anne parillaud, biografia, filmografia, galleria fotografica
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

ANNE PARILLAUD

ANNE PARILLAUD
Data di nascita: 16/05/1960
Luogo di nascita: Parigi - Francia
Altezza m 1,68

Anche se la filmografia di Anne Parillaud è caratterizzata da un certo eclettismo espressivo e da un'ampia tipologia recitativa, ciò che sovviene più immediatamente è sicuramente il suo ruolo di NIKITA nel film omonimo di Luc Besson, allora suo marito.
Era il 1990 quando il personaggio della spietata killer al servizio dei servizi segreti del governo francese appariva sugli schermi e Anne Parillaud, NIKITA, indossava l'abitino corto, nero e scollato per la sua prima missione, conquistando così il cuore degli spettatori francesi e non solo, rivelando al pubblico il suo volto intenso e sofferto e il suo talento naturale e sincero di interprete di grande classe.

Ecletismo di ruoli e di carriera, certo, ma scelte sempre fatte con il cuore e in funzione dei suoi gusti e dei suoi interessi, sempre rivolti alla ricerca di nuove esperienze recitative ed anche ad una certa originalità, che distingue gli interpreti di spessore.
Questa originalità l'ha portata ad esplorare molti tipi e molti generi cinematogtrafici: dalla commedia dei primi inizi, al dramma fmminista, al thriller made in USA, al poliziesco targato Alain Delon.

Nata a Parigi il 16 maggio 1960, Anne Parillaud è figlia di un astrologo e di una dietista. Da bambina frequenta l'accademia di danza, e prende contemporaneamente lezione di teatro.
Ed è proprio in veste di ballerina che nel 1977 fa la sua prima apparizione cinematografica esibendosi nel balletto 'La ragazza col gattino' nel film "UN AMOUR DE SABLE", un film poliziesco di Christian Lara.
Il debutto in veste d'attrice, invece, è dell'anno succesivo con il ruolo di Estella in "L'HOTEL DE LA PLAGE", di Michael Lang, sulle tribolazioni esistenzial-sentimentalidi un gruppo di villeggianti.
Nonostante la marginalità del ruolo, con questo film, Anne ha la possibilità di farsi notare; l'anno successivo si immerge nell'universo poliziesco con un thriller politico, "PERSUASIONE OCCULTA", con Catherine Deneuve e Samy Frey, realizzato dal regista argentino, Hugo Santiago durante il suo esilio in Europa: è la storia di una 'private eye' che indaga sulla scomparsa dell'amante di un nobile in possesso di importanti segreti militari.
Dopo un lavoro in televisione, "Le temps d'une Miss", un film di Jean-Daniel Simon, "PATRIZIA", di Hubert Frank e un'opera teatrale a fianco della grande Jeanne Moreau e di Jacques Dufilho, Anne Parillaud torna al cinema con due film dell'ex sex-symbol Alain Delon, che qui si cimenta nella doppia veste di attore e regista; due polizieschi di dignitosa fattura, "PER LA PELLE DI UN POLIZIOTTO", in cui l'attrice interpreta il ruolo della ragazza di un ex poliziotto, diventato investigatore privato, che ha l'incarico di ritrovare una ragazza cieca; e "BRACCATO", in cui un rapinatore appena uscito di prigione deve difendersi da una gang che vuole recuperare i diamanti che questi aveva rubato.

Dal 1983 al 1987 si allontana dal cinema per dedicarsi ad alcuni lavori televisivi, che riscuotono un discreto successo in patria e accrescono la sua popolarità presso il grande pubblico dei telespettatori.

Torna al cinema nel 1988 con il giallo "GIOCANDO CON L'ASSASSINO", diretto da Sebastien Japrisot, mentre l'anno successivo la troviamo in Italia per lavorare con Ettore Scola nel film "CHE ORA E'?", in cui ha il ruolo della fidanzata di Massimo Troisi, il quale, in attesa di finire il servizio militare, riceve la visita di MARCELLO MASTROIANNI, il padre con cui non ha mai avuto un vero dialogo, deciso a trascorrere una giornata a tu per tu col figlio.

