cenerentola a parigi regia di Stanley Donen USA 1956
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

cenerentola a parigi (1956)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CENERENTOLA A PARIGI

Titolo Originale: FUNNY FACE

RegiaStanley Donen

InterpretiAudrey Hepburn, Fred Astaire, Kay Thompson, Michel Auclair

Durata: h 1.43
NazionalitàUSA 1956
Generemusical
Al cinema nel Gennaio 1956

•  Altri film di Stanley Donen

Trama del film Cenerentola a parigi

La direttrice di una rivista di moda Ŕ alla ricerca di una nuova modella, un volto che abbia qualcosa di diverso. Trova questi requisiti in Jo, una commessa di libreria, la porta a Parigi, la educa, la rende una donna sofisticata. Jo dal canto suo Ŕ entusiasta perchÚ potrÓ finalmente incontrare il famoso filosofo francese Bartre. Mentre il filosofo si rivela un bluff, il fotografo della rivista si innamora della ragazza.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,39 / 10 (14 voti)6,39Grafico
Voto Recensore:   5,50 / 10  5,50
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Cenerentola a parigi, 14 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Godbluff2  @  06/05/2022 15:09:44
   6 / 10
Uno dei film meno riusciti sia per Donen sia per Hepburn. Stanley Donen, regista abile, ballerino e coreografo, all'epoca era uno dei maestri indiscussi del musical anni '50 (da solo o in coppia con Kelly) e veniva da pietre miliari del genere, successi smaglianti come "Singin' in the Rain", "Sette spose per sette fratelli", "It's Always Fair Weather" e così via.
Audrey Hepburn era la giovane stella di Hollywood in rampa di lancio per eccellenza, in pochi anni già diventata un'icona con le sue interpretazioni nelle commedie romantiche di Wyler e Wilder ("Vacanze Romane" e "Sabrina", ovviamente) e nel kolossalone italo-americano "Guerra e Pace", tutti film di grandissimo successo e richiamo. Per lei "Funny Face" fu il primo musical e il quarto film da protagonista e per tipo di storia e di personaggio si inserisce perfettamente nella prima fase della sua carriera, quella delle "fiabe moderne" e delle classiche commedie romantiche ma anche, nonostante una bravura già allora non in discussione, quella secondo me più acerba (caratterizzata dal quartetto di film completato da "Arianna" sempre di Wilder) che la stava un po' "stringendo" in un tipo limitato di ruolo. Tra il tramonto degli anni '50 fino a quasi tutti gli anni '60 (soprattutto da Tiffany in poi) aumenterà la sua versatilità, così come la sua maturità come attrice e la profondità di alcuni suoi personaggi, in un auto-miglioramento costante di un'attrice sempre più grande.
Una maturazione che sembra andare di pari passo con quella dello stesso Donen, che negli anni '60 sarà regista abile anche in ambiti estranei al musical e capace di pensare e dirigere un cinema più fresco e moderno; la loro collaborazione si rinnoverà due volte, in quelli che invece sono due degli episodi migliori per entrambe le carriere: "Sciarada" ('63) prima e lo splendido e sottovalutato "Two for the Road" (1967) poi, apice della maturazione artistica di entrambi. Due dei film migliori di Donen e due delle interpretazioni migliori di Hepburn, soprattutto "Two for the Road".
Tornando al punto, di questo primo periodo di Audrey (diciamo '53-'58) così come degli anni '50 di Donen, "Funny Face" rappresenta l'episodio decisamente meno convincente.
Musical romantico e terribilmente zuccheroso ambientato nel mondo della moda (il che dà la possibilità a Donen di utilizzare soprattutto all'inizio del film molti effetti e giochi visivi che danno un tocco particolare a quelle scene, di stampo molto "pubblicitario"). La storia così com'è sembra quasi riflettere la situazione reale di Audrey Hepburn, quella che era allora e che continuerà ad essere, trasformata in icona di stile e moda, non so se volontariamente o se per puro riflesso, però ad esempio ci sono momenti in cui il pensiero va automaticamente verso il duo Hepburn-Givenchy (che ovviamente cura tutti i suoi abiti). In mezzo tantissimo dolcificante e una "morale" decisamente poco convincente: carina la punzecchiatura all'intellettualismo estremo e alle sue ipocrisie, con qualche ritratto azzeccato dell'artista impegnato e del/della chansonnier francese esistenzialista triste, però poi ci ho visto una fin troppo eccessiva apoteosi del suo contrario, della frivolezza e della leggerezza a tutti i costi, della Parigi stereotipata e da cartolina ecc. Poco convincente, anche fastidioso a dire il vero.
Cosa salva almeno un poco un film così frivolo e banalotto ? Innanzitutto buona parte delle canzoni. Perché George e Ira Gershwin incantano con la loro classe eterna, il loro gusto melodico superiore. Il film è appunto tratto dal loro musical omonimo ("Funny Face" intendo, tralascio la versione italiana del titolo, che ci ha messo il carico da novanta in dolcificante) degli anni '20 e d'accordo, queste canzoni non sono certo il meglio dei fratelli Gershwin, ma tutto ciò che George ha composto, quando non è oro è almeno argento. Anche le canzoni, ogni tanto, tipo nel finale, scivolano nel noiosamente zuccheroso ma nel complesso è pura classe.
Poi di buono c'è, soprattutto, Audrey Hepburn, come sempre. Approcciatasi al film con modestia e trepidazione (lei, aspirante ballerina da bambina e appassionata di danza, che si trova a dover recitare/danzare assieme ad un colosso del ballo come Fred Astaire) lei è sempre la scintilla che accende i (pochi) momenti memorabili del film. Vero è che non era attrice molto adatta ai musical, viste le naturalmente limitate capacità canore (vero "My Fair Lady" ?) ma qui canta il giusto e su un'intelaiatura melodica tanto raffinata quanto, in questo caso, semplice e adatta alle sue potenzialità; in compenso l'ho sempre trovata, tra le altre cose, estremamente adatta alla commedia, con la sua verve frizzante e raffinata, giocosa ed elegante nell'insieme e con quella sua irresistibile, furba espressione da cerbiatta guascona. Anche in "Funny Face" riesce a brillare di luce propria. Togliendole l'onere del canto e concentrandosi sulla coreografia di danza, Donen le regala intelligentemente il palcoscenico nell'irresistibile sequenza del ballo "improvvisato" nel cafè intellettuale, con una Hepburn semplicemente meravigliosa e spassosa, appassionata e autoironica, carismatica e adorabile, nei movimenti, nell'espressività e nel linguaggio del corpo; è la scena che vale tutto il film, bella e molto curata ovviamente anche nell'estetica. Hepburn insomma splendida come sempre.
L'altro monologo attoriale/danzereccio, quello di Astaire è paradossalmente meno appassionante, più slegato e quasi fine a se stesso rispetto al resto del film, un puro palcoscenico riservato alla sua bravura. Bella scena, invece, anche quella della camera oscura.
Ultima cosa da salvare: la convincente interpretazione di Kay Thompson, che attrice di professione non era eppure se l'è cavata alla grandissima.
La coppia Hepburn/Astaire invece pur nella singola bravura dei due non mi è sembrata granché funzionale.
"Funny Face" è un musical girato con sapienza ed eleganza, con un'attrice fantastica pur inserita in un contesto dove non poteva rendere al 100 % e pur non avendo raggiunto ancora la sua maturità artistica, con un paio di belle sequenze, alcune belle canzoni ma dalla struttura debole, pesante nella sua frivola zuccherosità romantica. Si salva tranquillamente, ma diciamo che qui dentro c'è tutta gente che in vita sua ha fatto molto, ma molto di meglio più e più volte.

