confidenze troppo intime regia di Patrice Leconte Francia 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

confidenze troppo intime (2004)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CONFIDENZE TROPPO INTIME

Titolo Originale: CONFIDENCES TROP INTIMES

RegiaPatrice Leconte

InterpretiFabrice Luchini, Sandrine Bonnaire, Michel Duchaussoy, Anne Brochet, Gilbert Melki

Durata: h 1.44
NazionalitàFrancia 2004
Generedrammatico
Al cinema nel Dicembre 2004

•  Altri film di Patrice Leconte

Trama del film Confidenze troppo intime

Lei va dallo psicanalista e confida i suoi problemi pi¨ intimi all'uomo che spera la possa aiutare, ma lui fa il consulente fiscale e non ha mai avuto il coraggio di dirle che Ŕ entrata nello studio sbagliato sin dalla prima volta.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,08 / 10 (31 voti)6,08Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Confidenze troppo intime, 31 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

A.L.  @  06/11/2013 19:49:23
   6 / 10
Svolgimento interessante di un quasi nulla, di un incontro casuale tra due sconosciuti. Ma è tutto fumo che regge esclusivamente sulle prestazioni degli attori protagonisti.

Xavier666  @  18/11/2012 14:58:55
   7½ / 10
Delizioso.
Non conoscevo Lucchini e devo dire che è stato una bella scoperta, mi piace la natura delicata del personaggio insieme a quello della Bonnaire, un'evoluzione naturale della trama e degli atteggiamenti dei due protagonisti, favolosi anche i personaggi dello psiconalista Dr Monnier e della segretaria.
L'ho apprezzato in quanto molto interessato alla psicoanalisi, per questo posso capire che non sia molto gradito per l'eccessiva lentezza da parte di molti.

franzcesco  @  03/03/2012 00:21:48
   6 / 10
Sinceramente mi aspettavo di più e decisamente si poteva fare di più...
Insomma l'idea originale che dá entusiasmo all'inizio ti fa scendere tutto piano piano...
Con un'idea simile oggi i francesi farebbero molto di più!

gemellino86  @  10/11/2011 17:08:48
   5½ / 10
Troppo lento per i miei gusti. Il tema poteva essere interessante ma il film non entusiasma anzi annoia. Solo per persone particolarmente impegnate.

Invia una mail all'autore del commento eddiguff  @  06/12/2010 18:20:36
   6 / 10
Il film promette bene all'inizio. Ci si domanda: vediamo sta' ragazza cosa nasconde? Purtroppo la domanda successiva, alla fine, è questa: tutto qui? Insomma, sembra un aereo che si fa tutta la pista senza mai decollare.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  05/12/2010 23:14:00
   7½ / 10
Duplice seduta di psicanalisi dai risultati imprevedibili, un film beffardo e avvolgente, nonché originalissimo, sull'incontro di due solitudini decisamente particolari. Splendida regia che ricrea un atmosfera realmente intima e imbarazzante, quasi da rendere lo spettatore una specie di origliatore nascosto, grandissimi Bonnaire e soprattutto Luchini.
Uno dei migliori Leconte di sempre.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  10/06/2009 22:11:00
   7 / 10
Un incontro piuttosto inusuale, banale nella sua casualità ma capace di svelare lentamente l'universo di due solitudini che trovano un reciproco appagamento nell'ascoltarsi vicendevolmente, disfogare con uno sconosciuto quanto più hanno di nascosto dentro di loro.
Un gioco sottile e raffinato, capace di suscitare la curiosità di come andrà a finire l'intreccio. Bravi i due intepreti, Luchini e la Bonnaire.

topsecret  @  19/10/2008 19:29:58
   5½ / 10
Forse un film troppo raffinato per i miei gusti che non mi ha coinvolto totalmente. Un dialogo ininterrotto tra due persone diverse tra loro, ma fondalmentalmente uguali nella loro solitudine e nella ricerca, a volte illusoria, di qualcuno disposto ad ascoltare. L'ho trovato un po' pesante da seguire.

