albert nobbs regia di Rodrigo García Gran Bretagna 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

albert nobbs (2011)

 Trailer Trailer ALBERT NOBBS

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film ALBERT NOBBS

Titolo Originale: ALBERT NOBBS

RegiaRodrigo García

InterpretiGlenn Close, Mia Wasikowska, Aaron Johnson, Jonathan Rhys Meyers, Brendan Gleeson, Janet McTeer, Antonia Campbell-Hughes, Pauline Collins, Maria Doyle Kennedy, Mark Williams, James Greene, Michael McElhatton

Durata: h 1.53
NazionalitàGran Bretagna 2011
Generedrammatico
Tratto dal libro "Albert Nobbs" di George Moore
Al cinema nel Febbraio 2012

•  Altri film di Rodrigo García

Trama del film Albert nobbs

Siamo nell'Irlanda del diciottesimo secolo. Albert Nobbs è migliore dei camerieri che lavorano in un albergo di Dublino. La sua vita è totalmente dedicata a svolgere la sua professione il meglio possibile, in modo da poter guadagnare il denaro necessario per aprire in futuro una sua attività commerciale. Albert Nobbs ha però un segreto: è una donna. Quando nell'albergo arriva un pittore che deve imbiancare gli interni la sua copertura vacilla. Proprio nel momento di massima difficoltà però Nobbs scopre una persona in grado di capire il suo segreto e di aiutarla a sopportare la frustrazione e il dolore di una condizione così disperata. Rinfrancata da questa nuova amicizia la donna può dedicarsi più serena a costruire il proprio futuro.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,81 / 10 (34 voti)6,81Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Albert nobbs, 34 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  
Commenti positiviStai visualizzando solo i commenti positivi

topsecret  @  04/01/2014 22:17:51
   6½ / 10
Si percepisce una certa ingenuità nella trama quando si tenta di raccontare l'avventura amorosa di Albert Nobbs e i suoi sogni di gestione famigliare. Queste situazioni non convincono pienamente quanto invece l'inizio e la parte centrale della storia fanno, narrando con misurato garbo la vita di una donna costretta a fingersi uomo per lavorare e portare avanti i suoi desideri di indipendenza. Ma è l'incredibile performance di Glenn Close a sorreggere il tutto senza troppi danni e affanni, regalandoci una prova altamente convincente e sentita che oscura le mancanze del film diretto da Rodrigo Garcia ma fortemente voluto dalla stessa Close.
Storia a tratti delicata che mette in risalto le emozioni e i malesseri vissuti dai protagonisti e che convince lo spettatore più portato al genere a lasciare un commento e un voto positivo.
Pellicola che comunque vale certamente una visione.

Kitiara31  @  25/12/2013 23:21:10
   8½ / 10
Un film commovente, onestamente non capisco chi dice che Glenn Close ha lo sguardo fisso, per me rispecchia perfettamente l'essenza del suo personaggio, il controllo assoluto e il terrore con cui viveva il suo essere donna.

BrundleFly  @  30/05/2013 22:23:30
   6 / 10
Un film che aveva delle potenzialità che però non sono state sfruttate al meglio. Glenn Close regge in piedi da sola tutta la baracca, ma la sceneggiatura è davvero povera e speravo si concentrasse molto di più sulla psicologia del personaggio che sulla "storia d'amore" con la cameriera.
Dimenticabile.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  31/12/2012 16:11:00
   6½ / 10
La storia di una Donna Irlandese "costretta" a farsi credere un uomo per guadagnare rispetto e stima e poter realizzare il sogno di aprire una propria attivita'.
Interessante il contesto storico dove la discriminazione sessuale ha portato molte Donne a fare questa scelta, in questo stesso film abbiamo piu' di un esempio a riguardo.
Glenn Close ruba la scena a tutti con la sua metamorfosi fisica che appare molto credibile...purtroppo non è aiutata da una sceneggiatura degna di nota.
La seconda parte del film si concentra sui tentativi della protagonista di conquistare l'amore di una giovane...la storia comincia ad essere fredda e lo spettatore di discosta dal tema iniziale del film.
Di Albert Noobs e della sua vita rimane ben poco.
Peccato

gabri68  @  29/12/2012 13:21:07
   7½ / 10
L'illusione di poter un giorno, vivere una vita normale, con una moglie e un'attività in proprio. Affrontare la quotidianità del proprio misero ed infelice presente grazie al sogno di un futuro felice.
Un futuro già ben delineato nei particolari come l'orologio sul caminetto del salotto.....

d'altro canto "il più solido piacere di questa vita è il piacer vano delle illusioni" così scrisse leopardi.

