fratelli regia di Abel Ferrara USA 1996
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

fratelli (1996)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film FRATELLI

Titolo Originale: THE FUNERAL

RegiaAbel Ferrara

InterpretiAnnabella Sciorra, Isabella Rossellini, Vincent Gallo, Chris Penn, Christopher Walken, Benicio Del Toro

Durata: h 1.38
NazionalitàUSA 1996
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 1996

•  Altri film di Abel Ferrara

Trama del film Fratelli

Johnny Tempio è un giovane mafioso, ha ventidue anni, ed è appena uscito dal cinema dove ha visto "La foresta pietrificata". Una scarica di proiettili lo colpisce a morte. La famiglia Tempio abituata alla violenza non accetta la morte di Johnny. I suoi fratelli, Ray e Chaz insieme al loro amico Sali e alle loro donne si trovano tutti intorno alla sua bara; comincia così una veglia funebre che si risolve in un pretesto per ripercorrere la tormentata vita di Johnny.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,03 / 10 (49 voti)8,03Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Fratelli, 49 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  19/10/2018 18:29:00
   7½ / 10
Buonissimo film, che definire gangster movie è riduttivo. Ferrara dirige un grande cast e sforna un'opera perfettamente compiuta. Montaggio interessante, caratterizzato da un uso particolare dei flashback. Pellicola intensa.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  17/09/2016 01:07:36
   9 / 10
Il Capolavoro assoluto di Ferrara, un film registica mentre perfetto sotto tutti i punti di vista. Memorabile la Meteora Chris Penn Coppa Volpi al Festival di Venezia

BlueBlaster  @  28/02/2014 01:53:55
   6½ / 10
Non è sicuramente il capolavoro che la media fa presagire!
Sicuramente un buon, e realistico, spaccato sulla "famiglia"...l'affronto del lutto e la relativa vendetta.
Interpretazioni di alto livello, a me è piaciuto su tutti Walken come sempre...ma comunque Chris Penn fa la sua bella figura ed infatti vinse la Coppa Volpi.
Il ritmo però è davvero lento e riflessivo, specie nella prima parte...il finale invece è ottimo ed il colpo di scena mi ha lasciato di stucco!
La storia mafiosa è interessante ma non di quelle memorabili, la fotografia tetra ben si appresta alla situazione come la colonna sonora.
Buona variante sul genere ma non eccezionale.

5 risposte al commento
Ultima risposta 28/02/2014 13.36.57
Visualizza / Rispondi al commento
DogDayAfternoon  @  18/01/2014 16:50:26
   8 / 10
Film a tratti molto lento che potrebbe far storcere il naso a qualcuno, ma che non può lasciare indifferenti per la sua profondità e per il dolore rappresentato con un realismo impressionante. Dolore e vendetta sono i fili conduttori del film, temi perfettamente esaltati dalla regia di Ferrara molto cupa, con la quasi onnipresenza di colori scuri (non a caso quasi tutto il film si svolge di notte), e la lentezza cui accennavo prima non fa altro che enfatizzare i momenti più drammatici e crudi del film. Chris Penn (forse la sua migliore interpretazione) e Christopher Walken sono a dir poco monumentali, perfetti nel trasmettere le emozioni dei propri personaggi. Nota di merito anche per Vincent Gallo e Benicio del Toro, in parti più marginali ma comunque degne di nota.

7219415  @  25/02/2013 10:47:32
   8 / 10
gran film...attori strepitosi...atmosfere cupe e claustrofobiche

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Silly  @  29/04/2012 13:58:36
   10 / 10
Doloroso resoconto di una famiglia visceralmente unita e allo stesso tempo divisa da assolutismi esasperati. La cornice mafiosa è solo un pretesto per raccontare la tragedia che accomuna moltissime famiglie, di qualunque tipo.
Regia e fotografia sublimi, cast eccezionale, in particolare la Rossellini e la Sciorra, immerse in due ruoli femminili di una forza incredibile. E decisamente straziante la scena finale, solo nell'ultimo atto le mie mani giunte sulla bocca per tutto il film hanno scelto di crollare.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  07/06/2011 12:22:43
   6 / 10
Film che, dopo un inizio un pò soporifero, si lascia guardare, anche grazie alla bravura degli attori. Come scritto nel commento precedente, i filmoni sul genere "mafia" sono ben altri.

