il grande capo regia di Lars von Trier Danimarca, Svezia 2006
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il grande capo (2006)

 Trailer Trailer IL GRANDE CAPO

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL GRANDE CAPO

Titolo Originale: DIREKTěREN FOR DET HELE

RegiaLars von Trier

InterpretiBenedikt Erlingsson, Iben Hjejle, Anders Hove, Jens Albinus, Jean-Marc Barr, Casper Christensen, Peter Gantzler

Durata: h 1.39
NazionalitàDanimarca, Svezia 2006
Generecommedia
Al cinema nel Gennaio 2007

•  Altri film di Lars von Trier

•  Link al sito di IL GRANDE CAPO

Trama del film Il grande capo

Il proprietario di una societÓ Ú intenzionato a vendere tutto. Il problema nasce quando i potenziali acquirenti vogliono definire l'operazione con il presidente della societÓ, ma quest'ultimo in realtÓ esiste solo come un nome ma non fisicamente. Il proprietario della societÓ decide cosý di ingaggiare un attore fallito per interpretarne il ruolo...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,95 / 10 (97 voti)6,95Grafico
Voto Recensore:   7,50 / 10  7,50
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il grande capo, 97 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  24/10/2016 18:06:41
   7½ / 10
Già dal titolo non si può non pensare al "Grande Altro" lacaniano, ovvero l'ordine costituito, il Potere, il sistema simbolico. Ma come ripete spesso Slavoj Zizek: non esiste nessun Grande Altro; così non esiste nessun grande capo, è tutto una finzione. Il grande capo è una finzione, ma anche il cinema è una finzione, e von Trier lo ricorda all'inizio mostrandoci la sua immagine dietro la macchina da presa riflessa in un vetro. Tutto è finto.
Commedia divertente, comica ma non buffa, caratterizzata da un montaggio spezzettato. Non per tutti.

mrmassori  @  21/05/2016 17:03:28
   8½ / 10
E' davvero un film geniale e inscenato in maniera piuttosto teatrale

wicker  @  01/02/2016 19:30:31
   7 / 10
Conoscendo bene e apprezzando Von Trier da anni , mi viene spontaneo riconoscere questa pellicola come un prolisso escercizio di stile o come una frivola avventura nella commedia grottesca .
sceneggiatura ben calibrata , quasi teatrale,ma mai pesante,molto ironica con veli di humor nero e drammaticità nei rapporti fra i personaggi.
Bravi gli sconosciuti attori,bello anche le scene di montaggio a scatti, anche se sparpagliate un pò troppo a caso qua e là..
è chiaro che da Lars mi aspetto e pretendo molto di più.. faccio finta che si sia voluto divertire a fare il Woody Allen per vedere l'effetto che fa...

BrundleFly  @  09/07/2015 11:11:56
   6½ / 10
Ho apprezzato questo approccio di Von trier alla commedia, ma un po' meno la scelta di sperimentare la tecnica dell'automavision: le inquadrature e i tagli risultano davvero troppo casuali.
Divertente e con un finale stupendo.

Filman  @  30/01/2015 14:11:18
   7½ / 10
Promuovendo un distinto intrattenimento filmico dedito alla leggerezza compositiva e comunicativa, derivata da un sentimento artistico puro e fedele al trattato Dogma95, Von Trier si affaccia sul genere comico dirigendo DIREKTØREN FOR DET HELE (The Boss of It All), pellicola di genere d'autore, che si presta al personale linguaggio cinematografico del regista e alla sua controversia tecnica, elegantemente rozza e innovativa nella sua ricercata semplicità creativa.
Pur proclamandosi come un film di svago e divertimento, obbiettivi comunque primari e centrati in pieno, le sfaccettature trovano lo stesso uno spiraglio interpretativo sorto dalle analogie col mondo del cinema e della recitazione, tema e colore della pellicola, così come i dettagli tecnici, tipici dell'anti-spettacolarità del regista nord-europeo, assumono una forma di interesse, considerando il successivo abbandono di Von trier ai dettami del suo stesso trattato cinematografico.

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  13/06/2014 15:56:45
   7 / 10
Dopo 'Manderley' non chiude la trilogia sugli USA, torna in patria e con piglio diverso dall'ultimo periodo, riprende a sperimentare, rifugge nuovamente nel metacinema, lo fa e lo analizza al tempo stesso, rievoca il tentativo in parte fallito con 'Epidemic', lì grottesco e di un'ironia impalpabile, a distanza di 20 anni l'esperimento gli riesce meglio, divertente e si diverte sadicamente a lasciare tutto in mano al computer, questa singolare tecnica, l'automavision.
Tra una critica e l'altra ad Ibsen, si riscontra una struttura pinteresque, anche nelle ambientazioni chiuse, Jens Albinus già visto in 'Idioti' è il perfetto alter ego Pinteriano.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  21/04/2014 16:28:01
   7 / 10
Primo film di Lars von Trier che vedo, e devo dire che ne sono decisamente soddisfatto. Non sorpreso, perchè da un tipo come lui c'era ampiamente da aspettarsi una pellicola del genere. Commedia veramente particolare, finale tanto imprevedibile quanto velenoso, stile originalissimo, von Trier merita sicuramente di essere approfondito, ha un linguaggio davvero molto personale. E questo linguaggio si rispecchia non solo nella sceneggiatura ma anche nella regia in senso generale. Magari le commedie in Italia fossero queste, invece delle solite patetiche schifezzuole pseudomoraliste insipide e inutili...

Horrorfan1  @  07/02/2014 08:30:10
   5½ / 10
Pur avendo apprezzato molto Dogville (e qualche altro film di Von Trier, anche se meno di Dogville), non riesco a promuovere questa commedia.

I salti di telecamera (a volte l'inquadratura dura solo pochi secondi, e poi viene sostituita da un'altra, o dalla stessa, ma sfasata di qualche istante!) li trovo in questo film troppo frequenti e comunque fastidiosi.

La trama non sta in piedi, neanche per una commedia, e l'unica volta che ho sorriso...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Non fosse stato per i continui "salti di ripresa", forse il sei stiracchiato l'avrei dato: così no... mi perdonino i cultori di Von Trier!

clint 85  @  04/02/2014 03:29:02
   5 / 10
Si cerca l'originalità ma si sfoscia nella noia.
Di risate poi...nemmeno l'ombra!