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  11/02/2016 18:32:38
   7 / 10
Uno dei padri del grande musical americano, Donen in tale campo ha spesso fruito della creatività di Gene Kelly, uno dei migliori coreografi, intermezzi ballati o cantati contestuali al plot, virtuosismi o assoli in grado di dare una vampata di energia alla trama.
Esaltante nella prima parte, scorre nei binari della favola wilderiana che sovente cuciva addosso alla Hepburn, monotona la seconda parte, un Astaire un po' sottotono (diciamo che Audrey in quegli anni veniva affiancata spesso a celebrità con 30 anni in più di lei), non si ravvisa una grande alchimia tra i 2, andrà meglio con Grant sempre diretto da Donen un paio d'anni dopo.
Forse non tutti sanno che la Hepburn nasce ballerina, ergo non stupisce affatto la fluidità dei movimenti, la grazia e la disinvoltura con la quale confeziona il miglior intermezzo del film, il ballo enfaticalista, musical assolutamente appropriato per le sue caratteristiche tanto che al contrario di molte attrici in quegli anni non fece ricorso neanche del doppiaggio cantato.

bm_91  @  26/05/2013 16:37:49
   6 / 10
tra tutti i film che ho visto con Audrey Hepburn questo è stato sicuramente il più deludente, carine alcune scene (la Hepburn che improvvisa il ballo enfaticalista)...ma molte altre di una banalità quasi imbarazzante.