clint 85  @  01/06/2011 01:22:16
   6½ / 10
Ottimi gli attori, buoni i dialoghi e la storia, peccato che pecchi un pò di lentezza!
Non male, ma i filmoni sono altri...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  01/05/2011 00:17:46
   9 / 10
Il miglior film di Ferrara in assoluto, una tragedia familiare travestita da gangster movie in cui l'assoluta mancanza di redenzione dei protagonisti, prigionieri dei propri codici morale, non lascia scampo. Se nel cattivo tenente si intravedeva un barlume di speranza, un desiderio profondo di vedere un segno di Dio, in Fratelli c'è la consapevolezza che il desiderio non verrà esaudito, che l'assenza di grazia di conseguenza comporterà spesso di fare la cosa sbagliata invece di quella giusta. Spietato nel suo pessimismo.

Clint Eastwood  @  13/12/2010 22:54:57
   8 / 10
Una tragedia greca per Abel. Il senso della famiglia, la morte e la vendetta ricompongono questo quadro drammatico abilmente rappresentato dal regista de Il Cattivo Tenente. Finale folgorante. Fotografia unica.

2 risposte al commento
Ultima risposta 14/12/2010 07.58.37
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  11/12/2010 18:35:07
   8 / 10
Sicuramente atipico come gangster movie, che in effetti si vuole occupare di cose più "serie", come la redenzione, la colpa, la grazia di dio (o di chi ne fa le veci) e l'impossibilità di vivere. Appartiene totalmente a Ferrara per queste tematiche e devo dire che le affronta davvero intensamente. Un ritratto splendido di una famiglia senza salvezza, con interpretazioni magistrali. Sorprendente (almeno per me) il finale.

Valdak89  @  09/07/2010 19:16:47
   7 / 10
Bel film...ho apprezzato il rapporto dei personaggi con la religione, soprattutto quello di Ray.
Non ho apprezzato più di tanto, però, il finale...

pinhead88  @  05/06/2010 19:33:17
   7½ / 10
Il miglior Ferrara del secondo periodo.
finale splendido.

paride_86  @  03/04/2010 15:40:27
   7½ / 10
Straordinario ritratto morale di una famiglia mafiosa.
Abel Ferrara realizza un film che ha come argomento principale l'odio, e lo affronta da varie angolazioni, studiando caratteri maschili e femminile con freddo realismo.
Una storia che rimane.

Invia una mail all'autore del commento s0usuke  @  20/03/2010 15:24:29
   8 / 10
Quello del funerale è solo un commovente pretesto per la trattazione di temi sacri ed etici che oscillano tra il bene e il male. Ai 3 fratelli si oppongono spavalde le donne di casa... le vere anime della famiglia. Ottimo il compianto Chris Penn nel ruolo di Chazz.

popoviasproni  @  09/03/2010 19:48:09
   8 / 10
Lucido e liturgico epilogo di una famiglia criminale.
Interpretazioni granitiche, Penn e Walken su tutti, eccezionale lo script.

edmond90  @  28/02/2010 11:32:51
   8½ / 10
Gran gangster movie di Abel Ferrara incentrato sui classici temi cari a ogni"famiglia"criminale:la famiglia,il tormentato rapporto con la religione,il desiderio di vendetta.Bravissimi i tre fratelli impersonati da Gallo,Walken e Chris Penn e un giovane Benicio Del Toro nei panni di Gaspare.

gandyovo  @  29/12/2009 18:06:26
   7½ / 10
a mio parere il miglior Abel Ferrara, con temi a lui cari come la famiglia.

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  24/12/2009 18:59:49
   8 / 10
Gran film di Ferrara che usa il tema principale della mafia come pretesto per parlare di famiglia, amicizia e religione.

Spietato come un malvagio tutore dell'ordine sguinzagliato in una metropoli corrotta, il film non lascia spazio per i buoni sentimenti, si limita a descriverci la sua realtà così com'è.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  07/08/2009 18:52:08
   7½ / 10
Un Coppola cupo (ai matrimoni e alle feste del padrino qui si contrappone una veglia funebre); uno Scorsese, sicuramente meno estroso, dove però sono ancora più in evidenza gli argomenti del peccato cristiano e della redenzione.
Ma anche qualcosa di completamente diverso da ciò che si può trovare solitamente in un mafia-movie: dei rimandi a Mizoguchi, per esempio, per il ruolo di portatrici di coscienza che rivestono in questa sanguinosa vicenda le donne.
Tanta angoscia di Ferrara, e tanto piccolo buio.

bulldog  @  16/07/2009 11:46:20
   8 / 10
Peccato che un film che si intitoli The Funeral debba esser qui in Italia chiamato Fratelli.

