Recensione il pianeta degli uomini spenti regia di Antonio Margheriti italia 1961
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il pianeta degli uomini spenti (1961)

Voto Visitatori:   6,17 / 10 (6 voti)6,17Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI
 

Antonio Margheriti alias Antony M. Dawson, utilizza per questo splendido film di fantascienza un buon soggetto, originale per i tempi, scritto da Ennio De Concini, un autore di valore che usa lo pseudonimo di Vasilij Petrov.

Margheriti si avvale di una squadra di attori indubbiamente di alto livello professionale, comprensiva di qualche esordiente di talento, una mossa questa che risulterà probabilmente decisiva per la riuscita stessa del film, in particolare per quanto riguarda l'aspetto della qualità della forma espressiva dei dialoghi, nonché la modulazione spontanea degli sguardi dei personaggi nelle varie situazioni sceniche che appare solo raramente in posa.

Tra gli attori giganteggia Claude Rains (famoso soprattutto per "Notorius" e "Casablanca") da apprezzare per la credibilità che dà al personaggio del dottor Benson: un professore geniale e paranoico che nella narrazione si impone subito, nettamente, come figura centrale.

"Il Pianeta Degli Uomini Spenti è uscito nel 1961, dopo la conclusione della grande fase neorealista, fa parte quindi dei mitici anni '60 del cinema italiano, che hanno scosso e stupito il mondo cinematografico per invenzioni artistiche, tematiche culturali, ed emozioni di pancia (che per McCurry sono l'anima della grande fotografia) del tutto nuove, una indimenticabile era d'oro italiana per l'arte, la cultura, lo spettacolo, che vede un'esplosione mai vista, in tutti i generi filmici, di registi-autori di qualità, proiettati verso un successo di critica e di pubblico insperato, anche internazionale.
Registi per lo più autoriali che saranno in buona parte imitati, omaggiati per certi aspetti visivi di inquadratura e modi di procedere narrativi, in tutto il mondo. Essi a volte saranno anche criticati, ma dopo studi profondi dei loro film e comunque lungo un rispetto e uno stile di fondo mai messi in discussione: una forma di confronto del tutto costruttiva, scevra, se non raramente, da ogni semplice e banale ipocrisia affaristica.

Dal punto di vista iconografico "Il pianeta degli uomini spenti è un film quindi di grande pregio, senz'altro rappresenta una tappa evolutiva importante nella storia mondiale del linguaggio visivo del cinema di fantascienza.

L'opera, studiata e ammirata anche dallo stesso Kubrick, ispirerà per certe innovazioni tecniche fotografiche e rappresentazioni iconiche particolarmente suggestive (vedi lo sbarco in posa sul pianeta alieno del gruppo di astronauti terrestri e le sequenze spaziali con lo sfondo del buio dell'universo) addirittura alcune inquadrature del film, capolavoro indiscusso di fantascienza, "2001 Odissea nello spazio" del 1969.

"Il pianeta degli uomini spenti è diventato vintage solo da poco tempo, perché animato figurativamente da una misteriosa bellezza postmodernista che gli ha consentito di reggere bene il trascorrere degli anni.
Sorprende che questo film abbia preso dei voti molto bassi dalla critica cinematografica più influente, tanto da far pensare che i critici non abbiano proprio notato l'obiettivo valore d'insieme del film.

Da quel che si legge sembra che ciò sia dovuto a un giudizio negativo particolare, che esclude una critica al soggetto, ritenuto ben elaborato e trasposto in opera visiva con una certa efficacia, esso riguarda uno stridere degli effetti speciali della seconda parte del film rispetto alla prima dove vengono ritenuti indubbiamente migliori, se non addirittura di ottimo livello.
  Ma questo aspetto non è da ritenere grave ma marginale, perché nel complesso il film con la maggior parte dei suoi termini costitutivi regge bene, anche se il difetto messo in rilievo dai critici sembra sia stato riconosciuto dallo stesso Margheriti, tanto che in seguito prenderà la coraggiosa decisione di diventare responsabile primo degli effetti speciali dei suoi film e di firmare il lavoro svolto sugli effetti speciali con uno pseudonimo: per far pensare che in quel settore si operava con una attività di squadra professionalmente propria a quella mansione.

