio la sceneggiatura che è abbastanza mediocre e a volte salta da una scena all'altra; oppure quando Francesca fa entrare Stefano a casa sua non conoscendolo nemmeno! Poi gli attori sono davvero scadenti, specialmente il protagonista. La suddetta casa dalle finestre che ridono si vede pochissimo e non sembra nemmeno così importante da come vuol far capire il titolo. Infine il film per decollare definitivamente ci mette un po' ma non annoia. Detto questo il mio voto comunque è 7 ma non pieno, diciamo 7= , perchè alla fine non è un film da 6 e mezzo. Comunque è una pellicola originale e di stampo puramente italiano stile anni 70. Buono ma non eccezionale.

BlueBlaster  @  27/11/2013 00:03:45
   5½ / 10
Mi schiero con coloro che reputano questo film sopravvalutato...sarà anche per patriottismo che si dice così bene di questa pellicola di Avati perché credo non abbia nulla di tanto spettacolare o ottimo!
Per tre quarti di film mi sono annoiato a parte alcuni momenti di buona regia che regalano delle sane atmosfere nostrane...ho notato parecchie lacune a livello interpretativo e anche delle sciocchezze di sceneggiatura che stonano con la cura generale del film, tipo l'incontro tra Stefano e Francesca la quale lo invita dentro in casa di notte che neanche lo conosce e dopo poco sono più che intimi!
I paesaggi sono interessanti e la Casa in questione, che poco si vede, ha un certo fascino straniante ma non basta.
Infine è un giallo macchiato di horror come tanti ne furono fatti all'epoca, il livello si alza di parecchio nel finale che devo dire mi è piaciuto abbastanza anche se lo avevo intuito in buona parte...il "finalissimo" invece è inaspettato e parecchio inquietante, unico motivo perché non boccio in toto il film.
Non è un'opera per cui spenderei soldi per vederla ne ovviamente per acquistarla, da qui il mio voto non del tutto sufficiente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR carsit  @  18/11/2013 16:16:05
   7 / 10
Film che sicuramente ha un'anima ben delineata,ma purtroppo presenta anche numerosi difetti.
è il primo film di Pupi Avati con cui mi cimento, e non nascondo che fossi notevolmente intrigato.
Provo a fare due scalette per i pro e per i contro.
Pro:
- locations italiane che sono funzionali al contesto, e buona la fotografia,
- Avati riesce a sopperire i punti deboli del film con buone inquadrature ed una regia sicuramente degna di nota ( notevoli alcune riprese con luce-buio, come quella del protagonista che sta per entrar nel solaio),
- atmosfera che riesce a trasmettere tensione, seppur non in maniera costante ,
- perfette le musiche che accompagnano il film,
- conclusione spiazzante, a cui è impossibile pensare ( se non nelle ultime battute ).
CONTRO:
- recitazioni veramente scarse da parte di tutto il cast ( il protagonista in certe facce era veramente penoso ),
- si percepisce una lentezza nella parte centrale, che purtroppo danneggia la costruzione della tensione che era stata fatta in alcuni frangenti,
- doppiaggio assolutamente da rivedere ( la registrazione su nastro sarebbe stata un'ottima scena classica di paura, ma non si capisce nulla della voce ),
- gestione non efficiente delle morti: quasi tutte si concentrano negli ultimi 20 minuti,
- alcune scene francamente sono poco realistiche ( Francesca che al buio ascolta il nastro, oppure lui che entra in casa di Francesca senza che neanche si conoscano),
-sceneggiatura non banalissima, però la narrazione risulta sfilacciata e poco logica nello sviluppo,
- molti personaggi vengono proposti , però poi vengono trascurati e fatti apparire ad intermittenza, quasi come se fossero inutili ( tanto per fare presenza),
- il finale è sicuramente un'idea da lodare, però nella realtà sarebbe francamente impossibile "darla a bere" ( chi ha visto il finale, capirà ).

Conclusione : thriller che ha dalla sua un'atmosfera che alcuni film moderni sognano, una regia interessante ed alcune idee veramente azzeccate ed inquietanti.
Fanno da contraltare numerosissimi difetti, forse secondari rispetto ai pregi, però sono presenti in maggior quantità.

Jack_Burton  @  16/09/2013 10:32:01
   5 / 10
Film ampiamente sopravvalutato, con una sceneggiatura e regia passabile, ma con attori pessimi che rovinano tutto quello che c'è di buono.
Mi è sembrato un film da TV più che da cinema...

clint 85  @  12/09/2013 12:53:00
   6 / 10
A parte l'attore principale che se non recita come un cane ci manca poco, è un film senza infamia ne lode che non toglie ne lascia nulla. EVITABILE

ragazzoinblues  @  23/08/2013 16:13:10
   4½ / 10
Visto anni fa e ancora mi chiedo cosa ci veda di così trascendentale la gente in questo film. Trama che scorre lenta, annoiando. Finale che mi ha lasciato indifferente, non sembra né un thriller né un horror, forse al livello delle porcate di dario argento.