Grande cast,grande Ferrara.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR kubrickforever  @  16/02/2009 12:48:11
   9 / 10
Ecco il capolavoro di Ferrara!

Fratelli è un finto gangster movie che non ha nulla a che vedere con i capolavori del genere di Scorsese, Coppola etc. Forse è proprio questo che rende il film di Ferrara unico nella sua categoria. L'evento della morte di Johnny è solo il pretesto per analizzare i comportamenti, le personalità ed i modi di affrontare la vita dei suoi due fratelli. I temi sono simili a quelli affrontati dal regista ne Il Cattivo Tenente: la religione, i rapporti umani, la coscienza individuale. La sapiente regia, una sceneggiatura di ferro e la grandissima prova di tutto il cast rendono Fratelli una tappa imperdibile per gli amanti del cinema.

sweetyy  @  03/12/2008 19:38:40
   6 / 10
Non mi ha entusiasmata particolarmente questo film,cmq bei dialoghi e ottime interpretazioni, su tutte quelle di Penn e Walken.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  10/09/2008 08:25:50
   8½ / 10
The Funeral ingiustamente tradotto Fratelli è una delle opere più riuscite di Abel Ferrara.
Nel film sono presenti le tematiche cardine del regista come la religione che anzichè avere un effetto risolutorio o perfino liberatorio diviene un peso di colpe e di rimorsi a tratti insostenibile.
Ancora, come ne Il cattivo tenente, c'è il tema del non riuscire a vivere, anzi del male di vivere. Ed ancora una volta si avvale di un ottimo cast a partire dall'indimenticato Chris Penn, per passare a C. Walken a V. Gallo e al sempre intrigante Benicio del Toro. Senza per questo dimenticare le figutre femminili non centrali ma importanti nel tessuto narrativo.

FedericoBlasco  @  30/07/2008 18:40:45
   7½ / 10
Film di ottimo rilievo,ma che mi ha lasciato poche emozioni

xxxgabryxxx0840  @  29/07/2008 21:08:08
   8 / 10
Film di grande qualità, direi il migliore di Abel Ferrara

InSaNITy  @  19/05/2008 00:26:26
   6 / 10
Un film di buona fattura che non mi ha lasciato assolutamente nulla. Succede...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  29/04/2008 14:16:34
   9 / 10
Un film straordinario, forse il migliore di Abel Ferrara. Quello che erroneamente potrebbe essere etichettato come un mafia-movie è invece molto di più. Il fulcro attorno al quale ruotano gli eventi è la bara con il corpo di Johnny, il più giovane dei fratelli Tempio ammazzato da un killer misterioso. Ferrara da questo punto di partenza comincia a costruire una storia coinvolgente che tocca svariati argomenti. Sicuramente i più evidenti sono quelli della vendetta e della religione. I molteplici flashback mirano a rendere meglio le caratteristiche dei tre protagonisti, cosa che regolarmente avviene mediante una descrizione accurata delle peculiarità di questi, attraverso una narrazione drammatica e perennemente ammantata da una luce cupa ed opprimente. L'idealista Johnny, il freddo e spietato Ray ed il sensibile ma psicotico Chez, sono tre fratelli molto diversi ma uniti da un legame solido le cui radici affondano nella loro tragica infanzia, costretti ed abituati sin da allora alla violenza da un padre padrone. Splendidi i dialoghi che sottolineano l'ossessione di Ferrara per la religione, facendo stridere l'educazione cattolica dei protagonisti con la loro attitudine criminale. Molto significativi a tal proposito soprattutto i pensieri di Ray, convinto che il libero arbitrio non esista e che D.io sia presente e responsabile di ogni avvenimento terreno ma che ciò non giustifichi i suoi atti criminali e lo condanni comunque alla dannazione eterna.
Straniante la presenza delle donne, solo in apparenza semplice fonte di conforto per gli uomini e costrette dalla forte personalità di questi a ruoli secondari, ed invece parte pensante e più equilibrata della famiglia, imprescindibili punti di riferimento per i loro compagni incapaci di orientarsi da soli. Lo splendido cast aiuta Ferrara nell'allestimento del suo quadro drammatico, il corpulento e compianto Chris Penn è fantastico, ma altrettanto bravi si rivelano tutti gli altri attori tra cui spiccano i nomi di Christopher Walken, Vincent Gallo, Benicio Del Toro, Isabella Rossellini e Annabella Sciorra. L'epilogo è di quelli che non si dimenticano ed arriva quasi naturale a porre fine alle sofferenze ed ai patemi causati dal lutto improvviso. Vita, morte e religione si mescolano in un affresco indimenticabile ed imperdibile.

