il tempo dei lupi regia di Michael Haneke Francia, Austria 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il tempo dei lupi (2003)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL TEMPO DEI LUPI

Titolo Originale: LE TEMPS DU LOUP

RegiaMichael Haneke

InterpretiIsabelle Huppert, Patrice Chéreau, Béatrice Dalle, Olivier Gourmet, Brigitte Roüan, Daniel Duval, Philippe Nahon

Durata: h 1.50
NazionalitàFrancia, Austria 2003
Generedrammatico
Al cinema nel Giugno 2004

•  Altri film di Michael Haneke

•  Link al sito di IL TEMPO DEI LUPI

Trama del film Il tempo dei lupi

E' una splendida mattina. Georges, Anna e i loro due figli, Eva e Ben, arrivano nella loro casa di campagna sperando di trovare pace e tranquillità. Hanno però una spiacevole sorpresa. La loro casa è stata nel frattempo occupata da sconosciuti. Comincia così una dura e dolorosa odissea, mentre il paese è completamente sconvolto e devastato a causa di un terribile disastro. Manca tutto: acqua, cibo, trasporti e comunicazioni...
Un resoconto del giorno dopo.
La storia di un domani che potrebbe già essere oggi.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,83 / 10 (20 voti)5,83Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il tempo dei lupi, 20 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Thorondir  @  05/08/2019 23:16:47
   7½ / 10
Nel "Il tempo dei lupi" ci sono tutti i temi cari ad Haneke, dalla violenza al racconto delle miserie umane, dall'incapacità comunicativa al decadimento della borghesia (decadimento quì allargato all'intera civiltà). In queste lande desolate colpite da una non ben specificata catastrofe, gli esseri umani, o ciò che resta di loro, cercano di sopravvivere di espedienti in una condizione che gli era scomparsa. Sembra essere tornato l'inizio del Novecento, anche nei colori emanati dal film di Haneke, quì ancora più oscuro e viscerale del suo solito. Perduta ogni speranza, questa per il regista austriaco sopravvive solo in un anziano o nell'ingenuità della bambina. E se non c'è la forza propositiva tipica di Haneke e il film paga un'eccessivo immobilismo, "Il tempo dei lupi" è comunque opera interessante e assolutamente fuori dagli schemi del disaster movie hollywoodiano che presenta diversi spunti di riflessione. Il cinema di Haneke non è mai stato semplice e non lo è neanche quì.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  28/11/2018 20:49:30
   5½ / 10
In un momento di crisi profonda l'umanità si rifugia nell'egoismo. L'apocalisse di Haneke, non dovuta certo a virus o catastrofi planetarie, porta alla luce quello che c'è di peggio che si concretizza nella lenta e progressiva disgregazione sociale, dove altri sono i valori che dominano e che a loro volta stabiliscono le nuove regole. E' una rappresentazione che poco a che vedere con le regole del genere, ma che allo stesso tempo, nel suo rigido rigore formale, lo rende imbalsamato. I personaggi, i singoli individui scompaiono persi in una massa informe e questo lo rende troppo freddo e distaccato per provocare emozioni.

-Uskebasi-  @  01/04/2016 02:54:59
   6 / 10
Riconoscibile alla regia e irriconoscibile nel risultato. Ci sarebbe qualcosa da elogiare in tutta onestà, è che proprio fatico anche a parlarne. Ho trovato Haneke piuttosto moscio e privo di incisività, talmente giù di tono da eccedere con la sua proverbiale staticità rendendola vuota e, addirittura, da ricorrere in una scena a una soluzione aberrante solo per racimolare attenzione o forse ostentare chissà cosa.
Pietoso. Non c'è demagogia o moralismo spicciolo, solo un gesto pietoso concepito da un grande regista.

DarkRareMirko  @  27/08/2014 02:23:44
   7 / 10
Catastroficismo e disaster movie secondo Haneke, in uno dei suoi film comunque riusciti solo in parte.

Premesse simili a Funny games (home invasion, violenza, ecc., ma tale opera del '97 coinvolgeva molto di più di questa), poche spiegazioni, tanta desolazione e stile asettico, tutt'altro che mainstream.

