caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi Chiudi finestra

ROBOCOP (2014) regia di Josť Padilha

Nascondi tutte le risposte
Visualizza tutte le risposte
Faven     7 / 10  12/02/2014 01:14:30Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
POSSIBILI SPOILER

Premetto che da fan sfegatato dei film di Verhoeven in primis e di Kershner, della serie televisiva, dei cartoni animati e pure delle action figures ho cercato di levarmi ogni più estremo pregiudizio prima di guardare questo film.

Già l'inizio mi ha fatto salire il sangue al cervello, con tutte questi effetti speciali robotici e militari a livello di Pacific Rim e Transformers (il mio primo pensiero è stato: ecco che ci infilano dentro queste stupide *****te per i Nerdoni quindicenni e per le loro s...e), la continuazione non è stata certo delle migliori con i primi 20 minuti di film e già un paio di sparatorie e 7/8 esplosioni buttate qua e la (altro mangime per i Nerd), degne delle più grandi americanate stile Fast and Furious.

Finalmente comincia la storia, abbastanza piatta e noiosa, fino al reclutamento dell'agente moribondo per il progetto "ANDROIDMAN"...ah, scusa per riuscire a vendere il film è meglio chiamarlo "Robocop".
Da qui in poi un delirio durato più di 40 minuti di spiegazione dettagliata del perchè l'ANDROID...scusa, Robocop fa questo e fa quest'altro, perchè si nutre così, perche non può fare quello ma può fare l'altro, (quasi a giustificarsi con lo spettatore per aver creato un androide) spiegazioni che si potevano tranquillamente fare nell'arco di 10 minuti e sinceramente neanche tanto interessanti per lo spettatore (sarebbe più interessante spiegarmi perchè il mio PC ha dei virus e come debellarli, molto più concreto).
Fra esercitazioni, aggiustamenti e problemi qua e la (purtroppo non del mio PC) e inutile tecnologia varia (Nerd Rules) si arriva al punto in cui bisogna piazzare in mezzo anche la storia d'amore (abbiamo accontentato i Nerd con le esplosioni adesso bisogna accontentare anche i fan di Twilight e della Bella e la Bestia) tra l'ANDROID...Robocop e sua moglie (certo, perche la magia del film di Verhoeven dove Robocop torna a scoprire la sua vita precedente con flashback e guerre interiori piano piano e trascinando lo spettatore e totalmente scomparsa, infatti il nuovo Robocop ricorda perfettamente tutto, in pratica un uomo dentro una tuta).
Quando si arriva al cambio di tuta o "corazza" dal grigio al nero pare quasi di essere arrivati ad un punto senza ritorno, dove allo spettatore fan della saga viene quasi spiattelato in faccia di essere stato preso per il c...o per l'ennesima volta e di essere andato a vedere il film ingannato dal titolo.
Proprio li finisce il primo tempo e la mia voglia di uscire dal cinema ed andare a casa a piangere è tanta.
Il Bronx, la criminalità, la tensione e la cruda violenza creata da quel malato di Verhoeven nell'87 lascia il posto ad uno squallido e banale film, girato in una città talmente soleggiata e ridente da far venire il diabete.

Ma MAI RESISTENZA FU PIù PREMIATA...inizia il secondo tempo, ed è tutta un'altra storia.
Il vero Robocop, quello che gira per le strade in cerca di giustizia esce fuori, la pellicola inizia a diventare gradevole anche per un fan della vecchia scuola e qualche perla qua e la del vecchio film fa dimenticare completamente la prima squallida parte e porta allo spettatore un reboot degno di tale nome (vengono svelate anche alcune scelte decisamente di dubbio gusto, come l'armatura nera).
La storia rapisce, gli effetti speciali non sono più fuori luogo e lo spirito di una città cupa e cruda si mostra finalmente (lievemente, ma si mostra).
Il regista porta sul grande schermo la visione del suo Robocop e ad un certo punto si pensa quasi che la prima parte del film sia stata solo un brutto scherzo di dubbio gusto

Detto questo il film è consigliatissimo sia per i vecchi fan (anche se dovrete aspettare un'oretta circa) sia per quelli che non sanno minimamente chi è Robocop (anche se consiglio prima di andare al cinema di visionare quelli degli anni 80 per non perdere qualche chicca in questo film)

NOTE POSITIVE:
- Il grande ritorno del mio eroe d' infanzia Michael Keaton (SPETTACOLARE)
- La canzone epica del primo film leggermente riarrangiata per questo.
- Gary Oldman spettacolare in tutto ciò che fa, la maggior parte delle volte riesce quasi ad oscurare il protagonista robotico.

NOTE NEGATIVE
- L'attore che interpreta Robocop, poco carisma
- Il primo tempo