Bando alle ciance, gran bel film con una glenn close strepitosa! davvero un'ottima performance, meritava l'oscar!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Egobrain  @  29/12/2012 00:11:37
   7 / 10
In molte scene mi è sembrato di vedere il racconto capolavoro di James Joyce,Dubliners.
Il periodo è quello vittoriano,non vi è la cosiddetta "gender equality" e la classe borghese soprafface sulle altre.
Albert Nobbs racconta una storia comune a molte donne dell epoca,racconti di tragedie e vite miserabili a causa di una società estremamente pudica e bigotta.
Rodrigo Garcia gira un ottimo film,apparentemente lento ma che può beneficiare dell interpretazione magistrale di Glen Close,divina nei panni di Albert Nobbs.

BlueBlaster  @  14/12/2012 00:55:18
   6½ / 10
Mannaggia lo pensavo una commedia drammatica ed invece era drammatico e basta, a parte un pò di umorismo all'inglese qua e la.
Glenn Close, truccata benissimo, da Oscar...invece è andato alla solita Streep!
Il film è ben contestualizzato e descrive gli usi e le ristrette mentalità borghesi di fine epoca vittoriana, in cui le libertà sessuali erano un sogno...
Rodrigo García ha una regia abbastanza raffinata, scenografie e costumi di qualità...ma il film è un pò impettito e lento e non è certo per una vasta platea specie se di giovane età!
Comunque più che buona la performance del cast...sinceramente terminata la visione mi è rimasto l'amaro in bocca per il finale.

calso  @  26/11/2012 12:15:55
   7 / 10
Il film è molto lento, ma lascia una forte tristezza dentro;è la storia di una donna che finge di essere uomo per poter lavorare e raggiungere i suoi sogni...interpretazione straordinaria

desertoceano  @  05/11/2012 23:50:01
   6 / 10
Film che fa riflettere e molto emozionante. Peccato che il destino è crudele con Albert fino alla fine. Io continuerò a chiedermi perché di tutte le donne che conosceva ha corteggiato la più sbagliata di tutte, la più inaccessibile e inadatta al ruolo che doveva assolvere e al segreto che avrebbe dovuto tenere.

elnino  @  29/10/2012 12:59:52
   7 / 10
Buon film, Glenn Close è una garanzia, da vedere.

McLovin  @  10/09/2012 16:25:27
   6 / 10
Buon dramma ottimamente interpretato e ben diretto da un regista proveniente dalla migliore tv. Un po' noioso nella parte centrale ma si riprende alla grande con un finale toccante.

vale1984  @  06/09/2012 10:28:12
   6½ / 10
film molto particolare che ha suscitato in me emozioni contrastanti...da un lato molto sensibile e vicino alle emozioni del protagonista, dall'altro non abbastanza profondo per i contenuti. Speravo in un finale più incisivo e avvincente però nel complesso è stato comunque una buona rivelazione.
Sufficiente e poco più, non entusiasmante malgrado la bravura della protagonista.

davmus  @  23/08/2012 19:02:20
   6 / 10
Appena sufficiente...anche se la storia non era male, forse non va proprio verso i miei personalissimi gusti.

