Recensione il suo nome e' tsotsi regia di Gavin Hood Sud Africa 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il suo nome e' tsotsi (2005)

Voto Visitatori:   7,13 / 10 (36 voti)7,13Grafico
Migliore film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Migliore film straniero
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL SUO NOME E' TSOTSI

Immagine tratta dal film IL SUO NOME E' TSOTSI

Immagine tratta dal film IL SUO NOME E' TSOTSI

Immagine tratta dal film IL SUO NOME E' TSOTSI

Immagine tratta dal film IL SUO NOME E' TSOTSI

Immagine tratta dal film IL SUO NOME E' TSOTSI
 

Tsotsi è un giovane teppista e fa parte di una delle bande che controllano i ghetti di Johannesburg, accetta la violenza che lo circonda come qualcosa di naturale. Un giorno però incontrerà l'opportunità di salvarsi e redimersi nelle spoglie di un bambino che vede sul sedile posteriore dell'auto che ha rubato.
E' la storia della povertà, della disillusione e della sofferenza ma una storia in cui attraverso la speranza e la ricerca di un motivo per vivere è possibile avere un futuro migliore.
Possiamo paragonare questo film al "Cidade de Deus" di Meirelles per la sua tematica: difatti ci porta in una delle zone più povere e miserabili della città sudafricana, popolata da bande prive di coscienza e gremite di crudeltà.

Tsotsi (che significa gangster nello slang dei ghetti), interpretato da un bravissimo esordiente Presley Chweneyagae, è cresciuto da solo dopo essere scappato da casa lasciando una madre malata ed un padre crudele per entrare a far parte del gruppo di bambini senzatetto e senza regole che crescono nelle strade, bambini nascosti agli occhi del mondo, bambini senza legami con il passato o piani per il futuro.
Il protagonista diventa un leader marcato dall'istinto, non sente compassione per nessuno; è un giovane criminale simile ad una bomba pronta a scoppiare alla minima provocazione.
La sua vita cambierà completamente quando una notte, dopo aver rubato un'auto e sparato ad una donna, sequestra senza volere un bambino, abbandona l'auto e senza sapere cosa fare del neonato lo porta a casa sua e lo nasconde.
Confuso inizialmente e senza sapere cosa fare, Tsotsi inizia a sviluppare un affetto per il piccolo che lo fa sentire al tempo stesso felice e vulnerabile, cosa non ben vista nel suo ambiente delittuoso.
Cerca di prendersi cura, nel limite del possibile, del bimbo e obbliga una ragazza madre ad allattarlo, e sarà lei che gli insegnerà che essere padre è più complicato che rimanere semplicemente con un bambino.

Inizia così una lotta interna tra rifiutare il suo istinto criminale e la voglia di fare qualcosa di giusto per la prima volta in vita sua, ma una serie di fatidici eventi porteranno la storia ad una drammatica conclusione, senza tralasciare il messaggio positivo di salvezza e speranza attraverso la trasformazione del protagonista.
Johannesburg è una città molto dura dove non è facile sopravvivere, è una città delineata dalla violenza e povertà. Gavin Hood ha deciso di mostrare la faccia meno piacevole dei sobborghi sudafricani. E' una storia cruda e brutale che si sviluppa a ritmo della musica "kwaito", l'hip hop delle periferie sudafricane, mostrando la vita estrema di un ragazzo durante sei giorni nella patria di Nelson Mandela.

Commenta la recensione di IL SUO NOME E' TSOTSI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Gabriela - aggiornata al 29/06/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

50 primaverea casa tutti benealla ricerca di van gogh
 NEW
belle e sebastien 3 - amici per semprebenedetta folliabigfoot juniorblack panther
 NEW
caravaggio - l'anima e il sanguec'est la vie - prendila come vienechiamami col tuo nomecinquanta sfumature di rossococo (2017)come un gatto in tangenzialecorpo e animadancer (2018)dickens: l'uomo che invento' il nataledownsizing - vivere alla grandeedhelella e john - the leisure seekerfabrizio de andre' - principe liberoferdinand
 NEW
figlia miafinal portrait - l'arte di essere amicifinalmente sposigli invisibili (2018)grace jones: bloodlight and bamihannahi primitivi - tutta un'altra preistoria
 NEW
il filo nascostoil ragazzo invisibile: seconda generazioneil vegetaleinsidious 4: l'ultima chiavejumanji - benvenuti nella giunglala forma dell'acqua - the shape of waterla poltrona del padrela ruota delle meravigliela testimonianza
 NEW
la vedova winchesterland of smilesl'arte viva di julian schnabell'assoluto presenteleo da vinci - missione monna lisal'incantesimo del dragol'ora piu' buial'ultima discesal'uomo sul trenomade in italy (2018)marlina. omicida in quattro attimaze runner: la rivelazionemorto stalin, se ne fa un altromy generationnapoli velatanatale da chefoleg e le arti strane
 NEW
omicidio al cairoonce upon a time at christmasore 15:17 - attacco al trenopagine nascosteparadisepoveri ma ricchissimiprimal rage: the legend of oh-mahradiusreset - storia di una creazionesan valentino stories
 NEW
sconnessislumber - il demone del sonnosono tornato
 HOT
star wars: gli ultimi jedisuper vacanze di natale
 NEW
the disaster artistthe greatest showmanthe midnight manthe partythe post
 HOT R
tre manifesti a ebbing, missouritutti gli uomini di victoriatutti i soldi del mondoun sacchetto di biglievi presento christopher robinwonder

969193 commenti su 38848 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net