Brava la Huppert, ma in 1 ora e 50 si poteva raccontare anche di più, non solo della voglia di sopravvivere (gettando anche più premesse e basi).

Magari leggibile come metafora, è comunque un lungometraggio per persone pazienti e ben disposte.

Troppo personale e presuntuoso, ma ci vuole comunque coraggio a fare film così nel 2000.

Goldust  @  14/11/2012 10:55:39
   5½ / 10
L'inizio promettente da pugno dello stomaco viene vanificato nel prosieguo della storia con una staticità d'azione che tende a rendere il film noioso. Interessante, comunque, la trattazione degli istinti animaleschi che emergono nella umana società civile messa alle corde da una disperata - ed imprecisata - catastrofe. Crudo e rigoroso come lo stile di Haneke ci ha abituato, è un film pessimistico in cui però a tratti un briciolo di speranza affiora.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Peccato poi che il talento della Huppert venga così sottoutilizzato.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR pier91  @  16/06/2012 03:47:49
   6 / 10
Il cinema dei sentimenti "parlati" non si addice ad Haneke, diventa persino stucchevole fra le sue mani di solito mirabilmente gelide. Strano caso, è in questo film quasi accondiscendente e non troppo rigoroso che viene a mancare la sintonia fra autore e spettatore. "Il tempo dei lupi" è un racconto debole, seccante, popolato da personaggi appena abbozzati. Soprattutto è un'opera satura, che concede raramente a chi l'osserva il (dis)piacere dell'immedesimazione. I momenti migliori sono quelli in cui Haneke è coerente con se stesso, quando inscena ferocia e dolore senza gratuità. La sequenza dello stupro deflagra nello stomaco, è un esempio di eccellenza. Notevole la carrellata finale, con quel treno che non conduce fuori dalla pellicola ma trattiene all'interno, e costringe ad indugiarvi anche dopo la dissolvenza.

Mpo1  @  26/07/2011 23:31:34
   7 / 10
Film post-apocalittico forse più interessante nelle premesse che nella realizzazione, più riuscito quando si focalizza sul gruppo familiare che quando diventa film corale. Un'opera ostica e confusa, ma degna di visione. Mi ha ricordato un po' "La Vergogna" di Bergman. Bello il finale. Stranamente Haneke si rivela un po' meno crudele del solito (almeno nei confronti degli umani...).
Comunque non il peggiore di Haneke: quello è "Funny Games"!

Clint Eastwood  @  05/07/2011 23:42:57
   6 / 10
Appoggio anch'io l'idea di dire che si tratta del peggior Haneke, a questo punto dovrei rivalutare FUNNY GAMES. Però bisogna far presente che come ambientazione apocalittica è quello più realistico e più crudo dei vari prodotti americani, basti pensare all'inizio col botto tipico alla Haneke. Del resto la storia stenta decollare e sembra non portarci da nessuna parte nonostante alcune scene forti e d'impatto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  05/07/2011 23:22:46
   5 / 10
Il peggior Haneke. Se i 3 minuti iniziali fanno ben sperare in realtà lo straniamento delle situazioni e dell'ambientazione apocalittica diventano presto priva di mordente,lo stesso incipit sembra una copia sbadita di tanti altri film in cui la violenza viene rappresentata dal regista con una forza ancora maggiore. Bellissimo anche il finale con il miraggio lontano di una speranza,novità per il cinema dell'austriaco,ma la pellicola manca in quasi tutta la sua durata di un approfondimento per i personaggi,o di scene significative che a volte diventano pallida imitazione di altri lavori di Haneke.
In questo caso,il cinema radicale si ritorce contro sé stess diventanto criptico fino all'eccesso ma più che sgradevole nel racconto quasi privo di voglia di fare male,cosa che fa ad esempio Funny Games o La Pianista (di cui riprende la protagonista Huppert)