sonhador  @  20/10/2007 19:54:44
   7 / 10
film che richiede un po' di pazienza...ma alla fine ripaga abbondantemente...interessante e originale

Jumpy  @  10/06/2007 19:35:26
   6½ / 10
Bella com'è attuata l'idea, non originalissima, di far incontrare 2 sconosciuti giocando con gli equivoci, a tratti è un po' lento ma non annoia mai.
Non mi è proprio piaciuto il finale.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  19/11/2006 11:15:50
   6½ / 10
Film interessante, storia non troppo originale sia per il cinema che per il regista: due sconosciuti che casualmente si incontrano e uno dei due, in questo caso la brava S. Bonnaire, inizia a raccontarsi e pian piano a far parte del mondo di questo buffo ed incuriosito fiscalista(/psicanalista). Non è convincente il finale, come nemmeno la caratterizzazione di alcuni personaggi minori. Nel complesso però la pellicola regge per la sua durata e non ci sono momenti di noia o privi di interesse.

Gruppo COLLABORATORI martina74  @  02/05/2006 17:28:33
   6½ / 10
Il meccanismo narrativo di questo film di Leconte è del tutto analogo a quello de "L'uomo del treno": due persone sole che si incontrano e, complice in questo caso un malinteso e il fatto di essere perfetti sconosciuti, iniziano a raccontarsi. Anche qui il rapporto è sbilanciato: uno dei due (qui è la brava Sandrine Bonnaire) è più loquace e, anche quando scopre che lo sventurato Luchini non è psicanalista ma fiscalista, continua a coninvolgerlo in maniera sempre più intima nelle sue vicende, ingenerando una sorta di trasfert al contrario. Buffamente Luchini deve anch'egli cercare l'aiuto di uno psicanalista (stavolta vero) per decidere le future mosse, per tenersi stretta una donna che lo intriga e allevia la sua solitudine fatta di riti quotidianamente ripetuti, in un appartamento-studio che è malinconicamente identico agli altri del condominio.
Due personaggi che dall'esterno sembrano banali e "uguali" a mille altri, grazie alle parole che si scambiano iniziano ad assumere un'unicità che li rende speciali, diversi, interessanti (e interessati l'uno all'altra).
Il meccanismo funziona bene e, nonostante il ritmo "francese" tiene finchè non si inseriscono nella storia i comprimari e finchè non si delinea un finale vagamente stonato.
Buono, ma troppo ricalcato sul lavoro precedente del regista.

4 risposte al commento
Ultima risposta 04/05/2006 17.58.07
Visualizza / Rispondi al commento
norah  @  14/12/2005 10:33:31
   6 / 10
Film cupo,essenziale ed intimista di Leconte.
Sull’ idea iniziale di un quiproquo,il regista costruisce e sviluppa una serie di intrighi:chi sono questi due personaggi ?cosa fanno realmente? cosa cercano?Questi si spoglieranno pian piano davanti ai nostri occhi, fino a rivelarci i desideri più reconditi della loro psiche.Aiutandosi l’ un l'altro, riusciranno finalmente a tagliare il famoso cordone ombelicale.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  07/04/2005 19:14:40
   7 / 10
Un bel film di leconte, che si conferma un buon regista. Asciutto, classico, girato quasi tutto in interni, lineare, ma anche molto complesso a livello di sceneggiatura.
E' la storia di un uomo solo che vive una vita apparenetemente perfetta, ma che in realtà è assolutamente vuota e ancora legata ala sua infanzia. Riuscirà a vivere di nuovo grazie ad un incontro casuale con una donna a sua volta depressa e con un matrimonio in difficoltà.
Il film si presenta come un thriller, con un uso hitchcockiano della musica e con alcuni movimenti nervosi di macchina. La vicenda viene vista infatti attraverso gli occhi del protagonista che , come lo spettatore, poco o nulla sa della donna che viene di volta in volta a trovarlo. Leconte comunque non rinuncia a momenti da commedia, che ben si adattano alla pellicola.

