hungry hearts regia di Saverio Costanzo Italia 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

hungry hearts (2014)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film HUNGRY HEARTS

Titolo Originale: HUNGRY HEARTS

RegiaSaverio Costanzo

InterpretiAdam Driver, Alba Rohrwacher, Roberta Maxwell, Jake Weber, David Aaron Baker, Victoria Cartagena, Toshiko Onizawa, Dennis Rees

Durata: h 1.49
NazionalitàItalia 2014
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2015

•  Altri film di Saverio Costanzo

Trama del film Hungry hearts

Jude è americano, Mina è italiana. S’incontrano per caso a New York. S'innamorano, si sposano e presto avranno un bambino. Si trovano così in poco tempo dentro una nuova vita. Sin dai primi mesi di gravidanza Mina si convince che il suo sarà un bambino speciale. E' un infallibile istinto di madre a suggerirglielo. Suo figlio deve essere protetto all'inquinamento del mondo esterno e per rispettarne la natura bisogna preservarne la purezza. Jude, per amore di Mina, la asseconda, fino a trovarsi un giorno di fronte ad una terribile verità: suo figlio non cresce ed è in pericolo di vita, deve fare presto per salvarlo. All'interno della coppia inizia una battaglia sotterranea, che condurrà ad una ricerca disperata di una soluzione nella quale le ragioni di tutti si confondono.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,19 / 10 (21 voti)7,19Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Hungry hearts, 21 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

DarkRareMirko  @  19/07/2019 23:25:23
   7 / 10
Costanzo si riconferma regista dotato ed atipico, con echi di Polanski e Garrone, che non ha interesse alle risultanze da botteghino, interessato com'è a storie indipendenti e coraggiose; bene i due protagonisti in ruoli non facili.


Fa abbastanza riflettere ma qua e là manca comunque qualcosa; ad ogni modo da ripescare.

EddieVedder70  @  17/09/2017 21:32:07
   7 / 10
Dopo "i numeri primi" S.Costanzo torna e va in trasferta a New York con cast in gran parte d'oltre oceano (Kylo Ren di SW in primis) ... e non si brucia!!!
Davvero bravo alla regia, nel contenere i tempi, nel far esprimere gli attori al meglio, nel mantenere alta la tensione, sempre in crescendo, nel far vivere la claustrofobia del contesto. Film pesante per il tema, film che non lascia indifferente (almeno chi ha avuto un bambino), film che rimane addosso anche dopo la visione. Bravissima ed insopportabile la Rohrwacher.
Chiaro, non è un film adatto a tutti e difficilmente mi verrà voglia di rivederlo.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  12/09/2016 16:07:07
   6 / 10
Film drammatico molto lento che poteva essere sviluppato in modo decisamente migliore. Alba Rohrwacher brava, sempre che l'intento del regista fosse quello di renderla un personaggio antipatico e irritante.

fabio57  @  09/09/2016 09:23:19
   7½ / 10
Ottimo lavoro. Saverio Costanzo dirige un film di grande spessore ,con notevole maestria. Il tema affrontato poi è attuale e interessante. La questione dell''alimentazione vegana nonché poi la medicina alternativa, è materia delicata e controversa, da maneggiare con cura ed è indubbio che non si possa gestire da soli senza un supporto scientifico La posizione della macchina da presa con delle zoomate iperboliche, da angolazioni impossibili dimostra grande padronanza tecnica.La prova degli attori è superlativa. Alba s'immedesima talmente tanto da sembrare autenticamente folle. Smagrita e con gli occhi affossati, regala agli spettatori un personaggio indimenticabile.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  27/04/2016 12:19:02
   7½ / 10
Dopo svariati anni dal suo ultimo lavoro, il forse sottovalutato "La solitudine dei numeri primi", Costanzo ci racconta un'altra storia, ancora piu' disperata della precedente.
La coppia in questione vive un amore fugace, tutto montato velocemente infatti, fino alla nascita del loro figlio... nella Madre scatta quell'impulso protettivo estremo non poi cosi raro.
Un'ottima Alba Rohrwacher riesce ad essere estremamente antipatica ma riesce a creare ache quel senso di "pieta'" nei suoi confronti che la lega comunque allo spettatore.
Un film forte, che se non fosse per il finale troppo convenzionale avrebbe meritato di piu'.