2 risposte al commento
Ultima risposta 23/08/2015 22.54.05
Visualizza / Rispondi al commento
giovielory  @  23/08/2013 15:05:45
   10 / 10
CAPOLAVORO!! un film che va oltre il 10

film perfetto angosciante ,cupo , sceneggiatura geniale , girato in maniera pefetta , scene da brivido, che dire dell pittore buono legnani quando continua a ripetere la frase ( i colori i colori ti entrano dentro ti entrano dentro sotto la pelle i colori i colori)
ho visto che un utente gli ha dato 1,mi chiedo che film abbia visto?lo stesso vale per chi gli ha dato 3.
questo non e un film HORROR,ma e un giallo thriller,quindi chi pensa di vedere un horror stile americano,rimarra deluso, e non fa neanche tanta paura,ma e piu basato sul mistero,sull'angoscia,sull'ansia che trasmette allo spettatore,allora se lo guarderete con questae prospettive,sara un capolavoro, altrimenti rimarrete delusi.

torno a ripetere che noi italiani in questo genere siamo I PRIMI AL MONDO!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  15/08/2013 01:02:33
   9 / 10
Oltre all'ossesione verso la morte, il richiamo al passato è una cifra stilistica tipica di Pupi Avati. A volte nostalgico, con qualche rimpianto ma La casa dalle finestre che ridono il passato è qualcosa di oscuro e perverso che l'impermeabilità del paese garantisce atraverso una rigida omertà verso ogni forestiero. In un contesto cosi sinistro e angosciante, Avati sviluppa la sua storia con pazienza, attento a ricomporre le tessere del puzzle, attraverso le vicissitudini del protagonista verso quei segreti inconfessabili celati in vecchie case diroccate, negli affreschi di un folle.
Il resta emiliano usa tutto l'armamentario del genere con maestria dosando nei tempi giusti colpi di scena e tenendo sempre sulla corda lo spettatore fino ad un finale da antologia. Per me è il capolavoro del regista emiliano.

DarkRareMirko  @  09/08/2013 12:06:56
   8 / 10
Altro buon horror di Avati, co-sceneggiato, come per Zeder, da Maurizio Costanzo.

Low budget con anima (e che anima) è divenuto, nel tempo e con merito, un fortunato cult movie.

Gusto nell'esposizione, mistero, brividi, finale aperto, indicati accompagnamenti musicali, tanto talento e si usa lo spunto dell'arte per impaurire e creare mistero.

Un horror italiano del quale andare veramente fieri, di recente restaurato.

ZanoDenis  @  17/06/2013 23:40:31
   7½ / 10
Ottimo film, belle ambientazioni, bella storia e bellissimo colpi di scena, nel suo genere e in generale come film italiano, uno dei migliori!

ferzbox  @  03/05/2013 18:05:12
   8 / 10
Gli anni 70 sono gli anni 70,l'atmosfera che avevano alcuni Thriller italiani era unica,tipica di un periodo che non ci sarà mai più.
Questo film di Pupi Avati è probabilmente una delle opere più rappresentative di tale genere.
Consiglio caldamente di non far troppo caso al livello recitativo di alcuni attori(unica pecca rilevante di questo film) e di concentrarsi pienamente su quello che si dimostra la sceneggiatura.
Si sente decisamente l'atmosfera "paesana" della Padania che contribuisce a dare quel tocco realistico al mistero arcano che circonda il protagonista(e grazie a questo riusciamo a perdonare la scarsa qualità recitativa menzionata prima).
Si tratta di un Thriller ben congeniato,riesce a farci sentire vicino al protagonista fino alla fine e la conclusione è decisamente agghiacciante.
Un gran bel film che dimostra chiaramente che noi Italiani eravamo tra i migliori a realizzare questo genere di pellicole.
Consigliato a chi vuole viversi un bel Thriller che gioca le sue carte sull'inquietudine,il realismo e la psiche contorta.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

guidox  @  21/04/2013 23:19:30
   8½ / 10
gran film, mi ha colpito specialmente per le ambientazioni e quel fascino retrò che ispira sempre una pellicola di questi anni qui.
la storia mi è piaciuta, anche se riconosco non si debba alambiccarsi troppo il cervello per risolvere i vari misteri che vengono proposti.
interpretazioni non indimenticabili, ma comunque credibili.
però la location, ripeto, è il vero punto di forza, con questa desolazione che colpisce e rende tutto molto funzionale all'atmosfera che si vuole creare.