Ma è il 1990 l'anno della grande svolta, l'anno in cui diventa NIKITA e conquista il grande successo internazionale.
La storia era cominciata alcuni anni prima quando Anne conobbe Luc Besson.
Il cineasta francese che aveva al suo attivo già alcuni grossi successi, come "Subway" e "Le grand blue", si innamora di lei e le 'cuce addoso' l'abitino nero della killer bella e spietata.
Prima però mettono al mondo una deliziosa bambina, Juliette, venuta alla luce nel 1987.
NIKITA è una povera ragazza tossicodipendente, violenta e selvaggia, arrestata durante una sanguinosa rapina e trasformata in killer dai servizi segreti, per conto del governo.
Un ruolo intenso, drammatico che le costa un grande sacrificio, ma al quale l'attrice si prepara con grande coscienziosità e impegno, prendendo per tre mesi lezione di judo.
Nonostante il ruolo le procuri il successo sperato, e il premio Cesar dell'Académie Francaise come miglior interprete femminile, la Parillaud dichiara di aver fatto una grande fatica ad immedesimarsi nel personaggio, che considera molto distante da se stessa e dal suo mondo, un personagio di una solitudine tragica e immensa, capace solo di odio e di violenza.

Finite le riprese del film, Anne divorzia da Luc Besson e si trasferisce in America (dove l'eco del successo della pellicola francese, due anni dopo produrrà un remake, "Nome in codice, Nina", interpretato da Briget Fonda e un serial TV, "La femme NIKITA", interpretato da Peta Wilson), alla ricerca di nuovi stimoli e nuove esperienze, anche per non restare per sempre ingabbiata nello stereotipo di 'regina dei film d'azione'.
Nonostante ciò, per molto tempo, non avrà più occasione di interpretare un altro ruolo così carismatico e di così alto spessore artistico.

In America gira la parodia horror "AMORE ALL'ULTIMO MORSO - INNOCENT BLOND", di John Landis, in cui è una vampira francese che a Pittsburg commette il fatale errore di non staccare la testa alla sua ultima vittima, un malvagio mafioso che risorgerà più cattivo di prima. Riuscirà a fermarlo solo grazie all'aiuto di un poliziotto italo-americano innamorato di lei.
L'anno successivo è Albertine, la giovane di cui si innamora un eschimese cresciuto in un sanatorio di Montreal, per amore della quale ha lasciato la sua gente.
Il film in questione è il melodramma "AVIK E ALBERTINE", di Vincent Ward, il cui titolo originale "The Map of Human Heart" sta a simboleggiare la metafora ricorrente tra cartografia e sentimenti umani (Avik si vanta di aver aiutato gli esploartori bianchi a decifrare le loro mappe ma rimane spiazzato davanti ai tortuosi sentieri del cuore umani).

Tornata in Francia offre un saggio di vera bravura nello psicodramma "FINO ALLA FOLLIA", accanto all'altrettanto brava Beatrice Dalle, con la quale forma la coppia femminile di belle e dannate più efficace che si sia vista sugli schermi negli ultimi anni.
Nel film di Diane Kuris, Anne interpreta una pittrice di successo a New York che cerca di ricostruirsi una vita lontano dall'influenza della sorella. L'arrivo a casa sua di quest'ultima, che ha abbandonato marito e figli, la fa ripiombare nell'incubo dei bassifondi dei rapporti familiari provocandole sei giorni di ricatti e di coercizioni che rischiano di spezzare per sempre il suo equilibrio esistenziale e mentale, che con grande fatica era riuscita a crearsi.

Appena terminato di girare il film, Anne torna in America per lavorare con MATT DILLON nel film di Michael Lindsay-Hogg, "FRANKIE DELLE STELLE", storia della vita difficile, ma affrontata con coraggio e forza d'animo, di un ragazzo, Frankie, affetto da nanismo, in cui Anne interpreta il difficile ruolo della madre.

Il suo curioso e instancabile pendolarismo artistico la riporta in Francia, per interpretare, accanto a Daniel Auteuil, nel noir "TRANSFERT PERICOLOSO", di Francis Girod, il ruolo della seducente ereditiera con istinti suicidi che sconvolge la vita, unitamente ad un altro paziente che ha ucciso la moglie, ad un cinico ed affermato psicanalista.

Dopo due anni di assenza dagli schermi cinematografici, si ritrova accanto a Leonardo Di Caprio che ha appena smesso i panni del Jack Dawson di "Titanic", per interpretare, nel film "LA MASCHERA DI FERRO", di Randall Wallace, il ruolo della regina madre di Luigi XIV, pretendente al trono di Francia, il quale, per impossessarsi dello scettro, tiene rinchiuso in prigione il fratello gemello con una maschera di ferro sul volto.
La successiva pellicola, "AUTOPSIA DI UN SOGNO", di Raoul Ruiz, che la Parillaud gira nel 1998, accanto ad Alec Baldwin, è un thriller psicologico non entusiasmante ed irrisolto nei troppi dilemmi che infarciscono la storia di una sposina in viaggio di nozze che sogna di essere una killer che ammazza uomini.