INSULSO

DarkRareMirko  @  13/08/2013 09:15:44
   7 / 10
Altro difficile film di Von Trier, artista comunque dotato e pieno di potenzialità.

'Stavolta spiazza tutti con l'AUTOMAVISION, se ho capito bene una sorta di dispositivo che, in totale autonomia, assegna al caso il punto di vista attraverso il quale la telecamera riprende ciò che ha di fronte (evitando di inquadrare talvolta anche gli stessi attori, quindi), mossa senz'altro straniante ed originale.

Sesso, atmosfera farsesca, ironia, satira sul mondo lavorativo e, tutto sommato, sono ababstanza d'accordo con chi dice che non è che si capisce molto se il regista voglia celebrare o condannare la figura del capo, talvolta descritto anche come bonario.

Buoni gli attori; Von Trier l'ho sempre visto e apprezzato, ma a volte eì un artista che sprofonda nelle sue stesse ambizioni/manie - non solo filmiche -, che gli si ritorcono contro (pensare ancora una volta alle incredibile dichiarazioni su Hitler ad esempio, in quel caso da persona davvero mediocre).

Maneggiare con cura.

Invia una mail all'autore del commento nocturnokarma  @  04/01/2013 14:58:00
   7 / 10
Il meno celebrato, provocatorio (e dal cast "indigeno") dei film di Von Trier è anche l'unico, a mio giudizio, veramente riuscito. Pur non rinunciando ad uno stile registico discutibile, finalmente la sceneggiatura, la trama e la bella prova del cast tutto ci regala una commedia originalissima che merita una seconda visione.

Sotto l'estetica e il manierismo questa volta c'è una grande caratterizzazione psicologica e il finale non delude.

Gruppo COLLABORATORI julian  @  14/09/2012 04:34:10
   7½ / 10
Geniale riflessione sulla commedia, sul ruolo multiforme dell'attore e sul potere e chi lo detiene.
Concepita quasi come metacinema - o metateatro, considerando la regia spoglia - con voce narrante che addirittura interviene a commentare le scelte, e pur contravvenendo a qualcuna delle rigidissime regole del Dogma 95 (citato pure nel film), è una pellicola argutissima, sorretta da una storia assurda e al contempo brillante, piena di ribaltamenti di ruolo.
Ha di contro che, essendo un cinema scarno, è lento e difficilmente seguibile, ma mi sono divertito lo stesso.

Invia una mail all'autore del commento tnx_hitman  @  17/04/2012 09:30:40
   7 / 10
Lars convince spostandosi in un altro genere a lui non consono ma ahime',mi ha sorpreso inaspettatamente con una commedia irriverente,ben diretta(intendo di sceneggiatura,senza peli sulla lingua,tendente allo sboccato andante ma funzionale alla storia) e con attori di gran classe,potevano cadere nel patetico tanto da voler cambiare dvd invece gestiscono bene il loro spazio e si divertono a darsi coltellate alle spalle.Beh ovviamente se controllati da un perfezionista come Von Trier c'e poco da fare..bisogna sottostare alle sue regole ma per uno scopo ben importante cioe' la ottima riuscita di un film.

E anche in questo caso non mi ha deluso.Da rimediare.

gianni1969  @  17/04/2012 02:16:33
   4½ / 10
mah,non l'ho proprio digerito questo lars von trier,lo spunto e' interessante,ma lo sviluppo non mi ha entusiasmato. la noia regna sovrana.

paride_86  @  04/04/2012 23:40:13
   6 / 10
Lars Von Trier confeziona un film intelligente e caustico, senza rinunciare al tono da commedia brillante; l'esperimento è riuscito solo parzialmente perché il risultato, purtroppo, è di una noia mortale.

TheLegend  @  18/12/2011 14:32:34
   7½ / 10
Commedia geniale,a tratti davvero divertente;peccato che in alcune parti cali un pò.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  05/12/2011 00:43:06
   5 / 10
Soporifero e noioso, Von Trier riscrive la commedia a modo suo e come sempre cerca di spaziare tra i generi ma in questo caso non riesce a posizionarsi.
Una parentesi sperimentale che va apprezzata per la sua eccentricità ma assolutamente non riuscita.

kako  @  29/08/2011 21:48:19
   7½ / 10
originale e divertente commedia di Von Trier fuori dagli schemi classici e che rispecchia parecchio anche la realtà nonostante l'apperente assurdita di certe scene

7219415  @  03/07/2011 23:35:33
   7 / 10
Originale....l'inizio mi è piaciuto molto...poi è stato un progressivo calare...merita comunque una visione

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  03/07/2011 23:22:18
   8 / 10
Trovo sia inutile considerare il Cinema un prodotto artistico. Chi si forza di commentare, giudicare, apprezzare il Cinema cade nell'errore che Von Trier ha acutissimamente resocinema con il suo fare cinema.
Un film non è un'opera letteraria, non è musica, teatro o quant'altro. Il Cinema non ha bisogno della critica, non ha bisogno di giudizi. Il Cinema vive dell'essenza stessa del Visuale, e ciò che è visuale è scevro da giudizi concettuali, per esempio attribuibili a un romanzo o a una poesia. Il Cinema non ha la potenza concettuale delle opere letterarie, non ne possiede la lettura filosofica, perchè è fatto di di immagini. Immagini in movimento per di più. Io penso che non abbia bisogno di nulla, se non di pubblico. Lars Von Trier è un genio del cinema, perchè ha capito che col Cinema si può fare veramente di tutto, senza intaccarne la potenza emozionale e creativa.
Ovviamente il voto è indicativo del mio stato d'animo durante il film, mi sono divertito, ho riso, ho letteralmente goduto della visione di questa bellissima commedia, e a volte l'ho trovata anche debole, sono rimasto deluso come per ogni film che si rispetti. Ma lungi da me dare giudizi di valore sulla tecnica cinematografica di Lars, o sul contenuto, e lungi da me farne una riflessione critica..Il Cinema si vive, non si studia.

