il fantasma regia di JoŃo Pedro Rodrigues Portogallo 2000
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il fantasma (2000)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL FANTASMA

Titolo Originale: O FANTASMA

RegiaJoŃo Pedro Rodrigues

InterpretiRicardo Meneses, BeatrÝz Torcato, AndrÚ Barbosa, Eurico Vieira

Durata: h 1.30
NazionalitàPortogallo 2000
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2000

•  Altri film di JoŃo Pedro Rodrigues

Trama del film Il fantasma

Sergio si Ŕ costruito un mondo su misura. Tormentato da un desiderio insaziabile gioca per vincere. Indifferente a tutto, passa i giorni tra una stanza in affitto in una pensione a basso costo, a fare sesso con altri uoimini e a raccogliere la spazzatura nella zona nord di Lisbona. Quando scende la notte indossa una tuta nera di lattice e una maschera di gomma e va in giro per la cittÓ in cerca non si sa bene di che cosa dentro un universo malsano, fantastico e surreale.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,36 / 10 (7 voti)5,36Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il fantasma, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

benzo24  @  29/12/2019 20:33:49
   8 / 10
Sergio, diverso per vocazione, estraneo a ogni genere e convenzione, in grado di concepire l'amore unicamente come atto violento e sovversivo. È un escluso che vive drammaticamente la separatezza.
È protagonista di un amour fou, di un'ossessione dell'amato e del desiderio che spinge a impossessarsi di tutto ciò che il corpo dell'altro ha sfiorato. Nei rifiuti cerca una "carne" a cui far aderire la sostanza delle sue emozioni. Nelle incursioni piratesche nell'immondizia Sergio assapora qualcosa che non gli potrà mai appartenere. Proprio nei termini in cui è proposto il sentimento amoroso troviamo forse la chiave interpretativa dell'opera: la vera cifra stilista di O fantasma non è quella realistica, come la resa delle immagini potrebbe far pensare, ma surreale. Alla maniera dei surrealisti, per Rodrigues l'amore è furia e cannibalismo, l'estasi è autolesionismo e accecamento. Le scene d'amore di O fantasma sono anche scene di sofferenza, solitudine o disperazione. L'amore è difficile, continuamente rimandato o interrotto. L'eros è mancanza e frustrazione, spesso atto solitario e onanistico. L'amore porta all'autodistruzione: inamato, Sergio, rifiuto anche lui di un sentimento non corrisposto, si fascia in un tuta di lattice nero, diventa un fantasma

paride_86  @  06/11/2010 17:43:53
   5½ / 10
Storia di Sergio, netturbino disturbato che, per un amore non corrisposto, regredisce ad uno stadio animale.
L'intenzione del regista è, probabilmente, quella di mostrare il lato brutale del protagonista, come se la sua psiche non fosse dotata di Super-Io, ma fosse ridotta ad un Es primordiale incontrollabile.
Peccato che, per giustificare tutto ciò, noi non sappiamo niente di Sergio: chi è, come è cresciuto, perché si comporta così.
Forse sarebbe bastato un corto per raccontare questa storia: un film è troppo prolisso, almeno per come è stato realizzato "O Fantasma".

Ciaby  @  24/06/2010 15:32:18
   4½ / 10
Tre voti in più di quello che avrebbe meritato se fosse durato mezz'ora in meno. Tre voti in più per la splendida mezz'ora finale, che ricorda il Terayama più cattivo e visionario. Prima c'è il nulla: uno sciocco tentativo di rendere autoriale lo schock tentato (neanche agghiacciante, tra l'altro) con un fallimento totale in fatto di una ricerca stilistica più auteur che non si può.
"O Fantasma" è un film che se la tira, semplicemente. Senza la potenza di poterlo fare. E se non fosse per gli ultimi, magnifici e visionari, trenta minuti finali, il film sarebbe già stato per me un'ecatombe.

VOTO PRIMA PARTE: 1
VOTO SECONDA PARTE: 8

MEDIA: 4.5

#Lou  @  17/08/2008 01:24:13
   3 / 10
Forse non l'ho capito, ma mi è sembrato insensato.

giusss  @  04/03/2008 00:16:18
   1 / 10
Il film parla del disagio di un uomo che vive nella società,un uomo che pratica il sadomaso,che vive in un mondo tutto suo come un cane tra i rifiuti...troppo surreale e grottesco.Non è affatto il mio genere.