2 risposte al commento
Ultima risposta 26/04/2011 09.36.49
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento wega  @  25/04/2008 18:13:33
   9 / 10
Eccellente in tutte le sue infinite parti.
Un film di mafia atipico nello svolgimento ma non altrettanto per il mondo che rappresenta, è tipicamente malavitoso invece rifugiarsi sul cattolicesimo, sulla fede, proprio per cercare delle spiegazioni (vedi Bernardo Provenzano?).
Un film che mette in scena tanti interrogativi e forse altrettante risposte, alla stregua di "La morte corre sul fiume", supportato da una grandiosa prova degli attori, tutti quanti, una grandiosa fotografia, una sceneggiatura senza limiti ed un sonoro che mi ha sorpreso.
C'è da ringraziare Isabella Rossellini, che con la sua incredibile somiglianza alla madre rappresenta una sorta di continuità filmografica.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  23/04/2008 12:47:04
   9½ / 10
Il capolavoro assoluto di Abel Ferrara.
The Funeral (il titolo originale racchiude tutto il significato della pellicola) e'un film sulla morte nel senso piu'stretto del termine:scordatevi sparatorie e baciamano tipici di ogni mafia-movie che si rispetti,questo a Ferrara non interessa.
Impossibile non elogiare un cast semplicemente inarrivabile (Walken e'il solito mostro di bravura,Chris Penn e'l'attrazione principale,il duo Del Toro-Gallo spalle semplicemente perfette,senza dimenticare Annabella Sciorra e Isabella Rossellini),per un film immerso in crisi religiose e digressioni teologiche come ai tempi de "Il Cattivo Tenente".

3 risposte al commento
Ultima risposta 23/04/2008 21.21.48
Visualizza / Rispondi al commento
everyray  @  19/04/2008 19:01:15
   9 / 10
Cupo gangster movie,con atmosfere glaciali,pieno zeppo di spunti riflessivi,davvero bello.
Ferrara,perfetto alla regia,dipinge in maniera perfetta un mondo maschilista dove conta l'onore e la fede in Dio,in cui è vietato provare sentimenti ed in cui non si può avere paura!
Finale sorprendente,da vedere assolutamente!

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  30/01/2008 14:54:45
   10 / 10
Sulle note della Cantante comincia questa epica tragedia greca, la musica del Diavolo, il Jazz.
Si viene introdotti in una casa, nera e lugubre, permeata di morte e il morto che sta nella bara è forse la cosa meno morta che sia nella casa.
Poi ci sono i flashback, Ferrara si concede qualche convenzione, ma poi torna la vera realtà di questo capolavoro: l'Inferno del libero arbitrio, guardato attraverso i vampiri della società, i gangster.
esseri che succhiano il sangue di Dio, elevandosi a lui senza pentimento e con la convinzione radicata che ci si debba costruire la vita in base a ciò che Dio ha scelto per ognuno. Ed ecco il mito della Morte, non vista come alterità della vita, ma vista come dominatrice della vita. la Morte come unico vero riposo.
Bello, veramente bello.
Basta guardare il ruolo delle donne per accorgersene.

Gruppo COLLABORATORI ULTRAVIOLENCE78  @  30/09/2007 15:25:09
   8 / 10
FILM DI NOTEVOLE SPESSORE CHE SI INCENTRA SU UNA TRAGEDIA FAMILIARE, RECITATA DA ATTORI ECCELLENTI.

mainoz  @  07/08/2007 09:23:36
   5 / 10
mi dispiace molto dare un brutto giudizio ad un film con un cast molto superiore alla media (dall'indimenticabile Chris Penn, la Sciorra e Del Toro ottimi). Il voto deriva da un finale sbrigativo e sostanzialmente senza senso (la motivazione del gesto?) e inoltre da un personaggio (Walken qui Ray) troppo malvagio, al limite della crudeltà umana. Con un finale diverso il 6,5 ci stava, inoltre...SPOILER