4 risposte al commento
Ultima risposta 16/07/2011 19.01.02
Visualizza / Rispondi al commento
Oskarsson88  @  16/04/2011 17:26:31
   8 / 10
Questa commedia è piuttosto fine ed umoristica, non fa ridere tantissimo (a parte in alcune scene) ma fa sorridere ed incuriosisce molto per il proseguio della stessa e per i continui cambi di scena ma anche di ruolo e della psicologia dei personaggi... è un piccolo teatro quello messo in scena da Von Trier, che non a tutti come tipico per i suoi film può piacere... io l'ho trovato però piuttosto geniale!

Zanibo  @  20/02/2011 19:12:40
   8 / 10
E' un voto contrastato: il film inizia bene, la parte centrale l'ho trovata troppo noiosa dato che il film non cambia registro e stavo quasi per smettere di guardarlo, ma nella parte finale diventa tutto molto bello e interessante.

Il voto giusto (per me) sarebbe 7 1/2, ma d˛ 8 perchŔ a distanza di qualche giorno il film e i personaggi mi sono ancora rimasti impressi e quindi il film ha il suo fascino e tutto sommato Ŕ un film "da non perdere", anche se non proprio tutto magnifico...

the saint  @  02/01/2011 22:41:28
   3 / 10
non avevo mai visto un film di lars von trier, dopo questo , dato che aveva anche una bella media, dubito che ne vedrò altri...
una palla mostruosa! mai un sussulto! buono come sonnifero!

1 risposta al commento
Ultima risposta 16/03/2011 13.08.41
Visualizza / Rispondi al commento
guidox  @  26/09/2010 17:19:37
   8 / 10
decisamente convinto da questo film di Lars Von Trier.
è un film che cresce notevolmente man mano che procede: l'inizio è un po' lento e non colpisce tantissimo (anche se l'incipit è comunque interessante), ma il finale è semplicemente grandioso, soprattutto per come ci si arriva.
oltretutto mi è venuto da pensare, col sorriso sulle labbra, se in realtà questo grande capo non esista anche nell'ambito del mio lavoro, perchè spiegherebbe molte cose. ;-)
questo film diverte e fa riflettere.
con Il grande Capo il grande Lars fa centro un'altra volta.

Dosto  @  18/08/2010 01:09:18
   8 / 10
Un Lars diverso, ma nemmeno troppo, che diverte e fa ridere, non lo dovrei nemmeno precisare ma si parla di un riso cinico e disincantato e non di uno scroscio divertito d'ilarità. Ottimi gli attori e fantastici i dialoghi. Il finale è stupendo!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  27/12/2009 20:53:33
   6½ / 10
Film particolare di Von Trier,un pò discontinuo e più "statico"per quanto riguarda le inquadrature. Avrei peferito il solito effetto mal di mare. Strano film perché a tratti è scontato e noioso mentre alcune scene veramente fanno scompisciare grazie a personaggi folli e situazioni paradossali. Splendidi gli attacchi ai Danesi,ricordano quelli di un altro personaggio diThe Kingdom. è una commedia riuscita,la sufficienza c'è sicuramente. Rispetto all'altra commedia di Von Trier,Idioti,Il grande capo mi è piaciuto molto di più. Come sempre non so come valutare Lars,vorrei dargli un 6 ma poi so che mi pentirei allora gli do una sufficienza piena cosi sto tranquillo.

rapture  @  16/12/2009 12:11:33
   7 / 10
Film anomalo, ma simpatico, da vedere senza riflettere :P

outsider  @  27/09/2009 15:34:28
   7½ / 10
Qui mi ha stupito.
Divertente davvero. Peccato, mi spiace dirlo, che il film sia riuscito bene non per il genio, che evidentemente tale non è, ma per il cast indovinato.
Inoltre, è chiara l'ispirazione al cinema francese di Bunuel.

lolloso22  @  05/09/2009 19:42:08
   10 / 10
straordinaria commedia da vedere a parte che fa troppo ridere ( il finale grandissimo ) ma è fatto proprio bene

carriebess  @  20/07/2009 18:12:14
   8½ / 10
commedia davvero unica.
divertentissima!

bulldog  @  16/07/2009 01:13:28
   8½ / 10
Grandiosa commedia di Lars.

Gruppo COLLABORATORI fidelio.78  @  12/07/2009 16:12:36
   5 / 10
Mi reputo un estimatore del regista danese che ho sempre ritenuto un passo avanti. Qui, invece, la sua stravaganza gli si ritorce contro in una commedia sciatta e prevedibile, senza alcun gusto estetico e autocompiaciuta in una svolta narrativa postdogmatica filomultimediale.
L'idea stessa dell'antiregia (?) con una serie di inquadrature (quasi) casuali, scelte tra quelle proposte da un computer regista/montatore non è innovativa, ma stupida. Perché far scegliere al caso computerizzato ciò che è stato preordinato dal regista? Se il computer avesse scelto anche il taglio dell'inquadratura, allora forse, si sarebbe potuto parlare di un avvicinamento a Pasolini nella volontà stessa di tranciare i fili della tecnica, invece così resta una insensibile direzione artistica che annoia dopo pochi minuti. Anche lo script sembra pesacare tra idee a caso mischiando concetti interessanti , come la paura dell'isolamento del comando, a riflessioni sulla teatralità della vita e dell'uomo come personaggio senza però riuscire ad approfondirne nessuno, mancando dello spessore necessario.
Paradossalmente questo film dimostra come invece la tecnica sia necessaria, proprio perché questa commedia scialba sarebbe potuta essere pungente e sagace, divertente e amara, invece di inconcludente e presuntuosa se dietro la macchina avesse avuto Wilder, anziché un comunissimo HAL9000.
Ed ecco la verità sull'errore dell'autore: non si può fare qualcosa che tende a screditare ciò che inveci cerchi di dimostrare di essere ad ogni tua mossa. Rusilti falso, precostruito, come un film diretto/montato da un computer. E lo stesso ardore è mancato all'autore che, tronfio di se, abbandona la passione per l'idea credendo che basti il proprio genio markettaro a salvarlo.
Ma si sbaglia.
Questo film non inganna (quasi) nessuno.
Il voto non scende oltre una certa soglia perché, per quanto lo si possa giudicare severamente, si deve rispettare l'idea di base e alcune trovate che salvano dalla disfatta una commedia altrimenti noiosa.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  15/06/2009 09:55:14
   4½ / 10
Senza dubbio è un film originale e atipico. Sottolineato questo, è troppo lento e con dialoghi abbastanza inutili. Si riprende nella seconda parte, anche se il doppio finale è fuori luogo. Abbastanza divertenti le scene con il capo islandese.

