angst regia di Gerald Kargl Austria 1983
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

angst (1983)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ANGST

Titolo Originale: ANGST

RegiaGerald Kargl

InterpretiErwin Leder, Robert Hunger-BŘhler, Silvia Rabenreither

Durata: h 1.20
NazionalitàAustria 1983
Generehorror
Al cinema nell'Aprile 1983

•  Altri film di Gerald Kargl

Trama del film Angst

Un uomo esce di prigione dopo aver scontato quattro anni per aver ammazzato una donna anziana. Ma appena uscito comincia subito a sentire l'impulso di uccidere ancora. Dopo non essere riuscito ad assassinare un tassista fugge e scopre un rudere isolato dove una giovane donna vive con la madre malata e il fratello ritardato. Comincia allora a sfogare il suo piacere sadico su di loro, cercando di tenerli in ostaggio e pensando alla sua infanzia travagliata con la madre e la nonna.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,69 / 10 (40 voti)7,69Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Angst, 40 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Evarg Nori  @  21/03/2022 12:49:29
   4 / 10
Primo ed unico film del regista,ispirato liberamente alle vicende del serial killer Werner Kniesek.Una sorta di resoconto del fattaccio svoltosi nell'arco di due giorni,che si conclude nel posto in cui iniziava.Ha acquistato una certa fama nell'ambiente estremo underground,qualcuno lo definisce addirittura un antecedente di "Henry-Pioggia di sangue",ma sinceramente non condivido nè capisco tanto entusiasmo.Una regia notevole con fotografia plumbea,un protagonista azzeccato e un accoltellamento abbastanza crudo:questo è tutto quello che il film ha da offrire.Per il resto di estremo non c'è niente ad eccezione dell'estenuante e inutile voce narrante del protagonista.E se le sue azioni assurde possono essere giustificate con il fatto che è schizzato perso vogliamo parlare delle vittime?Non urlano,non scappano e non cercano neanche di difendersi se non quando è troppo tardi.Sembra quasi che aspettassero solo di essere fatte fuori(addirittura la ragazza mentre il killer le sta alle spalle gli fa un succhiotto sul collo,o se cercava di morderlo allora ha simulato veramente male!).E l'insistenza sulla presenza del bassotto come testimone della strage finisce per risultare involontariamente grottesca.A mio parere più che sopravvalutato,ed affatto indispensabile.

Italo Disco  @  17/07/2019 20:25:43
   7 / 10
Tratto da un fatto realmente accaduto nel 1980 in Austria, un horror che cerca di sondare l'anima nera di uno psicopatico. Con movimenti di macchina alienati che ho visto spesso utilizzati nei videoclip a venire e con i pensieri del matto che scandiscono le sue azioni, si tenta una cronaca di una giornata dedita al sadismo e alla sopraffazione più violenta sul prossimo. Grande prova di Erwin Leder attore dai tratti licantropeschi ma il suo personaggio è monotematico e senza sfumature, non ho provato la stessa partecipazione che ho avuto con Norman Bates o Frank Zito, le sue perversioni sono rappresentate in maniera reale compresa la sua goffaggine, ma con distacco non riuscendo a creare un vero incubo a occhi aperti. Vale la pena vederlo perché è interessante e mostra una visione diversa sulla figura del serial-killer, ma personalmente non mi ha lasciato sensazioni particolari. Musiche elettroniche molto buone di Klaus Schulze. Esistono 2 versioni una con prologo e una senza entrambe con sottotitoli, ma con una traduzione italiana diversa.

Absolutely Free  @  16/05/2019 14:08:35
   5 / 10
Tolto un comparto tecnico effettivamente impeccabile, siamo davanti a un film pretenzioso e stupidotto.
Il maggior difetto a mio parere rimane l'assoluta insensatezza delle reazioni umane dei pochi comprimari presenti, che raggiunge l'apice del trash nella scena finale.
Gode di alcuni momenti abbastanza disturbanti, per il resto aspettatevi un sacco di pipponi su come il protagonista è diventato cattivo perché è stato maltrattato da bambino e blablablabla (viene da chiedersi se il risultato sarebbe stato migliore togliendo tutte quelle voci fuori campo).
Nel genere SK a mio parere c'è di meglio (Henry: Pioggia di sangue o Serial Rapist di Wakamatsu tanto per restare in ambito underground).

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  02/11/2018 20:05:18
   7 / 10
Un viaggio angoscioso nella psiche malata di un serial killer. Peccato che in certi punti la visione si appesantisca eccessivamente. Nel complesso è un'opera molto interessante che ha pochi simili nel panorama cinematografico.

Crabbe  @  24/05/2018 23:35:52
   8 / 10
Angst rimane ad oggi la miglior pellicola sulla rappresentazione filmica del profilo di un serial killer.

DarkRareMirko  @  12/09/2016 15:18:16
   8 / 10
Buona prova filmica sul rappresentare la mente deviata di un assassino.

Ottimi make up, prove recitative e colonna sonora.

Non ha nulla da invidiare neanche se messa a confronto con eventuali film più famosi e blasonati (Maniac, Schramm, ecc.).

Cinema reale (l'assassino è divenuto tale, si narra, a causa dei proverbiali traumi infantili) e senza speranza, che non si scorda con facilità e che non perde colpi anche con eventuali re-visioni (esiste pure una director's cut in blu-ray, credo, con diverso minutaggio).

Notevole; Kargl l'avrei voluto vedere più spesso dietro la mdp.

Ciaby  @  21/07/2015 18:57:22
   8 / 10
Ma allora non è colpa di Haneke e Seidl se gli Austriaci fanno film con la voglia di vivere alle stelle: già prima erano gioiosi di natura. Un po' come gli Ungheresi che fanno pure le commedie in bianco e nero, perché non si smette di soffrire.
Comunque gran bel film. Merita anche solo perché un film dove c'è Rybczynski dietro la camera è sempre un piacere.