sandrone65  @  10/06/2012 01:15:31
   7 / 10
Un buon film con un'ottima Glenn Close. Un essere umano sopraffatto e schiacciato dal contesto sociale, privato della propria identità e della propria sessualità, che vive unicamente e completamente del proprio sogno di aprire una propria tabaccheria. "Come si fa ad accettare di vivere in maniera tanto miserabile?" commenta il pingue dottore, eppure ogni essere umano vive e sopravvive di speranza e di proiezioni su una auto-realizzazione futura. E dei pochi attimi di spontaneità che i presente di tanto in tanto gli dona, come la corsa su una spiaggia.
Non è un film immenso come "Quel che resta del giorno" di Ivory ( che tratta una tematica assai simile) ma è comunque profondo e ben realizzato.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  07/06/2012 22:40:23
   7 / 10
Il piacere di rivedere Glenn Close in sala non ha prezzo e da solo rende Albert Nobbs un film da vedere.
Molto ben fatto ed interpretato peccato che abbia una sceneggiatura che verso i 3/4 comincia a girare a vuoto rendendo il/la protagonista difficilmente comprensibile nelle sue scelte.

Difetto non da poco ma film comunque piacevole e valido.

PollaFritta  @  30/03/2012 22:12:34
   7 / 10
Originale e piacevole.

Burdie  @  26/03/2012 18:39:54
   7½ / 10
Bel film...per palati fini

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  29/02/2012 18:49:04
   6½ / 10
Splendida ricostruzione d'epoca e nella messa in scena veramente impeccabile, ma dotato di meno sostanza di quanto vorrebbe far trasparire, perchè di fronte a tale perfezione formale non sono riuscito a vedere in profondità l'animo di Albert Nobbs, uomo suo malgrado, dalla identità sessuale perduta per sempre e costretto/a a scegliere l'unica via permessa da una società fortemente classista e chiusa: l'ascesa sociale, diventare quello che potrebbe essere definito self made man rinunciando, con quell'ultima corsa in spiaggia, alla femminilità perduta, costretta/o ad indossare fino alla totale identificazione la sua maschera quotitidiana. Malgrado l'ottima interpretazione della Close, l'ho trovato un po' troppo freddo nel suo complesso.

ellisweb  @  28/02/2012 21:21:21
   6 / 10
Quando ho visto il trailer di questo film ho pensato "questo è bello" ma poi invece non mi ha emozionato più di tanto. Glenn Close era tra le candidate a miglior attrice per questa storia ambientata in Irlanda ma personalmente non mi ha convinto. L'ho trovata a tratti poco espressiva e per contro, esagerata in altri. Mi è piaciuta molto di più Janet McTee.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento LukeMC67  @  27/02/2012 09:48:20
   7½ / 10
"Viola di Mare" in salsa irish con uno script balzachiano e una trasposizione dal teatro del grandissimo Istvàn Szàbo (ricordate "Mephisto"!?) con una sceneggiatura in cui ha messo le mani anche una Glenn Close semplicemente straordinaria.
L'"uomo per forza" Albert Nobbs è, di fatto, un "uomo senza qualità" con l'unico sogno di aprire una propria attività per avanzare sulla scala della considerazione sociale; la sua interiorità repressa (almeno tanto quanto la propria identità sessuale) si dischiuderà solo nell'incontro con una propria simile, ma sarà troppo tardi.
Tanta cupezza nel denunciare gli effetti nefasti del gretto conformismo collettivo (con una ahimé molto attuale ed efficace denuncia della totale assenza di tutele per le classi meno abbienti), si stempera nell'interpretazione superlativa di Glenn Close, nella levità della sceneggiatura, dei dialoghi e della messa in scena. Che rendono "digeribile" una storia di insopportabili sopraffazioni sulla quale purtroppo c'è molto di cui riflettere per i nostri disastrati e retrogradi tempi.

Invia una mail all'autore del commento Elly=)  @  27/02/2012 01:07:20
   8 / 10
SPOILER A FUNGHI

Se qualcuno si chiede perché deve andare a vedere questo film è sicuramente per l'interpretazione di Glenn Close, magnifica come non mai!

A livello cinematografico è tutto ok, tutto abbastanza buono. Ecco, forse quello che pecca un pò è che si arriva in un dato momento della narrazione dove si inizia a sentire il peso di troppe soffermazioni inutili, ma che viene alleggerito dalla costante interpretazione della Close che è a dir poco sublime.

