casablanca regia di Michael Curtiz USA 1942
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

casablanca (1942)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CASABLANCA

Titolo Originale: CASABLANCA

RegiaMichael Curtiz

InterpretiHumphrey Bogart, Ingrid Bergman, Paul Henreid, Claude Rains, Conrad Veidt, Sydney Greenstreet, Peter Lorre, S.Z. Sakall, Madeleine LeBeau, Dooley Wilson, Joy Page

Durata: h 1.32
NazionalitàUSA 1942
Generedrammatico
Al cinema nell'Agosto 1942

•  Altri film di Michael Curtiz

Trama del film Casablanca

Casablanca Ú un passaggio obbligato per chi fugge dall'Europa, e qui l' americano Rick gestisce un locale notturno. Ed Ú proprio da "Rick's" che arrivano anche il patriota Laszlo e sua moglie IIsa, vecchio amore di Rick a Parigi. Qui l'amore tra i due rinasce, ma Rick, ottenuti due visti d'uscita, convince IIsa a raggiungere l'America con il marito, perchŔ l'uomo possa continuare a combattere per la libertÓ.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,48 / 10 (120 voti)8,48Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Miglior filmMiglior regiaMigliore sceneggiatura non originale
VINCITORE DI 3 PREMI OSCAR:
Miglior film, Miglior regia, Migliore sceneggiatura non originale
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Casablanca, 120 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Zazzauser  @  21/02/2021 22:16:06
   8½ / 10
Che dire? Uno dei film piu' celebrati, amati, discussi, citati della Storia del Cinema. Prodotto e ambientato durante la Guerra, Casablanca restituisce molto bene lo spirito del suo tempo, quando le Colonie francesi (Marocco francese) erano l'anticamera per la libertá, il salvacondotto per i profughi dall'Europa in fuga dal nazismo. Casablanca, un po' come la Tangeri di Burroughs/Cronenberg, e' un crocicchio di popoli e culture, un posto che obbedisce solo alle proprie regole, il posto di chi ha lasciato fuori da se' il tempo, il Mondo esterno e le sue follie, un po' come la Parigi dove Rick e Ilsa si incontrano e si amano prima dell'invasione tedesca. Almeno fino a che la vita cinica e distaccata di Rick Blaine non viene destabilizzata dall'arrivo di Victor Laszlo e dei capi della Gestapo. Non lo considero un capolavoro in senso stretto ma e' sicuramente un film di un'importanza incredibile oltre a possedere un livello tecnico (dalla sceneggiatura/dialoghi fino alla fotografia) eccellente. Tutti, da Bogart alla Bergman, da Claude Rains a Henreid (meraviglioso il suo personaggio di Victor Laszlo, cecoslovacco capo di un movimento di resistenza europeo) sono praticamente incollati ai ruoli e contribuiscono a creare un dramma sentimentale/thriller dai meccanismi molto ben oliati. Se c'e un film che si possa considerare emblematico della Hollywood classica questo e' proprio Casablanca. Dialoghi memorabili soprattutto gli one-liner di Bogart.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  29/03/2020 13:56:42
   9 / 10
Un film leggendario, e non per caso. A distanza di anni è ancora stupendo, attuale nella sua sceneggiatura romantica. Humphrey Bogart e Ingrid Bergman sono una coppia perfetta, la sceneggiatura è un capolavoro. Alcune battute sono entrate di diritto nella storia del cinema.
Imperdibile.

Invia una mail all'autore del commento marco986  @  31/12/2019 22:29:00
   9 / 10
Un classico del cinema americano il film di Curtiz è uno dei più famosi della storia del cinema.


Ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale nel Marocco francese occupato dai tedeschi durante la Repubblica di Vichi vede una grande accoppiata di protagonisti Bogart e la Bergman.

Curiosità del doppiaggio italiano in un ruolo secondario un attore è doppiato da Alberto Sordi.


Celebri le musiche del film.

Dom Cobb  @  27/06/2018 19:12:15
   9 / 10
A Casablanca, unico passaggio per i fuggitivi dall'Europa in piena Seconda Guerra Mondiale, tutti conoscono il "Rick's", lussuoso locale gestito dal burbero Rick Blaine; un giorno, proprio lì capitano il patriota Victor Laszlo e la moglie Ilsa, quest'ultima vecchia fiamma di Rick, entrambi intenti a sfuggire alle forze tedesche presenti in città e in cerca di una via di fuga. Fra tensioni e nostalgici incontri romantici, spetterà proprio a Rick giocare un ruolo fondamentale nella riuscita dell'impresa...
Se qualcuno è in cerca di un film che più di tutti gli altri esprima, a livello di tecnica e di contenuti, la quintessenza del cinema hollywoodiano tipico degli anni '40 e, in generale, di tutta l'era classica, è molto probabile che la maggioranza punti a qualcosa come "Casablanca". Dopo averne sentito tessere le lodi per anni, è naturale per qualcuno come me domandarsi come mai un film simile possa aver lasciato nell'immaginario collettivo una traccia così indelebile da spingere molti ancora oggi a riguardarselo con estremo piacere.
La risposta, per quanto mi riguarda dopo la visione, è lampante e duplice: per metterla in modo puro e semplice, il film in questione rappresenta uno di quei rarissimi casi in cui tutto, dall'estetica alla struttura narrativa ai dialoghi e alle interpretazioni, si incastra perfettamente a vicenda e scorre via con fluidità impeccabile. La confezione elegante, garantita dalla notevole fotografia di Arthur Edeson e da un'impressionante cura per i dettagli da parte di costumisti e scenografi, riesce a evocare grazie all'ambientazione strettamente collegata agli eventi storici e politici del periodo un certo non so che di "glamorous", mentre la sceneggiatura miscela abilmente elementi di romanticismo, dramma, thriller noir e avventura in maniera incredibilmente bilanciata. Fra loschi figuri, perfidi agenti nazisti, case da gioco luoghi di ritrovo per gente di ogni risma e quant'altro, si passano in rassegna tutti gli stilemi di un certo tipo di narrazione classica che, sotto altre spoglie, continuano a sopravvivere ancora oggi, dopo tanti decenni.
A questo si aggiunge inoltre il cast: se già Humphrey Bogart aveva avuto modo di farsi notare in precedenza nel ruolo del protagonista ambiguo, moralmente grigio ma in fondo con un suo codice etico, qui tutto ciò viene ulteriormente arricchito di sfumature che lo rendono l'ideale archetipo dell'eroe romantico, dalla scorza dura ma dal cuore d'oro. Ingrid Bergman gli si affianca e insieme i due fanno scintille, confermandosi come una delle coppie più iconiche e naturali della storia del grande schermo; ed è proprio la loro alchimia ad elevare il già pregiato materiale di partenza fino a farlo diventare l'emblema per eccellenza di un certo tipo di cinema elegante e colmo di passione che ormai è completamente morto. La relazione fra i due rimane nei soliti confini del periodo, ma sia i sagaci dialoghi, pregni di battute diventate iconiche,