InvictuSteele  @  25/06/2015 11:57:41
   7 / 10
Conturbante e morboso horror ispirato da una storia. La pellicola mostra la giornata di un assassino, costringendo il pubblico a non staccargli mai gli occhi di dosso, infatti la telecamera lo segue e non stacca mai da lui, attraverso inquadrature particolari e molto interessanti. Trama ai minimi termini, niente dialoghi se non la voice-off del protagonista che ne narra gli eventi e le sue emozioni, il tutto girato con un budget irrisorio ma fatto davvero bene. Angst è un film disturbante, realizzato per shockare e che riesce a trasmettere in modo perfetto lo smarrimento e la psicopatia dell'assassino. L'escalation di violenza è favolosa, purtroppo non vi è una trama e il regista Karlg fatica ad arrivare all'ora e un quarto di durata mostrando ogni minimo movimento degli attori, non annoiando ma allungando le scene senza mai staccare, segno evidente che c'è poco da raccontare in un plot scarno. Bel film, violento e malato ma di sicuro effetto.

antoeboli  @  19/06/2015 00:09:15
   7 / 10
Uno di quei film brevi ma che ti rimangono in una parte della tua mente .
Angst non è solo un film violento, crudo e reale , ma anche un'indagine della psiche umana , un qualcosa che gia Hitchcook con il suo psycho ha voluto regalarci , ma che qui viene considerato una priorità audiovisiva .
Audiovisiva perchè per tutta la durata non ci sarà mai una parola del nostro protagonista , ne una qualche interazione tra i personaggi, che possa essere una conversazione minima . Niente !
Una circumnavigazione della sua psiche sottoforma di immagini che scorrono , in una regia si vede alle prime armi , e anche alternativa in certe inquadrature , ma che difetta in alcune sequenze volutamente lunghissime ,credo per arrivare minimo ai 60 min.
L'attore è colui che regge tutto il film ,e il volerlo prendere bruttino , con questi dentini che sembra li fuoriescano a volte danno un tocco di marcio .
Anche la musica è ridotta al minimo , con giusto un brano che viene messo in poche scene , per il resto tutto gioca sui suoni dell'ambiente e sul loro silenzio .
Consigliato ovviamente a gente con uno stomaco abbastanza forse da reggere i discorsi che dice il killer , e per chi è in cerca di qualcosa di violento .

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

alex94  @  18/01/2015 13:45:29
   8 / 10
Insieme ad "Henry,Pioggia di sangue" e a " Schramm" questo è il miglior film sui serial killer che mi è capitato di vedere.
La trama ispirata a fatti realmente accaduti è terribilmente realistica e parecchio disturbante in alcuni momenti.
La regia di Gerald Kargl,è molto buona e grazie anche alla splendida interpretazione dell'attore protagonista riesce a trasmettere un certo senso di inquietudine per tutta la durata del film.
Nel suo genere è sicuramente uno dei migliori,imperdibile.

Spera  @  25/11/2014 11:14:29
   8½ / 10
Sicuramente tra i migliori film che ho visto sui serial killer.
Anche più di "Henry pioggia di sangue" e probabilmente parecchio più disturbante.
Anche "The poughkeepsie tapes" era cattivissimo ma questo film è interpretato da un attore con un viso davvero spaventoso tanto che il "Maniac" con Spinell vi sembrerà uno sbiadito ricordo a confronto.
Puro istinto omicida che viene raccontato con una regia coinvolgente e un personaggio perfetto nei panni che veste.
Ora mi rimangono Schramm ed Evilenko.
Staremo a vedere ma questo film è grandioso nella sua potenza e il tedesco lo rende ancora più duro e spietato.
Scioccante a più riprese.

GianniArshavin  @  25/02/2014 16:35:26
   7½ / 10
Angst è una pellicola del 1983 che narra le vicende di uno psicopatico assassino che non riesce e frenare questo suo impulso omicida.
La caratteristica principale di questo film austriaco è l'estremo e disturbante realismo. Le gesta del killer sono raccontate con uno stile documentaristico disarmante per il suo essere veritiero,che coinvolge lo spettatore nelle azioni e nei pensieri di questo individuo. La frenesia,la bramosia e l'eccitazione che l'assassino prova nel commettere i suoi atti è resa alla perfezione,sia nelle movenze (a tratti goffe a tratti efferate) che nei comportamenti (freddi o sconclusionati).
Anche il fattore psicologico è un elemento fondamentale nell'opera,visto che durante tutta la visione la voce fredda e distaccata del criminale ci racconterà le sue sensazioni e il suo travagliato passato. Inutile dire che il mix immagini\voce narrante creano un senso di disagio in chi sta guardando.
Ad aumentare le sgradevoli sensazioni c'è una regia ispirata e fantasiosa che segue il protagonista in ogni momento evidenziando qualsiasi suo movimento.
La macchina da presa ci immergerà totalmente nella storia e molte riprese ed inquadrature sono davvero indovinate non risultando mai confusionarie.
La colonna sonora e le location sono state scelte saggiamente dal regista per aumentare lo straniamento che questa vicenda vuole provocare.
Da sottolineare la prova dell'attore principale,fra i migliori nell'impersonare uno psicopatico killer. Il film si basa tutto sulla sua prova e devo dire che riesce benissimo nel suo intento,creando un personaggio tanto sadico e violento quanto goffo e realistico nei comportamenti.
Se proprio devo trovare un difetto la pellicola in alcuni momenti (voluti) esagera nel voler rappresentare il mostro come sbadato e questo fattore smorza un po la tensione visto che certe scene sono un po macchinose e "buffe". Inoltre avrei preferito delle vittime più "attive" e non solamente manichini messi li tanto per essere ammazzati.
Comunque Angst,nonostante la sua totale lontananza dai canoni moderni del thriller,rimane un lavoro da vedere ed ammirare per la grande verosimiglianza e per il realismo totale che trasmette. Resta un mistero il perché il regista,dopo questo titolo,sia del tutto sparito dalla circolazione.

