angeli ribelli regia di Aisling Walsh Irlanda, Gran Bretagna, Danimarca, Spagna 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

angeli ribelli (2003)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ANGELI RIBELLI

Titolo Originale: SONG FOR A RAGGY BOY

RegiaAisling Walsh

InterpretiAidan Quinn, Iain Glen, Marc Warren, Dudley Sutton, Alan Devlin, Stuart Graham

Durata: h 1.32
NazionalitàIrlanda, Gran Bretagna, Danimarca, Spagna 2003
Generedrammatico
Al cinema nel Maggio 2004

•  Altri film di Aisling Walsh

Trama del film Angeli ribelli

Tratto da una storia realmente accaduta, Angeli ribelli è la storia di un uomo che ha il coraggio di ribellarsi e combattere il duro regime in un riformatorio maschile nell'Irlanda del 1939.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,89 / 10 (18 voti)6,89Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Angeli ribelli, 18 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

LordWotton  @  01/11/2014 19:34:06
   6 / 10
certo non si tratta di un capolavoro, ma è assolutamente guardabile, solo a tratti intenso in alcune parti un pò fiacco ma è reso bene

JOKER1926  @  17/08/2013 00:36:19
   5 / 10
Racchiuso in mura pesanti che uccidono persino il silenzio e determinano un isolamento definitivo prende sembianze un film oscuro, "Angeli ribelli".
Prodotto da Aisling Walsh la pellicola fin dalle primordiali battute si dichiara un film comunista con la licenza (concessa chissà da chi) di attaccare totalmente e drasticamente l'apparato della chiesa.
Vien fuori un film estremo con picchi di disgustosità oggettivi; qualcuno potrebbe dire che ciò che la regia mostra in scena non è altro che una trasposizione di fatti realmente accaduti, ma qualcosa sembra esser enfatizzata. La verità assoluta resta solo un miraggio.
"Angeli ribelli" oltre ogni discutibile artefatto contenutistico scivola via in maniera altamente pesante. La costruzione del film appare essere, a più riprese, troppo amatoriale e poco corale. Manca la musica e la fotografia e il montaggio sono trascurati. La situazione approssimativa appare esser palese.

La produzione del 2003 è da sconsigliare al pubblico medio, la troppa violenza che i personaggi consumano in essa porta troppo disorientamento. In pratica un punto fermo di ideale e passione (la chiesa) viene ridotto ad una setta di malati e sanguinari, i comunisti (vedere l'insegnante) sono la giustizia sublime e divina.

Messaggio creato per deviare le masse, la scarsa popolarità de "Angeli ribelli" proviene sicuramente dalla presunzione di idea fin troppo azzardata e a senso unico.

2 risposte al commento
Ultima risposta 06/11/2013 01.57.46
Visualizza / Rispondi al commento
Elwing77  @  02/03/2013 18:23:27
   7 / 10
Molto intenso.

Izivs  @  03/07/2011 21:36:20
   6 / 10
Certo non è un grandissimo film, ma occorre apprezzare chi ha il coraggio di raccontare storie vere.....e in fondo, questo è proprio il bello del film.....insomma si può guardare ma non aspettatevi l'Attimo Fuggente.

Doinel  @  13/09/2010 01:38:44
   6½ / 10
Qualcuno sotto ha scritto da evitare come la peste... non esageriamo.
Non si tratta di un grande film, ma è assolutamente guardibile.
La grande pecca è in una sceneggiatura che non tratta bene i suoi personaggi, il personaggio di Quinn è caricato all'inverosimile.
Funzionale però è l'intreccio con le storie dei ragazzi, infatti il film grazie a questo aspetto riesce a commuovere, il finale è veramente toccante non ci ho trovato un flaccido sentimentalismo ricattatorio. Questo mi è piaciuto.

pinhead88  @  07/01/2009 00:05:08
   6 / 10
il film si lascia guardare ed è realizzato bene,ma mi trovo perfettamente d'accordo con kowalsky.una variante di molti altri film sul genere,anche se è una storia realmente accaduta.da sottolineare anche che è tutto infarcito con i soliti buonismi e paternalismi che fanno finire sempre tutto al posto giusto,nonostante la brutalità e la crudezza con cui ci viene esposto.è un film che lascia una rabbia dentro come pochi altri.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILERmi dispiace solo per questi inconvenienti,sennò sarebbe stato un filmone.è un film in buona parte insoddisfacente.

