Recensione possession regia di Andrzej Zulawski Francia, Germania 1981
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione possession (1981)

Voto Visitatori:   8,20 / 10 (73 voti)8,20Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Miglior attrice protagonista (Isabelle Adjani)
VINCITORE DI 1 PREMIO CÉSAR:
Miglior attrice protagonista (Isabelle Adjani)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film POSSESSION

Immagine tratta dal film POSSESSION

Immagine tratta dal film POSSESSION

Immagine tratta dal film POSSESSION

Immagine tratta dal film POSSESSION

Immagine tratta dal film POSSESSION
 

Semplicemente uno dei film pi¨ allucinanti e disturbanti di ogni tempo. Il cinema di Andrzej Zulawski Ŕ considerato una sorta di tumore informe all'interno della cinematografia mondiale, e "Possession" ne Ŕ la pellicola pi¨ emblematica, in cui Isabelle Adjani (premiata a Cannes) mette i brividi e firma la sua interpretazione pi¨ convincente.
Si Ŕ scritto tanto su Possession, film maledetto (ancora oggi non Ŕ chiara la sua durata effettiva), venerato da David Lynch, il quale alla consegna del Leone d'oro alla carriera a Venezia nel 2006 lo definý la pellicola pi¨ completa degli ultimi trent'anni: horror metafisico, boutade onirico-visiva, opera provocante e malata.

In realtÓ il film pi¨ celebre e celebrato di Zulawski altro non Ŕ che una storia sul fallimento del rapporto di coppia. Certo, i motivi di ermetismo, se non di vero e proprio depistaggio, sono molti e disseminati non sempre con coerenza (o forse proprio per via dei numerosi tagli, mai director's cut, che la pellicola ha dovuto subire) durante tutta la durata della pellicola. Solo altri film maledetti come "Sal˛ o le 120 giornate di Sodoma" e "Cannibal Holocaust" hanno subito sequestri ed incomprensioni da parte della critica al pari di "Possession".

Questa la trama: siamo nella Berlino della cortina di ferro; una Berlino immaginaria, le cui strade e piazze sono vuote quasi come se ci si trovasse all'interno di un sogno, o di un'opera di De Chirico, o ancor meglio, di Magritte. In un appartamento a ridosso del muro, metaforicamente a simboleggiare il bene e il male, yin e yang, maschile e femminile, vivono Marc ed Anna, interpretati da due bravissimi Sam Neal e Isabelle Adjani, coppia sposata con pargoletto di cinque anni. I due sono in crisi; Marc scopre che la moglie lo tradisce con Heinrich, uno strano personaggio (interpretato da un altrettanto straordinario Heinz Bennet) dedito all'uso costante di droghe che lo aiutano ad intraprendere dei favolosi viaggi onirici in cerca di Dio.
Per questo motivo Marc, che lavora nei servizi segreti tedeschi, decide di abbandonare il lavoro. I suoi datori di lavoro (loschi agenti segreti berlinesi) gli propongono un periodo di riflessione e nel frattempo lo incaricano di un tanto bizzarro quanto misterioso incarico: ritrovare uno strano tizio ricercato il cui unico indizio sembra essere quello di portare dei calzini rosa.
Esasperato dai comportamenti di Anna, Marc si affida quindi ad un investigatore privato. Questi, dopo averla pedinata lungo le strade di una Berlino inquietante ed irreale, la segue con una scusa fin dentro l'immobilito appartamento che la donna ha preso in affitto. Da lý scopre l'orripilante veritÓ. Anna ha un secondo amante, un rivoltante essere polipesco con il quale si accoppia regolarmente. Anna elimina quindi il poliziotto ed il suo successivo aiutante che si era recato nell'appartamento a cercarlo.
A questo punto Marc si rivolge ad Heinrich e questi decide a sua volta di far visita ad Anna. Dopo avere anch'egli scoperto l'allucinante veritÓ, si salva dalle pugnalate di un'inferocita Anna, ma viene ucciso da Marc nei bagni del bar situato proprio sotto la casa di lei. Da qui il grande ed apocalittico finale: scopriamo che Anna ha generato l'essere polipesco con un processo di partenogenesi nei corridoi della metropolitana di Berlino, in quella che viene definita una delle scene pi¨ schoccanti della storia del cinema.
Anna ha partorito due esseri: bene e male, nero e bianco, est ed ovest, maschile e femminile. Il bene si Ŕ sviluppato in un'Anna ideale, buona compagna di Marc e materna ed amorevole maestra d'asilo del piccolo figlio della coppia. Anna ha custodito e allevato la parte maligna, il Male (il bene per Zulawski non Ŕ altro che un riflesso del male) per farlo diventare un superuomo, il Marc ideale. In questa visione nichilista si trova per˛ uno spiraglio di luce: anche il male pu˛ diventare bene. Ma a quale prezzo?

Si potrebbero scrivere fiumi di inchiostro sull'opera pi¨ controversa del grande regista polacco, che si addentra in territori cosý estremi da essere quasi impossibile analizzarli (in ultimo il suicidio finale del bambino, davvero terrificante: la coppia forse nemmeno in questo momento pu˛ dirsi perfetta).

Citando Freud, Nietschze e Platone ed entrando nella metafisica junghiana Zulawski mantiene una forte luciditÓ ideologica anche se non sempre unita ad una linearitÓ narrativa (alla fine si scoprirÓ che l'uomo ricercato da Marc altri non Ŕ, forse, proprio colui che gli ha affidato l'incarico).