Michele1958  @  09/03/2016 23:40:06
   7 / 10
Un titolo proprio azzeccato, mi ha fatto capire quando il troppo amore può anche uccidere....

freddy71  @  21/02/2016 12:10:09
   6½ / 10
mah un film molto psicolgico....però alba rohrwacher a me piace troppo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  16/08/2015 23:22:51
   7 / 10
Il film di Costanzo non è propriamente una storia d'amore. La considero un'infatuazione che il peccato originale di lui (la gravidanza non voluta) la trasforma in una storia d'amore "forzato" che libera le ossessioni già latenti in Mina. Il bambino è il simbolo perfetto di un amore malnutrito, che non cresce e destinato alle tragiche conseguenze. Al resto pensa la buona regia di Costanzo che fotografa una quotidianeità distorta, fatta di spazi strettissimi (lungimirante la scena divertente del bagno all'inzio) e claustrofobici dove l'amore soffoca e non si espande. La buona prova dei due protagonisti garantisce anche il superamento di qualche empasse di una sceneggiatura meno asciutta e con qualche digressione inutile. Una pellicola inusuale su un rapporto che non doveva mai nascere.

sim2704  @  24/07/2015 12:16:12
   8 / 10
un film che parte lento ma che col passare del tempo crea nell'utente una sensazione di angoscia crescente. Per tutta la durata del film ti aspetti che possa accadere qualcosa di importante in un verso o nell'altro. Il finale non è poi così scontato. Veramente un bel film!

TheLegend  @  05/07/2015 05:14:54
   7 / 10
Un dramma ben costruito,per nulla banale.
Ai miei occhi la madre non è parsa poi così completamente pazza,magari ossessiva nelle sue attenzioni ma non pazza;anche perchè se dovessimo analizzare scientificamente le sue idee,non sarei così sicuro che avessero più ragione i medici o che fosse completamente nel torto.

wicker  @  28/06/2015 19:42:30
   7 / 10
Drammone psicologico talmente assurdo da sembrare quasi grottesco..
non riesco a immaginare che una madre possa essere così scema.
Comunque il film parte piano per poi esagerare in un delirio di ossessioni e fobie.. ben girato con luci sobrie e senza troppa musica. ottime interpretazioni.

Jumpy  @  03/06/2015 00:12:52
   7½ / 10
Un thriller psicologico di notevole impatto emotivo. Inizio abbastanza scoppiettante seguito da una parte decisamente più lenta e noiosa, dopo una po' il film decolla, eventi e situazioni si susseguono in un crescendo intenso e toccante.
Fa rabbrividire l'idea che persone del genere possono esistere davvero...

barone_rosso  @  19/05/2015 23:41:20
   7 / 10
Finalmente Alba Rohrwacher ha trovato l'unica interpretazione che le riesce bene, quella della pazza psicopatica. Il film inizialmente è noiosetto, ma per fortuna le vicende prendono una buona piega.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  12/02/2015 12:48:22
   7 / 10
Costanzo è chiaramente attratto dai conflitti personaggio-ambiente. Disegna vite come racchiuse in gabbie, gabbie che sembrano partorite prima di tutto dalla mente degli stessi personaggi e che invece derivano dai nodi non risolti tra il personaggio e chi lo circonda.
Mina passa da una gravidanza tutto sommato non desiderata a una dedizione totalizzante e malata per il bambino. Jude precipita suo malgrado nella tela di ragno in cui lei ha trasformato le loro vite implose e segregate. Il segreto del film sta nel suo essere tutt'altro che manicheo come sembra. Il razionalismo di Jude è messo in dubbio e inaspettatamente ci troviamo a empatizzare per Mina: nonostante l'insostenibilità delle sue posizioni c'è qualcosa di storto nell'incomprensione di fondo di Jude. Il personaggio davvero maligno è quello della suocera, messo bene a fuoco dall'inconscio di Mina sin dalle nozze. Quel ritornare del figlio alla madre è segno di una claustrofobia più remota, quella dell'utero. Una casa respingente, carica di sinistri trofei di morte; e un sogno premonitore. Infine la spiaggia di Coney Island, in due malinconici tramonti staccati nel tempo, che vedranno i protagonisti irrimediabilmente separati: E un bambino che crescerà non sotto i migliori auspici.

Il film ha ovvi motivi di pregio nella messa in scena, claustrofobica sin dalla prima scena. La mano autoriale del regista che parla anzitutto per immagini si vede nel saper fare un uso sapiente del long take e del grandangolo, come dei movimenti di macchina. L'acme in questo senso è raggiunto nella parte centrale del film, per poi placarsi improvvisamente nella gelida deriva finale.
Ha ragione chi scorge nel film un omaggio a Polanski - non necessariamente quello di "Rosemary's baby" (che pure è il rimando più ovvio, visto il tema) - così come nel precedente "La solitudine dei numeri primi" (forse più ambizioso anche se meno controllato) erano evidenti i rimandi a Kubrick.
In fondo è proprio la classe di Costanzo, la sua eccentricità nel panorama italiano, a essere per ora anche il suo grande limite: quando si emanciperà dai suoi grandi modelli, di volta in volta dichiarati, forse potrà regalarci un film importante davvero, capace di imporsi anche per ciò che racconta e non principalmente per come lo racconta.