Un'altra cosa: il cavallo sgozzato era evitabilissimo e gratuito,e per chi questo film già non l'ha apprezzato di suo una scena di quel genere indispettisce ancora di più e non poco.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  17/09/2010 16:10:42
   6 / 10
Post-apocalittico anomalo,privo di scenari testimonianti un mondo in rovina,esente da qualsiasi spiegazione su ciò che è accaduto e concentrato interamente sul quotidiano vivere di una piccola comunità rifugiatasi in un deposito ferroviario situato nel bel mezzo della campagna.
Haneke filma una realtà vaga ed indeterminata,un "micro-limbo" nel quale a sua volta scivola emergendo a singhiozzo,sfibrando a più riprese con situazioni oltremodo statiche.
E' ovvio che l'interesse del regista non verta sullo spiegare le motivazioni della catastrofe,ma partendo da un dato di fatto dimostrare la regressione dell'uomo in mancanza di regole e benessere.
Tema molto intrigante al quale Haneke aderisce con limitata concretezza, pur costruendo una prima parte molto tesa ricorrendo alle proprie qualità tecniche per plasmare contesti angoscianti.Affascinano le numerose sequenze all'interno delle quali il fuoco diventa una specie di co-protagonista,ultimo baluardo contro le avvolgenti tenebre trionfanti contro una tecnologia ormai svanita.
L'assenza della colonna sonora indica il tentativo di Haneke di tenere un profilo più coerente possibile ad una realtà esposta con occhio documentaristico,peccato fallisca nella disamina basilare. L'imbarbarimento,la trasformazione dell'uomo in belva non riesce ad essere tradotto in immagini sufficientemente significative.Non bastano alcune dolenti scene per racchiudere l'orrore dilagante,questo rimane nascosto tra le pieghe di un'umanità verso cui lo spettatore patisce l'indifferenza dell'autore,rimanendo quindi insensibile alle vicissitudini raccontate.
Sbeffeggiato all'epoca della presentazione a Cannes "Il tempo dei lupi" non è un film totalmente disprezzabile,semmai soffre di un ermetismo troppo ricercato che comunica poco (o nulla) dopo una visione non proprio leggera.Tuttavia chi apprezza Haneke vi troverà lo stesso del buono.

benzo24  @  22/02/2010 12:56:02
   6 / 10
dopo aver visto the road di hillcoat,mi sono ricordato di aver visto un film praticamnete uguale, questo. ambedue piuttosto lunghi e noiosi. comunque affascinanti.

paride_86  @  28/12/2009 03:33:00
   6 / 10
Haneke gira un film sulla condizione delle persone che subiscono la guerra, con tutte le nefaste conseguenze. All'inizio mi è parso di riconoscere qualche riferimento all'occupazione irachena da parte degli occidentali, ma poi la trama si allarga e si dipana a vista d'occhio e i temi principali vengono persi di vista.
Non so come interpretare questo film, in cui peraltro compaiono parecchi elementi che ritroveremo nelle opere successive del regista. L'impressione è che a Michael Haneke sia scappata la mano.

bulldog  @  04/08/2009 23:49:37
   5 / 10
Concordo con il commento sottostante.
Fastidiosissimo e senza mordente.

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/04/2012 20.33.22
Visualizza / Rispondi al commento
Ciaby  @  24/12/2008 12:55:15
   4½ / 10
il peggior haneke: noiosissimo e senza verve. Splendido solo il finale e bella l'idea di partenza

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  06/10/2008 13:03:22
   8 / 10
In un mondo post apocalittico, che ricorda vagamente quello de "La strada" di McCarthy, Haneke ci ripropone il suo cinismo e la sua violenza appena accennata. Amo lo stile di questo regista, e qui si possono coglierne tutte le sue peculiarità, dalla sua estraneità nel descrivere le scene (quella camera sempre distante e fissa) a quel finale tipico del suo cinema, che non risolve nulla ma lascia lo spettatore completamente soddisfatto (almeno me). Bravo nel non rivelare il motivo di tale cataclisma, riesce a far muovere i suoi personaggi in maniera quasi perfetta, proponendo situazioni disturbanti (su tutte il ritorno del killer del marito) e spesso spiazzanti.