Il finale è terribile, devo dire che non te l'aspetti che finisca tutto così. Di punto in bianco finisce tutto, ogni minima speranza che bruciava di vita durante il film negli occhi e nel cuore della protagonista, muore con lei. Morire immaginando che il sogno della tua vita sia diventato realtà: terribile, un salto nel vuoto che ti fa perdere per un secondo il contatto con la realtà fisica. Aveva lavorato una vita intera con una storia drammatica alle spalle che l'ha portata a nascondere la sua vera identità. Una scelta voluta tra virgolette, un ruolo assunto per non morire di fame. La protagonista non soffre di nessun disturbo sessuale, se si vuole chiamarlo così, come credono in tanti. Un pò logorroica la storia fra la ragazzina che sogna di vivere come una nobile e il ragazzo che sogna l'America, ma essa, come il sogno di ricchezza della padrona, serve come spalla per enfatizzare il fatto di come gli uomini sognano a occhi aperti, dimenticandosi tante volte che la realtà è un'altra, per poi finire delusi quando i sogni non si realizzano. Ma in fondo il sogno, come Albert ci dimostra, è l'unica cosa che rimane all'essere umano, perché per quanto dura possa essere la vita, nessuna cosa potrà entrare così profondamente nella nostra mente e spezzare la nostra fantasia. Possiamo far finta di essere persone unicamente razionali, con i piedi per terra, ma poi quando ci addormentiamo il nostro inconscio lavora, le speranza iniziano a riprendere vita, perché domani è un altro giorno e così come Albert nel momento finale, prima di morire, ci stacchiamo dolcemente dalla cruda realtà.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

kako  @  25/02/2012 13:37:48
   7½ / 10
Veramente una bella storia, toccante ed emozionante, si è subito immersi e presi nella triste e malinconica vicenda, grazie alla splendida interpretazione di Glenn Close, con i suoi sguardi e le sue espressioni sognanti e piene di speranza ma allo stesso tempo sofferenti. Un dito puntato contro un'epoca difficile e discriminatoria, storia di identità rubate e represse, dove la persona si dimentica cos'è veramente.

Invia una mail all'autore del commento Jason XI  @  24/02/2012 17:17:49
   7 / 10
Turba e stanca un pò la maschera monoespressiva onnipresente di Glenn "Albert" Close nell'economia del film, tuttavia alla fine ti lascia qualcosa dentro..... dal sapore piuttosto amaro...

Lory_noir  @  23/02/2012 23:34:59
   7 / 10
Un buon film con bravi attori, su tutti Glenn Close ovviamente. La storia è un po' asettica.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  22/02/2012 19:13:53
   7½ / 10
Prima di lei (lui?) Katherine Hepburn in un vecchio film di Cukor degli anni 30" ("Il diavolo è femmina"), Barbra Streisand ("Yentl") e Vanessa Redgrave. Come ritratto di emozioni affettive trattenute a lungo non può non ricordare "Quel che resta del giorno" di Ivory. Glenn Close anima splendidamente i turbamenti di quest'omino ingessato che sembra un'incontro tra Roody Mcdowell e Micheal Crawford (chi è Micheal Crawford? Un attore inglese degli anni 60", provate su google e vedrete...). La sessualità, o meglio l'identità sessuale passano a volte in secondo piano, l'ambiguità della mise in scene è in realtà molto rassicurante, molto ... "materna", e l'esperienza nobile dello spettatore è quella di interrogarsi sul conflitto emotivo, sia che si tratti di uomo o "quello che non dice" una donna. Il film rischia di precipitare nel polpettone, ma una fortissima reminescenza letteraria, à la Comedie Humaine (John Banville vs. Balzac?) riscatta completamente la storia. Una storia che vanta una tantum dialoghi incredibilmente belli e un'apparato scenico privo di ridondanze di troppo. C'è il forte complesso di un'identità rimossa, che la Close esibisce in uno sguardo di Liberazione nella scena più bella, quando veste per la prima e unica volta quei panni femminili lasciati ammuffire nei ricordi/cassetti. Un'immagine che strappa il cuore. Ma è anche un film forse non completamente riuscito (è vittima o carnefice il giovane seduttore? Perchè tanta acrimonia per le sue scelte sbandate?) ma che Rimane, come del resto la prestazione maiuscola dell'attrice, il suo velo di tristezza che osserva tutto quanto muoia vivi o precipiti con lei/lui