FranBri  @  10/04/2013 18:32:07
   7½ / 10
Buon film di un regista che mi era inedito come autore di pellicole horror o thriller. Buonissima la fotografia, con un paesaggio e una cittadina che seppure dall'esterno sembrano portatori di pace e rassicurazione nascondono invece il Male. Bravi anche gli attori che non mi sembrano famosi ma che svolgono il loro compito come si deve. Niente sangue che zampilla da tutte le parti e fantasmi o anime in pena. Nel complesso un film decisamente godibile! Da vedere!!!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Crazymo  @  21/02/2013 20:09:29
   8½ / 10
Inquietante fin dai titoli di testa questo thrillerone dell'eclettico Pupi Avati, veramente difficile da valutare; uscito un anno dopo il Profondo Rosso che ha segnato la storia del cinema è evidentemente ispirato alla matrice Argentiana in un paio di scelte, ma riesce alla perfezione nel compito di staccarsi da quello stile e creare qualcosa di veramente seminario come lo sono stati tantissimi film usciti negli anni '70, un'epoca cinematografica indimenticabile, piena di generi e di film che sono ancora tutt'oggi d'ispirazione per tutti i giovani cineasti e per le migliaia di fan del grande cinema; questo film ne è uno degli esempi migliori. Ambientato in questo sperduto paesino emiliano popolato da personaggi ambigui e bizzarri, specchio di una certa realtà di periferia, ricorda vagamente il "Non si sevizia un paperino" di Lucio Fulci, creando però ogni personaggio indipendente dagli altri, senza creare un gregge di bigotti, ma un insieme di persone tutte spinte da una forza onirica, sovrannaturale a raggiungere un obiettivo (e un ruolo fondamentale nella storia) che non ci è mai veramente chiaro, il tutto è sempre nascosto da un velo di oniricità, infatti il film ha una storia ed uno svolgimento praticamente realistico, però non è raro trovare porte che sbattono, finestre che si spalancano e rumori fuori campo che danno la continua sensazione di essere in un luogo che ha un che di magico e stregato, dove il nostro protagonista appena arrivato in questo paese è continuamente spaesato, senza capire cosa sta accadendo, consapevole che le proprie convinzioni in questo posto sperduto non hanno più alcun valore. La regia e la fotografia sono perfette, l'ambientazione umida, selvaggia e misteriosa di queste terre è bellissima ed Avati non poteva muoversi meglio dietro la macchina da presa, fra bellissimi e fluidi movimenti di camera e momenti di suspence in cui la prospettiva viene distorta e si avverte un vero senso di inquietudine; bravi gli attori, su tutti il protagonista, azzeccate le musiche e ribadisco, complimenti all'orchestrazione del film, mai noioso, con un ritmo fantastico, cosa che non si direbbe visti i molti momenti che ci vengono concessi per riflettere su ciò che sta accadendo, e soprattutto pieno di colpi di scena inaspettati, ed un paio di momenti veramente disturbanti ed indimenticabili. L'ansia nel camminare da soli nella nebbia al crepuscolo, l'inquietudine nel sentire passi durante il pieno della notte mentre si cerca di prender sonno, il disagio che mette il non capire chi sono le persone con cui si parla ogni giorno, la paura di tornare a casa e trovare tutto a soqquadro ed il terrore che le nostre peggiori fantasie si avverino davvero: è questo quello che mette paura ad ognuno di noi, no? Ecco, questo film l'ha capito, e seppur con 37 anni sulle spalle, non perde mai la convinzione di volerci inquietare e di farci sentire sperduti in questa atmosfera magica che dura dall'inizio alla fine. Con alcune sbavature tipiche di molti filmoni degli anni '70 "La casa dalle finestre che ridono" è un film immancabile per un amante del cinema, veramente tesissimo fino alla fine, mi ha incuriosito tantissimo e mi ha messo paura come pochi altri film, da vedere senza esitare un attimo!

danielplainview  @  25/01/2013 10:24:50
   8 / 10
La dimostrazione che per fare un ottimo film horror non servono necessariamente litri di sangue, mostri e cos'altro. Un quadro o un semplice telefono che squilla se usati bene possono far venire i brividi.
Superiore secondo me a Profondo Rosso.
FIlm intelligente e curato, con un finale che fa urlare al capolavoro.

topsecret  @  08/12/2012 20:58:39
   5½ / 10
Se devo essere sincero non mi ha ispirato grandi sensazioni positive questo thriller di Avati.
La storia mi è sembrata abbastanza avara dal punto di vista della fluidità, alcuni momenti sfioravano il grottesco e qualche personaggio dava l'impressione di essere poco credibile. Il finale non mi ha convinto anche se tutto sommato pareva essere logico, ma è nell'insieme che questo film non mi ha colpito in maniera particolare lasciandomi un po' di delusione da smaltire.
Forse avevo delle aspettative troppo alte.

prof.donhoffman  @  29/11/2012 13:22:03
   8 / 10
Lo vidi di notte, aspettandomi un film noioso e non ritenendo Avati adatto al genere.
La casa dalle finestre che ridono è opera di autentico terrore.
Solo i titoli di testa sono come la carta moschicida.

deliver  @  16/11/2012 12:25:47
   8½ / 10
Questo film viene è passato alla storia come un vero cult.. e direi che il blasone è più che meritato. Ha vantato nel tempo innumerevoli tentativi di citazione, omaggi, ispirazione - anche Mazzacurati in Notte Italiana nel finale citerà questa perla.

Avati il meglio di sè lo ha sempre dato nel thriller/horror. Ed è un peccato ne abbia girati così pochi..

manuakacoach  @  08/11/2012 19:11:54
   7½ / 10
Buon film che fa della trama il suo punto di forza. Mi sono piaciute anche le prove attoriali. A parte qualche incongruenza la storia (molto affascinante ed originale) scorre bene e la tensione si sente. Consigliato

Invia una mail all'autore del commento anthonyf  @  22/08/2012 22:39:06
   8 / 10
Un'opera di Avati molto originale e ben realizzata, tetra nell'ambientazione romagnola ed epica e travolgente nella trama. C'è senza dubbio un po' di lunghezza nella storia, come l'arrivo del protagonista in paese e la sua storia amorosa con una donna del luogo, ma il film scorre molto bene e la trama horror si sviluppa molto concretamente soprattutto nel finale, terrificante a dir poco. Un Capolicchio in ottima forma contorna il tutto, affiancato da un grande Cavina; da segnalare anche il cameo di Bob Tonelli, un attore non molto ricordato, famoso soprattutto per la sua statura, ma espressivamente perfetto in questo ruolo. Dello stesso regista, segnalo un altro film, forse un po' più bello... "Zeder" con un altro grande protagonista: Gabriele Lavia.

C.Spaulding  @  26/07/2012 16:19:42
   5½ / 10
Film poco più che mediocre. La storia non coinvolge lo spettatore e verso la metà del film comincia ad annoiare.....sarà che l'ho visto a notte fonda ma mi ha fatto anche sbadigliare e chiudere gli occhi in un paio d'occasioni. Tecnicamente non è fatto male ma non basta a fargli raggiungere la sufficienza.