Clint Eastwood  @  04/11/2011 23:16:12
   6½ / 10
Parecchi difetti "visivi" e la prova del tempo vanno giustamente a rovinare questa insolita favola che sfrutta in pieno il grande fascino e talento di Audrey. Una sceneggiatura che sembra scritta in una nottata da un Woody Allen qualunque e poco ispirato. Oggi in tv può fare ancora bella figura, così di passaggio senza particolari sforzi.

vale1984  @  21/10/2011 00:08:30
   7½ / 10
molto brava la protagonista come sempre e stupendi i vestiti...anche se il film nel complesso è sottotono rispetto ai soliti della Hepburn...mezzo punti in più perchè la sua interpretazione della fragile intelligente libraia che si trasforma in modella è pura, realistica e sensibilmente reale...insomma lei è come sempre vera...la storia un pò meno.

Souffle  @  08/07/2010 09:38:34
   7 / 10
Tra tutti i film interpretati dalla Hepburn questo è uno dei peggiori.
Trama banale e prevedibile.
Troppi intermezzi cantati e per giunta ripetitivi.
Binomio Astaire-Hepburn non convince fino in fondo.
A tratti un po' noiso.
Strappa il 7 per la Hepburn, l'ambientazione parigina, gli abiti e la direttrice della rivista(interpretata dalla Thompson)

Hyspaniko9  @  10/06/2010 15:20:45
   3½ / 10
costretto a vedere questo film, in classe il penultimo giorno di scuola, poiche siamo due maschi su 19 persone in classe, e oggi c'ero solo io con circa altre 8 della mia classe, mi sono dovuto subire due film di Audrey Hepburn, questo è il primo e devo dire che mi ha irritato molto, ma molto !!! non riuscivo a stare seduto sulla sedia, cosa non mi ha fatto mettere un voto più basso? la recitazione e la sceneggiatura, per il resto una noia mortale.

diamanta  @  20/04/2010 16:05:02
   7 / 10
Bellissime musiche e coreografie, una Hepburn veramente dolcissima, ma il film alla fine è un po noiosetto.

druss86  @  17/03/2010 15:10:43
   6 / 10
Film che strappa la sufficienza per la parte iniziale la fotografia e l'ambientazione parigina...per il resto storia scialba....e canzoni ripetitive...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

LoSpaccone  @  20/01/2010 11:33:18
   6 / 10
Sufficienza stentata per questa commedia musicale dalla bella confezione (fotografia e musiche) ma scialba nei dialoghi e nella vicenda sentimentale tra Astaire e la Hepburn. La coppia non mi sembra proprio bene assortita, lei comunque è sempre splendida e, sebbene non sia una grande ballerina, il suo numero di “danza esistenzialista” nel locale è squisito. La scena iniziale del film probabilmente è stata ripresa ne “Il diavolo veste Prada”.

1 risposta al commento
Ultima risposta 20/01/2010 11.36.06
Visualizza / Rispondi al commento
May19  @  05/01/2010 15:55:57
   7½ / 10
Lo ammetto, questo film mi piace solo ed esclusivamente per Audrey, gli abiti e Parigi. Sentito in lingua originale forse fa più ridere.
L'unica cosa che non mi è piaciuta è la scena di ballo infinita di Fred Astaire quandro Audrey lo osserva dal balcone. Non capisco cosa centrasse il mimo di un torero in quel momento o qualsiasi altro del film.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  27/11/2009 16:42:50
   7½ / 10
Musical di rara eleganza forse non sempre sostenuto nel ritmo. Nonostante la storia d'amore sia ben poco credibile, Audrey e Fred sono fantastici ed i numeri musicali assolutamente entusiasmanti. Restano nella memoria lo charme della Hepburn quando scende le scale con un vestito rosso, oppure nella sequenza di ballo nel night parigino, ed ovviamente il romantico finale sulle note di " 'S Wonderful".