Altro ritorno in Francia nel 1999 dove gira con Claude Lelouch la commedia al femminile "UNA PER TUTTE", in cui è una delle tre attrici che, deluse dall'arte e dalla vita, seducono gli uomini e poi li lasciano. Ma un maturo pianista sconvolgerà i loro piani e un commissario della buon costume prima le smaschera e poi racconta la loro storia in un film.
In pochi casi questi lavori hanno consentito alla Parillaud di ripetere l'esploit e di consolidare il successo internazionale ottenuto con il film di Besson. Doveva incontrare una regista anticonformista come Catherine Breillat per rilanciare la sua carriera e imporre nuovamente all'attenzione generale il suo talento poliedrico e multiforme di attrice.
Sotto la direzione dell'autrice di "A ma soeur!" la Parillaud gira la commedia "SEX IS COMEDY" nella quale intepreta il ruolo di una regista che durante le riprese di un suo film con una scena erotica particolarmente spinta, cerca di ottenere il massimo di 'coinvolgimento' dagli attori, ma deve scontrarsi con la ritrosia dell'attore protagonista.
Con questa pellicola la Parillaud dimostra tutta la sua predilezione per un certo cinema d'autore, strada intrapresa anni addietro in compagnia della 'tragica' NIKITA.

Nel 2004 la ritroviamo protagonista di due pellicole, "GANGSTERS" di Olivier Marchal e "TERRA PROMESSA", di Amos Gitai.
Nel film di Marchal è una prostituta che nasconde un segreto sullo sfondo delle gesta di un poliziotto infiltrato il quale, coinvolto in una sanguinosa rapina, si fa arrestare per smascherare due colleghi corrotti; invece in quello di Gitai è una cinica venditrice di prostitute, che esercita il suo turpe mestiere ai danni di un gruppo di donne dell'est europeo, tenute come prigioniere prima in Palestina e poi vendute come prostitute nell'Israele moderno.

Dal 2005 l'attrice è la compagna del musicista Jean-Michel Jarre.
Nella vita privata la Parillaud continua a coltivare la sua passione per la danza e ama definirsi un'istitiva, sempre pronta a seguire la voce del suo cuore, e ancora capace di comprendere il valore di una sincera amicizia.

Ringrazio Gerardo per la sua collaborazione alla stesura di questa biografia.

FILM E SERIE TV

1980 - Le temps d'une Miss regia di Jean-Daniel Simon
1983 - L'Intoxe regia di Guy Séligmann
1986 - A nous les beaux dimanches regia di Robert Mazoyer
1987 - Nessuno torna indietro regia di Franco Giraldi

FILMOGRAFIA

1977 - Un amour de sable regia di Christian Lara
1978 - Slip regia di Michael Lang
1979 - Persuasione occulta regia di Hugo Santiago
1980 - Patrizia regia di Hubert Frank
1980 - Girls regia di Just Jaeckin
1981 - PER LA PELLE DI UN POLIZIOTTO regia di Alain Delon
1983 - BRACCATO regia di Alain Delon e Robin Davis
1988 - Giocando con l'assassino regia di Sébastien Japrisot
1989 - Che ora è? regia di Ettore Scola
1992 - AMORE ALL'ULTIMO MORSO regia di John Landis
1993 - Avik e Albertine regia di Vincent Ward
1994 - Fino alla follia regia di Diane Kuris
1995 - Frankie delle stelle regia di Michael Lindsay-Hogg
1996 - Dead Girl regia di Adam Coleman Howard
1996 - Transfert pericoloso regia di Francis Girod
1998 - Autopsia di un sogno regia di Raoul Ruiz
1999 - Una per tutte regia di Claude Lolouch
2004 - Deadlines regia di Ludi Boeken e Michael A. Lerner
2005 - Tout pour plaire regia di Cécile Telerman
1981 - PER LA PELLE DI UN POLIZIOTTO regia di Alain Delon
1982 - BRACCATO regia di Alain Delon
1989 - CHE ORA E' regia di Ettore Scola
1990 - NIKITA regia di Luc Besson
1993 - AMORE ALL'ULTIMO MORSO regia di John Landis
1995 - FRANKIE DELLE STELLE regia di Michael Lindsay-Hogg
1998 - AUTOPSIA DI UN SOGNO regia di Raoul Ruiz
1998 - LA MASCHERA DI FERRO regia di Randall Wallace
2002 - GANGSTERS regia di Olivier Marchal
2002 - SEX IS COMEDY regia di Catherine Breillat
2004 - TERRA PROMESSA regia di Amos Gitai
2010 - L'IMBROGLIO NEL LENZUOLO regia di Alfonso Arau
2010 - IN THEIR SLEEP regia di Caroline du Potet, Éric du Potet

Clicca il nome del film per visualizzarne la scheda

Galleria Fotografica


Biografia a cura di luisa75 - ultimo aggiornamento 12/04/2006

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


961547 commenti su 37907 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net