citta' portuale regia di Ingmar Bergman Svezia 1948
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

citta' portuale (1948)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CITTA' PORTUALE

Titolo Originale: HAMNSTAD

RegiaIngmar Bergman

InterpretiNine-Christine J÷nsson, Bengt Eklund, Mimi Nelson, Berta Hall

Durata: h 1.40
NazionalitàSvezia 1948
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 1948

•  Altri film di Ingmar Bergman

Trama del film Citta' portuale

Sullo sfondo di un porto ripreso dal vero si assiste alla scena di una ragazza (Berit) che, uscita da una casa correzionale e dopo innumerevoli peripezie di carattere familiare e sociale, tenta il suicidio gettandosi in mare ma che viene salvata da un giovane marinaio (G÷sta) del quale si innamora, iniziando cosý una nuova vita.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,38 / 10 (4 voti)6,38Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Citta' portuale, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento Elly=)  @  04/12/2011 13:22:26
   6½ / 10
Dal ricco materiale di Olle Lansberg, Bergman realizza un film che trova forte influenza neorealista, in particolare visione e stile appartenenti a Rossellini, dove la maggior parte delle scene è girata in esterni. Il porto fa contemporaneamente da sfondo e da primo piano, sottolineando i tratti neorealisti e lasciando in disparte quelli svedesi, anche se lo stile di Bergman persiste in maniera profonda.

In principio sembra che il protagonista sia Gosta ma ben presto capiremo che il film è centrato soprattutto su Berit. Il suo profilo psicologico viene svelato a piccoli passi, a mano a mano che il film prende vita. E' una ragazza che è stata al riformatorio, ha dovuto crescere da sola e in fretta, il fatto del suicidio mancato viene in qualche modo giustificato e l'idea della sua figura cambia flashback dopo flashback.

Il film presenta vari legami con altre pellicole del regista stesso.
LA CITTA' NELLA NEBBIA fu di forte ispirazione per una pellicola successiva: PRIGIONE che scrisse insieme alla moglie di allora.
La frase famosa "Perchè alcuni hanno tutto e altri non hanno niente?" e la stessa che ritroveremo nel film MONICA E IL DESIDERIO, enunciata sempre da una giovane protagonista vogliosa di libertà e presa dalla scoperta del primo amore.
Due storie, due protagoniste, le difficoltà della vita, le conseguenze di amare qualcuno, andare contro una determinata società, tutto questo ambientato nei malinconici paesaggi marittimi nel Paese d'origine del regista:la Svezia.

La fine, inaspettata, porta un soffio di falsa speranza e di tristezza.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Crimson  @  24/03/2011 15:42:27
   6 / 10
Mi ha stupito apprendere che Bergman in un'intervista degli anni '90 ha dichiarato di non conservare alcun ricordo del film e di considerarla "robaccia".
CittÓ portuale Ŕ un melodrammone anche piuttosto insicuro riguardo alcune scelte narrative, convenzionale e anche derivativo, ma resta pur sempre un film del 1948 che tratta il tema dell'aborto, peraltro con una discreta efficacia.
Ricorre dunque il tema della procreazione persino nella primissima fase della produzione del regista svedese. Unitamente a ci˛, si ripresenta una situazione forse fin troppo abusata da parte dell'acerbo Bergman, ovvero mettere in gioco una coppia il cui amore Ŕ ostacolato da rigide regole sociali e di pari passo morali.
Questo film per˛ si concentra precipuamente sul contesto famigliare di origine della protagonista, e in un certo senso favorisce una visione accurata delle cause di alcune scelte che l'hanno costretta a giungere ad una situazione di estrema fragilitÓ emotiva. Si apre con il suo tentativo di suicidio e ripercorre, anche mediante l'ausilio di flashback, un passato doloroso tra un padre inetto e assente e una madre che esercita (anche al tempo presente in cui hanno luogo gli eventi narrati nel film) un controllo patologico, morboso.
Di gran lunga meno approfondito e ricco di sbalzi umorali traballanti, non sempre credibili, il ritratto del protagonista maschile. Esageratissima la reazione alcolica "per vanitÓ" alla confidenza di una vita ai limiti della prostituzione. Alcune scene (come la zuffa) sfiorano un ridicolo che va al di lÓ del taglio grottesco che Bergman probabilmente voleva attribuire.
La parte finale del film si suddivide con poca destrezza nel mantenere un equilibrio tra le tematiche fino a quel punto abbozzate: mentre resta vivo il rapporto tra le due ex compagne di riformatorio, e l'epilogo della gravidanza indesiderata segna un rituale socio-culturale che ci lascia sgomenti, non ci lascia altrettanto coinvolti il ricongiungimento affettivo tra i due spasimanti.
Ancora una volta il finale positivo intende secondo me rafforzare la convinzione nello spettatore che attraverso gli eventi i due protagonisti abbiano maturato un senso di responsabilitÓ e di consapevolezza.
Il peggior difetto nel film non l'ho trovato in alcune sbrigative soluzioni narrative o nella convenzione di alcune sequenze, ma in un'ambientazione forzatamente affrancata ad una storia che si spaccia per neorealista, ma che cerca piuttosto di sviscerare una dimensione pi¨ intimista, da cui per fortuna Bergman ripartirÓ come principale centro d'indagine delle sue opere successive.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  13/08/2010 16:39:32
   6½ / 10
Una discreta opera di un ancora immaturo Ingmar Bergman. Risente molto del gusto neorealista che si stava diffondendo dall'Italia a tutto il mondo. Neorealista Ŕ per˛ solo la veste esterna come ad esempio l'ambientazione popolare (vedi le prime immagini di un quartiere povero di una cittÓ portuale), i protagonisti poi provengono dai ceti pi¨ bassi e sono colti nei loro lavori umili e nei loro divertimenti, non ci si vergogna infine di usare come protagonisti delle persone (di buon cuore e fondamentalmente oneste) che l'ambiente difficile spinge a percorrere brutte strade e brutte compagnie.
La veste neorealista non serve per˛ a Bergman per denunciare la perversione dei meccanismi economici e sociali; i temi di cui si occupa sono quelli del difficile rapporto familiare (fra marito e moglie e fra genitori e figli), la severitÓ immotivata dell'educazione e della tutela legale, la difficoltÓ di armonizzare i rapporti amorosi e instaurare una chiara e completa confidenza e comunicazione reciproca in una giovane coppia.
In teoria il protagonista del film Ŕ un uomo, un marinaio schivo e introverso, del cui passato per˛ non sapremo mai niente e in generale della sua personalitÓ. La vera protagonista Ŕ la ragazza, di cui viene fatto conoscere tutto il suo passato (grazie a flashback) e ogni sfumatura e risvolto del suo difficile e complicato carattere.
La questione dell'emancipazione femminile Ŕ il vero tema del film: si toccano argomenti scottanti per l'epoca come l'aborto e la libertÓ sessuale (l'uomo s'incupisce a sapere che la sua ragazza ha avuto altri uomini prima di lui, senza domandarsi se anche lui ha avuto altre donne prima di lei).
Bergman ci fa seguire abbastanza bene i dolori, i sentimenti, gli alti e bassi della "protagonista" femminile. Ci si immedesima molto facilmente. La sceneggiatura soffre per˛ di diverse forzature drammatiche e di troppe casualitÓ determinanti. Qua e lÓ si cominciano a vedere le soluzioni tecniche originali (tipo l'uso frequente di specchi) che renderanno molto pi¨ espressivi i film futuri. Qui ci si limita a raccontare una storia bella e toccante, forse un po' convenzionale, senza arrivare a toccare e ad approfondire i fondamentali temi universali dell'amore e dell'esistenza, quei temi che renderanno i film futuri di Bergman cosý coinvolgenti e attuali.
Questo film magari pu˛ essere interessante per conoscere un po' di Svezia tardi anni '40.