BlueBlaster  @  29/01/2014 14:46:51
   7½ / 10
Questa opera di Gerald Kargl non è un film a tutti gli effetti ma bensì un racconto su pellicola della mente di un serial killer...
una sua giornata in cui mette in atto le pulsazioni rendendoci partecipi dei suoi pensieri ed infatti i dialoghi sono quasi assenti e lasciano la totalità dei "discorsi" alla voce narrante dello stesso maniaco.
Di film così ce ne sono pochi, sarebbe da far vedere alle accademie forensi e di criminologia, non so dove abbiano reperito informazioni così plausibili sui comportamenti di uno psicopatico...certamente per il 1983 questo era un film sperimentale ed atipico e rimane ancora oggi attuale!
Se volessimo classificarlo tra i film sui serial killer, anche se appunto non vi è una vera e propria trama, questo si potrebbe dire sia il migliore perché l'introspezione del personaggio è curatissima...si alternano spiegazioni del suo passato e della sua infanzia a riflessioni su cosa sta facendo e quali siano le sue intenzioni nel momento in cui si svolgono le azioni.
La psicologia del disturbato individuo è realistica...non resiste alle pulsazioni sessuali ed al desiderio di compiere degli omicidi, pianifica i suoi futuri omicidi con cinismo verso le vittime, ha paura di se stesso ma non teme le conseguenze delle sue azioni, per certi versi è attento e calcolatore ed in altri momenti si fa prendere dall'agitazione e compie errori ed azioni maldestre.
Guardatelo con l'occhio alla realtà, perché di questo si tratta, ed il film risulterà agghiacciante e spaventoso...siamo tutti possibili vittime di certi individui che ragionano in base ad un istinto innaturale ed incontrollabile!

La regia è di altissima qualità, lo si vede sin dai titoli di testa mentre la camera scruta lentamente il carcere con una ipnotica, elettronica e minimalista colonna sonora (altro punto forte della pellicola e a cura di Klaus Schulze)...fotografia fredda alla "Twin Peaks",location desolate e torbide, montaggio riuscito a parte in una scena (quella della vecchia scaraventata contro un muro).
Dopo una prima parte inquietante e di atmosfera in cui il regista che avvicina al killer parte il delirio di omicidi e sevizie, sempre coadiuvati dal pensiero dell'uomo...toccando persino necrofilia e vampirismo, non siamo a livelli estremi o gore ma cruda realtà sanguinosa e spaventosa.
L'attore protagonista mette in piedi una prova magistrale risultando il serial killer più inquietante e realistico che abbia mai visto ed il regista è bravissimo ad immortalare le sue stranianti espressioni da alienato o le sue fughe concitate seguendolo con la camera a mano rendendo ancor più palpabile la situazione.
Epilogo perfetto con pre-titoli finali esplicativi a riguardo di questi malati.

UN GIORNO DI ORDINARIA FOLLIA

Jolly Roger  @  08/01/2014 13:31:30
   7½ / 10
ANGST è un film davvero particolare e confesso che non mi sono fatto un'idea precisa sul voto che merita.
Il film narra del massacro compiuto da un serial killer ai danni di una famiglia di 3 persone, ovvero una madre anziana, la figlia giovane e l'altro figlio più grande, che purtroppo è paraplegico e ha un ritardo mentale.
Il film trae spunto da una storia vera, quella di un tale assassino di nome Werner Kniesek , che ha massacrato un'intera famiglia in Austria.
Lo stile è realistico e documentaristico: Angst non ha una vera e propria trama ma è la semplice ripresa delle azioni nefande compiute dal killer nell'arco di circa 24 ore, a partire dal rilascio dalla prigione in cui era detenuto. Le azioni sono accompagnate dalla voce fuori campo dello stesso killer, che narra, con voce fredda, elettronica, completamente arida di umanità, le sue sensazioni mentre compie tali azioni, oppure semplicemente sovrappone alle azioni presenti i ricordi della sua fanciullezza, deformati dalla sua mente.
L'intento è quello di sviscerare il comportamento, le emozioni e le sensazioni del killer, con lo stesso stile con cui un documentarista inquadra il serpente che si avvicina quatto alla piccola preda, con la telecamera che sosta sui suoi occhi e sulla bocca mentre la ingoia. Del resto, il killer è un animale. Un predatore. Tutto quello che fa è deformato da questa natura deviata: come ragiona, come parla, come guarda. Persino come mangia avidamente e nervosamente una salsiccia al bar, bramando due ragazze sedute al bancone. Sembra uno sciacallo mentre sale le scale con la candela in mano, muovendo la testa per cercare la ragazza e dicendo con voce stridula: "Tu! Tu! Dove sei?". Allo stesso modo, dopo l'omicidio raggiunge un livello di eccitazione tale da essere assolutamente ridicolo, buffo e sgraziato. E talmente idiota che persino questa sua idiozia isterica risulta terrificante.
L'interpretazione dell'attore è da Oscar. Angst è un documentario perfettamente riuscito ma proprio questo realismo della vicenda, che è l'aspetto più pregevole, ne costituisce anche il peggior difetto, perché il film cade un po' nel morboso e il finale risulta sbrigativo e quasi ridicolo (questo è il prezzo che il film paga volendo rappresentare con assoluto realismo una vicenda vera o comunque molto verosimile di cronaca nera).
È un film per pochi, ma con indubbie qualità.

Melefreghista  @  25/07/2013 17:35:18
   9 / 10
Una pellicola molto originale, a mio avviso merita di essere considerato miglior film sulla psiche del "serial-killer".
Il film è quasi interamente incentrato sull'aspetto psicologico del protagonista, i dialoghi sono ridotti a zero e ciò che si vede è esclusivamente l'esasperazione delle emozioni del killer che prendono forma attraverso le sue azioni.