Invia una mail all'autore del commento emmepi8  @  13/01/2007 16:44:06
   7½ / 10
Il sesso senza amore è abbrutimento, poi la scelta omosessuale è forse dovuta ad una scelta registica ad effetto, la sola che oggi lo può porre in evidenza. La sessualità respinta diventa abbrutimento e piano piano sfocerà solo nel fattore animale, il contorno dei rifiuti è senz'altro un' analogia dovuta allo stesso argomento. Il film certo non lo si deve guardare in superficie, ma dentro i meandri della mente e solo cosi' gli si può dare un ascolto e una visione diversa. Certo le scene scioccanti, e non solo di sesso, ci sono, ma sono essenziali per dimostrare la tesi che si era prefisso il regista. Che poi attori non professionisti lo abbiano seguito nel suo disegno è un'altra storia, in un'intervista si parla di attori presi dalla strada e non omosessuali.. non è facile credere a questo, oppure l'immedesimazione ha fatto brutti scerzi, non certo dimenticabili a livello di esperienza personale.
Una regia scioccante e coraggiosa, certo un exploit particolare di cui aspettiamo i risvolti, dato
Meneses:una interpretazione intensa ed appassionata, fino a non poter distinguere la sua vera natura..continuerà la sua carriera?? Dopo una parte come questa mi immagino le offerte..

3 risposte al commento
Ultima risposta 27/02/2007 07.54.39
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  09/01/2007 22:19:18
   8 / 10
Volete sapere perchè esiste un cinema gay? Per suscitare sdegno e ripugnanza nei giurati di un festival o nei critici allocchi capaci di dire "film del genere fanno male alla causa degli omosessuali" perchè. udite udite, si vede una fellatio in bella vista.
In realtà la provocazione di Rodrigues, pur imperfetta, non è così pretestuosamente scandalosa come si vuole far credere.
E non è nemmeno un film gay, se si vuole ad ogni costo affibbiare un'etichetta a un genere che di per sè non dovrebbe manco esistere.
Film-scandalo della mostra di Venezia 2000, "O fantasma" è potenzialmente un vero capolavoro. Dico "potenzialmente" perchè non sempre le (migliori) intenzioni sono dettate da un'altrettanto efficace resa artistica.
Perchè alla fine il film rischia di perdersi in se stesso, di diventare troppo lobotomico nel suo tortuoso tragitto, e di scivolare nel gratuitismo grottesco.

Eppure basterebbe da sola la Lisbona notturna e ombrosa, logora ed equivoca come mai si è visto in un film, a dare a "o fantasma" la celebrità underground di un vero e proprio Cult.

Si rassicurino i movimenti gay: qui non c'è nulla che faccia incetta di soap-opera e bei giovanotti come nel tanto decantato "che mi dici di willy?"

E si vergognino le masse "normali": questo è un film ben diverso dal solito clichè sull'inclinazione sessuale.

"O fantasma" è una sorta di noir estremo, che affronta il tema dell'abuso del proprio corpo e dell'ossessione feticista verso l'oggetto/soggetto del desiderio, Un film "disturbante", irritante e geniale, che dà vita attraverso la degenerazione del rito sessuale (forma di sottomissione e possesso, mai di piacere) all'emblematica forma Bunuelliana dell'Uomo di oggi davanti al proprio destino di dipendenza e ossessione. ù
Gli eccessi del protagonista, Sergio, diventano il black out mentale di qualsiasi altro individuo: prigionia dell'uniforme (curiosa la metafora dello spazzino-rifiuto), passione carnale che annaspa nel buio, l'odore dei rifiuti, il bondage, il rumore assordante del camion della spazzatura.

Metafora forse confusa ma illuminante sull'umanità che non accetta di diventare rifiuto di se stesso, forse troppo simbolico, forse eccessivamente prolisso, ma vitale come pochi nel suo impudico coraggio.

Il cinema ha bisogno di film come questo, per quanto la provocazione annunciata (fobie censorie da "ultimo tango" del 2000) sia soprattutto mentale, e non (solo) visionaria

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinn
 NEW
bombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segreti
 NEW
in the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia dĺarteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001124 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net