Un piccolo gioiellino che in pochi conoscono, ed è un vero peccato!

Beefheart  @  06/09/2007 21:03:45
   6½ / 10
Films di fantascienza, sul post-catastrofico/apocalittico, ce ne sono tanti; ad essi si aggiunge questa "versione Haneke", dove agli scenari degradati, alla deriva dei valori morali e sociali, al disorientamento generale, alla miseria della distruzione (per altro solo intuibile), si aggiunge quell'atmosfera glaciale che pervade le location ed i volti dei personaggi dei suoi film. Al solito, violenza e crudeltà aggrediscono i suoi protagonisti (e gli spettatori), se pure indifesi ed innocenti, senza lasciare loro tempo di reazione, nè scampo, nè speranza. D'altra parte, per un "maniaco" ossessionato dalle peggiori brutture umane che si manifestano in veri e propri scempi contro l'individuo, sempre alla ricerca del colpo letale da assestare allo stomaco del suo pubblico, quale miglior teatro della nuova ecatombe globale?! E' così che la gelida ed attonita Isabelle Huppert si ritrova a vagare per imprecisate terre della Francia rurale, nebbiosa, inospitale, spopolata dagli eventi, insieme a ciò che è sopravvisuto della sua famiglia, in cerca di qualsiasi mezzo od espediente che possa portarli in salvo... Dove, però, non è dato sapere.
Per tutto il film non succede altro che il costante e graduale accumularsi di relitti umani e disperazione, che come per naturale richiamo, finiscono col convergere in quello che risulta essere un comune punto di raccolta del dolore e della rassegnazione. Tanti volti segnati dalla sconfitta, tante coscienze piegate all'ingiustizia, all'opportunismo. Esseri umani messi alle strette; individualmente troppo deboli ed indifesi per non tendere a formare sempre nuovi nuclei sociali, ma sempre alle prese con esigenze individualistiche che indeboliscono il gruppo. Sedicenti civli che all'occorenza si animalizzano.
C'è molto poco ottimismo nei film di Haneke ed anche in questo abbondano i momenti duri, buii, cattivi. Le ambientazioni agresti, perennemente immerse nella nebbia umida ed oppressiva, lasciate alla mercè del "silenzio del nulla", rese ancora più povere dall'assenza di qualsiasi forma di commento musicale, possono facilmente ricondurre a quella sensazione di "oblio emozionale", di disorientamento, che trasuda anche dai fotogrammi dello "Stalker" di Tarkovsky. La fotografia plumbea ed opprimente al limite dell'insopportabilità non risparmia nessuno e sin dalle primissime battute mette in guardia circa l'antifona del messaggio. L'interpretazione dei protagonisti, pur sempre alle prese con l'improbabile psicologia dei personaggi del regista, alla fine appare credibile e convincente. Se mai la nota dolente sta nel manierismo che sembra essersi impossessato del regista al punto da appesantirne lo stile e vanificarne, in parte, gli sforzi. Nel complesso trovo comunque che sia un discreto film.

Gruppo COLLABORATORI paul  @  14/03/2006 13:21:42
   7 / 10
Film difficile e nichilista, nello stile del regista. Fotografia più percettibile sul grande schermo che sul piccolo. Difetti: nonostante il già citato nichilismo dell'autore, i personaggi risultano ancora fin troppo buoni. Solito finale "alla Haneke"

zaami  @  16/06/2005 19:46:27
   1 / 10
Il film è noioso e lento. Risente della pesante mano francese, che rende palloso un film comico, figuriamoci una commedia.
Uno di quei film che per il solo fatto di essere drammatico, mescola tutte le cattiverie ed ingiustizie che si possono avere. Non credo che una guerra trasformi veramente gli uomini in assassini, come ci vuol fare credere il regista. Anzi, durante catastrofi o guerre, gli uomini tendono alla solidarietà, solo quando si è in pace e ricchi si diventa egoisti.
Se dovvessi giudicarlo dal punti di vista della noia, darei un 10, perchè sono stati bravissimi ad annoiarmi.
Ma voglio essere coerente, do il voto più basso.
Ma non per questo dico di non vederlo, magari a qualcuno potrebbe piacere

1 risposta al commento
Ultima risposta 07/12/2006 11.50.16
Visualizza / Rispondi al commento
woosh  @  25/06/2004 22:18:45
   9 / 10
agghiacciante e sconvolgente...il fatto che nella storia non venga chiarito quale apocalittico evento abbia determinato una simile situazione rende tutto ancora più inquietante. Un film ricco di contrasti, intenso e duro.