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

che le interpretazioni dei due concedono al tutto quella dimensione in più che suggerisce tutto ciò che è stato e non sarà più: sebbene a suo modo melodrammatica, una relazione molto umanizzata.
A tal punto sono affiatati i due protagonisti da mettere in ombra tutti gli altri, e lo stesso si potrebbe dire del resto del film: senza questi due protagonisti e senza questi due attori, "Casablanca" non sarebbe diventato il successo che è, ed è indubbio che proprio loro rappresentino l'elemento che più di tutti gli altri è rimasto scolpito nel cuore del pubblico. Perfezione formale e una sceneggiatura fluida e senza fronzoli si uniscono sotto una regia ferrea e solida: non posso far altro che accodarmi alla lunga fila di estimatori e dichiarare il prodotto finale il gioiello della corona nella filmografia di Michael Curtiz.

jek93  @  01/06/2018 13:17:46
   8½ / 10
A bona ragione Casablanca viene considerato uno dei film migliori della storia del cinema: fotografia, recitazione, presa thrilling e carismatica dall'inizio alla fine, tutto eccellente.

genki91  @  11/03/2016 00:44:13
   9 / 10
Classicone, e con ogni ragion d'esserlo.
Perfetto in molti aspetti, invecchia benissimo e Bogart e la Bergman sono perfetti.

david briar  @  22/11/2015 20:59:33
   10 / 10
Capolavoro assoluto di sceneggiatura e regia, pur parlando troppo per frasi fatte è un grandissimo esempio di consapevolezza cinematografica(come se i personaggi sapessero di essere personaggi), equilibrio, dinamismo e contrasti fra i personaggi. Bogart é straordinario nel ruolo del cinico con un vissuto importante alle spalle, ed in generale il film sorprende per la naturalezza con cui fluisce, a distanza di più di 70 anni dall'uscita. Imprescindibile..

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  12/11/2015 12:34:11
   7½ / 10
Un film sicuramente formidabile per l'epoca (regia, fotografia, protagonisti), non mi pare invecchiato benissimo. Suona tutto molto fasullo (Bogart parla solo per frasi memorabili) e la parte dell'intrigo militare è molto approssimativa: del resto interessava fare un po'di propaganda e proporre un'intensa e sofferta storia d'amore. La Bergman fa quel che può, ma il suo personaggio è veramente penoso (il prototipo di donna incapace che all'epoca evidentemente suonava attraente). Molto meglio il Falcone Maltese.

1 risposta al commento
Ultima risposta 12/11/2015 14.01.57
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento luca986  @  24/10/2015 00:09:12
   9½ / 10
Capolavoro assoluto. Attori leggendari. Sceneggiatura perfetta.

pak7  @  05/10/2014 01:26:15
   7½ / 10
Pellicola a tutti gli effetti "storica", divenuta un caposaldo del cinema internazionale. Forse non è invecchiata benissimo, ma va vista almeno una volta nella vita.

Federico  @  25/08/2014 09:46:25
   7 / 10
film invecchiato non troppo bene ma che vale una visione

_Hollow_  @  21/05/2014 02:29:24
   7 / 10
Che sia un film per certi versi storico è indiscutibile: storico dal punto di vista generale (Seconda guerra mondiale e Rick come metafora degli Stati Uniti, famosissima la frase "ci sono certi quartieri di New York, maggiore, che sarebbe imprudente cercare di invadere", interpretato dal mitico Bogart come sempre molto hard boiled, qui capace, con non troppo velato invito alla propria nazione, ad abbandonare l'agio e il romance romantico con la Bergman per la chiamata al dovere contro i nazisti ) e dal punto di vista particolare (nella cinematografia, con particolarità come la canzone suonata da Sam, "As time goes by", che passa da essere diegetica (capendolo in un certo punto dopo l'inquadratura sul pianista) a extradiegetica (più avanti, accompagnando le scene con i due protagonisti insieme).

Detto questo bisogna anche dire che, rispetto ad altri film (capolavori), è invecchiato non troppo bene; si avverte sempre una certa lentezza e una certa banalità tipica di tempi ormai superati; sa di vecchio, ostenta una certa stupidità patriottica da propaganda (anche se questo va capito, l'anno lo richiedeva) e annoia non poco ...

Rimane un film da cineteca che ha segnato un'epoca, ma a sua volta fortemente segnato dalle prove del tempo.