14 risposte al commento
Ultima risposta 17/06/2009 09.39.50
Visualizza / Rispondi al commento
ronaldinho80  @  15/05/2009 23:26:23
   9 / 10
Sorprendente Lars Von Trier, quando la maggior parte degli "autori" a cinquant'anni si rifugiano nella maniera, lui ancora una volta riesce a spiazzare tutti, sia come contenuti che come tecnica.
Dopo aver messo a nudo gli abissi del cuore umano, mostrato un'umanità gretta, meschina, impaurita ed ipocrita, ora ci diverte con una satira feroce sulla vita lavorativa, un film brillante, intelligente e pieno di ritmo. Una commedia che gioca con le regole del genere,

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR kubrickforever  @  26/02/2009 19:08:32
   7 / 10
Commedia che conferma in toto l'essenza del cinema di von Trier: è spietato, a volte surreale e perchè no, anche divertente. Il regista danese o si ama o si odia, poche palle.

Signor Wolf  @  03/01/2009 15:44:42
   6½ / 10
sto von trier c'è l'ha fissa con il teatro anche questo film lo ricorda, nei cambi di scena e nei personaggi stereotipati. Gli spunti iniziali ci sono ma per essere una commedia si sorride davvero troppo poco.

Ciaby  @  24/12/2008 12:57:25
   8½ / 10
Gruppo COLLABORATORI Mr Black  @  01/11/2008 19:11:03
   6½ / 10
Davvero non male e con diversi spunti interessanti. Peccato che non riesce mai ad eccellere risultando a volte un po noioso, soprattutto nel finale.

minoidepsp  @  05/10/2008 19:57:25
   6 / 10
Sì, gli spunti originali ci sono: assumere un finto capo per sostituire il vero capo che preferisce fingersi un semplice collega.
Il risultato però è solo sufficiente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  01/07/2008 22:20:30
   6 / 10
Un Lars insolito per quanto riguarda il genere e la fotografia (riconoscibili al suo stile sono solo le caratteristiche dei personaggi e i dialoghi). “Il Grande Capo” è guardabile ma non lascia niente dentro.

mr orange  @  08/06/2008 22:50:59
   6 / 10
un bel film che anche se a volte è lento, è molto simpatico e originale.

Redrum83  @  06/05/2008 20:57:28
   6½ / 10
Film veramente interessante, piuttosto originale e sperimentale. Pare che la macchina da presa sia utilizzata come una videocamera di controllo, di quelle che si mettono nei negozi o nei locali pubblici per la sicurezza e che si muovono lateralmente; molto spesso i personaggi non vengono ripresi nella giusta maniera ed è questo che mi ha fatto pensare ad una cosa simile. L'occhio della telecamera in questo senso sembra rappresentare appunto la figura del grande capo che vigila e controlla i suoi dipendenti.
Il film intrattiene con l'ironia generale e l'imbarazzo costante del personaggio del finto capo, che negli ultimi istanti ribalta la situazione e viene fuori per la sua natura in un finale che spiazza con il giusto velo di humour. Film da vedere sicuramente, soprattutto per i più curiosi.

addicted  @  14/02/2008 10:36:54
   7½ / 10
Una divertente commedia girata con pochissimi mezzi, grande ispirazione e ottimi attori.
Bravi tutti!!!

Crimson  @  01/02/2008 22:35:52
   7 / 10
Un film grottesco, brillante, in cui emerge la vena di Von Trier anche se, almeno apparentemente, si tratta di una pellicola più 'leggera' rispetto agli standard del regista. Ricco di colpi di scena che dà una parte tengono sempre vivo l'interesse, ma devo ammettere che non li trovo tutti pienamente a segno. Ci sono troppi aspetti forzati e per questo meno riusciti.
Comunque il cast è veramente ottimo, e l'ambiguità dei due interpreti principali è l'attrattiva maggiore e il risultato migliore che il film sia riuscito a trasmettermi.

Mister  @  31/01/2008 19:46:51
   6½ / 10
Commedia molto parlata, ingegnosa ma faticosa

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  31/01/2008 11:13:16
   6½ / 10
come tecnica registica è proprio originale...ancora una volta Lars Von trier gira un film difficile da digerire proprio perche visivamente particolare...proprio un film "dogma" diciamo!
la storia non è molto interessante e l'unica sorpresa la troviamo nel finale...
questo film,secondo me,dimostra che questo regista non riesce nelle commedie quanto nei drammi!

samurei  @  12/01/2008 11:09:06
   5 / 10
A differenza di altre commedie, è stato veramente noioso, mi sono addormentato.

tavullia86  @  23/11/2007 08:48:11
   8 / 10
una commedia, anzi una satira della commedia, esilarante!!! von Trier smonta pezzo a pezzo la commedia, e ci riesce alla perfezione...da vedere