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  19/02/2012 21:08:44
   7 / 10
"Albert Nobbs" è un tentativo di raccontare una storia un po' fuori del comune, ambientata nell'Irlanda del XIX secolo. Si vuole ritrarre e far comprendere allo spettatore il personaggio di Albert Nobbs, una persona "senza qualità", che in realtà a modo suo e in maniera imperfetta combatte e reagisce a un mondo e una società tremendamente difficili e ostili. Il lato umano della vicenda (la solitudine, la repressione di se stessi, il desiderio di una vita diversa) è quindi quello prevalente nel film, non è però (secondo me) quello meglio riuscito, quello meglio espresso. C'è poi il lato sociale (l'ipocrisia, la vanità e la durezza delle classi agiate e la vita durissima e misera delle classi povere, completamente prive di tutele) tenuto come lato secondario della vicenda e che invece alla fine quello più forte e che colpisce di più.
Il problema del film è che si spinge lo spettatore a identificarsi con Albert, senza però arrivare ad una resa forte e drammatica di ciò che sente. Si spende molto tempo del film nell'illustrazione dell'ambiente in cui vive, nella sua vita pubblica e si relega a brevi flash immaginifici, a come ammira il menage di Humphrey, la parte dedicata all'interiorità. Ad esempio un film come "Boys don't cry" riesce a descriverci lo stesso animo in una maniera infinitamente più potente.
Probabilmente non poteva essere altrimenti, in quanto il protagonista è appunto una persona senza qualità. Si vede che psicologicamente è molto limitato, tutto preso dal lato pratico e materiale della vita, non capisce i sentimenti delle persone (e forse neanche i propri). Un maggiore distacco verso il personaggio sarebbe stato più efficace.
In ogni caso Glenn Close ce lo rende in una maniera eccelsa e perfetta e alla fine riesce comunque a far venire fuori dal personaggio l'animo buono e generoso che in fondo si trova ad avere suo malgrado.
Stupendo e perfetto il personaggio di Humphrey e soprattutto chi lo interpreta.
Tutto sommato l'ho trovato un film piacevole e interessante, soprattutto molto efficace per capire il grande dolore che procurano le società chiuse ed egoiste. Questo non ce lo dobbiamo mai scordare.

conte3103  @  16/02/2012 15:11:52
   10 / 10
splendido delizioso emozionante questi sono autentici capolavori

jorge2388  @  14/02/2012 19:54:58
   8 / 10
Ci sono certi film che una volta visti ti rimangono dentro e ti colpiscono come invece altri, potenzialmente migliori, non riescono a fare. Per me Albert Nobbs è uno di questi, un film non eccelso forse non entrerà nella storia del cinema ma per chi come me ne è stato travolto nella sua forza non verrà dimenticato facilmente. La Close porta in scena tutto l'impatto (anche visivo) di un personaggio che ha deciso di indossare una maschera nella vita e si dedica con devozione unica a mantenere questa maschera, questa nuova identità pesante da portare e che però lo tiene contemporaneamente in vita. Durante una festa in maschera c'è questo breve dialogo: "Come mai non siete vestito elegante? - Sono un cameriere. - E io un medico: siamo entrambi travestiti da noi stessi." l'essere travestiti da se stessi credo rispecchi a pieno l'idea trasmessa dal personaggio, la convinzione di essere ciò che si vuole essere. La malinconia nel non poter essere come si vorrebbe in una ricerca della "normalità" mai avuta in una vita tutt'altro che semplice; cambiare se stessi in maniera radicale nell'aspetto e nei modi per voltare pagina e per darsi un'altra chance per cui si lotta perché ognuno se la merita e deve lottare per avere la propria felicità. Questo è Albert Nobbs.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento pompiere  @  14/02/2012 10:50:12
   6½ / 10
Per Mia Wasikowska l'imprevedibile è sempre dietro l'angolo. Se un paio di anni fa ha avuto a che fare con i bizzarri personaggi digitali e fiabeschi nell' "Alice" di Burton, l'anno scorso è stata la volta della coppia lesbica che prima la tira poi la molla ne "I ragazzi stanno bene", mentre quest'anno è giunta l'ora del travestitismo ai piani alti del Morrison's Hotel, quelli destinati alla servitù.
Siamo nella Dublino di fine Ottocento e i maggiordomi del Morrison sono composti da giovani e meno giovani. Il Sig. Albert Nobbs è tra quest'ultimi, sempre ligio e particolarmente dedito ai bisogni degli avventori, come se vivesse in una specie di rigorosa e devota "trance di servizio". Raccoglie le mance in piccoli rotoli cartacei, unica via di fuga allo stato di detenzione nel quale si è rinchiuso, nascondendoli sotto al pavimento di camera sua.
Albert ha dei pensieri: celare il fatto di essere in realtà una donna (che, come tale, avrebbe avuto maggiori difficoltà a destreggiarsi nel cercare un lavoro nell'età vittoriana) e la necessità di mettere da parte molti soldi per uno scopo segreto. Il concetto dell'identità sessuale, con tutto un bagaglio di perplessità che si accumulano via via che l'individualità si (con)fonde fino a perdere la bussola, è al centro di questa diligente pellicola.
Per Nobbs è molto più facile svolgere il proprio lavoro camuffando la sua vera anima che presenziare a un ballo in maschera dove gli uomini possono per una sera diventar donne e viceversa. E per lui, senza poter aprire quel bustino che ne soffoca il torace, è una sofferenza evidente. Un avvilimento che nel primo tempo è ben evidenziato dal clima nel quale il regista Garcìa relega il cameriere "tutto d'un pezzo".