DogDayAfternoon  @  04/05/2014 12:22:43
   7½ / 10
È sempre difficile commentare un film di un'altra epoca, ancor di più se è considerato uno dei film che hanno fatto la storia del cinema. Avevo dei grossi pregiudizi su "Casablanca", mi aspettavo il classico polpettone romantico da far cadere le braccia ma fortunatamente mi sono dovuto ricredere. Humphrey Bogart si conferma (come se ce ne fosse stato bisogno) il mio attore preferito del bianco e nero, anche se non lo reputo il suo miglior film; affiancato qui da una bella e brava Ingrid Bergman, anche lei attrice di altri tempi. Nonostante la trama da romanzo rosa, il film non scende mai a facili sentimentalismi, rimane sempre godibile grazie ad una sceneggiatura riuscitissima con alcune scene giustamente diventate celebri


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Uno di quei film che vanno visti almeno una volta nella vita.

1 risposta al commento
Ultima risposta 20/08/2014 13.52.43
Visualizza / Rispondi al commento
Italo Disco  @  19/02/2014 00:02:54
   9 / 10
Deve la sua fama soprattutto alla coppia Bogart-Bergman in effetti in grande spolvero, ma secondo me la scena la ruba a tutti l'immenso Claude Rains nel ruolo dello spassoso capitano Renault, erotomane e opportunista. Molto bene anche il resto del cast, in primis Peter Lorre e Conrad Veidt. La storia sentimentale dei 2 protagonisti s'intreccia con le avventure di disperati che cercano di scappare verso l'America ostacolati da soldati tedeschi e speculatori, dopo un inizio fulmineo con qualche sparatoria la storia si adagia, favorendo il romanticismo e la passione di Rick & Ilsa ma il film non annoia malgrado sia quasi tutto ambientato nel locale di Rick e il finale presenta un paio di colpi di scena di buon effetto. Tempestato di battute memorabili, la mia preferita è quando il maggiore Strasser domanda a Rick di che nazionalità è e lui risponde - Ubriacone. Mitico! Ottimo doppiaggio tranne che per Dooley Wilson doppiato con un terribile accento da "si badrone" ma d'altronde erano gli anni 40....Nel film ogni tanto fa capolino un tizio che va rubando portafogli a destra e manca completamente slegato dal resto del film ed è doppiato da Alberto Sordi. Stupenda la canzone As Time Goes By. Film affascinante con degli attori superbi.

kingofdarkness  @  09/04/2013 18:03:08
   7½ / 10
Grande classico del cinema, che però rivisto ai giorni nostri risulta poco attuale, nonché quasi scontato (d'altronde, di storie d'amore di questo tipo se ne sono viste a migliaia).
Ammetto che per l'epoca la sceneggiatura era molto ben stesa, curata ed intrigante (lo dice uno che con i classici non va proprio a nozze….), ed Humphrey Bogart si dimostra certamente un grande attore.
Molto buona anche la fotografia.
Non mi permetto di sollevare alcuna critica pesante, vista l'importanza storica, ma a mio parere, almeno in alcuni frangenti, è un tantino sopravvalutato.
Comunque scorre via liscio senza particolari cali di tono, il che, considerata l'epoca in cui è stato girato, è un gran pregio.

TheShadow91  @  21/03/2013 14:32:00
   9 / 10
Casablanca: il cult della vecchie generazione del cinema del 20esimo secolo.Mostra tutto ciò che caratterizzava il cinema di allora,con locali di lusso tanto eleganti con la musica da camera e clineit in gingheri,ma anche dediti ai vizi più comuni(alcol,fumo,gioco d'azzardo).Il protagonista,l'uomo di mezz'età affascinante e slanciato ed una giovane donna elegantissima,fine e bellissima;ed infine due amanti estremamente passionali.La bellezza del film sta nell'inserire tutti questi elementi all'interno del contesto della seconda guerra mondiale: profughi,generali militarti e patriottismo si fondono perfettamente con gli elementi sovracitati,in particolare se è stata proprio la guerra a separare i due amanti per ben 2 volte.E come ciliegina sulla torta abbiamo un pathos registico senza pari: basta prendere in esame il grande sentimento che scaturisce ogni scena in cui viene suonata la canzone "As time goes by"...e soprattutto lo splendido ed emozionante finale.

bm_91  @  11/03/2013 15:04:28
   9½ / 10
E' vero...Casablanca è come l'opera lirica: non lascia indifferenti, o si ama o si odia, ma qualcosa si prova.
Da parte mia direi più amore che odio, anzi solo amore. Non è solo un classico del cinema, Casablanca è la storia del cinema. Ogni volta che lo guardo mi sorprendo del modo in cui riesce a coinvolgermi a conquistarmi completamente, non è solo merito dei protagonisti (Bogart-Bergman eccezionali), ma c'è qualcosa di più, quel qualcosa di inspiegabile che da 70 anni non lascia lo spettatore indifferente...

steven23  @  21/01/2013 20:16:31
   9½ / 10
Per chi apprezza il vero cinema, quello dove sono gli attori a dar vita e spessore al film e non viceversa. Un cast veramente straordinario e un Bogart in stato di grazia danno vita a quello che, molto probabilmente, resta il triangolo amoroso più celebre della storia del cinema.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  27/12/2012 12:35:59
   10 / 10
Ho rivisto recentemente per l'ennesima volta il capolavoro di Curtiz e non posso fare a meno di condividere il mio entusiasmo per questo classico del cinema.
Un film sull'amore ritrovato e nuovamente perduto, sulla passione, sulla clandestinità.
Il regista immortala i due immensi protagonisti con indimenticabili primi piani.
Ottimo il mix di musiche, dialoghi e fotografia.

nyc93  @  28/10/2012 20:06:17
   8 / 10
Un classico, molto bello.

beppe.fadda  @  27/10/2012 13:46:03
   8 / 10
Casblanca è indubbiamente un bellissimo film, ma devo dire che quando l'ho visto mi aspettavo qualcosa di magnifico, e invece mi ha un po' deluso. Non so, mi è sembrato che mancasse qualcosa, del genere romantico mi sono piaciuti di più "Via col Vento" e "Vacanze romane", o anche "Moulin Rouge!" e "Il paziente inglese" fra i più recenti. Humphrey Bogart e Claude Rains sono davvero fenomenali, invece Ingrid Bergman non mi è piaciuta... Da vedere anche solo per "As time goes by".