Il film è sicuramente riuscito, anche se i personaggi di contorno (la sua ex donna, il marito di lei) non sono sviluppati al meglio. Però il meglio del film è costituito appunto dai fugaci incontri tra la nervosa bonneire e il protagonista.
In sostanza è un film che privilegia al 90% gli interni, in cui contano molto, oltre alle parole, le faccie e gli sguardi dei due (bravissimi) protagonisti. Tutto il resto spesso è superfluo.

VOTO: 7 e 1/2

Invia una mail all'autore del commento alex78  @  28/02/2005 11:51:23
   7 / 10
Anche se un po' lento, mi e' piaciuto.

cavo69  @  07/02/2005 19:37:50
   4 / 10
lo si sapeva gia che era stato il maggiordomo..............e poi tutta quella violenza gratis che io non sopporto....la scena della bomba nel minestrone potevano evitarla!!!!!!


26 risposte al commento
Ultima risposta 22/02/2005 19.32.51
Visualizza / Rispondi al commento
5percentnation  @  04/02/2005 11:51:34
   6 / 10
Mah, io chi sa che m'aspettavo. Non posso dire che è un brutto film, ma devo dire che ho sbadigliato parecchio. Poi ad un certo punto mi si è posto anche un problema di minzione impellente, nonchè un certo languorino dovuto alla dieta che cerco di seguire. Inoltre sono entrato tardi in sala ed ho trovato occupato il mio posto preferito (uno centrale) e quindi ho visto il film un po' di "sguiscio" e con le palle girate.
Tutto questo può aver influito sul mio giudizio? Forse sì, ma forse anche no. Consideriamo pure che la settimana scorsa ho visto Ferro3...

Invia una mail all'autore del commento samsara  @  02/02/2005 15:48:54
   7 / 10
strepitoso l'attore protagonista...lei nn altrettando incisiva...avrei visto bene la morante

touchofevil  @  01/02/2005 11:30:44
   7 / 10
La pellicola nel complesso Ŕ un buon passatempo per chi apprezza i film di sottile fascino e intelligente intrattenimento, pur non essendo esente da lievi screziature che Leconte si porta spesso dietro (contrappunti comici abusati, sottolineature didascaliche, finale poco soddisfacente).

Invia una mail all'autore del commento GattoMatto  @  25/01/2005 15:27:43
   4 / 10
L'idea era buona peccato che il film si trascina troppo per le lunghe e alla fine ricade in un sofisticato e presuntuoso sentimentalismo. Meno male che la bravura degli attori rende il film meno insipido. Senza dubbio adatto agli psicologi, psicofili e psicopatici. Peccato per Laconte, L'uomo del treno e' di gran lunga migliore di questo.

mariolina  @  19/01/2005 19:00:08
   7 / 10
I ritmi effettivamente sono un pò lenti, ma non credo che si possa qualificare come narcotico o soporifero che dire si voglia. Trovo molto appropriata e anche affascinante la definizione di maremare del film come l'incontro tra due solitudini. La condivisione del medesimo stato d'animo aiuta i protagonisti a svelare aspetti della rispettiva esistenza forse fino ad allora oscuri, o probabilmente di non facile presa di coscienza. Ed è bello che da tale consapevolezza assumano entrambi la volontà decisa di iniziare una vita pù vera, perchè ciò accade proprio raramente nella realtà.

15 risposte al commento
Ultima risposta 03/03/2005 14.38.08
Visualizza / Rispondi al commento
tutusleague  @  18/01/2005 21:17:47
   5 / 10
l'idea di base non è male, ma la realizzazione è noiosissima

davmus  @  11/01/2005 16:14:49
   2 / 10
Non capisco quale sia il messaggio del film...piatto totalmente. Ho rischiato di dormire!