Beefheart  @  19/04/2008 10:08:53
   6½ / 10
Un melodramma abbastanza duro che insiste su alcuni temi cari al regista come la morte (qui solo sfiorata), il rapporto conflittuale genitore-figlio e le difficoltà di comunicazione e comprensione nel rapporto di coppia. La storia è piuttosto semplice e lineare, l'interpretazione è all'altezza e la fotografia discreta. Peccato per il finale decisamente banale. Nel complesso direi che se ancora non si arriva a toccare i picchi di intensità che caratterizzeranno la successiva filmografia di Bergman, già se ne intravedono le potenzialità. Non è imperdibile ma nemmeno da buttare.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

50 primavere
 NEW
alla ricerca di van goghamerican assassinamori che non sanno stare al mondoassassinio sull'orient express (2017)bad moms 2 - mamme molto pi¨ cattivebenedetta folliacaccia al tesorocento annichiamami col tuo nomecoco (2017)come un gatto in tangenzialecorpo e animadaddy's home 2detroitdickens: l'uomo che invento' il nataledirectionsdue sotto il burqaegon schiele
 NEW
ella e john - the leisure seekerferdinandflatliners - linea mortalefree firegli eroi del natalegli sdraiatihappy end (2017)housewifei love... marco ferreriil domani tra di noiil figlio sospesoil libro di henryil premio - non basta vincerlo devi anche ritirarloil ragazzo invisibile: seconda generazioneil senso della bellezza
 NEW
il vegetale
 NEW
insidious 4: l'ultima chiavejumanji - benvenuti nella giungla
 HOT
justice leaguekeep watchingla botta grossala poltrona del padrela ruota delle meraviglieland of smilesl'arte viva di julian schnabell'assoluto presenteleo da vinci - missione monna lisal'eta' imperfettal'insulto
 NEW
l'ora piu' buialovelessl'ultimo sole della notte
 NEW
marlina. omicida in quattro attimorto stalin, se ne fa un altromusemy little pony - il filmnapoli velatanatale da chefnut job - tutto molto divertenteonce upon a time at christmaspatti cake$poveri ma ricchissimiprince- sign o' the timesradiusriccardo va all'infernosami bloodseven sisterssingularityslumber - il demone del sonnosmetto quando voglio: ad honorem
 HOT
star wars: gli ultimi jedisuburbiconsuper vacanze di natalethe greatest showmanthe midnight manthe void - il vuotothe wicked gift
 R
tre manifesti a ebbing, missouritutti i soldi del mondo
 NEW
un sacchetto di biglievasco modena park - il filmvi presento christopher robinwonder

967470 commenti su 38598 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net