Esperienza emozionante.
Consigliato.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  05/10/2012 15:28:16
   7½ / 10
Dialoghi quasi inesistenti, solo i pensieri squilibrati di un uomo che dopo dieci anni passati in prigione continua a sentire il bisogno di uccidere.
Tornare in libertà equivale a poter sfogare di nuovo pulsioni conseguenti un'infanzia violenta e disagiata.
La tenebrosa colonna sonora fa da martellante sostegno alle macchinazioni dell'ex carcerato,al quale non sembra vero quando casualmente finisce in una villa isolata abitata da un'anziana signora e i suoi due figli, di cui uno disabile.
Eccezionale la regia sofisticata di Gerald Kargl, spesso consacrata al particolare fisico e regolarmente allucinata nel rafforzare il senso d'alienazione del mostro.La maggior tensione è generata dalla freddezza delle meditazioni, conseguenza logica di una brama omicida incontenibile.
Giusto chiarire che non si tratta di uno splatter-movie, si conta solo una scena particolarmente sanguinosa in cui tra l'altro spicca il geniale contrasto tra la brutalità del momento e una pallina colorata in gomma, un oggetto appartenete ad un mondo puro e dolorosamente incongrua con il quadro generale, come la presenza sul luogo dei delitti di un cagnolino, muto testimone delle perversioni dell'assassino.
Le vittime sono presentate senza personalità come fossero figurine pronte all'uso, non c'è pietà né compassione per la loro sorte.Una definizione mirata in quanto Kargl filtra il mondo circostante secondo la logica ottenebrata del protagonista, virata al surreale anche nei confronti degli avventori di un bar dove i suoi sadici istinti per ben due volte verranno solleticati non poco.
Straordinaria la gestione post-omicidi, l'ansia del mostro esplode mentre tenta di far sparire le tracce del suo passaggio cercando comunque di non soffocare l'urgenza tipica del serial-killer di mostrare agli altri le proprie "doti".
La forza di "Angst" sta soprattutto nel dare credibile consistenza a impulsi di lancinante spietatezza, connettendo bene lo spettatore alla follia del protagonista.

guidox  @  10/06/2012 17:40:40
   8½ / 10
l'interpretazione di Leder è stratosferica ed eccelle in un contesto di altissima qualità.
la voce fuori campo ci sta, anche se probabilmente la totale assenza di essa con l'adozione di un altro espediente per presentare il personaggio, avrebbe fatto diventare questo film un vero e proprio capolavoro.
stilisticamente ottimo, mai fine a se stesso nel lavoro psicologico, Angst risulta diretto e senza fronzoli e arriva dove vuole arrivare con una forza d'impatto devastante.
disturbante per quanto si riesce ad entrare nella mente di questo pazzo, facendo stridere la sua malattia delirante con la semplicità con cui compie gesti tanto efferati.

Weltanschauung  @  22/05/2012 11:17:04
   9 / 10
*Presenza di Spoiler

Gerard Kargl è un regista austriaco semisconosciuto, divenuto famoso e fonte d'ispirazione per molti registi, esclusivamente per il suo film "Angst".
Con un esiguo budget a disposizione e cosceneggiato in coppia col famoso filmaker polacco Zbigniew Rybczynski, qui anche rigorosissimo direttore della fotografia, Angst è un film che non si concede a convenzioni di nessun tipo.

Un breve prologo documentaristico, inerente alla biografia dell'assassino, ci introduce a quella che è in assoluto la più grande opera cinematografica sulla psicologia di un serial killer.
Un uomo esce di prigione con un impellente desio di uccidere altri esseri umani, trova una villetta in periferia, vi si infiltra clandestinamente e attende il ritorno dei proprietari.
Giunti questi ultimi, egli scarica su di essi tutta la sua furia omicida.
Fatto ciò, si dirige verso la città, entra in un bar ma in breve tempo sopravviene una squadra della polizia che lo arresta.
Senza fronzoli e clichè di genere, Kargl ci fa immergere immediatamente in una giornata ossessiva nella mente di un assassino.Tramite i suoi gesti e la voce fuori campo, riusciamo a percepire incredibilmente la pulsione dispotica ed irrefrenabile del fare del male al prossimo.
Il contrasto tra la gelida voce narrante del protagonista e i suoi movimenti scoordinati causa allo spettatore un perfetto esempio di straniamento Verghiano. Ma attenzione, ciò che si percepisce non è assolutamente il semplice sadismo dell'atto di uccidere, perchè il protagonista sembra farlo solamente per se stesso, per puro egoismo. La sua è una totale idolatria per l'esecuzione e per l'atto della morte in sè.
Che sia confusione sessuale, infanzia violenta, simbolismo, venerazione del cadavere, glorificazione di se stesso, piuttosto che odio verso la dissezione o verso la decomposizione, non importa a Kargl.

La regia riesce perfettamente a cogliere le contraddizioni tra le oscure pulsioni degli individui e l'apatica razionalità paranoica delle norme sociali, facendo arguire con estrema facilità le prospettive in cui il mondo si distorce di fronte agli occhi del primo attore. Durante la visione, merito un formidabile iperrealismo, ci si perde nel caos, nella paura e nella corrosione animica.
"Angst" non è solo un magistrale psicodramma, perchè oltre ad essere un grande prodotto cinematografico sullo studio analitico delle voragini criptiche della mente, è anche ottimo cinema sotto tutti i punti di vista.
La messa in scena è semplice e schematica e la regia dal taglio documentaristico è convulsa e sperimentale, ogni ripresa è studiata nei minimi dettagli ed è perfettamente funzionale all'atmosfera degente del film.
Con un alternanza di Dolly, steadycam e camera a spalla, sia le riprese nella casa che quelle esterne alla proprietà risultano così penetranti, claustrofobiche e profondamente efficaci.
Colmo di sequenze strepitose, "Angst" ha dalla sua anche una fotografia freddissima ed una sceneggiatura minuziosa, oltre che delle sublimi musiche di Klaus Schulze.
Il tedesco, in questa sua ennesima collaborazione, diede probabilmente il meglio di sè, i suoni creati han una risonanza vitale e son impeccabili nel trovare un equilibrio fra spazi e ritmi, fra impasse e dinamismo.
Un plauso anche alla recitazione di Erwin Leder, nel suo ruolo allucinato mette in mostra una destrezza ed una abilità strepitosa.