8 risposte al commento
Ultima risposta 08/02/2005 10.31.57
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Maria Lucia  @  03/01/2005 11:49:45
   5 / 10
Premetto che non amo i film francesci ma, questo mi sembrava che avesse delle buone basi, validi il regista e gli attori, ottima la sceneggiatura: la solitudine, la voglia di comunicare e di cercare anche se in maniera non molto ortodossa il contatto altrui ma..... NON BASTA, il film non decolla e gli aspetti psicologici sono solo vagamanente trattati...PECCATO !!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/02/2005 09.02.35
Visualizza / Rispondi al commento
driver  @  20/12/2004 20:48:15
   6 / 10
Dopo aver visto Tandem e L’uomo del treno (forse i due film più famosi – e riusciti – film di Patrice Leconte) e soprattutto dopo aver letto recensioni positive, credevo di vedere un ottimo film. E dare la colpa all’aspettativa, come ho già detto, è triste.
L’idea iniziale è eccezionale e molto indovinata: una signora che anziché andare dallo psicanalista, sbaglia porta (apposta? Si chiede qualcuno durante il film: lo psicanalista ha perso una cliente= soldi o dà un’ipotesi di una malattia mentale di una non-paziente o, perché no, ex-paziente?) ed entra da un commercialista. Lei è troppo nervosa, lui è abituato a scenate del genere da parte dei suoi clienti: le loro conversazioni continuano, e continuano e continuano e continuano. E’ proprio questo il problema del film: la storia (dopo l’idea iniziale, come ho detto) non va più avanti.
Non è un film difficile da girare, ed è una sceneggiatura molto a rischio-sopportazione se non è tenuta completamente su dai due bravissimi protagonisti (ma anche dallo psicanalista).
Mancano le sottigliezze e la leggera, ridente ironia de L’uomo del treno. Manca soprattutto la contrapposizione burbero (Halliday) e simpatico vecchietto (Rochefort). In fondo, finanziere e paziente, qui sono uguali.
Un’ultima constatazione: l’avete mai visto un lettuccio da studio psicanalitico dentro uno studio di un commercialista?
“Delusione e togli un po’.”


5 risposte al commento
Ultima risposta 24/12/2004 17.18.24
Visualizza / Rispondi al commento
acol  @  20/12/2004 14:01:05
   2 / 10
Sono confidenze talmente intime... che dpo un po' ci si addormenta!