Goldust  @  14/08/2012 10:42:13
   9 / 10
Dialoghi ad effetto, un triangolo amoroso ancora oggi impareggiabile, un'accozzaglia di varia umanità e disonestà perfettamente calibrata, un colossale Bogart. Uno dei film più celebri della storia del cinema, poc'altro da aggiungere. Da vedere almeno una volta.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  31/07/2012 16:59:53
   8 / 10
"Casablanca" è probabilmente la storia d'amore più famosa della storia del cinema e forse anche la più bella. Che piacciano o meno i film dai contorni fortemente romantici è difficile non farsi coinvolgere dall'atmosfera che si viene a creare durante i dialoghi tra Bogart e la Bergman o dall'ambientazione esotica. Senza falsità ammetto che pur non amando particolarmente i film amorosi mi sono letteralmente lasciato trasportare da "Casablanca".
Oggettivamente non è un film facile da guardare al giorno d'oggi perchè la sensazione di stare di fronte ad un polpettone amoroso di tanto in tanto si fa minacciosa e di conseguenza non manca nemmeno qualche momento di noia. Il suo fascino storico rimane intatto però. E Bogart è sempre Bogart.

topsecret  @  19/07/2012 11:54:13
   6 / 10
Quelli che (come me) hanno qualche anno in più sul groppone prima di vedere questo film ne avranno sentito tessere le lodi in maniera smodata, sentendosi quasi in colpa per non aver cercato di colmare la lacuna prima. Ora che però finalmente ho avuto modo di reperirlo devo ahimè constatare che le altissime aspettative sono state quasi totalmente deluse e mi ritrovo a pensare che forse non sono riuscito a cogliere quello che molti altri hanno saputo fare.
La storia non mi è sembrata nè interessante nè così coinvolgente, poco aiutata da un ritmo che difficilmente accelerava nei momenti caldi. L'unica cosa che mi ha colpito è l'interpretazione che Humprey Bogart regala allo spettatore, riuscendo ad essere sempre convincente nell'esternare compattezza e carisma.
Quello che rimane non mi ha colpito in modo particolare.

2 risposte al commento
Ultima risposta 20/08/2014 16.39.53
Visualizza / Rispondi al commento
The BluBus  @  18/07/2012 21:39:59
   10 / 10
Inimitabile, il triangolo più famoso della storia del cinema.

vale1984  @  28/06/2012 11:14:56
   7½ / 10
un bel film intenso, con una storia romantica e un finale che sebbene conoscessi già mi è piaciuto. Conoscevo già tutte le scene più importanti ma rivederlo oggi, in un contesto e un'epoca decisamente diversa mi ha fatto un bell'effetto. Il film rende e mette insieme i sentimenti, la guerra, le scelte difficili e il vero amore. Un bella pellicola che sicuramente ha attraversato il tempo.
Non forse un capolavoro ma molto bello.

ValeGo  @  20/02/2012 20:43:03
   9½ / 10
Non lo considero affatto un film retorico e obsoleto come ho letto in alcuni commenti, anzi credo che la storia d'amore sia bellissima..Bogart che solo a sentire la Loro canzone si strugge...che poesia!Mi piacerebbe vedere anche nei film di oggi storie d'amore di questo tipo..così profonde..così piene di significato..oltre la guerra, oltre la distanza, oltre il tempo. Ecco com'è questo film: oltre il tempo! Un film senza età.

lukef  @  07/02/2012 13:56:54
   9 / 10
Un grande classico che a mio avviso merita molta della sua intramontabile fama. Tecnicamente perfetto, a tratti ingenuo ma gentile, con scene di insolita bellezza. Tenendo conto anche del contesto storico in cui è stato realizzato e tutto.. con serenità lo si può definire un capolavoro.

ste 10  @  28/01/2012 22:43:19
   9½ / 10
Un classicissimo, forse IL classico, carisma da vendere

7219415  @  23/01/2012 00:33:20
   9 / 10
Non c'è che dire...un signor film...

baskettaro00  @  28/12/2011 13:10:03
   7½ / 10
a metà strada tra il noir e il romantico,genere non proprio tra i miei preferiti.
in alcune parti è leggermente prolisso ma poi si riprende bene,gli attori son bravi,bogart non sarà un attore da 10.000 espressioni del volto ma è comunque capace.lo trovo sopravvalutato abbastanza,non è un filmone,sarò io che non apprezzo i film dai contorni romantici ma a parte questo la pellicola non è eccellente,si tratta di un film ben fatto e pure la storia funziona,però non è il capolavoro osannato da molti,un buon prodotto e basta.