Il muro di Berlino ("il muro deve cadere" cita una scritta in tedesco all'inizio del film) Ŕ metaforico; tanto che in una scena, forse tagliata in fase di montaggio, il protagonista rinato avrebbe dovuto scapapre attraverso i tetti della cittÓ proprio in quella Berlino Est temuta e sconosciuta, come sconosciuto Ŕ il nostro inconscio. Bene e Male devono unirsi: non dobbiamo avere paura della nostra Ombra se vogliamo arrivare alla veritÓ.

"Possession" fu presentato al Festival di Cannes nel 1981 e scandalizz˛ subito gli spettatori benpensanti. Alcune scene furono immediatamente tagliate ma l'impatto con la critica fu forte: Isabelle Adjani vinse la Palma d'Oro come miglior attrice protagonista e la pellicola incontr˛ i favori del pubblico non omologato. A colpire gli spettatori furono soprattutto i dialoghi esasperati, le carrellate vorticose e le scene di estrema violenza, o pi¨ che altro di una violenza fastidiosa, sconcertante, sconveniente. La Adjani che si isola dal mondo (vero o inconscio?) eliminando, proprio come la Deneuve di "Repulsion" (guardacaso opera di un altro grande regista polacco, Roman Polanski), tutti coloro che cercano di entrarvi, mette davvero i brividi ed i messaggi che Zulawski vuole lanciare vanno ben oltre l'horror metafisico, etichetta che il film si porta dietro ancor oggi; anche se il fatto di averlo classificato come horror metafisico (estremo) ha non poco giovato nel successo della pellicola.

Tuttavia, ritornando a quanto scritto in precedenza, l'opera di Zulawski pu˛ essere considerata semplicemente come il tentativo di raccontare lo sfacelo di una coppia borghese in crisi: in un'intervista lo stesso regista ha ammesso che in parte si Ŕ ispirato nello scrivere la sceneggiatura ad una sua vicenda personale, mostro compreso. Nemmeno altri film grandiosi quali "Eyes Wide Shut" o "Shining" sono forse riusciti ad esprimere cosý bene la crisi di un uomo e una donna che forse si amano, ma non riescono a comprendersi.

Dopo Possession Zulawski firm˛ altre opere importanti e controverse, quali "La Sciamana" e "La Femme Publique", senza tuttavia raggiungere i livelli estremi toccati con "Possession".
Risale al 2000 "La fidelitÚ", l'ultima fatica del regista.
Da anni Zulawski ha comunque in cantiere un'opera che, se portata sul grande schermo, sarÓ certamente un altro pugno nello stomaco per lo spettatore: la storia di Gilles de Rais, conosciuto dai pi¨ come Barbabl¨, amante di Giovanna d'Arco, l'incarnazione perfetta di yin e yang. Santo e difensore dei diritti dei pi¨ deboli, ma anche dedito alle messe nere e ad orge in cui, per raggiungere l'orgasmo, doveva squartare vivi fanciulli in fiore, di etÓ non oltre i dodici anni.
Un'opera che appariva controversa giÓ prima di vedere la luce, anche se recentemente Zulawski, preoccupato circa impatto che un lavoro simile potrebbe avere sulla gente, nonchŔ padre di un bimbo piccolo, si Ŕ detto non pi¨ interessato a trasporre per il grande schermo la storia di Gilles de Rais ed ha infatti scritto un libro, in parte trattante l'argomento ed in parte invece autobiografico, intitolato per l'appunto "Barbabl¨".

Commenta la recensione di POSSESSION sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di paul - aggiornata al 28/09/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

7 uomini a molloa private waralmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)anatomia del miracoloanimali fantastici: i crimini di grindelwaldaquamanattenti al gorillaben is backbenvenuti a marwenberninibird boxblack tide
 HOT
bohemian rhapsodybumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolutionchesil beach - il segreto di una nottecity of liescold war (2018)coldplay: a head full of dreamscolette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericonversazioni atomichecosa fai a capodanno?dinosaurs (2018)don't fuck in the woods 2
 NEW
dove bisogna stareescape room (2019)friedkin uncut - un diavolo di registaghostland - la casa delle bambole
 NEW
glasshepta. sette stadi d'amoreholmes and watsonhunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil castello di vetroil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil ritorno di mary poppinsil sindaco - italian politics 4 dummiesil testimone invisibileil vizio della speranzain guerraisabellela befana vien di nottela donna elettrica
 NEW
la douleur
 NEW
la favoritala notte dei 12 annila prima pietrala scuola serale
 NEW
l'agenzia dei bugiardilake placid: legacyle ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo sguardo di orson welleslontano da quilook awayl'uomo che rubo' banksy
 NEW
m.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimalerba
 NEW
maria regina di scoziamenocchio
 NEW
mia e il leone bianco
 NEW
mia martini - io sono miamorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimoschettieri del re: la penultima missionenelle tue mani (2018)non ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menotti magicheotzi e il mistero del tempoovunque proteggimiralph spacca internetred land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocoride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiase son roseseguimisenza lasciare traccia (2018)spider-man: un nuovo universostyxsulle sue spallesummer (leto)suspiria (2018)the barge peoplethe old man & the gunthe other side of the windthe young cannibalstre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun piccolo favoreupgradevan gogh - sulla soglia dell'eternita'vice - l'uomo nell'ombrawidows: eredita' criminalezen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

983420 commenti su 40748 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net