i misteri di lisbona regia di Raoul Ruiz Portogallo, Francia 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

i misteri di lisbona (2010)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film I MISTERI DI LISBONA

Titolo Originale: MISTERIOS DE LISBOA

RegiaRaoul Ruiz

InterpretiLéa Seydoux, Melvil Poupaud, Clotilde Hesme, Maria João Bastos, Malik Zidi, Lena Friedrich, Catarina Wallenstein, José Afonso Pimentel, Filipe Vargas, Ricardo Pereira

Durata: h 4.32
NazionalitàPortogallo, Francia 2010
Generedrammatico
Al cinema nell'Ottobre 2010

•  Altri film di Raoul Ruiz

Trama del film I misteri di lisbona

Una traversata vertiginosa dell’Europa, sull’onda di avventure, intrighi e passioni violente che ruotano attorno all’orfano Pedro da Silva, in cerca della sua vera identità nella Lisbona dell’Ottocento.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   9,50 / 10 (1 voti)9,50Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su I misteri di lisbona, 1 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  30/03/2013 22:30:18
   9½ / 10
Leggendo in giro le varie (argomentatissime) critiche a "I misteri di Lisbona" mi è rimasta impressa quella che la definisce una telenovela d'autore. Verissimo: tratto dal romanzo di Camilo Castelo Branco (portato al cinema da autori come Manoel De Oliveira) ed avendo in sé tutti gli elementi del romanzo d'appendice è anche naturale che possa essere definito in questo modo; ricordandosi anche che il progetto originale sono sei episodi televisivi da un'ora ciascuno, Raul Ruiz è un regista che più cinematografico non si può e lo dimostra anche in questo caso: quattro ore e passa la versione per le sale di cinema vertiginoso, inventivo, mai noioso, molto dialogato ma anche tremendamente inventivo nell'apparente monotonia dei piani sequenza, nella scelta di visuali tipicamente wellesiane e bizzarre.
è il testamento artistico di un grandissimo regista, uno degli ultimi surrealisti puri che ha scritto un proprio linguaggio cinematografico scardinando la trama e creando mondi onirici senza bisogno di linearità narrative ma a volte affidandosi solo alla forza dell'inconscio o, appunto, del puro surrealismo. Ora ci rimane solo Lynch con la dipartita del maestro cileno.
"I misteri di Lisbona" resta comunque un film accessibile a tutti, sceneggiato in modo chiaro nei dialoghi ma comunque intricatissimo (e questo immagino sia dovuto soprattutto al romanzo d'appendice da cui è tratto). I tocchi surreali di Ruiz si notano nello stile barocco, delicato anche se visivamente magmatico e irrequieto, con lampi di bizzarria tipicamente grottesca. Invece anche la trama principale si snoda in continuazione diramandosi in un'intricata ma comprensibile matassa. Ruiz è stato esaltato come uno dei pochi e forse ad oggi l'unico ad aver portato al cinema il senso della Recherche proustiana, non solo con "Il tempo ritrovato" ma in generale pare essere nelle sue corde. Guardando con occhio attento al suo cinema è proprio cosi: come delle matrioske, Ruiz gioca ad inglobare storie e storie svicolando da quella principale ma poi tornandoci prepotentemente in una struttura circolare perfettamente riuscita. E il suo sguardo non basta: il reparto tecnico è grandioso a partire dalla fotografia suadente, la ricostruzione storica perfetta e mai troppo tronfia ma sempre credibile, i riti della borghesia nobile cosi documentati (appunto, alla Proust), le ambientazioni splendide. Senza esagerare rivaleggia con Barry Lyndon, con le dovute differenze.

Inoltre è da notare quanto "I misteri di Lisbona" assuma i connotati di una summa del cinema di Ruiz quando lo confrontiamo con un'altra opera/sommario di un altro maestro del cinema come Bergman, ovvero "Fanny e Alexander". Entrambe considerate tali, nascono come progetti "prestati" dal cinema alla televisione ma che è difficile definire semplici e volgari fiction; analizzano poi il mondo dell'infanzia partendo dallo sguardo di protagonisti innamorati del loro teatrino di marionette che poi è il mondo attorno al quale si muovono figure strane, paternalistiche, eroiche, inquietanti, violente, crudeli, seducenti. Come "Fanny e Alexander" era un arazzo dove si poteva scegliere cosa vedere secondo le parole di Bergman, "I misteri di Lisbona" è praticamente lo stesso con l'acuta capacità del suo regista di allargare via via attorno alla storia principale le altre storie che poi acquistano la stessa importanza e si fondono in un'unica, meravigliosa cornice.
E in quattro ore c'è il tempo di conoscere personaggi indimenticabili profondamente tratteggiati su cui spiccano padre Dinis, camaleontico e misterioso prete dalle mille vite, o la madre di Pedro/Joao.
E le tante vite dei personaggi sono il fulcro di quest'opera molto ambiziosa nel suo tono poco magniloquente: ognuno si dimostra il contrario di quanto prospettato in un percorso di crescita che noi vediamo al contrario (e anche qui ritorna Proust, in fondo). Ossessione di Ruiz o sua poetica è in fondo questo diluvio di storie che si perdono le une nelle altre (Le tre corone del marinaio), dell'infanzia e della finzione. Succede cosi che Raul Ruiz non può che concludere in modo ambiguo questo suo capolavoro (a contarlo su suoi pochi film visionati- mi pare 6 o 7 su 100- il terzo indimenticabile): si ritorna in modo circolare all'inizio, muore l'infanzia e muore il sogno e le storie che questo porta con sé, finzione compresa. Raul Ruiz è morto. Questo quindi ci fa comprendere quanto "I misteri di Lisbona" possa essere il suo testamento artistico. E visto il poco seguito di pubblico tranne in rari casi (compreso questo film, almeno in Portogallo sembra abbia avuto successo), è un autore che il mondo del cinema ha dimostrato di meritare pochissimo nonostante la mole eccessiva del suo lavoro, la dimostrazione di essere stato prima di tanti altri un maestro sovvertitore e un cinema intensamente personale e poco disposto a svendersi, anche quando nel caso specifico ci avviciniamo ad un lato popolare e da telenovela per il pubblico. Ad avercene, davvero, di opere cosi in televisione o anche al cinema...

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa saràcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroes
 NEW
why did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016649 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net