"Angst" è una rappresentazione degli impulsi arcaici che si scontrano inevitabilmente con i metodi moderni della psicanalisi. E' un affresco della coralità di quelle estasi oscure ed inspiegabili completamente estranee alla psicologia o alla sociologia.
Tutto ciò che è chiamato bene e male, puro ed impuro nella pellicola di Kargl pare non avere più alcun senso, è come se si fossero trascese le forme, spezzati i limiti, ottenendo un' apertura verso l'incondizionato.
L'idea del male, col suo significato generico, dato dai contenuti variabili, dovuti alle condizioni sociologiche e storiche, non è ben accetto nella pellicola del regista Austriaco.
Qui vi è solamente una rappresentazione di una realtà parassitaria, pallida, inconsistente, con paesaggi piovosi, che fungono da specchio di un'anima decadente.
Si avverte un vero punto di rottura nell'ordine delle cose, vi è un apertura all'elementare, a quel mondo di forze psichiche profonde e metapersonali che tendono ad una specie di sovvertimento della natura, ad un rigetto di tutte le norme ancestrali.
Alla coscienza sregolata non rimane così che rincorrere qualcosa di indefinito e la folle corsa contro il tempo, la dissociata bramosia di penetrare nella carne altrui, diviene così realtà.
Kargl riuscì a percepirlo ed a rappresentarlo, e mai nessuno è stato capace di portare tutto questo nella settima arte con la medesima lucidità.

marfsime  @  20/01/2012 23:03:40
   7 / 10
Ciò che stupisce di più di questa pellicola è la grande freddezza che viene usata dalla voce fuori campo per descrivere i pensieri del killer..voce che sembra rispecchiare a pieno la follia omicida. A parte quest'aspetto comunque il film è molto buono sotto molti punti di vista..in primis ottima regia e protagonista assolutamente all'altezza del copione. Peccato però per quanto concerne l'aspetto del sangue..secondo me si poteva osare di più..anche a livello di scene disturbanti non m'è sembrato molto incisivo. Nel complesso un 7 pieno se lo merita certamente.

Gruppo COLLABORATORI ilSimo81  @  27/10/2011 17:10:35
   9 / 10
La storia narra, quasi in tempo reale, le prime ore di un uomo appena scarcerato dopo un lungo periodo di reclusione. Un uomo pervaso da una smodata ed irresistibile pulsione ad uccidere. Ancora.

"Angst" è un'autobiografia narrata dal protagonista. Un uomo psicopatico, sadico e violento, eppure freddo, lucido e distaccato nell'analisi della propria vita e del proprio agire.
In una storia senza dialoghi, lo sfondo sonoro è un'alternanza di rumori freddi e ripetitivi (un continuo gocciolio, lunghe sequenze di passi) e di musica cupa o metallica. La voce dell'uomo interviene sporadicamente: a volte per rievocare freddamente alcuni tremendi ricordi, gli eventi di un'infanzia che lo ha indelebilmente segnato; altre volte per esporre con lucidità e distacco emozionale le proprie azioni, frutto di pulsioni e sensazioni che lo pervadono selvaggiamente.
La psicopatia dell'uomo si annida in questo contrasto quasi schizofrenico: se la volontà di uccidere nasce nel suo profondo in maniera consapevole, accompagnata dall'intento di pianificare le violenze ideate, al momento di agire le pulsioni prevalgono sulla razionalità, cancellandola. Ogni violenza scaturisce dall'improvvisazione, condizionata da una violenta pulsione emotiva oppure da un evento imprevisto. Le sue azioni sono frutto della paura che lo pervade in quell'attimo, una sensazione di profonda angoscia
(in tedesco, appunto, Angst).

"Angst" sembra voler delineare con precisione i contorti meccanismi della mente di un assassino psicopatico.
Se l'obiettivo appare ambizioso, la realizzazione è senz'altro ottima. La prova d'attore è straordinaria e contribuisce a disegnare egregiamente il protagonista, incarnazione della follia che si traveste da normalità (immagine resa dall'elegante e immacolato frac indossato sopra una lurida camicia inzuppata di sangue).
Lo svisceramento della psiche del protagonista è costruito tramite una geniale alternanza di avvicinamenti alla figura dello psicopatico (la sua voce che si racconta, oppure primi piani improvvisi) e di repentini allontanamenti
(certe silenziose azioni dell'uomo, oppure la telecamera che si allontana per riprenderlo dall'alto).
L'impatto visivo è allestito in maniera semplice, ma sagace, per lasciare nello spettatore un sentore freddo, tetro, lurido. Netta la dominanza, fisica e psicologica, del grigio, costruita tramite luci fredde, assenza quasi totale di colori caldi, ambientazioni desolate e cupe.

"Angst" ricrea nello spettatore l'angoscia di cui il film stesso si ciba. Crudo, diretto e coinvolgente.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  11/09/2011 19:53:17
   8 / 10
La quotidianeità di un folle dissezionata in tutte le sue sfaccettature. Nutrirsi del frutto delle proprie fantasie, vivere solo per quello nella più completa amoralità. Essenziale e claustrofobico, girato con molta maestria utilizzando moltissimo il dolly, privilegiando soprattutto inquadrature dall'alto che aumentano l'effetto straniante della pellicola.

sweetyy  @  12/06/2011 15:32:17
   8 / 10
Inquietante e claustrofobico, Angst è un film come pochi nonostante la trama sia scarna e il film sia realizzato con 2 soldi.

lupin 3  @  12/06/2011 14:05:52
   7½ / 10
Non un capolavoro, ma sicuramente un buon film.

7219415  @  01/05/2011 23:49:30
   7½ / 10
Mamma mia...l'attore è veramente perfetto...e recita la parte davvero incredibilmente...il voto infatti è più per la sua recitazione che per il film che di per se da un certo punto in poi...cala un po' a parer mio...

Oskarsson88  @  31/03/2011 22:24:11
   8 / 10
In diretta dalla mente dello psicopatico, i suoi pensieri e la sua instabilità, la follia e il sadismo che lo impregnano. Bravissimo l'attore e suggestive le musiche e le inquadrature, in questo scenario di violenza e soprattutto di paura morbosa, paura degli altri e di se stessi... davvero un gioellino, l'inizio è memorabile e seppure in seguito perde un po' in quanto ad avvenimenti resta sempre dall'alta tensione, e d'altronde è basato su di una storia vera, perciò la segue coerentemente... paura!