Inizio cinematografico difficile questo del 2012, con opere fino a qui pressoché dimenticabili e mediocri, anche questa non sfugge a una certa improvvisata sciatteria che la fa cadere in un vortice inevitabile di facili tornaconti. Come tutta la parte dedicata alla corte nei confronti del personaggio della Wasikowska, o come le parentesi consacrate ai sogni non omologati di Albert, improvvisamente bisognoso di una vita propria dopo un'esistenza inaridita sentimentalmente anche da un bruttissimo episodio legato alla prima giovinezza.

In tutto questo tourbillon che prende svelto il via per irrigidirsi quasi subito, si avverte molto poco di un confronto con la morale, col senso di indigenza del periodo e con una classe borghese un po' troppo sfuggente che si esibisce tra le camere e i salottini dell'albergo. Quando la condizione esistenziale dell'Albert Nobbs donna si fa terminale, il film inciampa, pasticciando su quelle opportunità che la storia avrebbe offerto per mettere a segno un'ultima stoccata viscerale.

Glenn Close, attrice dal fascino enigmatico che già 30 anni fa vestì a teatro i panni di Nobbs, eccede in un "effetto stoccafisso", lineamenti cocciuti sottolineati dal trucco, che sa un po' di maniera. Nonostante gli adiacenti impegni produttivi e di scrittura (la Close è co-produttrice e co-sceneggiatrice), la pellicola risulta interessante quando in scena c'è la figura eccitante dell'imbianchino: il decoratore d'ambienti dipinge di divertite pagine colorate molte inquadrature, ne esalta i loro piccoli contenuti da commedia e stempera in gesti semplici e pur tuttavia devastanti i freni inibitori dettati dalle classi sociali dell'epoca.