andreapau  @  19/11/2007 11:06:20
   8 / 10
il grande capo, ovvero lars von trier, ovvero la commedia secondo lars von trier, non propriamente il signor rossi.
come per dogville e manderlay, la sequenza iniziale Ŕ uno sguardo d'insieme, da lontano, sul contenitore che tutto ingloba.
che poi, il contenitore siano gli usa o il palazzo di una media-multinazionale, il concetto non cambia... sempre di contenitore si tratta, trasparente come un acquario nel caso di dogville, con divisioni mentali pi¨ che materiali, e con centinaia di finestre-occhi che non guardano fuori, anzi, non vedono proprio e si riducono a pertugio attraverso cui invadere l'intimitÓ, nel caso del palazzotto medio-multinazionale.
Ancora una volta, lo sguardo d'insieme Ŕ quello di una specie di maniaco depravato che stavolta non ha nemmeno vergogna di farsi vedere riflesso, di mostrare la faccia cattiva ed irridentemente spietata di chi tutti giudica con il sorriso del coniglio mannaro.
E stavolta, il coniglio mannaro, dopo aver demolito i mentori e custodi della democrazia, si diverte a massacrare l'opulenza socialista della laicamente secolarizzata europa del nord, una specie di covo di vipere sindacalizzate e fuori mercato ma che non disdegnano il ricorso all'"outsourcing", ninfomani travestite da femministe d'accatto che si eccitano infine a porsi come donne oggetto e godere maledicendo il porco maschilista, vedove annichilite dal dolore prive di dignitÓ, in una continua pantomima che culmina con continui e fraterni abbracci socialisti.
Ma la natura umana Ŕ senza speranza, e nessun ordine sociale pu˛ cambiarla... Ŕ una natura infida, forte coi deboli e debole con i forti, succube e desiderosa del capo nonostante abbia la libertÓ sindacalmente garantita di prenderlo a pugni in faccia.
una natura umana, per natura complice e mai sinceramente ribelle che predica bene ma razzola malissimo, sempre pronta al gioco dello scaricabarile, sempre bisognosa di trovare un capo pi¨ in alto del grande capo, il grande-grande capo che tutto sbaglia, tutto erra, tutto distrugge... una bella invenzione degli umani che rifuggono la responsabilitÓ individuale, assolti dall'ordine sociale che tutto infine aggiusta in loro vece.
l'espressione pi¨ viva e corrotta di questo meccanismoipocrita, Ŕ l'attore, al quale von trier-grande capo delega le proprie nefandezze.
l'attore, ovvero colui che in un canovaccio legge "ben pi¨ di ci˛ che c'Ŕ scritto", interpretando, aggiungendo, ricamando fino a far acquisire nuova e indipendente forma da quella iniziale, quella stabilita dal grande capo, complice e servo del grande capo, ne esalta le qualitÓ e ne esegue la volontÓ come un killer con il suo mandante, automaticamente lo assolve, sentendosi comunque a sua volta innocente, artista, portatore del verbo e della croce, punta deciso verso il traguardo che il ruolo e la trama che si Ŕ autoimposto gli chiede. l'ordine, che deve trionfare a qualunque costo, non pu˛ esserci applauso se non per l'attore protagonista, non ci pu˛ essere sorpresa perchŔ l'ordine stabilito rigidamente deve trionfare. il grande capo vince sempre, grazie alla nostra complicitÓ.
il grande capo non ha colpa.

Kr0nK  @  16/11/2007 18:45:20
   6 / 10
Il film è piuttosto pretenzioso. Ci sono schizzi di genialità apprezzabili, ma troppi schizzi fanno uno scarabocchio. Questa è l'idea che ho in mente di questa pellicola. Difficile da seguire e lo è ancor di più il comprendere la motivazione di certe azioni e scelte dei personaggi. Potrebbe essere visto come una favola esopica sull'egocentrismo, ma il contesto visivo realista spiazza.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  21/10/2007 01:07:33
   5 / 10
Ma che noia.
Von Trier dimostra ancora una volta di rivolgersi solo ai suoi fan.
Asciugando la regia il + possibile, con spazio solo ai dialoghi (la MDP è quasi sempre immobile..... e meno male!), il regista danese ci bombarda con dialoghi inutili, frasi fatte, con un tema potenzialmente interessante (il lavoro) subordinato a riflessioni incomprensibili sul teatro.
E ci aggiunge pure la presentazione, l'interruzione a metà e il finale narrati dal regista stesso, la cui utilità appare sinceramente incomprensibile.

Von Trier mi ha francamente scocciato, perchè è un regista presuntuoso oltre ogni limite.
Le parti diverrtenti sono quelle con il capo della società islandese che ogni volta se ne va dall'odiatissima azienda danese a mani vuote.
Ma è poco.
Dal riassunto sulla copertina del dvd mi aspettavo forse un film alla Cantet, ma era solo un'illusione.


sonhador  @  17/10/2007 20:39:50
   8 / 10
esilarante commedia dalla sceneggiatura cervellotica ma intrigantissima...Lars Von Trier il solito fenomeno...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  17/10/2007 09:33:29
   6 / 10
L'eccentrico Lars von Trier ci presenta una vera e propria "commedia dell'assurdo", un film in cui ancora una volta lui come regista fa emergere tutto il suo egocentrismo.
La prima parte direi che ha un buon ritmo, mentre nella seconda si scende un po'. Divertenti alcune battute come gli sfotto' sui danesi, anche se non sono originalissime.

2 risposte al commento
Ultima risposta 17/10/2007 13.45.44
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  17/10/2007 00:42:23
   7½ / 10
Strutturato come una commedia classica degli equivoci, Von Trier ci offre una percezione diversa del vedere il film. Questo metodo "Automavision" è un 'interazione tra il regista e la macchina computer nella scelta delle inquadrature, dei movimenti, delle zoomate ecc. L'effetto, a dire il vero è un po' straniante, ma questo modo lievemente anarchico, meno rigido dell'uso della macchina da presa, si sposa bene con la tono satirico e grottesco di questo film, sui meccanismi perversi del potere, nella continua ricerca di giustificare azioni personali discutibili addossando le proprie colpe verso entità fittizie quasi irragiungibili.

sweetyy  @  11/10/2007 17:19:18
   6 / 10
Niente di che, mi ha quasi infastidito il fatto che i personaggi vengono presentati solo ed esclusivamente per sembrare dei disturbati, lamentosi e repressi, pronti a qualsiasi scatto di follia.
Simpatico ma non eccessivamente divertente.

