genova regia di Michael Winterbottom Gran Bretagna 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

genova (2008)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film GENOVA

Titolo Originale: GENOVA

RegiaMichael Winterbottom

InterpretiColin Firth, Catherine Keener, Hope Davis, Willa Holland, Perla Haney-Jardine, Margherita Romeo, Alessandro Giuggioli, Dante Ciari, Gherardo Crucitti, Monica Bennati

Durata: h 1.32
NazionalitàGran Bretagna 2008
Generedrammatico
Al cinema nell'Ottobre 2009

•  Altri film di Michael Winterbottom

Trama del film Genova

In seguito ad un tragico incidente che provoca la morte della madre Marianne, la sedicenne Kelly e la sorella minore Mary lasciano gli Stati Uniti con il padre Joe per trasferirsi a Genova, dove da anni vive un’amica di Joe, Barbara. Il nuovo ambiente rappresenta per la famiglia la possibilità di ricominciare a vivere: mentre il padre tiene corsi estivi all’università, le due ragazze prendono lezioni di piano a casa di Mauro che vive nella parte più antica della città, un groviglio di stretti viottoli in cui le ragazze faticano ad orientarsi. Mentre Kelly esplora il ventre oscuro di questo nuovo mondo e inizia a vivere i primi amori, Mary si sente responsabile della morte della madre e avverte la sua presenza nei meandri della città.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,36 / 10 (7 voti)6,36Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Genova, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

sweetyy  @  03/07/2015 12:39:36
   6½ / 10
Non succede granché in questo film però si lascia seguire senza mai annoiare.

daniele64  @  12/03/2013 17:09:18
   6 / 10
Film pesantemente drammatico che si regge,oltre che sulla solita buona interpretazione di Firth,sulla splendida ambientazione urbana genovese che,come evidenziano titolo e sottotitolo, è la vera protagonista della pellicola.
Il finale mi è parso un po' troppo sbrigativo.

chem84  @  15/03/2010 23:40:22
   6 / 10
La tragedia che sconvolge una normale famiglia americana, il viaggio in aereo verso Genova e le prime splendide immagini della città dall'alto. Così inizia questo triste lavoro di Winterbottom, che omaggia in maniera davvero interessante i luoghi che mi capita di percorrere praticamente ogni giorno.
E in questo racconto il regista si sofferma molto sul centro storico, accompagnandoci con buona abilità in giro per i vicoli e facendoci respirare un po' di quell'aria tipica (e non sempre gradevole se non ci si è abituati) del posto.
Bello quindi il contesto, ma alla lunga questo "Genova" risulta essere piuttosto pesante e rischia anche di diventare un discreto procacciatore di sbadigli, senza poi trascurare la presenza di situazioni un filo banali e non sempre molto credibili. Per questo e anche per via di un finale un po' troppo sbrigativo ritengo che il film si possa dichiarare un incompiuto, che riesce tuttavia a strappare la sufficienza grazie soltanto all'ottima ambientazione.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  20/02/2010 09:48:09
   7 / 10
Michael Winterbottom si riconferma un regista attento alla caraterizzazione psicologica dei personaggi, infatti nonostante la protagonista del film sia indubbiamente la Superba (con vicoli, spiagge, chiese e strade), i tre protagonisti principali del film non sono mai lasciati in disparte. La storia drammatica di questa famiglia è raccontata in maniera coinvolgente e non banale peccato che a volte l'atmosfera dell'intera opera risulti eccessivamente pesante. Complessivamente un buon film che merita una visione.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  16/02/2010 14:58:42
   6½ / 10
L’atmosfera magica e seducente di Genova arriva energica sprofondando lo spettatore nei labirintici caruggi.Winterbottom eleva un’ode al capoluogo ligure illustrando,come un folle innamorato, vizi e virtù di un luogo da sempre rifugio delle più disparate culture ed etnie.La città è elemento fondamentale all’interno del quale il regista cala i suoi personaggi,nello specifico una famiglia americana reduce da una tragedia di quelle che devastano e sconvolgono la vita.Loro malgrado, un uomo e le sue due figlie,si troveranno impegnati ad elaborare il lutto ognuno a suo modo.
Si respira un’atmosfera opprimente a tratti,come se un’altra tragedia incombesse,Winterbottom conduce quindi con perizia la narrazione,ma pecca nell’analisi dei personaggi.
Il suo approccio è molto sbrigativo in più situazioni,in partenza riesce a strutturare un credibile spaccato di disperazione, per poi proseguire e chiudere in maniera sobria,quasi affrettata, riducendo l’accettazione del dolore ad una condizione risolta con troppa semplicità a fronte di premesse difficilmente superabili come il senso di colpa,la negazione tramite la ribellione e il “non detto” come ultimo baluardo di un caparbio trincerarsi dietro apparenze di comodo.
Resta però ben impresso il claustrofobico panorama urbano della Genova vecchia alternato a quello più rassicurante dei magnifici palazzi e degli scorci marittimi,tra i quali è doveroso segnalare la spiaggia di San Fruttuoso con il suo monastero inserito in un lussureggiante scenario naturale,seppur,per essere precisi, estraneo ai confini comunali della “Superba” .
Un film trattenuto che non riesce ad esprimere il proprio potenziale,quasi fosse stato a sua volta inghiottito tra le vie di una Genova che da sola tiene in piedi un lavoro altrimenti molto meno interessante.