6 risposte al commento
Ultima risposta 08/02/2005 09.13.59
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  16/12/2004 15:28:38
   7 / 10
(Parlando del titolo del film a un collega, doveva assolutamente convincersi che fosse porno E' per questo che esistiamo anche noi logorroici...)
Con qualche accademismo in meno sarebbe stato il film dell'anno: perchè tutto ciò che ha miseramente fallito l'ultimo Martone attraverso il testo di Parise ("L'odore del sangue") riesce a Leconte. Nell'esibizione morbosa dell'eros, o nel tentativo di lordare l'essenza divistica della Ardant, Martone secondo me ha privato il personaggio della sua interiorità letteraria Il vettore (la Diva, lo star system) diventa promozione di scandalo annunciato. Oltretutto Placido e la Ardant erano imbarazzanti. Leconte verboso, forse, ma un autore prezioso si vede dai gesti, dai particolari Quasi Almodovariana l'inquilina che segue ogni puntata di una soap-opera incentrata sull'attrazione proibita di una donna per un prete Adulterio, tentazione, in più l'uomo si rivela gay, e non puo' amarla in quanto la scelta (scelta? quale scelta?) non glielo permette, ma perchè Lei non è un Lui. In fondo c'è già la chiave di tutto: come l'uomo della storia - tradito da una svista involontaria (la parola "analisee") non può amare Anna non perchè sia una sua paziente ma per l'inganno ("con me lei ha imbrogliato") di cui è imputato, psicanalista per puro caso. A questo punto gli elementi del film diventano ricchissime precognizioni del presente e futuro: la misoginia di un'illuminato che sente di "dover redarguire Luchini sul fatto che la donna non abbia in realtà sbagliato porta", l'immenso bisogno umano di raccontarsi a qualcuno, l'empatica facilità con cui le confidenze intime possono trovare un'exursus privilegiato, o smaccatamente audace, proprio con degli sconosciuti Comunque l'equivoco è chiarito quasi subito, tra lunghe pause che tolgono il respiro ma infondono magistralmente (chi altro è in grado di farlo così bene?) il peso della solitudine, attraverso i due protagonisti - memorabili - o il grigiore monolitico dei condomini francesi, quasi un segno che da qualche parte un film come "lost in translation" è arrivato ben oltre le previsioni. Ma c'è di più: la monotematicità del mestiere dell'uomo, con quegli uffici che - appaltati tra divani in pelle e portali barocchi, ritratti di donne tristi e la polvere lasciata dai ricordi - ricostruiscono il puzzle della febbrile aderenza di chi ascolta gli altri per vivere (psicanalisi o materia fiscale, stessa lunghezza d'onda) Uno stralunato Luchini a tratti cerca effords che lo conducano all'identità della donna, altrove attiva una decomposizione feticista del suo passato: per chi si convince che il suo "vero" lavoro sia un segno esemplare per conoscere la vita e il destino altrui, i giocattoli bellissimi lo riportano alla sua dimensione primaria, evolutiva E' vero ricorda kieslowsky ("Non desiderare la donna d'altri") e Chereau, ma soprattutto è un binario che porta al "doppio sogno" di Schnitzler rielaborato al presente. Il cinema di Leconte appare ogni volta una perfetta antitesi sociale, nel tentativo di elaborare - come già nel suo precedente capolavoro - un'umanità che cerca negli altri la PROPRIA verità Eppure, quando appare il marito al finto Dottor Monier, qualcosa si sovverte, ho avuto la fastidiosa sensazione di un'equilibrio perduto, un pò per l'infausta rimozione del caso o forse per l'eccessivo gigionismo nevrotico dell'uomo, ebbene trovo che quest'elemento esterno non avrebbe dovuto esserci, tantomeno negli schemi noir di un probabile vendicatore da un tradimento ineffettivo. Ma giustamente Laconte evita di trascinarci in un coup de foudre piuttosto scontato, e sovverte ogni cosa: ci riporta perciò al "doppio sogno" concretamente alla realtà Concludendo: in quest'orgia di confessioni e inganni, di tradimenti veri e soprattuto presunti, io ho respirato come raramente mi è capitato al cinema di recente un profondo e radicale impatto con la solitudine, il bisogno inconfessabile di essere e avere, di salvare principalmente se stessi da un fallimento amoroso o comunque di condividere con qualcuno drammi, sensi sessualità dichiarata e affetti mancati. Un abbraccio che ripaga ampiamente di tutto l'amarissimo climax del film, dove appaiono aspre nubili (la fedele e impicciona segretaria, Mullan) e vibratili complessati affetti da crisi di panico Con qualche ambizione in meno sarebbe stata (ma è comunque) una delle esperienze di cinema più larvate dell'anno. Non è un caso che all'uscita del film - pensando a quell'assurda conservazione che è il supporto vinilitico del protagonista (qualche nostalgia per la vecchia puntina consunta del piatto...) ascoltassi "Isolation" dei Joy Division Aihmè in lettore-cd: c'è qualcosa di "moderno" nella solitudine

8 risposte al commento
Ultima risposta 14/01/2005 18.49.41
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE maremare  @  12/12/2004 23:34:36
   7 / 10
Grazioso film di Leconte su di un tema a lui molto caro: l'incontro tra due solitudini.
Inferiore a "L'uomo del treno" rimane pur sempre un film di un bravo regista, capace di creare atmosfere uniche.



8 risposte al commento
Ultima risposta 11/02/2005 12.27.40
Visualizza / Rispondi al commento
Prof  @  07/12/2004 23:29:24
   7 / 10
Il giudizio che accompagna il voto 7 è la perfetta sintesi del mio pensiero.
Vale la pena, questo sì, ma non entusiasma. Comunque è sottile ed ironico.