PignaSystem  @  17/08/2011 22:22:08
   8 / 10
L'amaro vino del noir reso amabile da un esotismo impregnato di romanticismo ottocentesco. Il film, con i suoi dialoghi intessuti di allusioni e persi nell'aria sospesa di una terra di esuli e rifugiati, sarebbe un tenue ricamo di parole posato sul nulla, se non fosse per quella sua anima pulsante di passione repressa. Il contenuto vivo della storia è il trasporto tra i due protagonisti, stemperato dal trascorrere degli anni, ma rinvigorito dalla lontananza, ed alimentato da quel pensiero di felicità che, in tempo di guerra, è, insieme, ricordo nostalgico, ideale utopico e speranza del cuore. L'amore trae senso solo dal modo in cui, nell'interiorità dell'individuo, o nella concretezza della vita a due, sa svilupparsi in storia. Questa è la profonda verità che la celebre canzone del film enuncia in un finissimo soffio di poesia: You must remember this/ a kiss is just a kiss/ a sigh is just a sigh. / The fundamental things apply/ as time goes by.

cipcip  @  03/08/2011 14:22:54
   8½ / 10
Ottimo film di Michael Curtiz, bella la sceneggiatura e sopratutto i dialoghi.

Aloisius  @  10/07/2011 04:48:53
   10 / 10
E' quasi imbarazzante commentare questo film.
Non che non ci siano cose da dire ma è difficile trovare qualcosa su questa pellicola che non sia stata ancora detta negli ultimi 60 anni.....
Decisamente è uno dei film destinati all'immortalità, la qualità tecnica è innegabile così come la prova del cast. Bogart è perfetto nella parte dell'eroe malinconico, quasi "maledetto"; ferito e vestito di cinismo all'inizio e poi costretto a sacrificare il suo amore per qualcosa di più grande di lui.
La trama è molto concreta con pochi "voli pindarici" verso l'onirico, merito anche di Curtiz che riesce a districarsi bene tra i pericoli di cadere in qualche battuta o situazione scontata e a dare ad alcune scene una carica emotiva che ne fanno delle pietre miliari del cinema, come il finale all'aeroporto. Merito ancora maggiore se pensiamo che il film non ha praticamente effetti speciali.
Merita una citazione anche la colonna sonora "As time goes by", tra le più famose della storia cinematografica.
Un film che merita un posto nella propria videoteca

draghetta1989  @  10/06/2011 10:49:58
   8½ / 10
grande film dei primi anni 40 divenuto un mito; non è proprio i mio preferito di quel periodo ma il voto di sicuro lo merita tutto, per quanto risulti un po' più invecchiato di altri. recitazioni memorabili, la bergman era un attrice con la a maiuscola, ottima sceneggiatura e regia raffinata così come le musiche;
insomma una pellicola realizzata in modo eccellente, forse non per tutti i palati dal momento che ha un ritmo piuttosto lento, ma certamente merita di essere visto specie da chi ama il genere noir.

censurableah  @  30/05/2011 13:49:32
   9½ / 10
Chi non ama Casablanca non ama il Cinema

Lory_noir  @  29/05/2011 20:52:37
   7 / 10
Ne riconosco i meriti che lo hanno reso celeberrimo, ma devo dire che non mi ha coinvolto molto.

spockino  @  23/02/2011 23:45:28
   1 / 10
scandaloso, uno dei film pi¨ noiosi, della storia
Bogart superpompato, e finale ultraretorico.....

3 risposte al commento
Ultima risposta 14/05/2012 20.03.45
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI atticus  @  10/01/2011 00:28:55
   10 / 10
Credo che di fronte a tanta sublimata bellezza, l'unica cosa utile da fare sia tacere.
Un film che è leggenda e che va al di là dei generi e del cinema stesso.
Immenso e indimenticabile.

"Baciami, baciami come se fosse l'ultima volta!"

4 risposte al commento
Ultima risposta 12/01/2011 12.50.29
Visualizza / Rispondi al commento
rob.k  @  16/12/2010 22:27:48
   6 / 10
Concordo col commento di "Ciumi", anche se non penso sia il caso di dare meno di 6 a questo film. La realizzazione ottima, la trama discreta, ma è un mattone di una noiosità notevole...

Mothbat  @  20/11/2010 14:36:28
   5 / 10
Quoto il commento di Ciumi. Una pellicola che oggi come oggi appare solo terribilmente datata, sia nella confezione incartapecorita che negli spossanti dialoghi sentimentali. Bianco e nero stantio e pesante.
Più noioso di Via col vento che dura più del doppio, il che è tutto dire.

barbuti75  @  05/11/2010 19:14:15
   10 / 10
Esistono film che possono essere giudicati in modo oggettivo, altri che possono essere giudicati in modo soggettivo, poi c'è Casablanca.
Ho letto cose che voi umani non potete nemmeno immaginare nei commenti di chi mi ha preceduto giudicando negativamente una delle pellicole più belle della storia del cinema.
Sceneggiatura perfetta, regia senza sbavature, musiche raffinate, cast al di sopra di ogni aspettativa.
La sfinge facciale di Bogart è perfetta per il ruolo dell'uomo senza scrupoli che crede di non essere più in grado di amare, la Bergman è meravigliosa nel dividere il suo amore tra gli uomini che le hanno rubato il cuore, Lorre è un camaleonte che lascia il segno pur uscendo di scena molto presto, Greenstreet è il villain per eccellenza.
Casablanca è una storia d'amore, un'avventura esotica, un noir raffinato e psicologico, un film di guerra sui rifugiati politici...non c'è niente da eliminare quindi siete tutti attesi al "Rick's cafè americain"...

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/12/2010 09.46.04
Visualizza / Rispondi al commento
testadilatta  @  23/05/2010 03:05:09
   5 / 10
Mi trovo a commentare un fil appena visto che non mi Ŕ piaciuto per niente.
Ok, avrÓ fatto la storia del cinema, ma non mi ha lasciato nulla.