favam  @  19/10/2009 21:22:52
   9 / 10
Mi spiace leggere il precedente commento anche perchè voto e stringata valutazione sono davvero lasciate a casaccio.
Inanzitutto il regista è inglese e non americano e , se proprio non lo si conosce, lo si dovrebbe evincere dalla sobrietà e pacatezza con cui è raccontata la storia.
In secondo luogo il film non vuole trasmettere proprio niente di quello che dice "director" ma bensi è Genova la reale protanista di tutta la storia ed in special modo il centro storico, i caruggi e tutta la magia sprigionata da questi posti.la scelta delle inquadrature e dei luoghi è perfetta ( a differenza della schifezza italiana "amore che vieni , amore che vai" quello si una vera ciofec, ma non pretendo naturalmente che un non genovese capisca tutto ciò ( e mi riferisco sempre al commento precedente e non al regista che invece ha colto appieno lo spirito della città). Genova è una città particolare, aperta con chi le vuol bene e pericolosamente "cattiva" con chi non la capisce e la ferisce quotidianamente. Lo spirito con cui la famiglia americana affronta, dopo una prova terribile, la sua nuova vita a Genova è quello giusto: il padre cerca l'integrazione con la città e con gli abitanti anche tramite un'amica di vecchia data che lo indirizzera in una splendida casa nei vicoli, la figlia piccola affronta i pericoli della città vecchia senza paura e con dignità, mentre la figlia grandicella riuscirà perfettamente ad integrarsi con la "fauna" locale e verrà in parte punita per il distacco "sentimentale"dalla famiglia che questa scelta ha comportato. Genova, la splendida città antica, li accoglie e li protegge come una madre adottiva premurosa ma mai matrigna e si scontrerà con il "fantasma" della vera madre fino a sottomettersi, cioè a cessare il ruolo di surrogato materno, unicamente quando quest'ultima vorrà esaudire il terribile desiderio della figlia piccola (il cambiamento lo si nota quando 2il fantasma" della madre cambierà il colore del vestito da bianco protettivo a nero pece simbolo di morte ); allora la città diverrà ostile e pericolosa fino al fatale e decisivo finale in cui però molte cose si rimetteranno a posto. Certo si può rimproverare al regista di non aver osato fino in fondo, ma questo avrebbe forse fatto pendere l'attenzione troppo verso la storia fittizia piuttosto che sulla magnificazione nel rappresentare una città incredibile che con la sola presenza tiene magnificamente la scena del film.

Tutto ciò un NON genovese non può capirlo (e nel film lo sottolinea giustamenteun forestiero durante un party che con disprezzo dice " i genovesi la chiamano la Superba"), un inglese invece, dotato di grandissimo "sense and sensibility" sicuramente si.
Film magnifico che richiederebbe, non dico i voti, perche quelli sono opinabili come i giudizi, ma almeno commenti all'altezza.

8 risposte al commento
Ultima risposta 08/11/2009 19.14.40
Visualizza / Rispondi al commento
DiReCtOr  @  18/10/2009 03:51:27
   3½ / 10
Vuole metterti la tristezza addosso e nient'altro... e non riesce neanche in questo!
Poi lasciamo stare, un regista americano non riesce ad approcciarsi correttamente ad una città italiana, si vede nello stile di regia e nella scelta delle inquadrature.
Io mi sento di sconsigliarlo vivamente anche perchè i significati che vuole dare più o meno sono sempre quelli.
Che palle.

10 risposte al commento
Ultima risposta 01/11/2009 14.56.42
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinn
 NEW
bombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
doll housedoppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segreti
 NEW
in the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1000752 commenti su 43091 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net