Certamente i critici hanno trascurato altri aspetti salienti del film, soprattutto la sua portata iconografica innovativa, cioè la conquista come linguaggio visivo di un nuovo punto di riferimento nella povera storia raffigurativa, almeno fino a quel momento, del cinema mondiale di fantascienza.

Il film di Margheriti si basa su un idea del tutto originale: narra di un piccolo pianeta, a forma di luna molto ridotta, programmato da alieni intelligenti di chissà quale sistema solare, che sta per raggiungere la Terra con scopi misteriosi, esso si avvicina paurosamente alla nostra atmosfera scortato da numerosi e bellicosi dischi volanti.
Tutti gli extraterrestri presenti in quel pianetino minaccioso, esecutori dell'ambizioso progetto di cui non si conoscono i fini, risultano deceduti, ma il corpo-zattera, guidato da logiche memorizzate su grandi memorie ad alta tecnologia, facenti capo a un super computer cerca di portare a termine lo stesso la missione e questo terrorizza gli umani che sono del tutto impreparati ad una eventualità del genere.
A contrapporsi alla minaccia oscura del corpo-straniero, che entrando nella nostra atmosfera sconvolgerebbe di fatto l'equilibro gravitazionale con catastrofiche conseguenze, ci proveranno, tra disaccordi anche gravi che porteranno a morti inutili, le forze dello Stato Maggiore militare e un equipe di grandi scienziati, coordinati dall'anziano, geniale e coraggioso Dottor Benson.

Il film si avvale nella prima parte di un allestimento scenico illustrativo sopra le righe, che dà l'idea di un progetto ben realizzato, dagli effetti artistici di architettura avanzata, dalle forme e profili suggestivi, volute con alla base un disegno dalla grafica postmoderna, cosa che conferirà al film una lunga vita sul piano puramente estetico prima di diventare di fatto vintage.
  Anche i dialoghi che vedono come protagonista il professor Benson sono sempre di un certo spessore filosofico ed etico, cosa che accresce la serietà del film e di conseguenza la sua attendibilità, aspetto quest'ultimo molto importante perché allontana dalla sala il senso di finzione che può accompagnare ogni genere di film che trascuri certe costruzioni teatrali del piano recitativo.

L'opera di Margheriti per come riesce a costruire certi personaggi e per come allestisce alcune iconografie nelle sequenze sceniche chiave, sembra ispirarsi al Flash Gordon di Alex Raymond.
Da sottolineare anche in questo film il buon esordio nel cinema di Giuliano Gemma.

"Il pianeta degli uomini spenti" (distribuito negli anni '70 anche con il titolo di Guerre planetarie) è il secondo lungometraggio di A. Margheriti, ed è ancora un film di fantascienza, il primo si intitolava Space Men (1960).

Dal punto di vista psicoanalitico è interessante la figura del professor Benson, che si carica gradualmente lungo la narrazione di un profilo impreziosito di note letterarie, ricco di un certo spessore culturale, assai raro nel cinema di fantascienza. La sua genialità lo rende paranoico, il ruolo da protagonista che si è assunto e che è stato anche riconosciuto dalla comunità scientifica in cui vive, lo costringe a ritirare ogni investimento psichico verso le persone che non sia di pura formalità, tanto che la libido priva di oggetti reali si ripiega sull'Io euforizzandolo a dismisura, facendoli perdere a un certo punto la capacità di distinguere il suo mondo formale e fantastico dal reale: racchiudente quest'ultimo i modi necessari per difendersi dai pericoli che insidiano la propria vita.