Alla fine ci si ritrova in modo un po' effettistico e casuale nel cortile dell'hotel, tra i panni stesi battuti dal vento. Da quale direzione arrivino queste raffiche, e che senso diano alla storia (rappresentano la sepoltura di Albert o la sua aggiornata rinascita?), restano punti interrogativi grigi e un po' temerari.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  14/02/2012 00:31:20
   7½ / 10
Cambiare pelle per cambiare vita. Radicalmente.
Il figlio di Gabriel Garcia Marquez dirige il sospiratissimo adattamento cinematografico di uno spettacolo che ha fatto crollare i teatri di Broadway; a monte c'è un romanzo di George Moore, ridotto per lo schermo da Istvàn Szabò (Mephisto, La diva Julia) e dalla stessa Close, anima e corpo di un personaggio con cui calca le scene sin dai primi '80. Dopo anni di progettazione, rinvii e problemi produttivi, finalmente arriva in sala la storia di questa androgina cenerentola triste e solitaria, immensamente tenera nel suo taciuto desiderio di vivere una quotidianità come tanti e nel conflitto interiore legato alla difficoltà di rendere concreta una diversità di genere che sembra immobilizzarla. La morbidezza stilistica di regia e scrittura a volte sembra impedire un affondo più aspro in una vicenda tutta giocata sul piano dell'ambiguità, così che la squisita delicatezza di tocco rischia di sfociare in un ipercorrettismo emotivo fin troppo di maniera. Azzeccata, invece, la stoccata contro un'epoca ed un contesto sociale meschini e discriminatori, non solo nei confronti delle donne. La storia è comunque di quelle forti che è difficile poi dimenticare, l'apparato scenico non lascia delusi e le interpretazioni degli attori rasentano la perfezione; svetta inevitabilmente l'immensa Glenn Close en travesti: i suoi incantevoli primi piani, con lo sguardo perso tra paura e illusione, sono pura magia (e speriamo che l'Oscar arrivi a premiare il suo straordinario talento).

annibalo  @  10/02/2012 20:32:24
   8 / 10
piccola transfiammiferaria

1 risposta al commento
Ultima risposta 22/02/2012 19.03.24
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW T
#scrivimiancora
 T
...e fuori nevica! (2014)
 T
amore, cucina e curry
 T
amoreodio
 T
anime nere
 T
annabelle
 NEW T
annie parker
 T
arance e martello
 T
barbecue
 T
bastardi in divisa
 T
belluscone, una storia siciliana
 T
boxtrolls - le scatole magiche
 T
boyhood
 T
buoni a nulla
 T
capitan harlock - l'arcadia della mia giovinezza
 T
class enemy
 T
colpa delle stelle
 T
comportamenti molto... cattivi
 NEW T
confusi e felici
 T
cristiada
 NEW T
dracula untold
 T
everyday rebellion
 T
frances ha
 NEW T
frank
 T
fratelli unici
 T
guardiani della galassia
 T
i due volti di gennaio
 HOT T
i mercenari 3
 T
i nostri ragazzi
 T
il giovane favoloso
 T
il regno d'inverno - winter sleep
 T
il sale della terra
 T
io sto con la sposa
 T
jimi: all is by my side
 T
joe
 T
la banda dei supereroi
 T
la buca
 NEW T
la danza della realta'
 T
la moglie del cuoco
 T
la nostra terra
 T
la preda perfetta
 NEW T
la spia - a most wanted man
 T
la trattativa
 T
la zuppa del demonio
 T
l'ape maia
 NEW T
last summer
 R T
le due vie del destino
 T
l'incredibile storia di winter il delfino 2
 HOT T
lucy
 T
maze runner - il labirinto
 T
medianeras, innamorarsi a buenos aires
 T
necropolis - la citta' dei morti
 T
party girl
 T
pasolini
 NEW T
pelo malo
 T
perez.
 T
piccole crepe, grossi guai
 T
pongo il cane milionario
 T
poshpostman pat
 NEW
rec 4 - apocalypse
 T
resta anche domani
 NEW T
ritorno a l'avana
 T
se chiudo gli occhi non sono piu' qui
 T
senza nessuna pieta'
 T
sex tape - finiti in rete
 R T
si alza il vento
 HOT T
sin city - una donna per cui uccidere
 T
soap opera
 T
soul boys of the western world: spandau ballet - il film
 T
take five
 R T
tartarughe ninja
 T
the equalizer - il vendicatore
 R T
the giver - il mondo di jonasthe green inferno
 T
the judge
 R
the look of silence
 T
the protector 2
 T
the third person
 T
tutto molto bello
 T
tutto puo' cambiare
 NEW T
un fantasma per amico (2014)
 T
un milione di modi per morire nel west
 T
un ragazzo d'oro
 NEW T
una folle passione
 T
una promessauscio e bottegav/h/s: viral
 T
vinodentro
 T
walking on sunshine
 T
winx club: il mistero degli abissi

878932 commenti su 31452 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net
Division: Workless