1 risposta al commento
Ultima risposta 16/03/2012 19.27.30
Visualizza / Rispondi al commento
paolo80  @  25/12/2008 04:36:54
   9 / 10
Film pluri-premiato, tratto da un romanzo autobiografico; la cui sceneggiatura é però troppo carica e condizionata da molti riferimenti ad altro cinema, per potersi definire originale.
Forse sarebbe stato meglio attenersi più fedelmente alla storia (Che é vera), senza arricchirla di spunti tratti da altri film di ugual genere; non c'era la necessità di compiere questa scelta, la vicenda era già abbastanza crudele nella sua verità atroce.
Nonostante ciò, la pellicola merita decisamente di esser vista perchè, indipendentemente dallo stile (inferiore a "Magdalene"), dalla recitazione (Abbastanza buona), e da tutti quegli elementi che sono propri di un film, e che consentono di giudicarlo; questo lavoro fa riflettere, stimola il pensiero, e questa é la cosa più importante, vale molto di più rispetto a tutto il resto (sceneggiatura, fotografia, recitazione, colonna sonora, etc etc...).

superfoggiano  @  16/09/2007 22:45:48
   8½ / 10
un film pesante, emozionante e commovente..
ma allo stesso tempo MAGNIFICO, BELLISSIMO

Vitali95  @  02/08/2007 12:11:05
   9½ / 10
Un film ottimo... una storia stupenda ke tocca un argomento delicato (preti pedofili). Davedere

The Monia 84  @  07/03/2007 12:33:53
   6 / 10
Concordo con Kowalsky qui sotto di me. Eppure, c'è qualcosa che mi impedisce di ammazzare questo film, inferiore a Magdalene sotto molti punti di vista.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  10/02/2007 23:12:03
   4½ / 10
Tutto apparentemente al posto giusto, in questo film. Una variante del "Madgalene" di Mullan, citando Vigo e Pagnol (mica fronzoli) o magari "l'attimo fuggente" di Weir.
Già che ci siamo, perchè non commemorare la Spagna anti-Franchista che vorrebbe fare il verso a "terra e libertà" di Loach, invero ricorda le cartoline liebig di casa nostra, o certi orridi tascabili d'appendice?
Ma visto che Magdalene (siamo in Irlanda perdio) si avvale di diverse imitazioni ecco un'altro atto d'accusa contro un sistema repressivo (assai tardivo direi) e ovviamente contro la Chiesa nelle sue istituzioni.
Se Walsh sembra imbarazzato qauanto l'Osservatore Romano davanti alle colpe dei preti pedofili, immaginiamo cosa significa dire che i correzionali sono stati chiusi nel 1984... evviva ci siamo tolti un peso

Il regista non ha certo la rabbia di Mullan e risolve il tutto con un paternalismo diplomatico nei confronti dell'istituzione religiosa.

C'è pero' quel non-so-che-di liberale quando fa il suo ingresso un laico di (udite udite) estrazione marxista e dal nome letterario (franklin ma non Benjamin): per quanto il film sia crudo e quasi gratuito nella sua inequivocabile coercizione (gragnole corporali comprese) l'atteggiamento del regista sembra volersi unicamente liberare delle "mele marce" del sistema - come il personaggio di A. Quinn del resto - lasciando fra l'altro - e tutto questo è INACCETTABILE - un'ignobile riserva pietistica nei riguardi del secondo aguzzino, un parroco che abusa sessualmente dei ragazzini (è l'attore di una nota serie tv).