1 risposta al commento
Ultima risposta 26/12/2011 18.29.38
Visualizza / Rispondi al commento
dave89  @  18/03/2010 23:46:51
   8½ / 10
bel film...ottimi bogart e la bergman

Invia una mail all'autore del commento Living Dead  @  26/02/2010 23:48:55
   8½ / 10
Cinema americano elevato ai massimi livelli che racchiude nel finale l'essenza del dramma hollywoodiano. Una delle colonne portanti del genere, assieme a Via col vento, è uno di quei film da vedere almeno una volta per tanto che è entrato nell'immaginario collettivo. Esagerato e pieno di clichès ma per questo tanto appassionante o passionale come solo i film di quegli anni riuscivano ad esserlo.
Fin troppo statico Bogart che viene oscurato da Ingrid Bergman i cui primi piani sono da togliere il fiato.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  31/12/2009 14:50:09
   8½ / 10
Bello, non lo considero un capolavoro ma dopo tanti anni è ancora un grande film.
Pieno zeppo di cliché e carico di una propaganda anti-nazista.
Humphrey Bogart indimenticabile in questa pellicola passata alla storia.
Ci sarebbe molto da scrivere, meglio guardarlo.

Dr.Orgasmatron  @  07/12/2009 02:10:32
   9½ / 10
Più che un film una leggenda con la quale una miriade di film moderni devono confrontarsi e concedere qualche debito. Strepitosa la coppia da sogno Bogart-Bergman. Da vedere e rivedere

Dan of the KOB  @  02/11/2009 18:11:09
   8 / 10
Classicissimo del cinema con un finale dolce amaro però che sinceramente non mi sarei aspettato. Avrei pensato ad un lieto fine classico vista l’impostazione iniziale del film, invece sono rimasto sorpreso.
Per il resto ottima ambientazione e storia intrigante.
Boogie come sempre perfetto nella parte del duro dal cuore tenero, è nato per queste parti.

fedev88  @  01/11/2009 16:40:11
   8½ / 10
Questo è IL dramma romanico hollywoodiano. Vedendolo ora ci rendiamo conto di quanto il cinema debba a questo film, ma proprio per questo la trama può apparirci un po' scontata. Nulla toglie, però, a questo classico che è curato perfettamente in ogni minimo dettaglio, ogni volta Bogart con quel suo sguardo non può lasciare indifferenti.

Tony Ciccione90  @  08/10/2009 18:05:34
   8½ / 10
Fantastici interpreti per un film che è entrato nella storia del cinema (è uno dei più "citati"). Grande Bogart con la sua espressione cinica, di pietra, meravigliosa ed eterea la Bergman. Bella storia, bei dialoghi, belle musiche. Suonala ancora, Sam.

frank81  @  01/10/2009 20:58:04
   10 / 10
Fra i migliori film di tutti i tempi, nato per caso e in ecomomia....

lo sapevate che i meccanici della scena finale... quella dell'aereo che rulla sulla pista nel finale, erano nani per poter risparmiare sul modellino di aereo...

1 risposta al commento
Ultima risposta 01/10/2009 22.42.23
Visualizza / Rispondi al commento
edmond90  @  20/09/2009 08:13:40
   8 / 10
E'sicuramente uno dei film piu famosi della storia del cinema ma per me non è affatto un capolavoro,soltanto un buonissimo film sostenuto da un ottima regia,una fotografia che affascina e interpreti ormai entrati nell'immaginario collettivo.La pecca sta nella trama,che ho trovato assolutamente banale e sviluppata abbastanza noiosamente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  23/08/2009 15:11:16
   6½ / 10
Insomma, pensavo meglio. Un film un po’ troppo monotono, pieno di dialoghi talvolta lunghi. Non si può dire che sia uno dei film più coinvolgenti… La sufficienza però la merita, sia chiaro.
La Bergman non mi piace molto.

Invia una mail all'autore del commento marcocorsi  @  18/07/2009 13:26:14
   9½ / 10
Il Rick's bar sarà uno dei locali più ricordati del cinema Hollywoodiano perché Casablanca è uno dei più grandi classici in assoluto. Impossibile chiedere di meglio alla coppia Bogart-Bergman. Puntuale e precisa la regia di un giustamente premiato Michael Curtiz

Invia una mail all'autore del commento BIONDO  @  15/07/2009 23:05:40
   9 / 10
un film eccellente, bisogna vederlo

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  08/07/2009 11:42:15
   5½ / 10
Capisco che esista una valutazione oggettiva, sulla quale è difficile opinare. Ma, grazie al cielo, credo che il giudizio soggettivo conti, comunque, sopra ad ogni altro.
Questo film, a giudicare dai pareri, si direbbe perfetto: la recitazione è perfetta, l’ambientazione, i dialoghi, la regia, tutto perfetto.
Beh … personalmente trovo la sua presunta “perfezione” terribilmente noiosa. Il film lo ricordo a malapena, non c’è nulla che mi abbia lasciato.
Esistono decine di pellicole, anche ben più datate, che appaiono, ora, intatte in tutto il loro splendore. Probabilmente, ai suoi tempi, “Casablanca” ha suscitato altrettanto fascino; oggi penso l’abbia completamente perduto.

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/11/2010 13.10.05
Visualizza / Rispondi al commento
emagiul  @  24/06/2009 11:03:13
   10 / 10
casablanca appare come il film classico hollywoodiano per eccellenza, è la citazione di mille altri film,ed ogni attore rifà una prte eseguita molte altre volte..
Molteplici sono gli stereotipi e motivi narrativi che si intracciano nel film.
Due clichè fanno ridere, 100 clichè commuovono, e in casablanca ci son tutti...