NanD  @  12/06/2004 17:44:51
   2 / 10
Forse il film piu noioso che io abbia mai visto.
Impressionante l'incapacità di coinvolgere di questo film.
Consiglio molto caldamente di non guardarlo (a meno che non soffriate di insonnia).

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

45 seconds of laughter47 meters down: uncaged5 e' il numero perfettoa herdadea mano disarmataa sonabout endlessnessadults in the roomall this victoryalla corte di ruth - rgbamerican animalsamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreannabelle 3
 NEW
antropocene - l'epoca umanaapollo 11aquaslasharab bluesarrivederci professoreatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbaby gang (2019)babyteethballoonbarnbeautiful boy (2018)beyond the beach: the hell and the hopebirba - micio combinaguaiblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicablue my mind - il segreto dei miei anniboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebring the soul: the movie
 NEW
burning - l'amore bruciaburning canecarmen y lola
 NEW
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dice
 NEW
chiara ferragni - unpostedchristo - walking on watercitizen kcitizen rosicity hunter - private eyesclimax (2018)colectivcorpus christicrawl - intrappolatidaitonadelphinedi tutti i coloridiamantino - il calciatore piu' forte del mondodicktatorship - fallo e basta!dolcissimedomino (2019)due amici (2019)e poi c'e' katherine
 NEW
eat local - a cena con i vampiriedison - l'uomo che illumino' il mondoeffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragioescape plan 3 - l'ultima sfidafast & furious - hobbs & shawfellini fine maifiebre australfiore gemellofulci for fakegenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgloria mundigodzilla ii - king of the monstersgoldstonegretaguest of honourhava, maryam, ayeshahotel artemishouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondo
 NEW
i migliori anni della nostra vita (2019)i morti non muoiono
 NEW
il colpo del caneil criminaleil flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil mostro di st. pauliil pianeta in mareil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanitàil varcoin fabricit: capitolo 2juliet, nakedjust 6.5kinkingdom comela bambola assassina (2019)la fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala mia vita con john f. donovanla piccola bossla prima vacanza non si scorda maila rivincita delle sfigatela verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmaol'amour flou - come separarsi e restare amicil'angelo del criminele coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilucania - terra sangue e magial'ultima orama (2019)mademoisellemadre (2019)marriage storymartin edenmaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmen in black: internationalmes jours de gloiremidsommar - il villaggio dei dannatimio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutnevermindneviano.7 cherry lanepallottole in liberta'parthenonpasspartu': operazione doppiozeropelican bloodpets 2: vita da animaliphotographpolaroidpop black postapowidoki - il ritratto negatoprimula rossapsychosiaquel giorno d'estateraccolto amarorapina a stoccolmarare beastsrealmsred sea divingrestiamo amicirevenirrialtorocketmanroqaia
 NEW
rosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscalesscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligarisebergselfie
 NEW
selfie di famigliaserenity (2019)seules les betessh_t happensshadow of watershelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaiskate kitchensolesoledadspider-man: far from homestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognotesnotathe boy 2the burnt orange heresythe deepthe diverthe elevatorthe great green wallthe king (2019)the kingmakerthe laundromatthe lodgethe long walkthe mirror and the rascalthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe quake - il terremoto del secolothe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sameti presento patricktolkientony driver
 NEW
torino nera (2019)toy story 4tutta un'altra vitaun monde plus granduna famiglia al tappetoverdictvita segreta di maria capassovox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkwelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewomanx-men: dark phoenixyou will die at 20zerozerozero - stagione 1zumiriki

991868 commenti su 41971 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net