Commenta la recensione di IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 27/08/2013 15.47.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

10 giorni senza mamma7 uomini a mollo
 NEW
a un metro da tealexander mcqueen - il genio della modaalita - angelo della battagliaalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)ancora auguri per la tua morteanimasaquamanasterix e il segreto della pozione magicaattenti al gorilla
 NEW
be kind - un viaggio gentile all'interno della diversita'beautiful boy (2018)ben is backbenvenuti a marwenbird box
 HOT
bohemian rhapsodyborder: creature di confineboy erased - vite cancellatebts world tour: love yourself in seoulbumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolutioncaptain marvelcartac'e' tempoc'era una volta il principe azzurrochi scriverà la nostra storia?city of liescocaine - la vera storia di white boy rickcold war (2018)colette (2018)compromessi sposiconversazioni atomichecopia originalecoppermancreed iicroce e delizia (2019)crucifixion - il male e' stato invocato
 NEW
dafnedetective per casodiabolik sono iodinosaurs (2018)domani e' un altro giorno (2019)don't fuck in the woods 2dove bisogna staredragon ball super: brolydragon trainer: il mondo nascosto
 NEW
ed e' subito seraescape room (2019)ex-otago - siamo come genovaghostland - la casa delle bamboleglassgloria bellgreen bookhepta. sette stadi d'amoreholmes and watsoni bambini di rue saint-maur 209i nomi del signor sulcici villeggiantiil carillonil castello di vetroil coraggio della verita (2018)il corriere - the muleil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il mio capolavoroil primo reil professore cambia scuola
 NEW
il professore e il pazzoil ritorno di mary poppinsil testimone invisibile
 NEW
il venerabile w.
 NEW
instant familykusama: infinityla befana vien di notte
 HOT
la casa di jack
 NEW
la conseguenzala donna elettricala douleurla favoritala fuga - girl in flight
 NEW
la mia seconda volta
 R
la notte dei 12 annila notte e' piccola per noi - director's cutla paranza dei bambinila prima pietrala promessa dell'albala vita in un attimol'agenzia dei bugiardilake placid: legacyland
 NEW
l'eroel'esorcismo di hannah graceliberol'ingrediente segretolo sguardo di orson welleslontano da quil'uomo che rubo' banksyl'uomo dal cuore di ferrom.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimaria regina di scoziamathera - l'ascolto dei sassimia e il leone biancomodalita' aereomomenti di trascurabile felicita'moschettieri del re: la penultima missione
 NEW
my hero academia the movie: the two heroesnelle tue mani (2018)nessun uomo e' un'isolanightmare cinemanon ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon sposate le mie figlie 2ognuno ha diritto ad amare - touch me notovunque proteggimiparlami di tepeppermint - l'angelo della vendetta
 NEW
peterloopiercingquello che veramente importa
 NEW
rabidralph spacca internetremirex - un cucciolo a palazzoricomincio da me (2019)
 NEW
ricordi?ride (2018)roma (2018)santiago, italiasara e marti - il film
 NEW
scappo a casase la strada potesse parlarese son rosesofiaspider-man: un nuovo universosulle sue spalle
 HOT
suspiria (2018)the barge peoplethe final wishthe front runner - il vizio del poterethe lego movie 2: una nuova avventurathe old man & the gun
 NEW
the prodigy - il figlio del malethe vanishing - il mistero del farothe young cannibalstintoretto. un ribelle a veneziatramonto (2018)tre voltiun giorno all'improvvisoun piccolo favoreun uomo tranquillo (2019)un valzer fra gli scaffaliun viaggio a quattro zampe
 NEW
un viaggio indimenticabileun'avventuravan gogh - sulla soglia dell'eternita'velvet buzzsawvice - l'uomo nell'ombravoglio mangiare il tuo pancreaswestwood. punk, icona, attivistawunderkammer - le stanze della meraviglia

986028 commenti su 41015 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net