Rand  @  21/06/2009 17:42:31
   10 / 10
Questo film è un classico, non per tutti, questo è CINEMA con due ICONE come Bogart e la Bergman in stato di grazia, un film noir che ha fatto storia, da vedere in originale sottotitolato per apprezzare l'espressività degli attori.
Una storia in parte inverosimile ma che negli interpreti ha la sua forza, battute storiche, in una parola imperdibile.
" suonala ancora Sam"

Bogart59  @  07/05/2009 01:43:31
   9½ / 10
Il grande classico del cinema americano con Bogart stratosferico come al solito stavolta nei panni di Rick

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  03/05/2009 14:06:48
   9 / 10
Insieme a "Via col vento" è forse il classico americano più famoso di sempre: sorretto completamente dal personaggio di Bogart (anche se era un nano era un gigante) e del suo fidato suonatore di pianobar (un simpaticissimo Wilson).
Una storia di amore e ricordi, di resistenza alla dittatura e astuzie politiche, esso risulta molto attuale nonostante siano passati più di 60 anni.
Una bravissima Bergman, anche se ha il viso sin troppo angelico per i miei gusti.

5 risposte al commento
Ultima risposta 03/01/2010 02.00.43
Visualizza / Rispondi al commento
heartbreaker  @  02/05/2009 11:29:23
   9 / 10
Impossibile non restare affascinati da questo Classico del Cinema Americano. Un capolavoro di sceneggiatura (alcune battute sono storiche) e di fotografia, un film girato benissimo e condotto da attori in stato di grazia. Humphrey Bogart è semplicemente divino, così come bellissima è la Bergman, azzeccatissima nel ruolo della donna divisa tra due metà. Un film girato in un periodo storico molto particolare (1942), un film che ha anche subito qualche censura nella versione Italiana.

Impossibile poi non citare tutti i film che hanno preso in giro o omaggiato (volutamente o meno) questo film. Provaci Ancora Sam con Woody Allen è il film che più ha preso spunto e preso in giro Casablanca.

Insomma Casablanca è un film che va visto, per capire la Storia, per capire la Storia del Cinema Americano e per gustare delle ottime interpretazioni di alcuni dei migliori attori della Storia del Cinema.

edo88  @  16/04/2009 15:51:37
   9 / 10
Non è un capolavoro né di sceneggiatura né di regia, ma piuttosto di stile, e infatti è un classico.
Gran personaggi, Bogart dal fascino mostruoso anche se io non ci vedo una bravura così elevata.
Molto meglio Ingrid Bergman che conosco con questa pellicola, e di cui voglio guardare presto altri film.
Ma anche gli altri comprimari, tutti ottimi caratteristi, danno il film molta anima.
E' dal punto di vista della storia che mi è sembrato un po' retorico e non sviluppato nel modo giusto.
Rimane un film da vedere con diverse scene da ricordare.

pinhead88  @  01/04/2009 00:34:42
   6½ / 10
Io l'ho trovato un film che risente molto del passare del tempo,lo si nota soprattutto nei discorsi amorosi.che sia un caposaldo della storia del cinema poi poco me ne importa,io esprimo quelle che sono state le mie sensazioni,non mi limito solo a questo.per me è un film abbastanza noiosetto basato su una semplice e antiquata storia d'amore piena di discorsi smielati,obsoleti e retorici,con in mezzo il solito pretesto della guerra,nulla più.questi classici qui poi non riesco proprio a digerirli,poco interessanti,retorici e soprattutto poco affascinanti con cui non hanno niente a che vedere con altri capolavori di quell'epoca che tutt'ora risultano notevoli e affascinanti.sicuramente coraggioso per quell'epoca,ma non mi ha emozionato neanche per un minuto.meno male che dura solo un'ora e mezza se no avrei lasciato perdere sicuramente.

1 risposta al commento
Ultima risposta 23/08/2009 15.13.52
Visualizza / Rispondi al commento
paolino77  @  07/02/2009 12:39:18
   9½ / 10
Grande classico con un super Humphrey Bogart, duro fuori ma tenero dentro.
“Vi faccio notare che il revolver è puntato al cuore. È il posto meno sensibile che io ho.”

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Granf  @  01/02/2009 17:20:22
   9 / 10
Un film mito. Nonostante il passare del tempo, la sua bellezza rimane intatta. Grandissimi attori, l'immenso Bogart, la meravigliosa Ingrid bergman, poi il grande Peter Lorre, Paul Henreid.
Uscito in un periodo molto critico, il film è forsè la più grande opera di propaganda antifascista della storia. Memorabili tutti i personaggi e i dialoghi. "Baciami, baciami come se fosse l’ultima volta!"

Gruppo COLLABORATORI Zero00  @  23/01/2009 18:56:39
   10 / 10
Capolavoro, senza dubbio, un film senza età, moderno, dinamico, ottimamente interpretato. Stupendo, davvero, senza parole...

Kr0nK  @  11/11/2008 16:50:28
   10 / 10
"Alla tua salute, bambina." Fantastico. A distanza di ben 65 anni riesce a mantenere la vetta tra i film romantici. Ed effettivamente, di sano romanticismo ce n'è da vendere. Un romanticismo e dei sentimenti che con gli anni, purtroppo, sono scomparsi, trasformando secondo me questo film in una testimonianza rara e preziosa di un amore oramai, con grande rammarico, considerato ridicolo dalle nuove generazioni "easy".

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  10/11/2008 08:43:18
   9½ / 10
Casablanca è forse il film più omaggiato, citato, plagiato persino parodiato della storia del cinema. Le qualità tecniche sono evidenti sopratutto nella scelta degli attori principali, nella fotografia perfetta in bianco e nero, all'atmosfera magica che riesce a creare. Personalmente se devo dare un nome alla definizione di "classico del cinema", questo film è il primo che mi viene in mente.