Manu90  @  05/12/2010 12:45:54
   7 / 10
Ero molto dubbioso su che voto dare a questo film. Quasi tutti ne parlano benissimo, tant'è che dalla maggior parte viene considerato il miglior film sulla psicologia del killer. Tuttavia a me non ha colpito più di tanto, anche se ovviamente riconosco la grandiosa interpretazione di Leder. Regia più che buona quella di Kargl, che muove la "macchina" in modo da creare ancor più tensione nello spettatore. Pochissimi dialoghi (apparte la voce "fuori coro"), tanta violenza e crudeltà. Un film importante senza dubbio, fonte d'ispirazione per molti registi e lavori futuri, ma non mi ha colpito come speravo.

Invia una mail all'autore del commento ziokartella  @  03/11/2010 16:55:21
   9 / 10
crudo-sadico-cattivo-essenziale-malvagio-...andiamo avanti ancora? Forse il più bel film girato sull'argomento!

wooden  @  29/06/2010 11:07:11
   9 / 10
Una scheggia cosmica dalla regia straordinaria.

Psicologico ed insano, straordinarie le musiche, straordinario tutto.
Oscar alla migliore interpretazione animale.

2 risposte al commento
Ultima risposta 07/10/2012 20.20.00
Visualizza / Rispondi al commento
Aztek  @  25/05/2010 18:04:12
   8 / 10
Questo film è un viaggio nella mente malata di un serial killer, dove viene evidenziato in maniera inquietante il bisogno primario di morte che scorre nelle sue vene.
Tranne alcune scene, di sangue non se ne vede molto, ma si respiara un aria insana durante tutta la pellicola.
Film non per tutti.

Invia una mail all'autore del commento Gondrano  @  18/04/2010 23:52:52
   10 / 10
Il miglior film sui serial killer mai visto, ed uno dei migliori film in assoluto.
Senza orpelli né fantasiosi intrattenimenti, Kargl ci fa entrare con fastidiosa e spietata lucidità in una giornata da incubo, dove quasi in tempo reale vediamo, viviamo e "sentiamo" la pulsione violenta, irrefrenabile, orgasmatica (nel vero senso della parola), del fare del male a qualcuno, chiunque può andar bene.
Non un agire a cui è stato attribuito un fine, ma la violenza come inconscia ragion d'essere.
Tutto è sotto i riflettori, la follia ma anche la disperata e disperante impotenza e debolezza del folle, che per l'espressione e le modalità di realizzazione dei suoi "piani perfetti" arriva a suscitare compassione, nonostante l'orrore che sta rappresentando. Non empatia, si badi bene; semplicemente pena.
La speranza e la redenzione non abitano qui; in tal senso il finale è apodittico, ineffabilmente e disperatamente necessario. Il cerchio, nel volgere di un tempo brevissimo, si è chiuso.
Credo che poi, in questo caso, il low budget sia stato l'elemento che ha reso perfetto il tutto.
Non lo dimenticherete.

6 risposte al commento
Ultima risposta 14/05/2010 18.45.11
Visualizza / Rispondi al commento
KOMMANDOARDITI  @  14/03/2010 01:44:30
   8 / 10
LA ANGUSTIA DEL MIEDO,questo è il titolo della versione in dvd uscita in Spagna qualche annetto addietro. Ricordo che a consigliarmelo fu ,in sogno,durante la notte, lo spirito inquieto di un uomo calvo,barbuto,occhialuto...un attore forse...si ,l'avevo visto in LUCA IL CONTRABBANDIERE,ma anche in ZOMBI 2 nel ruolo del direttore del quotidiano che affidava un incarico al reporter Ian McCulloch!!! Sinceramente sono rimasto veramente a fauci spalancate ,ipnotizzato dal modo di girare di Gerard Kargl: non mi aspettavo assolutamente uno stile così personale,sperimentale eppure tanto moderno anche oggi che siamo nel 2010! Il protagonista ,interpretato da un Erwin Leder secondo solo al compianto Joseph Spagnuolo(calabria saudita!),pazzo maniaco in libera uscita dal luogo in cui era detenuto,viene sin dall'inizio ripreso dal regista nelle maniere più scomode e infastidenti possibili: dall'alto con lo zoom,di sguincio,di traverso,lateralmente ma con camera traballante...insomma un tour de force pervicace con i nervi dello spettatore!Si evince pertanto già da subito l'intento di portare all'esterno il profondo disagio mentale del personaggio cercando di incutere in chi osserva un senso di nausea e rigetto. Veder masticare un wurstel in primissimo piano mi ha riportato con la mente al selvaggio entomofago del poco meritevole CANNIBAL FEROX.....Scena da incorniciare idealmente resta quella della fuga nel bosco con la macchina fissata sul corpo(modalità già impiegata da Scorsese in MEAN STREETS). A parte qualche passabile incongruenza nel comportamento di alcune vittime(decisamente fuori contesto o fini a se stesse) ed un finale forzatamente stile "autore che non sa come chiudere originalmente e allora chiude banalmente" il film di Kargl resta un imprescindibile documento per chiunque si accinga a trattare di serial killer e meccanismi psicologici relativi. CURIOSITA':il film purtroppo non è mai giunto da noi in Italia....personalmente l'ho visto con i srt del traduttore automatico....(!!!meglio in lingua originale!!!).

phemt  @  04/03/2010 09:53:58
   7½ / 10
Il film preferito di Fulci insieme a Il Cameraman e l’Assassino, questo Angst rappresenta l’ultimo film di un certo Kargl che per motivi che credo siano sconosciuti un po’ a tutti è totalmente scomparso dalle scene e anche a livello underground non ha certo un seguito poi tanto vasto quanto meriterebbe…

Introspezione profonda (ma praticamente senza dialoghi) nella mente disturbata di un serial killer concentrata prevalentemente sulle sue irrefrenabili pulsioni e sui suoi pensieri distorti…