Il personaggio di Franklin non convince, specialemente quando ecumenizza e indottrina come e peggio del clero che tanto vorrebbe sconfessare e combattere (giustamente) e in tutto il film si respira un'aria elegiaco-moralista che gioca con la durezza implacabile e scandalosa del Sistema Istituzionale.
E' questo un ricatto emotivo verso lo spettatore.
Probabilmente a Cannes serviva un film come questo come antidoto alla dissacrazione (artificiosa, costruita e, diciamolo, imbarazzante) dell'Almodovar quasi ai minimi storici ("La mala education") che guardacaso affronta gli stessi temi.

Siamo, poi, al classico degli stereotipi: il professore bonario che insegna in una scuola-prigione-lager e ivi dimentica il suo passato di rivoluzionario )o l'amata eroina uccisa dal Regime Franchista sic).

Cito come unico momento plausibile quel Muro abbattuto nel finale, a sancire le speranze nell'Irlanda anche di oggi.

La realtà di un sogno vale piu' che combatterla? Forse.

Per Walsh pero' il lume letterario istituzionalizza il monolitismo culturale sulla classica "pecorella smarrita che ritrova D.io, e poco gli importa di raccontare le privazioni sociali dei ragazzi semmai serve a trasformare l'ex rebel without a cause Quinn ("Amare con rabbia" chi lo ricorda?) in un "Santino" Irlandese.

Emblematico il personaggio del ragazzino piu' ribelle, che non si tenta nemmeno di recuperare, lasciato al suo inesorabile destino (e alla natura del suo inganno)

Un film, dunque, dignitosamente ben scritto e ben realizzato, ma da evitare come la peste: con un senso di raccapriccio quando - dopo l'esilio dei carnefici e un ragazzo morto seppellito con sconcertante cinismo - tutto torna a splendere nel migliore dei modi.
L'onore è salvo, andiamo in pace.

Rendiamo grazie a ...

dgarofalo  @  23/12/2006 13:47:07
   9 / 10
un storia vera molto commovente
molto bello il finale da vedere per forza

grumi  @  20/09/2006 19:54:26
   7 / 10
a me è piaciuto moltissimo. la storia è commuovente e purtroppo molto vicino al vero. Quanto mai attuale come tema...

aisha  @  14/04/2006 15:43:11
   9 / 10
ma vi rendete conto!!!! quella è una storia realmente accaduta! bellissimo...veramente bello...struggente, crudo, toccante, attori straordinari nell'interpretazione!!! gurdatelo è bello davvero

AMERICANFREE  @  01/11/2005 10:11:11
   9 / 10
Ottimo film tratto da una storia vera buona interpretazione del protagonista Quinn, sceneggiatura discreta .Da consigliare

Alessio  @  30/06/2004 00:14:47
   2 / 10
Non andate a vederlo. E' brutto!

4 risposte al commento
Ultima risposta 14/07/2004 13.13.23
Visualizza / Rispondi al commento
sandro de rossi  @  22/06/2004 10:23:10
   9 / 10
il film non è noioso: non bisogna aver paura di guardare in faccia la sofferenza... è una storia vera e merita rispetto.
da un punto di vista tecnico non è un gran film, ma vedere cosa accadeva e cosa purtroppo accade senz'altro tutt'ora nel mondo è necessario per non farsi travolgere dall'orrore che dilaga senza commenti e senza filtri attraverso i mezzi di comunicazione. non si possono chiudere gli occhi, non è giusto storcere il naso ed appellarsi alla noia... certe coe accadono ancora...

1 risposta al commento
Ultima risposta 13/03/2005 12.18.27
Visualizza / Rispondi al commento
Kikko  @  28/05/2004 17:52:26
   5 / 10
noia mortale e tristezza infinita..
se siete depressi.. non andate a vederlo..


  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008640 commenti su 44050 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net