gandyovo  @  09/02/2015 19:11:24
   7½ / 10
angosciante relazione con recitazione ottima da parte di Rohrwacher in un personaggio che sembra quasi appartenerle. apprezzata la regia in una new york che fa da grigia cornice al dramma familiare. il regista mi aveva colpito con private e per i miei gusti questo è il suo miglior film. ovviamente non è una pellicola per tutti.

gaffe  @  01/02/2015 19:39:21
   7½ / 10
Boccata d'ossigeno per il cinema italiano, avevo già apprezzato "la solitudine dei numeri primi", molto citazionista ma ben fatto.
Qui Costanzo si ripete, anzi di più, facendo un film quasi completamente concentrato in un appartamento, evidenti i riferimenti a polanski (repulsion e rosemary's baby).
Peccato per il finale, poteva essere costruito meglio, ma ben vengano questi film.

pak7  @  31/01/2015 03:03:32
   7½ / 10
Perfetto thriller - drama in stile Polanski, da cui riprende le atmosfere, i lunghi silenzi, le pause, ma anche i colpi di scena.
Costanzo, alla sua quarta regia, ci regala una piccola chicca, ambientata in una New York quasi irriconoscibile, in una periferia che potrebbe anche essere quella di una piccolissima e ridente cittadina italiana.
Un amore che nasce e che prima si inizia a sfilacciare per poi sgretolarsi dopo l'arrivo di un bambino. Lo spettatore non può che guardare atterrito l'egoismo di una madre (la Rowracher) piena di complessi, fobie assurde, uno spettatore che non può far altro che empatizzare, o meglio simpatizzare, per un padre diviso tra l'amore di suo figlio e l'odio profondo per una donna che ormai non gli appartiene più. Splendida la colonna sonora.

marimito  @  18/01/2015 22:38:29
   7 / 10
Un'attenta analisi sociologica della genitorialità.. della responsabilità dell'essere genitori ai tempi moderni.. con le paure che si trasformano in vere e proprie fobie.. e le fobie in veri e propri drammi..
La Rohrwacher si presta ad impersonare un vero e proprio personaggio Polanskiano mentre Driver un pò scompare vicino a lei..
Un epilogo assolutamente non banale e retorico. Sicuramente un film angosciante, ma bello.

M-Wil  @  18/01/2015 14:13:37
   7½ / 10
Il tema della cultura alimentare, che fa da principe all'interno della pellicola, non è altro che il pretesto per mettere in risalto lo scontro ideologico tra i due "cuori affamati" Jude e Mina.
Un duello fatto di quell'ideologia sorda e prepotente, che pensa sempre di essere nel giusto.
Saverio Costanzo non giudica mai i suoi protagonisti, anzi, probabilmente è il pubblico stesso che lo farà schierandosi.
Regia complessa, intima e ambigua che da vita a un thriller davvero originale.

Invia una mail all'autore del commento cupido78  @  16/01/2015 21:14:29
   7½ / 10
Orgoglio nazionale. Saverio Costanzo vive artisticamente distante dalla masnada di registucoli, pseudovideomaker, director ridotti a fare tv sul grande schermo con attori da rotocalco.
Il film è grande, i due protagonisti veri, profondi, nudi.
Ad una fotografia poco piacevole si sommano una serie di scelte stilistiche ben azzeccate, con Costanzo alle ottiche, dietro la macchina da presa.
La storia veicola il tema della diversità sezionando un nucleo familiare globalizzato in una New York inospitale, poco umana, aliena per il piccolo appena nato.
La grande mela si trasforma in un territorio di conflitto dove transita l'utopia e il fai da te nutrizionale come pretesto per definire una crisi e una malnutrizione spirituale che coinvolge i protagonisti e, inevitabilmente, tutti noi. L'epilogo, tesi del film, ci avvisa sulla violenza dell'intolleranza e della compassione.
Consigliato in lingua originale. Bello bello bello.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  16/01/2015 02:37:37
   7½ / 10
Con uno stile univoco ma poco "europeo" che fa pensare a Polansky e a Cronenberg, Saverio Costanzo si rivela e conferma uno dei pochi cineasti italiani che "osano" al di la' di certi eccessi formali. Il suo limite e' quello di cedere a un'epilogo francamente un po' forzato, e di avere un interprete maschile, Coppa Volpi a parte, non all'alterra della parte. Ma tutto il suo film, quasi un thriller sulla "purezza" del Regime alimentare, e' coinvolgente e doloroso, affascinante e alienante al tempo stesso. E' un lavoro di buona qualita' che disturba, spiazza, atterisce. E la Mina di Alba Rohrwacher una figura materna inquietante, fragile, indimenticabile

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy island
 NEW
ghostbusters: legacygli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006241 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net