Messa in scena sordida e zozza come poche altre, stile documentaristico/realistico al limite dellla cronaca, regia molto interessante, riuscita e minimalista fatta quasi tutto di costanti movimenti macchina e campi lunghi mediante dolly altissimi (ma va citata quantomeno la scena della fuga nel bosco), ottimo l’attore protagonista e adeguata colonna sonora…

Probabilmente senza voce off (che comunque è fondamentale all’interno dell’opera) sarebbe stato un capolavoro: secco, freddo, cronachistico e parecchio più disturbante in quanto non si darebbe allo spettatore il benché minimo appiglio!
Senza infatti la voce fuori campo Kargl avrebbe di gran lunga anticipato lo stile che ha poi reso famoso in patria Haneke con la sua trilogia della morte…

Come prodotto underground va assolutamente visto ma perde (e non di poco) il confronto con altri classici del genere (uno su tutti il più “classico” Maniac) per non parlare dello Schramm di Buttgereit anche se sembra evidente un certo influsso dell’opera di Kargl nel cinema Buttgeriano per quanto i due registi mantengano grosse differenze (più classico Kargl, più eccessivo, sperimentale, underground e grottesco Buttgereit)…

4 risposte al commento
Ultima risposta 04/03/2010 13.22.13
Visualizza / Rispondi al commento
TheLegend  @  17/02/2010 17:10:20
   7 / 10
Esperienza di follia omicida attraverso gli occhi di un serial killer.
Ottima la regia e le musiche.
Peccato per alcuni momenti che annoiano un pò e per alcuni attori non all'altezza dell'attore principale che praticamente regge il film da solo.
Ad essere sincero non mi ha disturbato molto la visione,mi aspettavo qualcosa in più...comunque un buon film ma non un capolavoro

ide84  @  15/02/2010 22:50:20
   5 / 10
Che dire, mi aspettavo di meglio..più che disturbante l'ho trovato soporifero. Sinceramente del genere serial killer ritengo Henry pioggia di sangue insuperabile e da utilizzare come paragone per altri film. Angst cadrà facilmente nel mio personale dimenticatoio...anzi com'era il titolo ?!!

The Cinema  @  25/01/2010 11:12:17
   8 / 10
REGIA 8.5
registicamente stiamo parlando di un grande film. sia che riprenda con il campo lungo o che stringa il protagonista da vicino non c'è una sola ripresa fatta a caso o decontestualizzata dall'atmosfera malsana e violenta. le riprese interne sono realmente claustrofobiche e malate,mentre quelle esterne della proprietà scivolano tra gli alberi creando un'inquietudine visiva notevole. la sequenza nel locale(strepitosa) è tagliente,animalesca ed incredibilmente efficace. da applausi anche la corsa finale in macchina.

MUSICA 8.5
se il film è visionato con le condizioni di solitudine adatte e con un buon paio di cuffie questo comparto musicale si lega alla perfezione con ogni aspetto del film,contribuendo a creare un'atmosfera crepuscolare di disperazione e violenza psicologica. sono presenti tre temi musicali che si alternano continuamente,e la loro efficacia risiede anche nel fatto che entrano in gioco al momento giusto dando vita ad un amalgama audiovisivo che centra perfettamente l'obiettivo di mettere a disagio lo spettatore

SCENEGGIATURA 7
trecentoventi battute in gelido voice off di ricordi,racconti e considerazioni da parte del protagonista e una manciata di dialoghi in real time. la psicologia del personaggio è resa bene e la sua logica deviata si delinea chiaramente.
certo si poteva fare molto di più per approfondire psicologicamente,ma il film ne sarebbe uscito appesantito e la sua forza visiva dimezzata.
un buon lavoro in ogni caso.

INTERPRETAZIONI 7.5
lui è una maschera e ha davvero gioco facile ad interpretare un personaggio del genere. però ci si mette pure di impegno e riesce bene nell'impresa di dare una credibilità realmente accettabile a un folle omicida,e questo in un film di genere non è davvero cosa da poco.

CONTENUTI 7.5
credo che il regista tramite uno stile quanto più distaccatamente chirurgico possibile volesse rendere realisticamente(non parliamo di putt***te americaneggianti alla seven o silenzio degli innocenti) il modo di agire e parte della psicologia di un omicida malato mentale tramite i suoi gesti e le sue parole. e ci è riuscito meglio di qualsiasi altro film dello stesso genere credo.
forse solo "henry" gli si avvicina in questo.

FINALE 8
un film non facile che disattendendo parte dei clichè cinematografici a cui siamo purtroppo assuefatti alterna tempi narrativi molto dilatati a disturbanti sfuriate di violenza,comunque ampiamente introdotte da un'atmosfera che dal primo all'ultimo minuto si mantiene asfitticamente pesante e malata.
a ciò si aggiunga una regia stupefacente e una grande colonna sonora che incorniciano perfettamente le intenzioni tematiche dell'opera,che sono del resto portate avanti programmaticamente con lucidissima coerenza narrativa e realizzativa. una film artisticamente feroce.

carriebess  @  23/01/2010 19:37:31
   9 / 10
Visione ai limiti del sopportabile: non ho mai visto un film che entrasse così da vicino nella mente di un serrial killer.
Regia schietta e senza fronzoli.
Altamente disturbante.

Kankr■na  @  16/11/2009 21:09:08
   9 / 10
Angst, come prima cosa, ha una regia straordinaria, e questo non si può negare. Le caratteristiche di questo lavoro di camera si vede da una scena all'altra. Aldilà di tutto, penso che Angst sia il film più bello mai realizzato su un Serial Killer. Mi ricomplimento per la perfetta regia, e le musiche aggiungono una cruciale energia cinematica che non lascia nulla a desiderare.

Il Killer trova una casa isolata dove compiere i suoi efferrati omicidi. Un uomo di mezza età ritardato mentalmente e ridotto in sedia a rotelle sarà la prima vittima di quest'omicida. Sinceramente, a me il povero ritardato mi ha angosciato. Dopo compariranno la madre e la sorella di quest'uomo. Gli omicidi diverranno un affare di famiglia indesiderato.