Titty@  @  25/09/2007 23:04:18
   6½ / 10
Molto simpatico

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Andre85  @  13/09/2007 18:05:00
   7 / 10
una insolita e divertente commedia di lars von trier che però non rinuncia anche questa volta alla sua fissazione di voler mostrare qualcosa da un punto di vista esterno, chiaramente manifestato nelle battute iniziali dove proprio il regista parla al pubblico e come dentro ad un teatro apre il sipario

pinnazza  @  22/08/2007 18:07:05
   6½ / 10
forse sono troppo indietro io o troppo avanti loro..o forse loro sono semplicemente danesi... rimane il fatto che al di là di valutazioni stilistiche/filosofiche ( nelle quali non mi addentro in quanto ancora abbastanza profano..) il film, surreale e molto lento all'inizio, piano piano comincia a coinvolgere e a far sorridere..

dai commenti letti pensavo tuttavia a qualcosa di meglio, ma probabilemente, avendo già visto DogVille,mi sarei comunque dovuto aspettare un'altra spiazzante sperimentazione difficile da valutare ed interpretare....

aiemmdv  @  02/08/2007 16:07:09
   7 / 10
Satira dall'ironia pungente che sottolinea i paradossi del sistema capitalistico non mancando di evidenziare la natura egocentrica e malvagia di qualsiasi essere umano che possiede un qualsivoglia potere.
Ma Trier , ancora una volta , tende ad irritare lo spettatore all'inizio con affermazioni palesemente false "questa commedia non ha il compito di far riflettere" quando chiunque conosca anche uno dei suoi film sà perfettamente che sono di tipo prettamente moralistico e didascalico,
e dopo quando,durante tutto il corso della pellicola, taglia malamente le scene( è una operazione voluta ma troppo fastidiosa!).
Alcune volte ho potuto condividere le sue sperimentazioni ( ad esempio la camera a mano per la simulazione dell'occhio umano ed essere quindi più coinvolti nell'azione della pellicola, oppure l'assenza di scenografia come in Dogville)
Esse avevano un senso perchè volevano sottolineare un tentativo di riportare il cinema alla sua essenza primordiale dove i contenuti devono essere i veri protagonisti e non , come avviene sempre più spesso nella cinematografia moderna, gli effetti speciali o qualsiasi altro artifizio.
Ma tagliare le scene rappresenta solo un gesto di narcisismo inutile e ingiustificato. Questo fa quindi perdere un voto al film..Lars Trier ritorna sulla terra!

benzo24  @  01/07/2007 18:23:42
   8 / 10
bella commedia di von trier, frizznte, brillante e cattiva. bravissimi gli attori ptotagonisti.

Invia una mail all'autore del commento vlad  @  25/06/2007 16:30:53
   8 / 10
tagliente, preciso, geniale. talmente divertente che, per smettere di ridere, mi sono poi visto Dancer in the dark.

"C.azzo... c.azzo... c.azzo... c.azzo di svedesi!!!"

4 risposte al commento
Ultima risposta 26/06/2007 12.21.56
Visualizza / Rispondi al commento
giumig  @  08/06/2007 17:03:36
   7½ / 10
Commedia surreale e a low budget di un Lars von Trier sempre in grande forma, che come nei precedenti lavori (dogvile, manderlay) sperimenta, sperimenta sperimenta, questa volta usando la tecnica dell'automavision e un paio di dialoghi a tu per tu tra lui e lo spettatore. Grande!

Per quanto riguarda propriamente il film, la sceneggiatura è paradossale e surreale e proprio per questo riesce ad essere divertente in piu punti (con alti e bassi, ma si ride sempre con intelligenza...). Gli attori sono tutti bravi (ma la scuola danese è una delle migliori in europa...) e la fotografia, piatta e fredda, risulta funzionale alla storia.

Invia una mail all'autore del commento piernelweb  @  31/05/2007 20:49:52
   7 / 10
Abbandonato il mondo sofferente di Dogville e Manderlay, Lars von Trier si concede ai piaceri della commedia in questo film low-budget interamente realizzato in patria con attori Danesi. La grottesca sceneggiatura ben si amalgama con la stramberia dei personaggi tra i quali spicca, ovviamente, il protagonista principale Kristoffer. Von Trier attraverso la caratterizzazione del personaggio (attore fallito, ma lui non lo sa) ironizza piacevolmente (e se ne sentiva davvero il bisogno) con le fissazioni autoriali e artistiche che troppo spesso prendono il sopravvento sui divi del set, registi e attori che siano. Alcuni passaggi superflui, ripetitivi e manieristici nella parte centrale, e qualche baco nel software Automavision@ che autogestisce la fotografia non inficiano granchè la qualità di "Il Grande Capo" che riserva il meglio nell'inatteso ed esilarante finale. Von Trier pone bene gli accenti sulle più diffuse malattie contemporanee: divismo, egocentrismo, immaturità ed egoismo confezionando una pellicola che è molto più pungente di quel che sembra.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  31/05/2007 11:39:38
   7½ / 10
Girato con il sistema automavision,Il Grande Capo e'una pellicola in continuo equilibrio tra l'assurdo e il farsesco,l'inverosimile e il comico,sommerso da decine di intuizioni demenziali per un divertissement di irresistibile perfidia.
Von Trier gioca con lo spettatore intervenendo in prima persona(attraverso la sua voce fuori campo)per presentare peronaggi e offrire nuovi chiavi di lettura,mentre alle sue spalle il film scorre inesorabilmente verso il fulminante epilogo....girato in tempo reale(il film e'ambientato tutto in una giornata)Il Grande Capo e'un opera sperimentale,e'il giocattolo di un regista alla continua ricerca dell'abbattimento di ogni limite cinematografico,un palco sul quale dipingere una storia tanto semplice quanto efficace e penetrante...non piacera'a tutti,ma e'cmq qualcosa di diverso dal solito.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  28/05/2007 14:29:00
   7 / 10
Von Trier si conferma regista eccentrico ed egocentrico, ma anche coraggioso nella continua ricerca di nuovi lidi cinematografici sui quali far approdare i propri spettatori.
“Il grande capo” è infatti una commedia agro-dolce che presenta alcuni spunti originali,a cominciare dal metodo di ripresa utilizzato dal regista danese,il cosiddetto Automavision, un software che decide,una volta impostato adeguatamente,in maniera indipendente il taglio e la posizione delle inquadrature,cosa che crea un montaggio molto particolare e bizzarro.
Il film è quasi interamente girato in interni e risulta completamente basato su una serie di dialoghi ,i personaggi sono davvero interessanti ben delineati nella loro bizzarria e danno vita ad un tragicommedia che altro non è che una denuncia nei confronti di un certo sistema aziendale, ove il raggiungimento dell’obiettivo mette in secondo piano i rapporti umani e un’accusa verso coloro i quali non si assumono le proprie responsabilita’ scaricandole su altri, meglio se subordinati.
Il progetto è da ritenersi parzialmente riuscito a causa della solita “arroganza” autoriale di Von Trier che oltre a propinarci un’opera a tratti troppo verbosa,si ritaglia personalmente degli interventi piuttosto inutili all’interno della pellicola,quasi a voler esplicitare al massimo la paternita’ dell’opera.
E’ pero’ difficile mettere in discussione la genialita’ del regista, riscontrabile non solo nella messa in scena,ma anche in alcune sequenze davvero spassose, come quella di sesso tra il presidente fittizio e l’impiegata o nella divertente rappresentazione dell’iracondo acquirente islandese.