Signor Wolf  @  05/06/2012 00:59:54
   6½ / 10
Per quanto ammetto che l'idea di fondo di questo thriller sia suggestiva, al giorno d'oggi la lentezza con cui questo film avanza risulta indigeribile

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/05/2013 21.19.31
Visualizza / Rispondi al commento
NotturnoInRosso  @  16/05/2012 23:31:14
   7 / 10
Viene presentato come un cult per cui lo guardo. A essere onesti un pochino sono rimasto deluso; il film è buono nei primi minuti, poi scivola nel niente. La trama viene svelata poco poco poco alla volta ma per un fatto saliente uno si becca 15 minuti di nulla. Ci sono delle scene che non servono a nulla: ed è la verità. Gli attori non sono malissimo ma nemmeno il top della professionalità; in particolar modo il protagonista sembra insensibile a "quanto gli succede intorno" (niente spoilerate). Il finale è assolutamete spettacolare; solo quello merita di vedere il film. Un altro punto a favore è l'ambientazione; ottima quella di ambientare una storia come questa nella campagna vicino ferrara, la villa in decadenza poi è il top. Il mio voto è per queste due cose; finale e ambiente sennò il film più di sei non lo prende. In un certo senso è meglio profondo rosso; la trama è un pò più articolata (e malata) e il film tiene più col fiato sospeso.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  18/04/2012 01:38:12
   6½ / 10
Sono rimasto molto deluso da quello che speravo fosse un film grandioso...Buona l'interpretazione degli attori, buona la regia, ottimo il finale ma...speravo in qualcosa di meglio, in qualcosa insomma che non si dimenticasse facilmente...è invece non mi resta nulla, tranne la delusione. In generale comunque un film discreto o poco meno, che non consiglio

hideakianno  @  13/02/2012 00:02:19
   7½ / 10
le atmosfere inquietanti e malsane di questo horror nostrano ne fanno un piccolo capolavoro del genere.....la paura ,la tensione che permeano il paesaggio di questo sperduto angolo della campagna emiliana colipiscono profondamente lo spettatore,molto piu degli squartamenti e della violenza data gratuitamente in pasto ....piu che la prova degli attori(sufficente,ma non memorabile tranne che per cavina) è propio l'atmosfera creata da avati a gelare il sangue nelle vene.....

tris  @  10/02/2012 01:25:56
   10 / 10
C'E' UNO SCONTRO FRA SCUOLE DI PENSIERO DEI FAN DEL GENERE SU QUALE SIA IL PIU' BEL CAPOLAVORO THRILLER ITALIANO DI TUTTI I TEMPI, ALCUNI COME LO SCENEGGIATORE DI HORROR DARDANO SACCHETTI SOSTENGONO CHE SIA PROFONDO ROSSO ALTRI LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO. COME PAURA SIAMO ALLA PARI - COME ORIGINALITA' MEGLIO LA CASA - COME CATTIVERIA FORSE MEGLIO PROFONDO ROSSO...

E' DIFFICILE ANCHE PER ME DARE UNA RISPOSTA. VOI CHE NE PENSATE?

3 risposte al commento
Ultima risposta 18/02/2012 22.11.20
Visualizza / Rispondi al commento
lupin 3  @  02/02/2012 13:57:32
   3 / 10
Personalmente non lo consiglio.
Delusione!!!

sweetyy  @  29/01/2012 03:29:11
   3½ / 10
Grandi aspettative per quest'horror, data la buona reputazione...aspettative purtroppo deluse. Non c'è un minimo di suspance, di tensione, per quanto mi riguarda, mi ha persino annoiata.

Max_74  @  18/01/2012 20:06:12
   10 / 10
capolavoro di suspense, tensione e atmosfera. Questo è più di un semplice noir ma è qualcosa di geniale.Sin dall'inizio si respira tensione, e la fotografia, la musica accompaga tutto questo, fino all'esplosione finale.
Dimostrazione di come anche a bassissimo costo si possano realizzare grandi cose. Attori in stato di grazia, compres ala Marciano, utura sceneggiatrice di tanti film tra cui anche Verdone.
Un piacere peraltro vederlo di recente recensito da Eli Roth nel suo 'Trailers from hell'

terubisco59  @  28/12/2011 20:48:22
   10 / 10
Film povero di mezzi in cui il regista ha potuto esprimere al meglio il proprio genio.
La trama è fortissima, una storia torbida e allucinante. Il ritmo è piuttosto lento, bene così, un voto in +. Il tema musicale, macabro e inquietante, si insinua in un ambiente campagnolo rassicurante e fa presagire un orrore sepolto dagli anni. I due attori protagonisti non mi hanno convinto, ma gli altri, da Gianni Cavina fino all'ultima comparsa, sono semplicemente perfetti. La regia magistrale, a volte geniale. La morte della madre dell'ubriaco, il misterioso canto in portoghese della sorella paralitica, la moglie pazza del ristoratore che raccoglie i fiori: sono chicche da grande regista. L'ultima parte ("tu sei un tipo curioso, eh?") è quanto di meglio si sia visto al cinema.

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/04/2012 23.55.54
Visualizza / Rispondi al commento
PignaSystem  @  15/12/2011 21:10:26
   7½ / 10
Inquietante thriller-horror che tiene attaccati alla poltrona per tutta la sua durata.
L'atmosfera di oppressione ed inquietudine che avvolge il paesello ed i suoi abitanti trova completa soddisfazione nei paesaggi di campagna e dalle giornate nebbiose e nuvolose; la tensione è ben costruita e non mancano i colpi di scena, ottima fotografia!