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

5 risposte al commento
Ultima risposta 25/04/2008 18.16.25
Visualizza / Rispondi al commento
phemt  @  09/06/2007 18:19:44
   7½ / 10
Più che un mafia movie un dramma sulla famiglia… Ferrara dirige bene, sfrutta un cast di tutto rispetto (con Penn e Walken su tutti) ed utilizza dei flashback (nel numero giusto e al momento giusto) per spiegare i risvolti della storia… Sfrutta un ambientazione che si sposa perfettamente alla storia che racconta e cioè una New York notturna e cupa, e soprattutto può sfruttare una sceneggiatura davvero di alto livello caratterizzata da dialoghi perfetti… E’ la storia di fondo (pur non mancando un paio di colpi di scena) a non esaltare più di tanto, abbastanza semplicistica e poco originale, ma questo non è proprio un difetto in quanto Ferrara con questo film voleva fare semplicemente una riflessione sui legami famigliari, la morte e la vita e indubbiamente c’è riuscito… Ottimo film impreziosito da un finale che, per quanto possa risultare eccessivo, rappresenta fondamentalmente l’unico modo per poter chiudere una storia del genere…

Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Jellybelly  @  06/05/2007 18:48:44
   9½ / 10
"Fratelli" è un film bellissimo.
Ferrara prende a pretesto una debole storia di mafia e vendetta per trasportarci all'interno di una famiglia e delle proprie dinamiche, stringendo il campo sul nucleo familiare in senso stretto per poi allargarlo di colpo a temi più ampi, in cui sembra quasi che il pretesto iniziale dell'omicidio del giovane Johnny rimanga sullo sfondo: emblematica in questo senso la scena (magistrale) di Chris Penn con la giovane prostituta che "gli vende l'anima".
Ferrara ruota il proprio occhio su tante storie, mille personaggi e molteplici sentimenti, senza però mai perdere la bussola, riuscendo a portare a compimento ogni sottotrama; ogni singolo battito di ciglia dei suoi personaggi viene ricondotto ad un fine.
Ad ogni azione corrisponde una reazione.
O meglio, ad ogni azione corrisponde una deflagrazione.
Eccellente tutto il cast, ma una menzione particolare la merita lo sfortunato Chris Penn, ragazzo dal talento immenso che avrebbe meritato una carriera almeno pari a quella del più titolato fratello Sean, prima di spegnersi in silenzio.

2 risposte al commento
Ultima risposta 07/05/2007 19.34.32
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento franx  @  25/03/2007 18:26:36
   6½ / 10
L'impossibilità di sfuggire al proprio destino, esperienze di vita di un bambino che lasciano il segno nell'adulto Walken, ben imprigionato nel suo personaggio, molto convincente.
L'ho trovato comunque eccessivamente lungo in alcune parti, trascinato, stanco.
Magari anche per l'ambientazione volutamente tetra, nera come THE FUNERAL (il titolo originale) per cui uno a distanza di anni tende a ricordarsi il film come una macchia scura.

Invia una mail all'autore del commento piernelweb  @  25/03/2007 18:13:44
   7½ / 10
Come lo stesso regista newyorkese ha più volte precisato "Fratelli" più che un vero e proprio Mafia movie è un film sull'importanza dei legami famigliari, sulla vita e sulla morte. Le qualità registiche di Ferrara, purtroppo note solo ad una ristretta cerchia di cinefili e ultimamente in verità un pò disperse, sono ben dimostrate in questo nero e densissimo dramma, quasi un inno sull'impossibilità di redenzione e di sottrazione ai meccanismi psicologici e pratici dell'ambiente criminale. Il cast davvero ragguardevole contribuisce all'intensità della pellicola, e i ruoli femminili rivestono, finalmente, un'importanza di primo piano. Favolosa la sequenza finale nella sua assoluta tragicità. Per contro, il difetto principale di "Fratelli" sta, non tanto nella sua mancata capacità di suscitare empatia/simpatia per i personaggi (come invece avviene tipicamente nel cinema di Scorsese o De Palma) quanto in una sua eccessiva brevità; la riuscita struttura a flashback non risulta pertanto sufficiente ad approfondire il passato di tutti i personaggi evidenziandone l'evoluzione. Tutto quanto viene mostrato è comunque di qualità. Un film da riscoprire.

lupin 3  @  22/01/2007 16:25:42
   5 / 10
L'ho apprezzato solo in parte...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 25/04/2008 18.18.25
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento goat  @  04/01/2007 15:59:55
   9 / 10
amara tragedia di ferrara, ricca di simbolismi religiosi come nella gran parte delle sue opere. fenomenale ogni prova del cast, con menzione speciale per chris penn.

ulisseziu  @  24/08/2006 04:49:30
   9 / 10
Quoto completamente fidelio per quanto riguarda le tematiche del film.
La regia è di alto livello, la fotografia (come spesso mi è sembrata in Ferrara) non rende giustizia al film, però.
Il finale lo innalza nell'eccellenza.