Invia una mail all'autore del commento uecanaia  @  04/05/2007 00:08:04
   7 / 10
come dice il regista: è una commedia non bisogna aspettarsi ne piu' ne meno...

bridge  @  23/04/2007 15:45:11
   7½ / 10
il film è un po lento e dipinge degli attori senza midollo osseo (se fosse ambientato in Italia, alla scoperta della fregatura, i dipendenti avrebbero reagito in modo molto diverso....)

ma la particolarità della sceneggiatura è geniale.

Beefheart  @  19/04/2007 10:57:04
   7½ / 10
Divertente commedia dai tratti surreali, made in Danimarca. In questo lavoro Lars Von Trier torna, finalmente, un po alle origini e rinverdisce il suo cinema aumentandone le dosi di ironia e riproponendo inquadrature e montaggi con l'originalità di un tempo. La trama, molto semplice, tratta di un escamotage tentato da un imprenditore che, forse privo di spina dorsale, vuole cessare l'attività e cedere la sua società ad un burbero compratore islandese con il conseguente, inevitabile, licenziamento di tutto il suo personale (compresi "i sei anziani", fondatori ed inconsapevoli soci sin dalla prima ora), senza però fare fronte alla doverosa presa di responsabilità davanti ad essi. L'unico modo per farlo sarà scaricare la colpa sulle inderogabili ed inappellabili decisioni di un fantomatico "Grande capo", impersonato da uno stralunato ma coraggioso attore teatrale che si presta alla messa in scena. Gli effetti di tutto ciò portano ad una situazione assurda e causano reazioni più o meno composte tra i lavoratori alla mercè del subdolo complotto. I personaggi della storia sono eccezionalmente caratterizzati ed ottimamente interpretati da un validissimo cast di attori scandinavi: bravissimi Gantzler nel ruolo di Raun, Albinus in quello dell'attore Kristoffer, Christensen nella parte dell'informatico campagnolo esasperato, Erlingsson e Fridriksson in quelle rispettivamente di interprete ed acquirente islandesi e via via tutti gli altri, altrettanto meritevoli. Particolarmente azzeccati i dialoghi che, in bilico tra il comico, il tragico ed il filosofico, possono ricordare alcuni passaggi Alleniani. Uniche note stonate: la voce fuoricampo (che nella versione originale appartiene allo stesso regista), a mio avviso, non indispensabile ed un finale eccessivamente frettoloso che rischia, non poco, di compromettere un potenziale capolavoro di film.
Nel complesso comunque più che discreto. Consigliato.

Invia una mail all'autore del commento Jason XI  @  31/03/2007 21:40:16
   8 / 10
Finalmente un film "leggero" di Lars...... dopo Dancer in the Drak e Dogville a loro modo importanti mi ero promesso di non vedere + un suo film... dopo la visione di Dancer in the dark sono stato depresso per una settimana...
Poi mi hanno detto che stavolta aveva fatto qualcosa di diverso.... e quindi sono andato..... mi sono divertito un casino..... ma rimane sempre un film di Lars Von Trier..... si ride e si sorride con modalità rinnovate..... e anche questo sarà un altro suo film importante e questo fa bene al cinema.
bye

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento mkmonti  @  01/03/2007 00:47:17
   7 / 10
ottimo lavoro di Lars..........abbandonato il dogma e la trilogia sull'America,si è tuffato in questa commedia a tratti surreale che in particolare nella seconda parte si rivela una scommessa vinta con alla base un'idea semplice ma geniale che il regista danese ha saputo ben sviluppare.Da non perdere per gli amanti dello stralunato Von Trier

fio81  @  23/02/2007 08:54:30
   7½ / 10
A tratti surreale, a tratti tragico, a tratti comico, un film dallo svolgimento ridicolmente serio. Lars porta su pellicola, in un'ambientazione reale, dei personaggi comici da teatro, e come sempre riesce a stupire, tirando fuori dal cilindro una comicità che non ci si aspetta, in cui, però, si riconosce lo stile e la mentalità pessimista dell'autore. E superbo nel finale, che spiazza tutti, anche se, pensandoci, la storia non poteva aver termine in altro modo, se non con il grande capo che prende una decisione impopolare, ma irrevocabile.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento matteo200486  @  23/02/2007 06:07:49
   7½ / 10
...veramente un buon lavoro di Lars von Trier che non abbandona il suo sperimentalismo ( da notare le inquadrature) ma si cala in una commedia brillante. Un umorismo che a me è piacciuto molto, potrei dire in alcuni casi intelligente. Sicuramente consigliato...

boris  @  15/02/2007 18:55:57
   8 / 10
uno dei migliori film degli ultimi 5 anni!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  14/02/2007 00:32:01
   6 / 10
Certo, Von Trier fa di tutto per essere (o sembrare) il piu' antipatico cineasta dell'universo: è un complimento o un'insulto? Non saprei.
Ma davanti a una frase come "la vita è come un film Dogma: a volte è difficile ascoltare ma questo non spiega che cio' che viene detto non sia importante" l'impressione, fortissima, che l'autore sia divorato dal suo narcisismo è forte.

Una commedia, dunque, "e la morale è innoqua" suggerisce lo stesso regista danese agli spettatori: uno script che pero' essendo di Von Trier non puo' essere paragonato ai classici del genere, vista la predisposizione tecnica autoriale del dogma (appunto) e la caratteristica formalità minimale che riscontro anche in altri film nordici contemporanei.

Una "commedia dell'assurdo", ben detto, pensando a Beckett (per i dialoghi) ma soprattutto a Brecht (per il messaggio) dove fondamentale c'è da osservare che "lo spasso" generato dalla "recita" e dalle peripezie del buffo protagonista (quasi un W. Allen europeo) viene strumentalizzato da una serie di dialoghi intellettuali e uno smacco snobistico francamente irritante.
Il tema stesso - la predisposizione sociale a regredire l'individuo e il ruolo che ricopre anche falsamente, le colpe che ricadono sulla statura del (finto) Capo, la Recita del denaro e del malaffare contrastata ai sentimenti (o alla sudditanza del potere?) viene dirottato in quest'astrusa cerchia snobistica dove è facile ravvisare in Von Trier il disprezzo per Ibsen e l'amore per la crudeltà a lui affine di Strimberg.