Invia una mail all'autore del commento Jason XI  @  11/12/2011 20:40:05
   10 / 10
Il classico capolavoro di Pupi appartenente al suo filone horror gotico padano... da lui stesso brevettato.... visionario, malato e teso un film all'avanguardia che và oltre l'horror, il thriller o il giallo all'italiana assai in voga in quegli anni.
Geniale e irripetibile

Butterfly Knive  @  04/10/2011 11:39:23
   8 / 10
Come ha detto qualcuno prima di me, un piccolo gioiellino horrorifico italiano, ben girato e carico di atmosfera, con qualche buco in sceneggiatura ma comunque regala ottimi attimi di suspance e qualche colpo di scena degno di nota, come il finale..film consigliatissimo e complimenti a Pupi Avati.

The BluBus  @  01/09/2011 13:09:16
   7½ / 10
Ottimo! va visto senza entrare nel dettagli (un po come Argento) e fa il suo effetto in pieno;)

mikeP92  @  31/08/2011 01:35:59
   4½ / 10
Brutto pseudothriller, lento, pesante, mal recitato, mal fotografato che scorre senza dare particolari emozioni per oltre un'ora in cui non succede praticamente nulla. Ho sperato inutilmente, dopo la visita alla casa dalle finestre che ridono verso la fine, che il ritmo si risollevasse, ma il finale è orrido e la scena col prete poco plausibile (per non dire ridicola). Tra l'altro avevo capito quasi subito la vera identità della donna paralitica e i buchi di sceneggiatura non si contano. Per esempio:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Secondo molti l'idea geniale é stata ambientare la pellicola nei tranquilli paesi della Pianura Padana, ma se uno non é in grado di valorizzare gli scenari e i paesaggi a cosa serve? Cioè pratini, fiumiciattoli, case diroccate dovrebbero inquietare? Alla luce del giorno poi? Fa più paura il quartiere dove vive mia nonna, allora potrei girarci un thriller horror anche io. Che poi horror non lo é nemmeno, visto che solo due scene in tutto il film potrebbero farlo rientrare in questa categoria. Dario Argento é e rimarrà sempre l'unico maestro del genere in Italia!

Per concludere lascio un quesito al quale non sono riuscito a darmi una risposta, spero che qualcuno mi aiuti, grazie:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 13/10/2011 18.07.15
Visualizza / Rispondi al commento
looking-glass  @  22/07/2011 10:12:50
   9 / 10
capolavoro poco conosciuto! non ha bisogno di altri commenti da vedere e basta.

2 risposte al commento
Ultima risposta 23/07/2011 12.04.31
Visualizza / Rispondi al commento
bucho  @  22/07/2011 02:00:29
   10 / 10
per me è un capolavoro, un horror inquietante come non ne ho mai visto, sceneggiatura ottima, caratterizzazione dei personaggi fatta molto bene, girato con pochi mezzi ma efficaci, uno specchio della realtà sociale torbida di certe zone d'italia, un finale terrificante.

Leonardo76  @  07/07/2011 18:46:08
   10 / 10
ecco un bel film del terrore come piace a me ^_^:
mistero e la giusta dose di sangue, senza esagerare

CyberDave  @  30/06/2011 16:51:43
   7½ / 10
Un film che se non fosse per alcune "macchie" potrebbe tranquillamente essere comparato ai migliori film italiani del genere.
Un inizio molto bello dove si capisce subito la bontà della storia e che rapisce subito l'attnzione dello spettatore, poi però diventa molto lento, troppo forse e a tratti stufa, poi negli ultimi 20 minuti diventa di nuovo di un livello altissimo fino ad un finale un pò Hitchcockiano che resterà nella storia.
Troopo poco pubblicizzato e conosciuto, questo film merita di stare tra i grandi film e se non fosse per la lentezza sarebbe anche qualcosa in più.
Da non perdere.

Ale-V-  @  21/06/2011 02:37:12
   8½ / 10
Dopo un bellissimo inizio e una parte centrale un po' soporifera, ecco un finale davvero d'antologia... Peccato per le indagini un po' "statiche" sarebbe potuto essere un 10.

rinuzeronte  @  11/06/2011 00:28:22
   10 / 10
Non lo so, non lo so, ....NON LO SO.

6 risposte al commento
Ultima risposta 27/12/2011 12.22.13
Visualizza / Rispondi al commento
Frank Kaufner  @  27/04/2011 20:23:46
   7½ / 10
bell'horror made in italy, peccato che Avati abbia abbandonato il genere...