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  17/12/2007 00:58:23
   6½ / 10
Non è il miglior film di Donen, ma Audrey Hepburn era un fiore, e tale rimane anche nel contesto (non proprio appropriato per lei) del musical... alcune coreografie sono comunque fatte bene, anche se Astaire risente il peso degli anni

Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Jellybelly  @  18/06/2007 11:57:23
   5½ / 10
Musical francamente sciocchino quando non irritante, salvato dalla dolcezza e dal candore assoluti della Hepburn. Troppo poco comunque per guadagnarsi la sufficienza.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1899 - stagione 1
 NEW
a letto con sartreacqua alle cordeacqua e aniceaiuto! e' natale!amsterdamanataranche ioannie ernaux - i miei anni super 8avatar - la via dell'acquababylon (2022)belle & sebastien - next generationbigger than us - un mondo insieme
 NEW
billie eilish: live at the o2black adamblack panther: wakanda forever
 R
blondeboiling point - il disastro e' servitobones and allboris - stagione 4brosc'era una volta in italia - giacarta sta arrivandocharlotte m.: il film - flamingo partychiaraclose (2022)coldplay: music of the spheres - live broadcast from buenos airesconfess fletchcut! zombi contro zombidampyrdiabolik - ginko all'attacco!
 NEW
domino 23 - gli ultimi non saranno i primiemancipation - oltre la liberta'eoernest e celestine - l'avventura delle 7 notefairytale - una fiabafallforever young (2022)fortuna grandaglass onion - knives outgli occhi del diavologodland - nella terra di diograzie ragazziguardiani della galassia: holiday specialhellholei migliori giornii racconti della domenicail corsetto dell'imperatriceil gatto con gli stivali 2 - l'ultimo desiderioil grande giornoil mio amico massimoil mio nome e' vendettail mio vicino adolfil piacere e' tutto mio
 NEW
il primo giorno della mia vitail principe di romail prodigioil ritorno (2022)il talento di mr. crocodileimprovvisamente nataleincroci sentimentaliio sono l'abissoio vivo altrove!ipersonniajung_ela californiala fata combinaguaila ligne - la linea invisibilela prima regola
 NEW
la seconda viala signora harris va a parigila stranezzala timidezza delle chiomeladri di natalele otto montagnele vele scarlatteleaveliam gallagher: knebworth 22l'innocente (2023)l'ispettore ottozampe e il mistero dei misteriliving (2022)lo schiaccianoci e il flauto magicol'ombra di caravaggiol'uomo sulla stradam3ganma nuitma tu, mi vuoi bene?maria e l'amoremasquerade - ladri d'amoreme contro te: il film - missione giunglamiracle - storia di destini incrociatimonicamunch - amori, fantasmi e donne vampironannynapoli magicanarvik: hitler's first defeatnatale a tutti i costinel nostro cielo un rombo di tuononessuno deve saperenezouh - il buco nel cieloniente di nuovo sul fronte occidentale (2022)notte fantasmaone piece film redorlando (2022)perfetta illusionepinocchio di guillermo del toropiovepoker faceprincess (2022)
 NEW
profetiquesta notte parlami dell'africaragazzacciorapiniamo il duceritratto di reginariunione di famiglia - non sposate le mie figlie 3saint omersanta luciascare package ii: rad chad's revengesi', chef! - la brigadespaccaossastoria di un uomo d'azionestrange world - un mondo misteriosotango con putin
 NEW
terezinthe christmas showthe fabelmansthe fearwaythe good nursethe great busterthe land of dreamsthe leechthe mean onethe menuthe pale blue eye - i delitti di west point
 NEW
the planethe woman kingtori e lokitatre di troppotre minutitriangle of sadnesstrieste e' bella di notteun anno, una notteun bel mattinoun matrimonio esplosivoun vizio di famigliauna mamma contro g. w. bushuna notte violenta e silenziosauna voce fuori dal corovicini di casawar - la guerra desideratawhitney - una voce diventata leggendayakari: un viaggio spettacolare

1036702 commenti su 48799 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BEAST (2011)CANOACOLD LAZARUSDRUNKSFAY GRIMHUNTERS - STAGIONE 2IL RE DEGLI SCACCHIIT'S IMPOSSIBLE TO LEARN TO PLOW BY READING BOOKSLAMBORGHININED RIFLEON THE COUNT OF THREEVATICAN GIRL: LA SCOMPARSA DI EMANUELA ORLANDI

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net