Direi "fagocitato", con la sensazione (forte) che lo spettatore sia spesso messo nelle condizioni di "impiegato" rispetto al suo potere di cineasta.

Ok, Gambini (regista misconosciuto di una piece recitata dall'attore fallito) è una parodia di Ibsen, l'industriale islandese è irriverente e metaforico, pero' qualche problema si pone: per Von Trier la "paura di non essere amati" è fonte di eterna e opinabile ambiguità: anche alla fine, non sappiamo realmente se il VERO CAPO stia conducendo un gioco meschino blandamente affettivo con i suoi dipendenti.

E' strano, pero': Oskar Werner leggeva i versi di ibsen su "fahrenheit 451" e li trovava sublimi... e Truffaut non era esattamente uno che amava i salotti letterari di un certo tipo

Mi è difficile emettere un giudizio: chi ha sempre odiato V.T. troverà altre ragioni per farlo, i fans lo ameranno sempre piu'.

Perplessità che ormai non sono di natura tecnica (l'incubo del dogma è quasi superato) nè ideologica (lo sfotto' alla Danimarca di oggi) ma stilistica e culturale: fino a che punto possiamo enfatizzare come "importanti" concetti e paradossi che in fondo, con buona pace di Brecht, sono davvero prevedibili?

lookass  @  04/02/2007 23:44:15
   9 / 10
Una simpatica commedia dell'assurdo... non avevo visto altri film di questo regista, ma devo dire che vale la pena andare al cinema a vedere qualcosa di diverso.

Invia una mail all'autore del commento logical  @  03/02/2007 03:52:29
   7½ / 10
Lars von Trier continua a dimostrare un'indipendenza mentale contagiosa; fa quello che vuole, come i veri bambini. Se è serio è serissimo, tragico, greco, si affonda di lacrime; se è supponente e irritante s'inventa tutte le regole di un gioco che nemmeno lui rispetta, si trastulla col dogma e ride di chi lo segue; se è semplicemente cattivo e tagliente s'inventa una saga, contro l'America o contro le democrazie e i vari gradi di ipocrisia che le compongono; se è stanco e ha voglia di ridere, gioca alla commedia barocca, a "facevamo che io ero..." e a tutte le sue digressioni à la Bretécher.
Senza mai essere irritante, riesce a contenere la sua solita violenza applicata al potere e tutto scorre come fosse il racconto che abbiamo sentito mille volte da chi lavora in ufficio. La pantomima del capo - facevamo che io ero il capo, anzi, il capo del capo - si scontra con il tormentone dell'autunno in campagna e del nervosismo che crea l'incredibile umlidità... Bello e sottile come un disegno fatto nelle pause tra i quadri antichi.

xxxx  @  01/02/2007 18:07:07
   7½ / 10
brillante. giocato su inquadrature e caratterizzazioni davvero azzeccate. una comicità un po' minimale, che può non riscontrare il gradimento di tutti, ma sicuramente non banale.

suzuki71  @  01/02/2007 01:00:01
   4 / 10
Magari fosse una piccola storia. Mi è parsa una storiella deboluccia e molto molto pretenziosa, di scontatissime macchiette. Significati su arte e vita, doppi e giochi di ruolo? Ma non è che per caso un film di Lars Von Trier deve essere per forza una roba super? credo ancora che l'arte debba significare comunicare un sentire comune, piuttosto che una esternazione di un personalissimo gioco mentale.

forzalube  @  31/01/2007 12:45:42
   7½ / 10
Un film farsa, uno sberleffo, un teatro dell'assurdo in bilico tra l'inversoimile e il comico, tra l'arguto e il demenziale.
Come ogni presa in giro che si rispetti c'è chi l'accetta divertito e chi no perché si sente preso per il ****.
Io sto nel primo gruppo, ma capisco che ci sia chi appartenga al secondo.

very  @  29/01/2007 13:26:41
   7 / 10
Von Trier cambia genere e si dedica ad una commedia (bastarda e demenziale) senza perdere neppure un briciolo di presunzione che gli è propria (autocitazioni a iosa) qualsiasi film diriga ma riuscendo a confezionare un filmetto godibilissimo.

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
47 meters down: uncageda mano disarmataalla corte di ruth - rgbamerican animalsannabelle 3aquaslasharrivederci professorebaby gang (2019)beautiful boy (2018)birba - micio combinaguaiblue my mind - il segreto dei miei annibring the soul: the moviecarmen y lolachristo - walking on waterclimax (2018)
 NEW
crawl - intrappolatidaitonadi tutti i colori
 NEW
diamantino - il calciatore piu' forte del mondodicktatorship - fallo e basta!dolcissimedomino (2019)due amici (2019)edison - l'uomo che illumino' il mondoescape plan 3 - l'ultima sfidafast & furious - hobbs & shawfiore gemellogodzilla ii - king of the monstersgoldstonehotel artemisi morti non muoionoil flauto magico di piazza vittorioil grande salto
 NEW
in fabricjuliet, naked
 NEW
kinla bambola assassina (2019)la mia vita con john f. donovanla piccola bossla prima vacanza non si scorda mail'angelo del criminelucania - terra sangue e magial'ultima orama (2019)maryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmen in black: internationalmidsommar - il villaggio dei dannatinevermindpallottole in liberta'passpartu': operazione doppiozeropets 2: vita da animalipolaroidpowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquel giorno d'estateraccolto amarorapina a stoccolmarealmsred sea divingrestiamo amicirocketmanselfieserenity (2019)shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaiskate kitchensoledadspider-man: far from hometesnotathe boy 2the deepthe elevatorthe mirror and the rascal
 NEW
the nest (il nido)the quake - il terremoto del secoloti presento patricktoy story 4una famiglia al tappetovita segreta di maria capasso
 NEW
wake up - il risvegliowelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marex-men: dark phoenix

990911 commenti su 41757 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net