1 risposta al commento
Ultima risposta 27/04/2011 22.09.21
Visualizza / Rispondi al commento
76eric  @  17/03/2011 19:12:37
   9 / 10
Assieme a Profondo rosso, tanto per citare il più famoso, ed a pochi altri titoli, è la pellicola che meglio rappresenta il mitico "giallo all' italiana".
Avati ed i suoi collaboratori, fra cui si annovera pure Maurizio Costanzo, fanno tesoro delle svariate precedenti opere di genere ed incentrano l' inquietante vicenda nell' anonima e soleggiata realtà campagnola padana.
Un luogo che mette a disagio, popolato da persone ambigue nella quale spicca fortemente il senso di smarrimento e di solitudine (eccezion fatta per Francesca) del protagonista restauratore, al quale una minacciosa voce gracchiante vieta di toccare il quadro della chiesetta per il quale esso è stato commissionato.
Come dicevo Avati nel bene (e nel male) della sceneggiatura evolve la storia secondo i canoni, avvalendosi della forza e dell' interesse che può suscitare la storia maledetta del tipo "incredibile ma vero", data appunto dalla casa infestata dai fantasmi unito al forte senso di desolazione del luogo.
Un segreto che è rimasto sepolto per anni ed anni e che pare tutti vogliono ignorare, ma che per l' avvento del protagonista e per la sua tenacia nel voler fare chiarezza sulle sorti del povero Buono Legnani, porterà ancora ad una lunga scia di sangue.
Le interpretazioni ed alcune situazioni a volte stonano e più che il protagonista Capolicchio, che nel complesso se la cava piuttosto bene, m' ha colpito l' ottima performance del prolificissimo Gianni Cavina nel ruolo di Coppola.
Magnifico e veramente inquietante poi il sonoro della registrazione, nella quale sentiamo l' ansimante voce dello sventurato Legnani raccontare le sue tormentate sensazioni, i suoi deliri.
Fantastico il finale rivelatore sospeso. Davvero un film eccellente. Speriamo che Avati in un futuro non molto lontano si cimenti nuovamente nell' horror. Perchè? Perchè lo sa fare.

Oskarsson88  @  24/01/2011 20:29:54
   6½ / 10
si lascia vedere, ma non spaventa tanto

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  23/12/2010 00:40:13
   3 / 10
Uno dei film più brutti che abbia mai visto. Insulso, mal recitato, mal diretto e che riesce nell'intento di non far paura, anzi, la noia regna sovrana.
Evitatelo se potete.
Orribileeeeeeeeeeeeee!!!!

4 risposte al commento
Ultima risposta 24/08/2013 15.47.03
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  09/12/2010 01:45:58
   5½ / 10
Probabilmente un vero amante di questo genere apprezzerebbe maggiormente questa pellicola. Questo genere, invece, finora mi ha soltanto deluso (soprattutto per Dario Argento). Quel che non sopporto è l'ostinazione che sembrano avere tutti quanti a voler usare dei veri cani come attori. In questo film salvo soltanto Cavina. Gli altri sono veramete insopportabili. Questo non aiuta certo a creare atmosfera! Ma a parte questo, non so se sia invecchiato male il film, ma ho trovato tutto forchè spaventoso quel che vedevo. Porte e cancelli che sbattono mossi dal vento, scene telefonatissime e una serie di incongruenze assurde che mi hanno soprattutto annoiato. C'è qualche idea buona e, fortunatamente, qualche colpo di scena decente. Bella invece l'ambientazione, nello squallore delle campagne del ferrarese.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

paolo80  @  09/11/2010 20:30:05
   7 / 10
Avati si inserisce nel filone dello "psycho thriller" con un approccio innovativo, morboso e deviato. L'aspetto originale più evidente è l'ambientazione padana e solare, caricata di sinistra inquietudine che muta in incubo l'apparente placidità dei luoghi.
L'opera è piena di invenzioni spesso geniali, a partire dalla figura del pittore che, sebbene rimanga sempre sullo sfondo, è il vero motore del dramma.
I personaggi sono caratterizzati tutti davvero molto bene ed i modo particolare.
La storia è interessante, ed il suo sviluppo è spietato e lucido, e la soluzione finale è di quelle realmente a sorpresa.
Garantisce un ottimo intrattenimento, e la visione non delude.

Invia una mail all'autore del commento baskettaro00  @  30/09/2010 19:14:28
   7½ / 10
Un bravo Avati dirige questo horror nostrano, dotato di ambientazioni particolarmente azzeccate e una buona regia, sempre attenta al dettaglio.
Recitazioni niente male, ma comunque nulla di eccezionale.
Un poco grottesco il finale, che non è proprio il massimo.
Raggiunge, anzi scavalca, la sufficienza senza dubbio, la durata comunque non bassina(oltre 105 minuti)non s'avverte.
Non mi ha fatto paura, ma è comunque degno di essere classificato come un horror;)
Consigliato agli amanti del genere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  24/09/2010 17:20:31
   8 / 10
Con le dovute distanze stilistiche e di carriera,Pupi Avati in un certo senso ha anticipato anni e anni prima la visione lynchiana di Blue Velvet che tratta il marcio nascosto sotto il tranquillo paesino felice e pacifico. Anzi,forse non ha anticipato niente perché non sarà stato il primo a fare una cosa del genere e a trattare un argomento così,ma alla fine chi se ne frega...

Rinunciando quasi del tutto al sangue tanto caro in quegli anni ad Argento (comunque superiore nell'ambito horror per la combinazione violenza/atmosfera) e puntando tutto su un'atmosfera,appunto, malsana e macabra,Avati centra perfettamente l'obiettivo di spaventare senza banalità.
La sceneggiatura in linea di massima non è una gran cosa ma alcuni spunti sono ottimi,specie per quanto riguarda il grottesco sempre inquietante al punto giusto. Anche l'omertà degli abitanti,nel finale soprattutto,fa riflettere.