Mi dispiace molto per la suora giovane. Lei è quella che ha subito più brutalità. Il Killer, con lei, entra in un vero orgasmo di sangue e sadismo molto raccapricciante. Mi cade una lacrima se penso che i veri killer, nella vita reale, facciano queste orripilanti cose prima dell'arrivo inesorabile del percorso vitale delle vittime. L'unico momento "carino" di Angst è quando entra in gioco il cane. Lui guarda gli omicidi scodinzolando, felice, e poi si nasconde sotto le coperte dell'omicida. Come amante dei cani non potevo farmi scappare questo particolare ;)

Tornando al film, Angst racconta il percorso dell'infanzia del killer in maniera superba. Non dico che si possa rimanere emozionati da quello che gli accade da piccolo, però ci può far capire perchè da cresciuto si comporti in quel modo. Angst è un film sui Serial Killer, l'unico in grado di fare un impeccabile psicoanalisi della mente del protagonista. Un Must.

HANNIBAL LECTER DOVREBBE ESSERE FIERO.

1 risposta al commento
Ultima risposta 12/01/2010 23.39.46
Visualizza / Rispondi al commento
pinhead88  @  03/01/2009 18:04:21
   5 / 10
non malaccio,mi sembrava di vedere uno di quei film tedeschi che trasmettono su raitre alle 4 di mattina.la pellicola è sicuramente disturbante per alcuni versi,ma leggendo i commenti sotto rimango perplesso..io sono un fan del genere sk,ma con questo non ne sono rimasto granchè entusiasmato.il film si svolge in modo lento e dura poco più di settanata minuti.l'ho seguito per bene tutto il tempo,ma non sono mancati alcuni momenti di noia.la figura del serial killer è molto affascinante,mi sembrava quasi una sorta di gollum perverso.comunque provate a dargli un occhio,almeno voi amanti di questo genere.

Tom24  @  24/12/2007 14:29:51
   8 / 10
Mio dio, è probabilmente il film più angosciante che mi sia capitato di vedere.
Tremenda la freddezza con cui ci vengono mostrate le scene, così come la dettagliata analisi nella mente del killer psicopatico, interpretato da un vero "mostro" di bravura. Nota di merita soprattutto alla regia, minimalista, non si lascia sfuggire neanche un piccolo particolare, scruta il nostro inconscio con immagini e inquadrature di grandissimo effetto.
Se fossi un amante del genere questo sarebbe proprio il top.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento goat  @  27/10/2007 14:34:54
   9 / 10
uno dei migliori film sui serial killers mai girati.
depressivo, disturbante e senza speranza.

9 risposte al commento
Ultima risposta 06/11/2007 16.46.09
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

adaadorazionealcarras - l'ultimo raccoltoall the streets are silentalla vitaamanti (2020)american nightblack parthenopebodies bodies bodiescarter (2022)casablanca beatscip e ciop: agenti specialicome prima (2021)dashcamdoctor strange nel multiverso della folliadue donne al di la' della leggeelizabeth (2022)elvis (2022)emergencyesterno notte
 NEW
fallfassbinderfemminile singolarefirestarterfly - vola verso i tuoi sognifreedom (2021)gagarine - proteggi cio' che amigenerazione low costgli stati uniti contro billie holidaygold (2022)hill of visionhope (2019)hustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil naso o la cospirazione degli anticonformistiil paradiso del pavoneil talento di mr. cil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e lulu'io e spottyitalia. il fuoco, la cenerejane by charlottejurassic world - il dominiokarate mankoza nostrakurdbun - essere curdola bicicletta e il badile - in viaggio come hermann buhlla doppia vita di madeleine collinsla fortuna di nikukola grande guerra del salentola mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei muril'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionele voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzliz e l'uccellino azzurromad godmarcel!memoriamemory (2022)mindemicmistero a saint-tropeznavalnynel mio nomenoi duenon sarai sola
 NEW
nopenostalgiaonly the animals - storie di spiriti amantiour fatherpaolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.peter va sulla lunapleasureprey (2022)quel che conta e' il pensierorevolution of our timesrise - la vera storia di antetokounmposecret love (2021)secret team 355settembre (2022)shark baitspiderheadsposa in rossostudio 666tapirulantenebrathe batmanthe black phonethe deer king - il re dei cervithe forgiventhe gray manthe man from torontothe other side (2020)the princessthe rescue - il salvataggio dei ragazzithe slaughter - la mattanzathe twin - l'altro volto del malethor: love and thundertoilettop gun: mavericktutankhamon. l'ultima mostrauna boccata d'ariaunwelcomevecchie canaglieviaggio a sorpresavieni come seiwild nights with emily dickinsonx - a sexy horror story

1031715 commenti su 48036 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ABANDONED (2022)ANIMA GEMELLA CERCASIANNE FRANK, LA MIA MIGLIORE AMICABOCCHE CUCITEBRILLANTISSIMEBYE BYE VIETNAMCLARA (2021)CONTRA - LA PARTE AVVERSAFAMILY DINNERFISCHIA IL SESSOFRATELLO LADROIL MISTERO DI CASA USHERIL NODO DEL CARNEFICEIL VIRGINIANO (1946)KEEPING COMPANYLA CARICA DEGLI APACHESLA QUERCIA DEI GIGANTILA REGINA DEI DESPERADOSL'ISOLA DEL DOTTOR FRANKENSTEINLUCIDA OSSESSIONEL'UOMO DELLA VALLELUX AETERNAMAIXABELNAKED SINGULARITYPALMA - UN AMORE DI CANEPIGGY (2022)PIRANHA WOMENPUSSYCAKERACCONTI ROMANI DI UNA EX-NOVIZIAREVENGE - PIACERE E MASSACROTARZAN CONTRO I MOSTRITARZAN E LE AMAZZONITHE CROSSING (2020)TREDICI VITETU SEI AL DI LA'TUTTO E' POSSIBILETUTTO SI AGGIUSTAUN PRETE SCOMODOZOMBLOGALYPSE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net