Invia una mail all'autore del commento domeXna79  @  31/10/2008 18:21:29
   8½ / 10
Uno dei veri classici del cinema noir d'oltreoceano.
Un vero evergreen, un capolavoro del genere che ha fatto scuola, giustamente considerato, per diverse ragioni, una delle pellicole pi¨ interessanti della storia del cinema ..le atmosfere che si respirano in quel luogo "di frontiera", quel velo di mistero che sembra calarsi su tutti i personaggi che si incontrano durante la narrazione, una costruzione in chiaro-scuro che rende meno certi i contorni accrescendone il fascino ..negli spazi dei locali intrisi di una coltre nube di fumo si giocano partite importanti, il destino e gli interessi, non solo economici, di tante persone che fuggono dalla guerra, la lotta e l'organizzazione della resistenza o pi¨ semplicemente si vive "una tormentata storia d'amore"..buona sceneggiatura, ottime ambientazioni, ritmo incalzante ed una regia che scruta bene gli sguardi dei protagonisti, una trama che rileva tante sfaccettature e capace di trasporre sentimenti contrastanti.
Un'interpretazione memorabile per Humphrey Bogart, ma anche per la bellissima Ingrid Bergman ..una regia, quella di Michael Curtiz, che sa cogliere e rappresentare in maniera perfetta tutto questo particolare microcosmo.
Un classico del cinema ..assolutamente imperdibile.

xxxgabryxxx0840  @  21/09/2008 21:22:11
   8½ / 10
Imperdibile classico con il solito Bogart sugli scudi

Beefheart  @  18/03/2008 11:12:49
   7½ / 10
Un po troppo melenso e mieloso sia per essere completamente convincente che per assurgere al capolavoro cult per il quale spesso viene fatto passare. In sostanza si tratta di un discreto melodramma che, sullo sfondo della seconda grande guerra, vissuta in una zona franca del Marocco tra spie, latitanti, miliziani ed avventori di ogni angolo del pianeta, vede l'amore subalterno, come importanza, a valori quali la lealtà, l'eroismo, l'altruismo e la lotta all'oppressore. Fotografia e location dal fascino decisamente intramontabile; buona la recitazione da parte dell'ottimo cast (Bogart perfettamente calato nel ruolo che in origine era stato pensato per Ronald Reagan), soggetto funzionante e discreta sceneggiatura che scade leggermente nell'enfatico e stereotipato rapporto amoroso conflittuale tra i due protagonisti, riscattato comunque quasi totalmente dall'ottimo finale.

Gruppo COLLABORATORI ULTRAVIOLENCE78  @  17/12/2007 19:23:36
   8 / 10
La narrazione impeccabile e le grandi performance attoriali fanno di questa pellicola un cult indimenticabile.
Purtroppo io commisi l'errore di guardarla dopo aver visto "Provaci ancora Sam", con la conseguenza che per tutta la durata del film mi veniva da ridere pensando agli "improbabili" dialoghi tra Sam e Bogart...

"Ilsa, le cose da eroe non mi piacciono. Ma tu sai bene che i problemi di tre piccole persone come noi non contano in questa immensa tragedia. Un giorno capirai... Buona fortuna bambina!".
Come concepire una conclusione più degna?

gustavone  @  10/12/2007 20:38:41
   10 / 10
un mito..ETERNO..
Humphrey Bogart leggendario...assolutamente indimenticabile...

tronco  @  23/11/2007 17:40:30
   10 / 10
Secondo me, è uno dei più belli film d'amore del cinema.
Mai noioso, attori stupendi, trama semplice ma avvincente. La fine poi è un autentico capolavoro.
Poteva risultare banale con un finale diverso, ma il regista non è caduto nell'inganno di fare un film mieloso che non sarebbe rimasto nella storia del cinema.
Il personaggio di Bogart, duro dal cuore d'oro, rimane un modello inarrivabile quasi per tutti.

edegoal  @  20/11/2007 23:17:05
   9 / 10
Un classico del cinema da nn perdere.Considerato che è stato girato 42 anni prima della mia nascita mi risulta incedibile come sia riuscito a tenermi incollato allo schermo.Grandi dialoghi,sceneggiatura magistrale e un grande Bogart nella parte del "duro dal cuore d'oro".

Sestri Potente  @  20/11/2007 14:06:39
   10 / 10
Un classico della storia del cinema: avvincente fin da subito, si conferma su alti livelli con i minuti che passano.

superfoggiano  @  18/11/2007 01:01:24
   9 / 10
non so come si fa a dare un 6 ad un film del genere che merita come minimo un 9 non solo per l'interpretazione di bogart

wega  @  11/10/2007 13:32:16
   6 / 10
capolavoro?
boh io ho fatto fatica a finirlo..non mi ha preso proprio per niente...e si che la bergman sta in cima a tutte per me...non lo so non mi ricordo nulla di particolare di questo film.
L''ho preso perchè è un cult della cinematografia,non che mi sia pentito..forse lo dovrò rivedere,ma non mi sa di fresco..credo risultasse vecchio già na quindicina di anni dopo..

Gruppo COLLABORATORI julian  @  01/09/2007 14:00:39
   8 / 10
Ecco uno dei classici del cinema.
Grandissimo Humprhrey Bogart con quella faccia scolpita nel marmo sempre impassibile e bellissima Ingrid Bergman.
Ha fatto storia... impossibile perderselo.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  01/09/2007 12:33:12
   8½ / 10
un classico=un grande film.
Curtiz reiventa un primo piano esclusivamente di uso americano che rende centrali le figure dei protagonisti sotto ogi punto di vista: il suo linguaggio cinematograico è superbo, l'imposizione di caratteristi come Bogart (attore che non si distinse quanto a espressività, quanto invece per linguaggio del corpo) e Lorre è gestita dall'elegante, introspettiva, quasi impudica macchina da presa del regista in un cocktail di musica, dialoghi, espressioni, movimenti, sotterfugi incredibilmente dominato dalla liquidità immortale della regia di Curtiz che fotografa la vita umana e i suoi dolori in un unico bar.

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroes
 NEW
why did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016621 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net