C'è poco altro da dire su questo bell'horror nostrano,diventato cult giustamente con gli anni: ci troviamo di fronte ad un horror d'atmosfera come raramente si vedono,riuscendo a coniugare due elementi apparentemente lontanissimi tra loro come una Bassa Padana solare,nostalgica con l'orrore del sangue e della perversione. Ne esce fuori un oggetto forse troppo ingenuo in molte sue componenti ma che il suo intento lo raggiunge.
Il finale premuto sull'acceleratore è la cosa migliore,orgia di sangue e assurdità quasi inaspettata e che fa alzare ancora di più il suo valore.

dobel  @  29/08/2010 13:22:07
   6½ / 10
Porte che cigolano, finestre che sbattono, telefonate anonime con roche voci minacciose, ombre che attraversano corridoi, urla e rumori improvvisi, garrire di uccelli nella notte... tutto ciò che ci si potrebbe aspettare da un film horror è presente all'appello in questa pellicola girata nella campagna ferrarese da un bravo Pupi Avati. La storia non è scontatissima ma si appoggia ad una buona idea di fondo. Il tutto è tenuto assieme in modo professionale anche se la paura è un'altra cosa rispetto a quello che si prova vedendo questo film. Gli interpreti non sono certo strepitosi, ma servono allo scopo; il finale è certamente discreto. Magari il film poteva far attendere un po' meno un epilogo che si era già intuito da circa mezz'ora.
Comunque un buon prodotto che si lascia vedere volentieri... ma non rivedere.

8 risposte al commento
Ultima risposta 31/08/2010 17.09.59
Visualizza / Rispondi al commento
Xavier666  @  07/08/2010 12:45:33
   6 / 10
Una mezza delusione, eppure ho iniziato la visione a notte fonda, atmosfera buia... Eppure... Dai commenti mi aspettavo qualcosa di meglio, certo, i personaggi non funzionano, non hanno grinta, soprattutto lui, le atmosfere del paesino padano sono bellissime su questo non ci piove, ma dopo un avvio che metteva un pò di curiosità intorno al pittore delle agonie, mi aspettavo un crescendo dell'orrore fino a un finale orgasmico , invece il film si schianta all'improvviso, complici alcuni buchi nella sceneggiatura, dialoghi inutili, tempi lunghissimi, un'improbabile storia d'amore (maddai, lui le bussa a mezzanotte svegliandola e lei lo fa passare per portarselo a letto il giorno dopo, manco fossimo in un paese dell'est, con tutto rispetto per la mentalità delle ragazze dell'est) mi stavo per addormentare quando è giunta la fine, beh lì un pò si è ripreso,

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Ma non è bastato. Mezza delusione.
Ci darò un'altra occhiata, ma non credo che cambierò idea.

2 risposte al commento
Ultima risposta 08/08/2010 14.22.50
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI atticus  @  21/07/2010 01:12:55
   7½ / 10
Stroncato all'epoca ma col tempo diventato giustamente un cult, un coraggioso horror d'atmosfera che rinuncia al facile grand gugnol per la costruzione di un clima misto tra arcani rituali di paese e un angosciante corredo di bisbiglii, porte e fantasmatiche presenze non meglio specificate. Un film di grande suggestione, a cui si perdonano alcune pecche di sceneggiatura. Gli interpreti sono perfetti e la regia di Avati conferma un talento notevole.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  18/07/2010 02:51:24
   7 / 10
Buon horror casereccio dalle inquietanti atmosfere. La sceneggiatura non è il massimo, e gli attori sono cani, ma l'ottima regia di Avati, qualche bel momento di tensione, e i continui colpi di scena (specie nelle ultime sequenze) valgono almeno una visione. Ad oggi appare un pò "antiquato", ma la confezione finale è decisamente buona.

pinhead88  @  17/07/2010 12:44:03
   9 / 10
Questo posso dire con tutta franchezza che è il capolavoro di Pupi Avati,un po' lento è vero,ma capace di creare atmosfere sinistre anche alla luce del sole in luoghi del tutto normali e tranquilli,come ad esempio una chiesa.
fierissimo di questo prodotto nostrano,Pupi Avati ci sapeva fare eccome con l'horror,peccato che poi si dette a tutt'altro genere.
bellissimo il finale,grottesco e inquietante come pochi.

Riddler  @  01/07/2010 20:39:42
   3½ / 10
Vedendo i commenti mi aspettavo molto di più. Trovo che sia un film eccessivamente sopravvalutato.
Iniziamo dalla trama. Buona, con delle potenzialità, puo' spaventare, inquietare...ma? Non fa nulla di tutto questo. Moltissimi, troppi, dialoghi che si sprecano, che non servono, che annoiano solo e rallentano troppo lo svolgimento. I personaggi potrebbero essere anch'essi interessanti...ma non lo sono. Sono stati caratterizzati, a mio parere, malissimo. Ci sono tanti personaggi e con una personalità quasi solo abbozzata. Rimani impassibile di fronte alle morti di alcuni. Una noia assurda, per gran parte del film. In un horror non ci deve essere solo splatter, solo intrattenimento visivo o terrore puro. Sono assolutamente d'accordo. Ma deve far provare emozioni, particolari e inquietanti, ma le deve far provare.
Qui non c'è assolutamente nulla. Il vuoto più totale. Lo guardi e sembra non finire più. La trama che sembra essere abbastanza complessa, non lo è affatto. Quando capisci chi c'era dietro tutto l'inganno non ti stupisci. Alcune scene sono quasi grottesche, in contraddizione con il resto del film.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Sono d'accordo che si sarebbe facilmente scaduto in un cliché ma...dai. Una scena del genere no.