1 risposta al commento
Ultima risposta 25/04/2008 18.23.16
Visualizza / Rispondi al commento
giumig  @  03/05/2006 23:06:21
   9 / 10
Un film, una requiem. Un film, una messa. Un film, un capolavoro. Tanto affascinante quando angosciante. Tanto bello quanto tremendamente tragico. Attori in stato di grazie e un maestro del cinema alla regia.

Perfetto

marco86  @  02/02/2006 11:18:09
   8½ / 10
Si tratta sostanzialmente di una tragedia greca,come ha già fatto notare Fidelio(calabria)78 nella sua recensione.I personaggi vivono in un mondo che altro non è che la rappresentazione terrena dell’inferno,devono espiare una colpa e alla fine non c’è salvezza per nessuno.I personaggi,cosi come in alcune tragedie greche,vedi l’Edipo re di Sofocle,peccano di “ubris”,”tracotanza”.Vogliono cioè fare più di quello che è nelle loro possibilità di umani,e questo scatena una spirale di violenza a catena che sembra non avere mai fine.

La prima cosa che viene da lodare guardando questo bellissimo film di Ferrara è il cast,C.Walken e C.Penn (scomparso da poco)su tutti.Poi c’è chiaramente la regia:ho visto pochi film di Ferrara,ma sinceramente non mi avevano colpito più di tanto.Questo invece è diretto davvero bene,e la sequenza finale è praticamente d’antologia.Onore infine alla colonna sonora azzeccatissima.

2 risposte al commento
Ultima risposta 30/04/2008 00.06.27
Visualizza / Rispondi al commento
T3NAX86  @  25/01/2006 11:06:46
   10 / 10
film tanto esageratamente tragico quanto verosimile...incentrato sul rapporto fraterno visto come una catena,come un anello si spezza...

Chris Penn sbalorditivo...una delle migliori interpretazioni che io abbia mai visto.

Philanselmo  @  10/12/2005 19:36:31
   8½ / 10
Ferrara ci parla di vita, morte e sentimento fraterno.
A modo suo però, con una storia che difficilmente ci toglieremo dalla testa.
Sparse per il film vere e proprie perle di saggezza/filosofia e inaspettato e grandioso il finale.
Un opera "amara" raccontata magistralmente da Ferrara.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Andre85  @  08/08/2005 00:54:01
   8 / 10
ottimo film, il mio primo ferrara.
grande prestazione da parte di tutti gli attori per una storia bella ma (secondo me) non paragonabile ai grandi film del genere.

3 risposte al commento
Ultima risposta 03/10/2005 13.26.09
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI fidelio.78  @  16/06/2005 03:20:08
   10 / 10
Purtroppo l'ultimo film scritto da Nick StJhon.
Sceneggiatura impeccabile in stile tragedia greca. Regia asciutta e impeccabile. Il più grande film di Abel Ferrara. Ancora una volta Abel Ferrara prende un film di genere (era già successo per "The Addiction" col cinema vampiresco) e lo trasfigura in una forma più elevata, a rappresentazione assoluta della realtà. Fratelli non è assolutamente un film di mafia, besì una lucida e triste analisi filosofica (molto più nera di "The Addiction") della vita e della morte. Questo è grande cinema! Basterebbe la sequenza di chiusura del film per elevarlo a capolavoro supremo!!!

benzo24  @  14/05/2005 12:51:55
   7 / 10
Il miglior Abel Ferrara di sempre. Cast eccelente, interpretazioni magistrali, sopratutto quella dell'eccellente Vincent Gallo

2 risposte al commento
Ultima risposta 06/07/2006 02.22.19
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  13/12/2004 18:39:41
   10 / 10
Un film magistrale, una tragedia magistralmente diretta e interpretata, da walken e da tutto il cast.
Grandissimo il fratello di Sean Penn, chris Penn.

1 risposta al commento
Ultima risposta 05/08/2006 02.39.25
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
bad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnboterocaterina
 NEW
cats (2019)
 NEW
cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of space
 NEW
criminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo natale
 NEW
il richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la mia banda suona il popla ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le opere
 NEW
l'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lontano lontano
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998901 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net