1 risposta al commento
Ultima risposta 20/12/2004 14.02.37
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento abacab  @  06/12/2004 19:58:13
   8 / 10
Film molto bello.Classico film francese intelligente, ironico, sensibile, ben realizzato, che non scade mai di qualità nei dialoghi.Interpretato da una bellissima Sandrine Bonnaire che non ha la minima sbavatura nell'interpretare la lenta trasformazione "seduta dopo seduta" da crisalide in farfalla.Ottimo anche Fabrice Luchini (da vedere anche ne "Il costo della vita").Bravissimo il regista.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento GiorgioVillosio  @  05/12/2004 13:46:58
   7 / 10
Giorgio Villosio da Torino giorgio.villosio@virgilio.it

Film : Confidenze troppo intime
Regia : Patrice Leconte
Testo: P.L.è il regista de “L’uomo del treno”, dove già dava prova di buone capacità narrative, per storie concepite con fredda cerebralità su estrose trovate. Semplice in sè il meccanismo creativo: “invento una vicenda originale e curiosa, e ci costruisco sopra un intero racconto, anche con pochi sviluppi e ritmi molto lenti”. Le “Confidenze troppo intime” sono, nella fattispecie, quelle fatte da una donna sulla quarantina, in crisi matrimoniale, ad un fiscalista da lei creduto erroneamente psicanalista. Scontato il contenuto: i soliti problemi di coppia, caduta del desiderio maschile, e conseguenti depressione e perdita di autostima da parte femminile.
Il fiscalista, psicologo improvvisato, viene coinvolto profondamente dalle storie della donna, fino ad innamorarsene, seguendola, infine, al sud della Francia, dove lei andrà ad iniziare una nuova vita. Il film scorre su binari paralleli con due temi diversamente definiti: il destino fatalmente caduco dell’amore di coppia e gli strumenti vincenti della psicanalisi per spiegare all’individuo le motivazioni profonde del suo comportamento. “La psicologia è il romanzo dell’anima”, diceva Musatti; e, come in un romanzo, il malcapitato fiscalista va scoprendo grazie all’analisi improvvisata, la sua storia personale, insieme a quella dell’ affascinante “paziente” Anna.
E tale viaggio all’interno del sé, lo porterà infine ad una svolta radicale dell’esistenza, cioè al “cambiamento” , tanto predicato dalla psicologia.
Secondo le prime recensioni uscite in proposito, il film starebbe a dimostrare che i professionisti del settore, psicologi e psicanalisti, sarebbero facilmente sostituibili da persone di comune buon senso, o da amici compiacenti; e che l’individuo singolo possa e debba leggere da sé il “romanzo della propria anima”. A mio avviso, invece, il racconto dimostra propriamente il contrario: e cioè che l’individuo non sappia trovare da solo la via dell’autoconoscenza, ma che debba essere maieuticamente pilotato da chi possegga certi strumenti. Tanto è vero che, il protagonista , sedicente psicologo, deve ricorrere per primo ai lumi di un vero professionista finitimo, per arrivare a penetrare l’anima della sua “finta ” paziente( e, senza manco rendersene conto, in primis la sua stessa). Va ricordato che, prima della sistematizzazione della psicologia freudiana, il disegno dell’anima veniva letto e interpretato in prevalenza da pensatori religiosi, che tendevano a specularci per imporre il loro potere; e che, in tal senso, la nascita della moderna psicologia laica, induceva una vera e propria rivoluzione, ridonando all’individuo la padronanza del suo destino.
Nel film, poi, si racconta ancora il fatale “de profundis” dell’amore di coppia. La protagonista, in cerca di appoggio dal finto analista, lamenta la fine del rapporto matrimoniale che lei stessa ha prodotto (addirittura, simbolicamente, cerca di sopprimere il marito investendolo semicasualmente con l’auto). E dopo, quando va a piangere le lacrime del coccodrillo, è senza manco saperlo, in cerca di una palingenesi, di una rinascita in virtù di un nuovo amore; cui arriva, peraltro, dopo avere seguito ipocritamente tutte le strade di un improbabile recupero.
Nulla di Male! Questa è la natura! Ma bisogna averne coscienza, senza nascondersi dietro al dito fasullo di ipotetici amori eterni; l’amore esiste, ma è in continua evoluzione, come tutto ciò che è della nostra specie. E resta una ineccepibile considerazione di base, vero punto di forza del film:
nel doloroso cammino dell’esistenza, il bisogno fondamentale dell’individuo è quello di essere ascoltato e di entrare in relazione col mondo circostante, ottenendo consenso ed ammirazione; in un quadro in cui l’amore di coppia risulta senz’altro “una parte”, ma non certamente “il tutto”.
La verità sta ancor prima nell’interscambio con gli altri; come dimostra nel film la splendida “amicizia-relazione” instauratasi tra il vero e il presunto psicanalista. Ottima l’intepretazione del ruolo di Anne, una intensa e fascinosa Sandrine Bonnaire; forse più convincente di quella del noto comico Fabrice Luchini, qui riciclato in una parte seria, dall’espressione troppo uniforme (quasi un vezzo ,quello del regista, di impiegare intepreti insoliti, come il cantante Johnny Hallyday ne “Luomo del treno”).