Non mi permetto di criticare troppo la recitazione. Non me ne intendo. Ma una cosa c'è assolutamente da dire a riguardo. Non c'è un minimo di sentimento da parte degli attori. Assolutamente. Atarassia allo stato più puro. Nulla. Personaggi vuoti, dialoghi noiosi, inespressivi e prolissi all'inverosimile.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Il film ha un'ambientazione buona, anche se alla lunga stanca e non affascina. Non ci sono momenti di paura, di tensione, non c'è spannung, non c'è interesse per i personaggi, non c'è interesse a capire di più la trama eccessivamente intrecciata e in realtà molto più semplice di quello che si crede, e poi da un altro punto di vista, i momenti grotteschi ci sono a iosa.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Deluso anche di scoprire a cosa si riferiva il titolo del film. Mi aspettavo qualcosa di un po' più originale che un significato puramente letterale.
Non ci ho trovato nulla di interessante nel finale. Sì, si capisce qualcosa in più, c'è più azione, più "paura"(?). Ma non c'è nessun grande colpo di scena. Poi...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Tirando le somme, un film che sconsiglio calorosamente. Noiosissimo e senza spessore. Si salvano l'inizio (che è davvero inquietante e sufficientemente sviluppato) e un attimo della fine:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Ma un inizio e qualche minuto verso il finale non salvano un film dalla noia più totale.

movieman  @  29/06/2010 00:17:32
   1½ / 10
Il peggior film che abbia mai visto e sopratutto il più sopravvalutato! Innanzitutto non lo definirei horror in quanto ho provato più tensione nel guardarmi cappuccetto rosso... Passiamo alla recitazione: pessima, tutti uguali, niente espressivi, sempre lo stesso tono di voce. Il tanto agognato finale dopo oltre un'ora e mezza di tortura (per me che ho visto una tale fesseria) è interessante ma non basta a salvare il film decisamente noioso. Alcune scene sono poi ridicole: in una si può notare il protagonista che esce dalla casa (nn quella del pittore) per pestare una ***** e poi rientrare. Poi quando si ritrova con il lavoro distrutto, c'è subito dietro il tizio con i capelli unti che aiuto il parroco, che pronuncia un discorso anti-sgamo direi... anche se l'han capiuto tutti che è stato lui. E poi perchè la gente del villaggio non l'ho aiuta, saran mica spaventati da due vecchiette! Sono letteralmente stupito da una media così alta per un film così penoso! Aspetto i vostri commenti e sopratutto le tesi che porterete a difesa di questo disastro cinematografico!!!!!!!

8 risposte al commento
Ultima risposta 22/08/2013 13.42.52
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  19/06/2010 13:55:32
   7½ / 10
Un film davvero bello del Pupi Avati horror. Però è troppo "concentrato nel finale", nel senso che tensione, omicidi e roba del genere sono tutti agglomerati negli ultimi dieci minuti (senza tener conto della morte di Antonio). Il finale, però, è davvero bellissimo.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

45 seconds of laughter47 meters down: uncaged5 e' il numero perfettoa herdadea mano disarmataa sonabout endlessnessadults in the roomall this victoryalla corte di ruth - rgbamerican animalsamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerannabelle 3aquaslasharab bluesarrivederci professoreatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbaby gang (2019)babyteethballoonbarnbeautiful boy (2018)beyond the beach: the hell and the hopebirba - micio combinaguaiblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicablue my mind - il segreto dei miei anniboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebring the soul: the movieburning canecarmen y lolacercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedchristo - walking on watercitizen kcitizen rosicity hunter - private eyesclimax (2018)colectivcorpus christicrawl - intrappolatidaitonadelphinedi tutti i coloridiamantino - il calciatore piu' forte del mondodicktatorship - fallo e basta!dolcissimedomino (2019)due amici (2019)edison - l'uomo che illumino' il mondoeffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragioescape plan 3 - l'ultima sfidafast & furious - hobbs & shawfellini fine maifiebre australfiore gemellofulci for fakegenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgloria mundigodzilla ii - king of the monstersgoldstonegretaguest of honourhava, maryam, ayeshahotel artemishouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi morti non muoionoil criminaleil flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil mostro di st. pauliil pianeta in mareil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanitÓil varcoin fabricit: capitolo 2juliet, nakedjust 6.5kinkingdom comela bambola assassina (2019)la fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala mia vita con john f. donovanla piccola bossla prima vacanza non si scorda maila rivincita delle sfigatel'amour flou - come separarsi e restare amicil'angelo del criminele coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilucania - terra sangue e magial'ultima orama (2019)mademoisellemadre (2019)marriage storymartin edenmaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmen in black: internationalmes jours de gloiremidsommar - il villaggio dei dannatimio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutnevermindneviano.7 cherry lanepallottole in liberta'parthenonpasspartu': operazione doppiozeropelican bloodpets 2: vita da animaliphotographpolaroidpop black postapowidoki - il ritratto negatoprimula rossapsychosiaquel giorno d'estateraccolto amarorapina a stoccolmarare beastsrealmsred sea divingrestiamo amicirevenirrialtorocketmanroqaiasabbiasanctorumsaturday fictionscalesscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligarisebergselfieserenity (2019)seules les betessh_t happensshadow of watershelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaiskate kitchensolesoledadspider-man: far from homestate funeralstuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognotesnotathe boy 2the burnt orange heresythe deepthe diverthe elevatorthe great green wallthe king (2019)the kingmakerthe laundromatthe lodgethe long walkthe mirror and the rascalthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe quake - il terremoto del secolothe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthe truththey say nothing stays the sameti presento patricktony drivertoy story 4un monde plus granduna famiglia al tappetoverdictvita segreta di maria capassowaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkwelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewomanx-men: dark phoenixyou will die at 20zerozerozero - stagione 1zumiriki

991664 commenti su 41956 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net