19 risposte al commento
Ultima risposta 13/02/2005 12.33.22
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a spasso con willya un metro da tea.n.i.m.a.after (2019)alexander mcqueen - il genio della moda
 NEW
alive in franceancora un giornoasterix e il segreto della pozione magicaattacco a mumbai - una vera storia di coraggio
 NEW
attenti a quelle dueavengers: endgame
 NEW
banglabe kind - un viaggio gentile all'interno della diversita'beautiful thingsbene ma non benissimobentornato presidentebook club - tutto puo' succedereborder: creature di confineboy erased - vite cancellatebutterfly (2019)cafarnaocaptain marvelcaptive stateche fare quando il mondo e' in fiamme?cocaine - la vera storia di white boy rickcyrano, mon amourdafnedagli occhi dell'amoredetective per casodiabolik sono iodilili a parigidolceroma
 NEW
dolor y gloriadumbo (2019)ed e' subito serafratelli nemici - close enemiesgauguin a tahiti. il paradiso perdutogloria bellgo home - a casa lorogordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)highwaymen - l'ultima imboscatai figli del fiume gialloi fratelli sistersi villeggiantiil campione (2019)il carillonil coraggio della verita (2018)il corpo della sposail grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil professore e il pazzoil ragazzo che diventera' reil vegetarianoil venerabile w.il viaggio di yaoinstant familyjohn mcenroe - l'impero della perfezione
 NEW
john wick 3 - parabellumkarenina & ikurskla caduta dell'impero americanola citta' che curala conseguenzala fuga - girl in flightla llorona: le lacrime del malela mia seconda voltala notte e' piccola per noi - director's cutla promessa dell'albal'alfabeto di peter greenawayle grand balle invisibilil'educazione di reyl'eroelikemebacklo spietatol'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema cosa ci dice il cervello
 NEW
mo' vi mento - lira di achillemomenti di trascurabile felicita'my hero academia the movie: the two heroesnessun uomo e' un'isolanoinon ci resta che riderenon sono un assassinonon sposate le mie figlie 2normaloro verde - c'era una volta in colombiapet sematarypeterloopokemon detective pikachu
 NEW
quando eravamo fratelliquello che i social non dicono - the cleanersrabidrapiscimired joanricordi?sara e marti - il filmsarah & saleem - la' dove nulla e' possibilescappo a casasharon tate: tra incubo e realta'shazam!sofiasolo cose bellestanlio e ollioted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe intruder (2019)the prodigy - il figlio del maletorna a casa, jimi!triple frontiertutte le mie nottitutti pazzi a tel avivtutto liscioun viaggio a quattro zampeun viaggio indimenticabileuna giusta causaun'altra vita - mug
 NEW
unfriended: dark webwonder park

987917 commenti su 41320 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net